«
»

Top

La dieta FODMAP per trattare le MICI

Pubblicata il 9 nov 2021 • Da Claudia Lima

Le malattie infiammatorie croniche intestinali (MICI) comprendono il morbo di Crohn (MC) e la rettocolite ulcerosa (RCU). Entrambe le malattie sono caratterizzate dall'infiammazione del rivestimento di una parte del tratto digestivo a causa di una disregolazione del sistema immunitario intestinale.

Ma c'è una dieta che può aiutare a ridurre i sintomi?

Vi raccontiamo tutto nel nostro articolo!

La dieta FODMAP per trattare le MICI

Le malattie infiammatorie croniche, o MICI, includono il morbo di Crohn e la rettocolite ulcerosa. Queste malattie possono verificarsi a qualsiasi età e si trovano principalmente nei paesi industrializzati.

Oggi, più di 200.000 persone sono colpite, il 55% delle quali sono donne e il 45% uomini. Sono più spesso diagnosticati tra i 20 e i 30 anni.

Una descrizione delle malattie infiammatorie croniche intestinali (MICI) 

Le malattie infiammatorie cronicahe intestinali (MICI) sono caratterizzate da un'infiammazione del rivestimento del tratto digestivo dovuta a un disturbo del sistema immunitario. Questa infiammazione porta a danni ai tessuti.

Le MICI si sviluppano in flare-up infiammatori alternati a fasi di remissione, i cui sintomi principali sono:

  • Dolore addominale,
  • Diarrea (tra 4 e 20 feci al giorno),
  • Incontinenza fecale,
  • Perdita di appetito e perdita di peso,
  • Grande fatica,
  • Febbre,
  • Danni alla regione anale (fessura, ascesso).

La malattia di Crohn colpisce i diversi segmenti del tratto digestivo, dalla bocca all'ano.

La rettocolite emorragica colpisce il retto e il colon

Entrambe le malattie sono incurabili, ed è per questo che sono chiamate "croniche". Vengono prescritti trattamenti farmacologici per alleviare i sintomi e, nei casi più gravi, viene eseguito un intervento chirurgico per alleviare i pazienti. 

Si raccomandano regole igieniche e dietetiche come l'attività fisica e una dieta equilibrata per migliorare il comfort e soprattutto il transito.

Per migliorare la vita quotidiana, alcune medicine alternative e pratiche complementari sono raccomandate: sofrologia, agopuntura, ipnosi, osteopatia e yoga.

Diversi fattori, sia genetici che ambientali, sono stati incolpati dell'infiammazione dell'intestino associata a queste malattie. Per diversi anni, i ricercatori hanno esaminato il ruolo della dieta.

Una dieta a basso contenuto di FODMAP sembra essere efficace nel migliorare i sintomi gastrointestinali funzionali nei pazienti con MICI.

Cos'è la dieta FODMAP?

La maggior parte dei pazienti con malattie infiammatorie intestinali fanno un collegamento tra la dieta e i sintomi digestivi, spesso portando all'esclusione della dieta.

La dieta FODMAP, sviluppata dalla nutrizionista australiana Sue Shepard, si dice sia una delle diete che ha dimostrato di essere di beneficio solo durante la remissione e se i sintomi digestivi persistono.

Il termine FODMAP sta per Fermentable Oligo, Di, Monosaccharides And Polyols. Si tratta di piccoli carboidrati che sono scarsamente assorbiti dall'intestino tenue e quindi non facilmente digeribili. Questa mancanza di assorbimento porta alla fermentazione, che distende il colon e causa bolle, gas e dolori addominali.

Lo scopo della dieta FODMAP è di identificare gli alimenti che li contengono e di eliminarli dalla dieta per ritrovare un buon transito, ma non per perdere peso. Tuttavia, a causa dell'eliminazione di un gran numero di piatti industriali, torte e pasticcini per esempio, favorisce la perdita di peso.

Quali cibi sono permessi? Quali cibi dovrebbero essere evitati?

