/static/themes-v3/default/images/default/home/bg-generic.jpg?1516194360

7 risposte

212 visualizzazioni

Tema della discussione


• Membro Ambasciatore
Pubblicato il
Buon consigliere

                                                   IL Fiume Umano

Gruppi Sanguini e Relativi Fattori  "

SottoGruppi " { Rh +}  Positivo / { Rh -} Negativo

Questa Discussione viene creata per diffondere la Grande importanza per ogni singolo individuo per il Proprio Gruppo Sanguigno con relativo Fattore { Rh +} Positivo  / { Rh -} Negativo .  

Dal Titolo si evidenzia che stiamo parlando del Sangue che scorre nelle Nostre Vene precisando e sfatando che Non abbiamo tutti lo stesso Sangue ovvero ...ogni individuo ha il suo gruppo sanguigno 

Andremo a vedere nello specifico Cosa, Come , Quando e Perché in modo che ...Sapendo ciò,  ed a quale gruppo si Appartiene ci si può Curare e cibare nel miglior dei modi e vedrete che il piu delle patologie spariranno per Magia Perché come tutte le cose se si vuole evitare e Curare  ci vuole profonda ...Conoscenza .

In Seguito scenderemo nello specifico  per vedere cosa Mangiare e cosa Non Mangiare in modo da non avvelenare il Corpo con cibo che fa reazione in base al nostro Gruppo del Sangue.  Non si tratta di una Dieta 

By Eureka ! 

Inizio della discussione - 21/11/19

Gruppo Sanguigno

• Membro Ambasciatore
Pubblicato il
Buon consigliere

Iniziamo con  un Po di Storia 

La scoperta dei gruppi sanguigni risale agli inizi del XX sec.  fino a quel momento, le trasfusioni di sangue si erano rivelate spesso un fallimento (la pratica delle trasfusioni era già diffusa da moltissimo tempo, ma le problematiche che spesso ne derivavano convinsero la Francia e l’Inghilterra a proibirla)

La svolta decisiva sul fronte delle trasfusioni di sangue arrivò nel 1900, quando Karl Ernst Landsteiner, un biologo austriaco naturalizzato statunitense, definì tre gruppi sanguigni A, B e C (quest’ultimo fu denominato in seguito gruppo 0) sfatando la diffusa credenza che il sangue fosse un tessuto identico in tutti gli esseri umani. La scoperta del quarto gruppo sanguigno, il gruppo AB, arrivò due anni dopo grazie a due colleghi del biologo.

La scoperta dei gruppi sanguigni assegnata nel 1930, a Landsteiner che vinse il premio Nobel per la medicina.

Cos’è un gruppo sanguigno?
In ogni essere umano è definibile un gruppo sanguigno, cioè un tipo di sangue che viene definito e contraddistinto in base al numero di antigeni presenti nei globuli rossi; esistono vari sistemi che definiscono i gruppi sanguigni, il più noto è il sistema A B 0. I globuli rossi possono contenere antigeni A, B, AB, o non averne alcuno (gruppo 0).  La trasfusione del sangue può avvenire solo tra gruppi sanguigni compatibili.  Ogni gruppo sanguigno può essere Rh positivo o Rh negativo, a seconda che sia presente o no l’antigene Rh D, una proteina. Secondo la classificazione AB0, quindi, ogni persona avrà uno dei seguenti gruppi sanguigni:

A Rh D positivo (A+)
A Rh D negativo (A-)
B Rh D positivo (B+)
B Rh D negativo (B-)
0 Rh D positivo (0+)
0 Rh D negativo (0-)
AB Rh D positivo (AB+)
AB Rh D negativo (AB-)
Il fattore Rh – Il fattore Rh (o fattore Rhesus) è molto interessante per lo studio dei fenomeni di incompatibilità tra madre e feto. Circa l’85% degli individui è Rh positivo (Rh+), i rimanenti individui sono Rh negativi (Rh-). Se una donna Rh- ha un figlio da un Rh+, nel suo sangue si creeranno degli anticorpi per il fattore Rh che possono distruggere il sangue del feto, passando attraverso il filtro placentare (eritroblastosi fetale); esso è tipico della seconda gravidanza e delle successive. La denominazione “fattore Rh” deriva dal nome di una specie di scimmie, ovvero la Macacus Rhesus; fu infatti in uno di questi primati che nel 1941 Landsteiner e Wiener individuarono la proteina in questione.

