Come fate per la custodia dei vostri bambini durante i trattamenti?

/static/themes-v3/default/images/default/home/bg-generic.jpg?1516194360

Pazienti Menopausa

6 risposte

60 visualizzazioni

Tema della discussione


• Animatore della community
Pubblicato il

All’ospedale Saint-Louis, un asilo nido per i bambini dei pazienti

custodia bambiniCurata del tumore del seno ma sempre controllata presso l’ospedale Saint-Louis, Clémentine Lemoine, 34 anni, lascia « ad occhi chiusi » la figlia Lina, 7 mesi al centro di accoglienza « les Kyklos », una struttura unica in Francia dedicata ai bambini dei pazienti dell’istituto parigiano.

Oltre gli esami di controllo, « vedo una psicologa perché a volte, non va bene », narra la giovane donna che aveva 29 anni quando la diagnosi è stata fatta. « Lascio mia figlia, faccio la seduta e ho un po’ di tempo per me, è importante », aggiunge questa madre casalinga, il cui primogenito di 3 anni, va a scuola.

Nel frattempo, Lina, con il ciuccio in bocca, si trova con i suoi congeneri sul suolo, pieno di giocattoli, di una piccola stanza colorata, scavata nell’enorme asilo nido riservato al personale di Saint-Louis (Xe distretto)
Cosa fare del proprio tesorino quando si deve fare la « chemio » il giorno dopo? Come trovare del tempo per se stesso senza sempre chiedere aiuto, ad esempio, alla suocera? Alleviare i giovani genitori malati, questa è l’ambizione dell’asilo nido « les Kyklos »

Bisogna prendere l’ascensore per scoprire, un piano più alto, l’altra stanza tutta piccola e dedicata ai « medi e grandi » fino a 4 anni, mentre una serie di bambini del personale sanitario e altri operatori sanitari passa per il corridoio.

« Qui è come vivere tra coinquilini », riassume Caroline Le Roux, direttrice di « les Kyklos » e membro dell’associazione dello stesso nome, che significa « cerchio » in greco. Aperta nel marzo 2017, la struttutra dispone di 20 culle sulle 130 dell’asilo nido ospedaliero, i suoi locali sono prestiti dall’Assistenza publica – Ospedali di Parigi. Il team è costituito da una decina di persone pagate dall’associazione, lei stessa finanziata dalla CAF e dal Comune di Parigi.

Per 50 centesimi all’ora – tariffa negoziata con la Cassa assegni familiari di Parigi – dieci posti sono destinati ai bambini di pazienti affetti da patologie croniche o ai familiari, in qualsiasi momento della giornata, tra le 8 e le 19, regolarmente o non regolarmente, gli altri dieci sono attribuiti ai bambini del quartiere in modo « molto più classico ».

Felice iniziativa

Un modelle ispirato ad un’altro asilo nido, quello dell’ospedale Necker (XVe) per fratelli e sorelle di bambini malati, per mantenere un « equilibrio finanziario » creando « punti di riferimento » per bambini « a volte accolti con urgenza, durante momenti più o meno difficili della loro vita », spiega la signora Le Roux, di formazione psicologa. La sua associazione è stata fondata nel 2014 per rispondere ad un’esigenza individuata nel 3e piano contro il cancro.

« La malattia, ti rovina... » Una volta i problemi pratici della custodia risolti, il genitore può cominciare a pensare a lui, anche se si tratta soltanto di « farsi i capelli », ed essere « veramente disponibile » quando ritrova il bambino. La signora Le Roux rivendica un aiuto che va oltre il quadro rigoroso dei trattamenti.

Da parte loro, gli operatori sanitari possono concentrarsi sul lavoro. « Era imbarazzante vedere pazienti arrivare per la visita con il bimbo in braccio o vedere gli assistenti infermieri fare la babysitter nei corridoi », si ricorda il Dottore Marc Espié, responsabile del centro delle malattie del seno di Saint-Louis.

Per il momento, soltanto 30 famiglie hanno approfittato del dispositivo, che « avanza molto lentamente », concede la Signora Le Roux.
Bisogna sempre « informare gli operatori sanitari » dell’esistenza della struttura, lei insiste.
E le famiglie devono capire il fatto che possono chiedere il suo aiuto senza condizione o quasi senza condizione: « l’unica cosa che chiedo è un libretto di vaccinazione aggiornato ».

E voi cari membri, come fate per la custodia dei vostri bambini durante i trattamenti? Ringrazio chiunque vorrà condividere la sua esperienza con noi 

Inizio della discussione - 07/02/19

Come fate per la custodia dei vostri bambini durante i trattamenti?

• Animatore della community
Pubblicato il

Cari membri, ringrazio chiunque vorrà condividere la sua esperienza con noi a riguardo emoticon cloveremoticon angelo

@mahebidou‍ @Katezan‍ @Grace63‍ @Psalsva‍ @Luisa..‍ @Rossella1972‍ @Orchidea19‍ @Sonypasse‍ @FRANCESCAmessina‍ @dissegnaRoberta‍ @Fahdelbaly‍ @SimonaLibera‍ @Martysad85‍ @loris99‍ @Marzia69‍ @Maria12‍ @Nico78‍ @Leonessa78‍ @Alestella98‍ @Robe77‍ @Deborah22‍ @Rotmans‍ @vitaalba‍ @Pat1960‍ @ALESSIA73‍ @CriCri67‍ @carola08‍ @annapeople‍ @annaale‍ @paolino.graziano‍ @Fiore54‍ @virgui‍ @LAURA.IONAS‍ @Dodi2017‍ @Carlix‍ @polveredistelle‍ @Camille‍ @frafra‍ @Lucistella‍ @simini‍ @tinoditacco‍ @Enrichetta‍ @Elena5544‍ @Margherita‍ 

Come fate per la custodia dei vostri bambini durante i trattamenti?


Pubblicato il

@Baptiste‍  non è semplice, spesso ho dovuto lasciare i miei tre bimbi com i suoceri sia x essere operata sia x radioterapia, cosa dolorosa perché dalla Calabria andavo e vado a Roma.... Ultimamente lascio solo il maggiore, ore adolescente, ma gli altri due preferisco portarli con me nei viaggi

Come fate per la custodia dei vostri bambini durante i trattamenti?


Pubblicato il

Ho delegato i nonni che hanno fatto un ottimo lavoro

Come fate per la custodia dei vostri bambini durante i trattamenti?


Pubblicato il

Ho delegato i nonni che hanno fatto un ottimo lavoro.......battiste....grazie per quello che fai per tutte noi

Come fate per la custodia dei vostri bambini durante i trattamenti?


Pubblicato il

@Baptiste 

una bellissima iniziativa una madre non riesce a pensare a curarsi quando i propri figli sono nelle mani di chi sa chi gia' se sono nelle mani dei nonni e un problema in meno ma non un sollievo avere una struttura dove si prendono cura di loro mentre qualcuno si prende cura della tua salute sarebbe un vero miracolo un grandissimo regalo che aiuterebbe non poco

io con i miei piccoli ho sempre sofferto per questa cosa avevo una sorella che veniva da napoli e restava con me fino a che non uscivo dall'ospedale ero sicura mi fidavo ma non erano con la mamma quando li sentivo al telefono che piangevano o che facevano capricci mi si scioglieva il cuore e non riuscivo mai a stare serena piu' di una volta ho rinunciato al ricovero per non lasciarli … una volta ricordo feci un ricovero lunghissimo per un'ascesso polmonare tanto che mi disperavo che volevo uscire che mi portarono nella guardiola dell'ospedale dove mi fecero trovare i bambini che mi aspettavano tutti contenti una grandissima bella sorpresa ...ma non fecero i conti con i saluti ( strazianti per tutti ) :-( 

spero che possa prendere piede questa iniziativa l'umanizzazione degli ospedali e la medicina piu' potente  

grazie @Baptiste‍ 

Come fate per la custodia dei vostri bambini durante i trattamenti?

• Animatore della community
Pubblicato il

Grazie mille dei vostri contributi emoticon cuore

Potete condividere la vostra esperienza a riguardo se vi va emoticon occhiolinoemoticon angelo

@Isoledisale‍ @Danisa‍ @marta21‍ @Monica1989‍ @gennyxz‍ @pina68‍ @meri75‍ @hhariisa‍ @Lory08‍ @Felicity‍ @cry2675‍ @docgrey91‍ @Antolella‍ @giuppy‍ @Daniela fashion @giallo1‍ @Sissina‍ @moniascanu‍ @reginadeinisseni74‍ @femminaalpha‍ @frafra‍ @birikkina‍ @Maria Luigia‍ @Sofi-A‍ @Marzietta‍ @Bibina‍ @Nunzia79‍ @altamarea‍ @AlexCh‍ @criscecchini‍ @siria1975‍ @mimmase‍ 

Discussioni più commentate