I FODMAP sono zuccheri molto comuni nella dieta, ci sono 4 famiglie:

  • Oligosaccaridi (fruttani e galattani): si trovano in alcune verdure (aglio, topinambur, asparagi, funghi), legumi (fagioli, ceci, flageolets) e cereali (riso integrale, avena, bulgur, pane integrale, ecc),
  • Disaccaridi (lattosio) contenuti in quantità variabili nei prodotti caseari (latte, ricotta, formaggio fresco, yogurt, ecc.),
  • Monosaccaridi (fruttosio): si trovano in certi frutti (mango, pesca, pera, mela, prugna, ciliegia, litchi, albicocche secche, ecc,)
  • Polioli: molto presenti nei dolci "senza zucchero" come le caramelle, le gomme da masticare, ecc. Sono anche molto presenti nei piatti industriali e preparati, più precisamente nei loro additivi. 

Sono interessati anche gli alimenti ricchi di glutine (grano, avena, orzo, segale) che sono mal digeriti dalle persone sensibili o intolleranti.

Molti alimenti sono a basso contenuto di FODMAP e quindi meno rischiosi per chi ne è affetto:

  • Verdure come cetrioli, carote, lattuga, valerianella, fagiolini, zucchine, sedano, peperoni rossi, indivia, zucca, ravanelli, germogli di spinaci, ecc,
  • Frutti come agrumi (mandarino, clementina, arancia, limone...), banana, kiwi, ananas, uva, more, mirtilli, melone, rabarbaro...,
  • Prodotti lattiero-caseari come formaggi duri, Brie, Camembert, formaggio blu, prodotti lattiero-caseari a ridotto contenuto di lattosio (yogurt, latte a basso contenuto di lattosio, ecc.)
  • Legumi e amidi come lenticchie coralline, quinoa, riso bianco, fette biscottate, farro, tapioca, polenta, miglio, patate..,
  • Tutte le carni, il pollame e il pesce.

Per quanto tempo seguire questa dieta?  

Non tutti gli alimenti FODMAP dovrebbero essere eliminati a lungo termine, perché questo può portare a carenze. Eliminare i FODMAP per alcune settimane è di solito sufficiente per alleviare i problemi digestivi.

Prima di iniziare, è necessario chiedere un parere medico ed essere accompagnati da un nutrizionista.

Dovrebbe essere fatto a tappe: evitare gli alimenti ricchi di FODMAP, poi favorire gli alimenti a basso contenuto di FODMAP, poi reintrodurre gradualmente gli alimenti che sono fonti di FODMAP per testare la tolleranza digestiva, mantenere un adeguato apporto nutrizionale e infine monitorare i sintomi seguendo un piano di reintroduzione adeguato. 

In sintesi, la dieta senza FODMAP può aiutare le persone a sentirsi meglio con se stesse evitando alcuni alimenti ad alto contenuto di zucchero e non facilmente digeribili. Aiuta a controllare i sintomi per ritrovare una qualità di vita soddisfacente.

Avete trovato utile questo articolo? 

Cliccate su "mi piace" o condividete i vostri sentimenti e le vostre domande con la comunità nei commenti qui sotto! 

Forza a tutte e tutti!


1

Commenti

Ti piacerà anche

Testimonianza photo: la sindrome del colon irritabile impedisce di vivere

Acalasia
Atresia del duodeno
Atresia dell'esofago
Atresia dell'intestino tenue
Colite microscopica
Diverticolite
Diverticolosi
Ernia iatale
Esofago di Barrett
Gastrite cronica
Gastroparesi
Ileostomia
Malattia di Hirschsprung
Occlusione intestinale
Pancreatite
Poliposi adenomatosa familiare
Poliposi gastro-intestinale
Poliposi iperplastica
Reflusso gastro-esofageo
Sindrome del colon irritabile
Sindrome di Peutz-Jeghers
Spasmi esofagei
Ulcera gastrica

Testimonianza photo: la sindrome del colon irritabile impedisce di vivere

Leggi l’articolo
Giornata mondiale contro il cancro: tutti interessati!

Tumore del colon-retto
Tumore dello stomaco

Giornata mondiale contro il cancro: tutti interessati!

Leggi l’articolo
Stanchezza e dolore, problemi persistenti dopo la fine del cancro

Tumore del colon-retto
Tumore dello stomaco

Stanchezza e dolore, problemi persistenti dopo la fine del cancro

Leggi l’articolo
Vivere giorno dopo giorno in modo sempre nuovo con la fibromialgia

Malattia celiaca

Vivere giorno dopo giorno in modo sempre nuovo con la fibromialgia

Vedi la testimonianza

Discussioni più commentate

Schede malattie