Compatibilità fra gruppi sanguigni
Come accennato, nel caso di trasfusioni, il sangue del donatore e del ricevente devono essere compatibili; in caso contrario, infatti, il sistema immunitario "S.I" del ricevente reagirebbe con l’agglutinazione dei globuli rossi e con la loro distruzione (reazione immuno-emolitica).   In altri termini, se facciamo una trasfusione a un soggetto con sangue con globuli rossi non appartenenti al suo gruppo sanguigno, si avrà la produzione di sostanze (anticorpi) che tenderanno a combattere tali cellule. Questi anticorpi si possono legare agli antigeni sulla superficie dei globuli rossi trasfusi e li distruggono con grave pericolo di vita.  

Gruppi sanguigni rari
Alcuni gruppi sanguigni sono più rari di altri, in linea generale, quelli meno diffusi sono lo 0 Rh negativo e i gruppi AB positivo e AB negativo; va però precisato che la “rarità” di un gruppo sanguigno varia anche in base a diversi fattori, fra cui l’etnia e la popolazione geografica; è quindi possibile che un determinato gruppo sanguigno sia relativamente raro in Africa e decisamente più diffuso in una determinata nazione europea; per quanto riguarda la popolazione italiana, i gruppi sanguigni sono suddivisi percentuale " % " nella maniera seguente:

40 % gruppo 0 positivo
36 % gruppo A positivo
7,5 % gruppo B positivo
7% gruppo 0 negativo
6% gruppo A negativo
2,5 % gruppo AB positivo
1,5 % gruppo B negativo
0,5 % gruppo AB negativo.

Come si eredita il gruppo sanguigno?
L’eredità dei gruppi sanguigni avviene in base alla legge di Mendel.

Nell’individuo la coppia dei cromosomi è formata da uno di origine paterna e da uno di origine materna. Su ciascuna coppia esiste un gene (nella stessa posizione) che svolge la stessa funzione, per esempio determina il gruppo sanguigno. Se i geni sono uguali l’individuo si chiama omozigote, mentre se i due geni sono diversi si dice eterozigote; se il carattere espresso dal gene si impone sull’altro è detto dominante, se invece è sottoposto all’altro è detto recessivo.  Nel caso del gruppo sanguigno, i geni che codificano il gruppo possono essere A, B e 0 (sistema AB0), A e B sono dominanti mentre 0 è recessivo. Quindi sono possibili le seguenti combinazioni:

Soggetto di gruppo A: A,0 (soggetto eterozigote che ha ereditato A da uno dei genitori e 0 dall’altro) oppure A,A (omozigote)
Soggetto di gruppo B: B,0 (soggetto eterozigote che ha ereditato B da uno dei genitori e 0 dall’altro) oppure B,B (omozigote)
Soggetto di gruppo AB: A,B (soggetto eterozigote)
Soggetto di gruppo 0: 0,0 (soggetto omozigote; non può essere altrimenti perché il gruppo 0 è recessivo).
Per capire l’ereditarietà occorre considerare i geni di partenza. Se un individuo di gruppo A si unisce a uno di gruppo B, occorre sapere come è formata la coppia: per esempio da un A,0 e da un B,0 potranno uscire:

 Gruppi >>> AB, A0, B0, 00

cioè ogni genitore fornisce un cromosoma, poi il gruppo del figlio dipende dal concetto di dominanza. Potrà essere AB, A, B o 0; ogni possibilità con il 25% dei casi.

Continua >>>>>>  

Gruppo Sanguigno


Pubblicato il
Gruppo Sanguigno

• Membro Ambasciatore
Pubblicato il
Buon consigliere

Ciao @luca64‍  questo per  il tuo Gruppo Sanguigno , prova per 1 Mese e  vedi come và , Sicuramente troverai Grandi Benefici perchè è  Personale -  Man mano inserisco il resto

Leggenda :

Il Verde lo puoi mangiare , il Rosso No, il Blu Limitati di assumerli " meno li mangi ...meglio sarà!

Carne SI

Manzo, Agnello, Vitello, Bresaola di manzo o cavallo, Capriolo, Carne secca, Cuore o fegato non di Maiale, Cavallo, Carne Salada, Capretto,

Carne NO !

Maiale, Cinghiale, Pancette, prosciutto crudo,Salumi vari ed affunicati, Speck, salame,Mortadella, Coppa

Carne da Limitare

Cappone, Fagiano, Gallo, Pollo,Tacchino, Coniglio,Gallina, Lepre, Struzzo.

===============================

Cereali e simili >>>

in Teoria .....Zero >> NO ! in Teoria Nessuno

Amido di Mais, Avena, CousCous, Crusca di Grano, Farina grano duro e tenero, Farro Frumento Fecola di Patate, Germe di Grano, Kamut, Mais, Orzi vari o perlati, Pane di Segale, Pasta, Pop Corn,Segale, Seitan, semola di Grano.

