«
»

Top

Coronavirus: "Più di 2 mesi dopo la contaminazione, non sono ancora completamente guarita!"

15 giu 2020

Bybyche, membro della piattaforma Carenity France, ha voluto testimoniare. Soffre di spondilite anchilosante e ha contratto il COVID-19. Ci racconta come ha vissuto questo calvario e come il virus abbia contribuito ad aggravare la sua spondilite anchilosante.

Coronavirus:

Buongiorno Bybyche, soffri di spondilite anchilosante e stai ricevendo un trattamento con FANS (farmaci antinfiammatori non steroidei), il tuo medico ti ha consigliato di fermarlo all'inizio dell'epidemia di coronavirus? Se è così, che differenza ha fatto questo per la tua condizione relativa alla SPA?

Ho avuto un attacco infiammatorio 15 giorni prima dell'inizio del confinamento e quindi sotto FANS.

Il fine settimana prima del confinamento, viste le informazioni fornite nelle notizie sull'assunzione di farmaci antinfiammatori, e non essendo stata in grado di vedere il mio medico, per precauzione, li ho fermati. Successivamente, il mio medico mi disse che avrei potuto continuare il trattamento, ma che era stato saggio farlo perché ero stata contaminata dal COVID-19 subito dopo l'arresto.

Qualche tempo dopo, hai contratto il COVID-19.  Quali sono stati i primi sintomi? Cosa ti ha fatto pensare che si trattasse di un'infezione da coronavirus?

Infatti, sono stata confinata il 18 marzo. I primi sintomi sono comparsi 3 giorni dopo l'inizio del confinamento. Ho identificato un accesso infiammatorio molto più forte del solito con atroci dolori muscolari, davvero orribili. Poi ho pensato che si trattasse di una recidiva dell'accesso dovuto alla mia spondilite anchilosante, che avrebbe potuto essere scarsamente alleviata da quando avevo fermato i FANS. Non avevo alcuna indicazione di infezione da coronavirus.
Poi ho avuto una specie di rinite bruciante e poi la febbre.

Sono stata informata di casi di infezioni tra i miei colleghi. Questo è ciò che mi ha fatto pensare. Tuttavia, abbiamo rispettato tutte le misure di barriera e le raccomandazioni.

Sei stata testata per il coronavirus?

Il mio medico ha pensato subito al COVID-19. Tuttavia, non sono stata sottoposta a PCR (test virologico) perché non c'era un sito di screening o un test disponibile. Non sono stata curata in quel periodo. Per fortuna non ho avuto bisogno di essere ricoverata in ospedale.
Più tardi, alla fine di aprile, più di un mese dopo l'insorgenza dei sintomi, mi sono sottoposta a un esame sierologico (non rimborsato all'epoca a 54€) che ha evidenziato la presenza di anticorpi IgG e IgM.

Mi sono curata solo con paracetamolo di codeina per alleviare i dolori articolari e muscolari e per abbassare la temperatura.

Per quanto tempo hai sentito i sintomi del COVID-19? Qual è stato l'evoluzione della malattia?

I dolori articolari e muscolari sono sempre presenti. La febbre è durata due giorni in due occasioni. Ho avuto diarrea e dolori intestinali per due settimane. L'emicrania e la mancanza di respiro sono durate in totale 5 settimane. Ho perso la voce 3 settimane dopo l'insorgenza dei sintomi e questo è durato un mese.
Non ho ancora né gusto né odore (anosmia e agnosia). E la stanchezza è ancora presente. 

I sintomi sono apparsi in modo variabile con ricaduta. Per esempio, dopo le prime due settimane di malattia, ho avuto una tregua di 2 giorni, poi una ricaduta piuttosto violenta.

Un protocollo speciale è stato creato per i tuoi trattamenti abituali per la spondilite anchilosante?

No, nessuno. A parte il fatto che ho smesso di prendere i FANS.
Tuttavia, ho avuto la fortuna di poter continuare le mie sedute di fisioterapia a distanza due volte alla settimana. Il mio fisioterapista mi ha anche dato una lista di esercizi da fare a casa.

Quali sono i sintomi predominanti della spondilite anchilosante? Si sono intensificati in questo periodo?

I sintomi più significativi sono i dolori articolari, soprattutto nella parte bassa della schiena, nei fianchi, nei tacchi e nel collo. Questi dolori si sono intensificati durante questo periodo con la cessazione del mio trattamento anti-infiammatorio. Il risultato è stato una sciatica dondolante che ha causato dolore ad entrambi i glutei e si è estesa dalle gambe ai talloni.

Recentemente, il medico ha ritenuto che potessi reintrodurre i FANS, dato che rimango confinata e quindi lontana da potenziali fonti di contaminazione da COVID-19.

Quali gesti barriera hai messo in atto nella tua casa per evitare la contaminazione con i tuoi parenti?

Ci disinfettiamo le mani all'ingresso e ci spogliamo in garage e poi ci laviamo le mani con il sapone questa volta, prima di andare di sopra.
Dopo ogni visita disinfettiamo le maniglie delle porte, gli interruttori delle luci e il bagno. Ogni giorno arieggiamo a lungo le stanze della casa.

Non indossiamo maschere all'interno. Ciò è dovuto principalmente al fatto che non c'erano maschere disponibili per un lungo periodo di tempo.

Come ti senti oggi? Ti senti completamente guarita?

Ho un dolore intenso, sono esausta e stanca. Sono senza fiato quando cammino. Non mi sento per niente guarita.

 

Grazie mille a Bybyche per aver accettato di testimoniare su Carenity.
E voi, siete stati confrontati con il coronavirus? Quali sono stati i primi segni?

Sentitevi liberi di condividere la vostra esperienza con la malattia nei commenti, siamo qui per sostenerci!

Forza a tutte e tutti!

avatar Candice Salomé

Autore: Candice Salomé, Community Manager Francia

Candice Salomé è Community Manager Francia di Carenity. Si occupa anche della redazione di articoli per la Rivista Salute. È responsabile del fidanzamento dei membri sulla piattaforma francese di... >> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche