«
»

Top

In caso di infarto, una donna sopravvive maggiormente con una donna medico (studio)

Pubblicata il 8 ago 2018

In caso di infarto, una donna sopravvive maggiormente con una donna medico (studio)

Tampa (Stati Uniti) 6 agosto 2018 (AFP) – Una donna avendo un attacco di cuore negli Stati Uniti ha maggiore possibilità di sopravvivenza se il suo medico del pronto soccorso sia una donna, perché i suoi sintomi sono diversi da quelli degli uomini  e perché i medici maschi provano delle difficoltà nel curare donne, secondo uno studio pubblicato lunedì.

Degli scienziati dell’università di Harvard hanno studiato più di 500 000 casi di persone ammesse al pronto soccorso per un infarto miocardico acuto in Florida tra il 1991 e il 2010. Hanno constatato una differenza « mozzafiata » in materia di sopravvivenza quando il genere del paziente e del suo medico è simile o no. 

Nel caso specifico di una donna presa in consegna da una donna medico, « c’era un effetto importante e positivo sulla sopravvivenza », secondo le conclusioni pubblicate nella rivista Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS).
Quasi il 12% dei pazienti muoiono dopo essere ammessi al pronto soccorso per un infarto. Ma associare un paziente femminile con una donna medico ha « ridotto la probabilità di morte di 5,4% rispetto a questo riferimento ».
Studi precedenti avevano mostrato che le donne avessero potuto maggiormente morire d’infarto rispetto agli uomini.

La ragione di questa disparità?

Il fatto che i sintomi siano diversi tra le donne e gli uomini secondo alcuni esperti. O ancora il fatto che le donne aspettano maggiormente prima di chiamare il soccorso medico rispetto agli uomoni.

Ma lo studio di Harvard propone una nuova spiegazione: « La maggior parte dei medici sono degli uomini e i medici maschi hanno delle difficoltà nel curare le donne ».

Il problema sta nel fatto che quasi tutti i medici sono uomini, quindi associare pazienti donne e medici donne non è una soluzione facile da mettere in pratica secondo gli scienziati.

« Dato il costo (umano) della formazione dei medici maschili sul posto di lavoro, sarebbe meglio di aumentare la presenza di medici femminili » nei servizi di emergenza, hanno suggerito gli scienziati. 

Commenti

Ti piacerà anche

Violenze ginecologiche: la parola delle donne si libera

Aborto spontaneo
Associazione MURCS
Cisti ovarica
Depressione post-parto
Diabete gestazionale
Dismenorrea
Dispareunia
Disturbo disforico premestruale
Eclampsia
Embriopatia da citomegalovirus
Endometriosi
Endometriosi interna
Fibroma uterino
Gravidanza a rischio
Idramnio
Infertilità
Iperfenilalaninemia materna
Ipogonadismo femminile
Mastopatia fibrocistica
Menopausa
Preeclampsia
Prolasso genitale
Salute della donna
Tumore del seno
Vulvodinie/Vestibulodinie

Violenze ginecologiche: la parola delle donne si libera

Leggi l’articolo
Giornata mondiale contro il cancro: tutti interessati!

Tumore del seno

Giornata mondiale contro il cancro: tutti interessati!

Leggi l’articolo
Stanchezza e dolore, problemi persistenti dopo la fine del cancro

Tumore del seno

Stanchezza e dolore, problemi persistenti dopo la fine del cancro

Leggi l’articolo
Tumore al seno, il test per decidere a chi serve la chemioterapia

Tumore del seno

Tumore al seno, il test per decidere a chi serve la chemioterapia

Leggi l’articolo

Schede malattie