«
»

Top

Coronavirus: « Sono stata messa in coma »

20 mag 2020

Zazou77, membro della piattaforma Carenity Francia, soffre di fibromialgia e di steatosi epatica non alcolica in particolare. Contaminata da Covid-19, ha dovuto essere ricoverata in ospedale e messa in coma. Come sta oggi? Come ha vissuto la situazione?

Coronavirus: « Sono stata messa in coma »

Buongiorno Zazou77, volevi testimoniare a seguito di un'infezione da covid-19, puoi dirci quando pensavi di essere stata contaminata dalla malattia? Quali sono stati i tuoi primi sintomi?

All'inizio pensavo di avere solo una buona influenza: stato febbrile, emicrania, debolezza muscolare, tosse... Mi sono subito messa sotto il piumone e ci sono rimasta. Ma la sera del quarto giorno avevo sempre più difficoltà a respirare.

Come pensi di aver preso il virus? Hai preso in considerazione tutte le misure di barriera?

Purtroppo, no! Qualche mese fa ho iniziato la formazione come consulente per l'inserimento professionale, seguendo un corso di riqualificazione imposto dalla medicina del lavoro. E purtroppo i miei colleghi, che erano malati, non si sono presi una pausa dal lavoro per evitare di subire perdite finanziarie.

Come hai reagito? Sei andata dal tuo medico o al pronto soccorso? Sei risultata positiva al test? 

È successo tutto così in fretta! Ho chiamato il 15 che mi ha chiesto su i miei sintomi e la loro evoluzione. Sfortunatamente, quella notte il pronto soccorso è stato sopraffatto e non hanno potuto mandarmi un'ambulanza o i vigili del fuoco. Così mia sorella ha dovuto portarmi all'ospedale che era stato avvisato del mio arrivo. 

Com'è stata la tua cura?

Mi hanno curato molto rapidamente appena arrivata, ma per il resto... Ancora oggi non me lo ricordo! Ricordo solo che il quarto giorno il medico mi ha informato che la mia condizione stava peggiorando. Sono passata da 6 litri/O2 a 10 litri/O2 nel giro di un'ora. E per salvare i miei organi che soffrivano, hanno dovuto mettermi in coma. Così il team ha immediatamente organizzato il mio trasferimento in un altro reparto.

Quanto tempo è durato il tuo ricovero in ospedale? Com'è stato il tuo rapporto con il team medico?

 

Sono stata ricoverata in ospedale per tre settimane. Per i primi quattro giorni sono stata nel reparto malattie infettive dell'ospedale Pasteur di Colmar, poi sono stata trasferita in un altro ospedale di Haguenau. Così sono nel Grand Est.  Le condizioni di ricovero sono state molto particolari e senza dubbio traumatiche per alcune persone, ma devo dire che tutto il personale medico è stato fantastico! 

Ho sempre avuto un profondo rispetto per il personale medico, dal custode al medico, dalla badante all'infermiera studentesca. E in questo momento, davvero, sono stati meravigliosi. Hanno corso il rischio di prendere il virus ogni volta che sono entrati nella mia stanza, anche con le misure e i gesti di barriera! Li ho visti lavorare in condizioni molto dure, con molti pazienti da gestire, eppure erano sempre lì, pronti a rispondere alle chiamate dei malati. 

Come hai vissuto questa situazione? Eri preoccupata? Sei riuscita a chiamare i tuoi cari?

Ho sempre avuto fiducia nella mia guarigione grazie alle competenze e all'estrema cura dei medici e del personale medico. 

Infine, mi sono resa conto della mia condizione durante il trasferimento in ambulanza. L'autista dell'ambulanza mi disse che aveva appena avuto abbastanza ossigeno per la durata del trasferimento e che se ci fosse stato un rallentamento in autostrada, sarei andata in pericolo di vita e le forze dell'ordine avrebbero dovuto intervenire per liberare la strada..... Mi sono resa conto che la mia vita era appesa a un filo. E ho pensato a mio figlio...

Durante tutta la durata del mio ricovero, mio figlio è stato in contatto con i medici ed è stato molto rassicurato quando mi sono svegliata dal coma dopo sei giorni.

Esiste un protocollo speciale per i tuoi trattamenti abituali?

Ho dovuto interrompere tutti i trattamenti anti-infiammatori. E durante il mio ricovero, ho fatto sedute di fisioterapia e colloqui con uno psicologo per aiutarmi ad accettare quello che mi era appena successo.

Come ti senti oggi?

Oggi sono passate cinque settimane da quando sono uscita dall'ospedale. Ci sono giornate belle e giornate brutte. Sono ancora molto rapidamente senza fiato e stanca nonostante le sedute di fisioterapia respiratoria. Secondo i medici, le persone che sono state infettate dal virus sono a rischio di sequele a lungo termine, quindi vale la pena di vedere!

Assumo, di nuovo, un trattamento medico a base di oppio per alleviare la fibromialgia, che non è più un antinfiammatorio e funziona.

Come immagini il deconfinamento? Hai paura di essere ricontaminata? Stai prendendo ulteriori misure per proteggerti?

Non ho paura del deconfinamento, è successo e basta! Sono sopravvissuta a questo virus, questa è la cosa principale. Certo, rispetto i gesti barriera, riprenderò la mia formazione alla fine di maggio, ma con una certa serenità, ovviamente!

Paura di essere contaminata di nuovo? Nessuno fino ad oggi è in grado di dirmi se sono immune. Il tempo lo dirà...

"Un grande grazie e tutta la mia gratitudine a tutte le persone che hanno fatto sì che oggi io sia ancora viva!"

Grazie mille a Zazou77 per aver accettato di testimoniare a su Carenity. E voi, avete vissuto questa esperienza?
Non esitate a condividere nei commenti, in questo momento di crisi l'informazione è importante!
Forza a tutte e tutti!

avatar Candice Salomé

Autore: Candice Salomé, Community Manager Francia

Candice Salomé è Community Manager Francia di Carenity. Si occupa anche della redazione di articoli per la Rivista Salute. È responsabile del fidanzamento dei membri sulla piattaforma francese di... >> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche