«
»

Top

Testimonianza foto: continuare a viaggiare nonostante la rettocolite ulcerosa

05 apr 2019 • 4 commenti

Sono ormai trascorsi più di 6 mesi dopo la conferma della diagnosi di questa malattia, e più o meno un anno e mezzo sin dalla prima crisi. La mia malattia? È la rettocolite ulcerosa. Scoprite la testimonianza di Quentin. 

Testimonianza foto: continuare a viaggiare nonostante la rettocolite ulcerosa

La testimonianza di Quentin

La rettocolite ulcerosa non mi impedirà di viaggiare

quentinSono ormai trascorsi più di 6 mesi dopo la conferma della diagnosi di questa malattia, e più o meno un anno e mezzo sin dalla prima crisi. La mia malattia? È la rettocolite ulcerosa. Neanche io, vi rassicuro, non ne avevo mai sentito parlare prima di annunciarmi che ne soffrivo. Potrei spiegarvi nel dettaglio ma Wikipedia sarà meglio di me. Sapete semplicemente che si tratta di una malattia autoimmune dell’intestino, un po’ come il morbo di Crohn, ma meno estesa. E come il morbo di Crohn, si tratta, ma non si guarisce.  

Durante le prime settimane, è stato difficile accettarla. Ha rimesso molte cose in discussione, soprattutto i miei sogni di viaggio che ho da 10 anni ora. È abbastanza ironico del resto, perché l’elemento scatenante di questa malattia per me è stato di smettere di fumare, appunto per fare questi viaggi. Liberarsi di un male per ritrovarne un altro comunque, se avessi saputo...

Non lasciarsi abbattere da questa malattia paralizzante

Per fortuna, questa malattia non è, per me, la più dolorosa del mondo. Il dolore è, la maggior parte del tempo, ampiamente sopportabile, e rappresenta soltanto un lieve fastidio. Un fastidio con il quale si impara a vivere ogni giorno. Ci sono momenti durante i quali mi contorco dal dolore, ma per fortuna, essi sono abbastanza rari, soltanto il fastidio è presente quasi sempre. Ma in contropartita, viene accompagnato da altri problemi.

Potrei parlare dei dolori molto più importanti quando si deve andare al bagno, ma per me, il peggio, è di non poter sapere quando avviene la prossima crisi.

Possono passare settimane, mesi ed anche anni senza niente, e poi dall’oggi al domani, rifare una crisi, così, senza ragione. E non si può fare niente per impedirla, oppure continuare a prendre il suo trattamento per cercare di ritardarla il più possibile. Questa malattia è come vivere con la spada di Damocle sempre sopra la testa, o piuttosto della pancia in questo caso.

Non è stata una notizia facile da assimilare. Ma con il passare del tempo, mi sono abituato, e ho mantenuto il mio progetto di viaggio, rifiutando di lasciarmi dettare la mia vita da una semplice malattia! Certo dovrei prevedere una farmacia più importante e stare in contatto con il mio gastroenterologo in caso, ma non mi impedirà di partire tra qualche mese! Non voglio lasciarmi abbattere!

 

Questa testimonianza fa parte del progetto di laurea di Gaëlle Regnier, studentessa di fotografia presso la Scuola di Fotografia e Tecniche visive Agnès Varda di Bruxelles. Ha scelto il dolore cronico come tema di questo reportage fotografico per evidenziare i pazienti e la loro lotta.

 

Altre testimonianze

Claire: « Continuare a lavorare con la poliartrite deformante »

Alain: « Il mercato del lavoro esclude i malati cronici »

Delphine: « Anni di vagare medico di fronte alla sindrome di Ehlers-Danlos di tipo ipermobile »

Marie: « La sindrome del colon irritabile impedisce di vivere »

Ornella: « La sindrome di KISS, di una madre a suo figlio »

Virginie: « Continuare a sperare nonostante gli effetti secondari dei trattamenti contro la poliartrite reumatoide »

Commenti

il 11/04/19

Cari membri @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ avete visto questa testimonianza? Come convivete con la malattia? Ringrazio chiunque vorrà condividere la sua esperienza con noi. 

il 17/04/19

@pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ potete qui portare sostegno agli altri membri e condividere la vostra esperienza a riguardo. Grazie mille in anticipo 

il 17/04/19

lo cerco io sostegno.

il 08/09/19

Buona sera,

mi rivolgo a Bactiste per un informazione ""di servizio.

Mi spieghi come mai, ti ho scritto un messaggio privato ,lo stesso, per diverse volte e non ho ricevuto risposta?In cosa ho sbagliato? 

PITTORIK

Ti piacerà anche

La diagnosi della depressione raccontata dai membri Carenity

La diagnosi della depressione raccontata dai membri Carenity

Leggi l’articolo
La diagnosi della rettocolite ulcerosa raccontata dai membri Carenity

Rettocolite ulcerosa

La diagnosi della rettocolite ulcerosa raccontata dai membri Carenity

Leggi l’articolo
La diagnosi della psoriasi raccontata dai membri Carenity

La diagnosi della psoriasi raccontata dai membri Carenity

Leggi l’articolo