 Cereali da Limitare

Amaranto, Farina di Riso, Grano Saraceno,Miglio,Quinoa, Riso sia Bianco ,Rosso,Nero,Selatico,integrale soffiato, integrale, Tapioca

============================

 Frutta si

Fico e fico secco, Prugna e Prugna secca

 Frutta NO !

Arance, Fragole, Mandarini, More, Rabarbaro Cinese, Avocado, Mandaranci, Melone, Noce di Cocco.

 Frutta da Limitare

Albicocche, Anguria, Cachi, Ciliegie, Banane, Fuchi D’india, Ananas, Cedro, Lamponi, Mango, Melograna, Mirtilli , Datteri, Kiwi, Pere, Pesche Noci, Ribes Nero e Rosso, Uva Nera, Uva Sultanina, Uva Spina, Uva Bianca , Pompelmo, Limone, Mela, Pesche, Papaia, Melone Giallo

=====================================

Per ora mi fermo qui, poi aggiungo frutta secca, Latticini, Legumi, Oli, Ortaggi, Pesci, Spezie e simili, Succhi, Dolci, Conserve, Erbe,  etc..etc..

Il tutto alimenti si e No e limitati come sopra 

Come vedi Non è Dieta  ma ....Alimentazione Personale Mirata  , le Diete Non esistono sono invenzioni del Business !! 

>>>>> Continua >>>>

By Eureka ! 

Gruppo Sanguigno


Pubblicato il

Grazie.

Sono perplesso. Molto.

Buona giornata.

Luca.

Gruppo Sanguigno


Pubblicato il

Forse non te l'avevo detto o forse ti è sfuggito.

Sono Diabetico 2.

Luca.

Gruppo Sanguigno

• Membro Ambasciatore
Pubblicato il
Buon consigliere

No , per il diabete Tipo 2 ...... basta non mangiare Latticini , Patate, Farinacci e Prodotti da forno, evita dolci, Vari Dolcificanti ,  Poca Frutta e solo un tipo alla volta Non mischiare , Pochi Legumi .

Ogni 15 -20 giorni puoi fare uno strappo alle regole senza esagerare !

Gruppo Sanguigno

• Membro Ambasciatore
Pubblicato il
Buon consigliere

CORONAVIRUS: GRUPPO SANGUIGNO ZERO e A, ecco chi è più a RISCHIO di AMMALARSI di COVID-19

Le ricerche e gli studi che ruotano attorno al coronavirus non si fermano, e rimbalzano da una parte all’altra del Pianeta. Un nuovo studio, proveniente dalla California, afferma che un gruppo sanguigno potrebbe essere più resistente al VIRUS rispetto ad altri. Quale?
Si tratterebbe del Gruppo "0" (ZERO). Il test è stato effettuato da una società californiana su 750 mila partecipanti, di cui 10 mila positivi al virus. Tra questi, i ricercatori hanno visto come il sangue di tipo 0 possa essere maggiormente protettivo se si viene infettati dal COVID-19.

I primi risultati hanno mostrato come i pazienti appartenenti a quella tipologia abbiano tra il 9% ed il 18% di probabilità in meno di risultare positivi rispetto a quelli appartenenti ad altri gruppi sanguigni. In sostanza, questa tipologia di sangue potrebbe, addirittura, prevenire l'infezione.
"Questi risultati sono validi se adeguati all’età, al sesso, all’indice di massa corporea, all’etnia e alle comorbilità", la quale ha aggiunto che "sembrano esserci piccole differenze nella suscettibilità tra gli altri gruppi sanguigni".
È importante sottolineare, a scanso di equivoci, come la ricerca abbia esaminato soltanto la suscettibilità e non la gravità della malattia.

Se il gruppo 0 potrebbe proteggere, quale sarebbe invece quello più a rischio? Le cose cambiano per chi ha il sangue di tipo A: ci sarebbe il 50% in più di probabilità di avere bisogno di ossigeno o di ventilazione assistita. Lo studio, non ancora revisionato, ha raccolto i campioni da 1.610 pazienti di varie nazionalità con le forme più gravi di coronavirus. Il processo che ha portato al risultato è consistito nell'estrazione del DNA dai campioni e sono stati esaminati 9 milioni di lettere nel genoma di ciascun paziente: ebbene, si è scoperto che il sangue di tipo "A" potrebbe creare complicanze nel caso in cui si contragga il virus. Un primo sentore di questi risultati si era già avuto a Wuhan quando, in un'indagine su due ospedali, si era visto come le persone con gruppo 0 fossero più resistenti rispetto a quelli con il gruppo A.

In definitiva, è comunque d'obbligo una riflessione: più che sperare nella protezione del gruppo sanguigno, è bene continuare a proteggersi con mascherine, distanziamento sociale e igienizzanti.

                   

Articolo del 16/07/2020

Fonte : Meteo e Notizie New