Trattamenti dell'asma

Ci sono due principali famiglie di trattamento per l'asma: il trattamento di base e il trattamento d'emergenza dell'attacco.

/static/themes-v3/default/images/default/info/maladie/intro.jpg?1516194360

In che cosa consiste il trattamento dell'asma?

Il trattamento dell'asma deve affrontare sia gli attacchi quando si verificano sia il campo asmatico con un trattamento di fondo.

Oggi i farmaci permettono di controllare quasi il 95% dell'asma. Tuttavia, in Francia, solo un milione di pazienti riceve il trattamento e solo il 40% lo prende correttamente.

Per la broncocostrizione, saranno efficaci i farmaci per la dilatazione delle tube bronchiali: si tratta dei broncodilatatori a breve o lunga durata d'azione più spesso somministrati per via inalatoria (o per iniezione nei casi più gravi). Alcuni esempi sono il Salbutamolo, la Terbutalina o il Salmeterolo.

Il trattamento di base

Il trattamento di base consiste nell'agire sull'edema della parete bronchiale, riducendo o evitando i sintomi e prevenendo il deterioramento della funzione respiratoria nel tempo. Si basa sull'assunzione quotidiana di corticosteroidi per via inalatoria come il Flixotide o il Budesonide. Questi farmaci possono richiedere del tempo per funzionare, a volte diverse settimane prima di essere attivi. È quindi importante aspettare una quindicina di giorni prima di giudicare dell'efficacia di un trattamento. Dopo l'assunzione di corticosteroidi per via inalatoria, la bocca deve essere risciacquata perché questi trattamenti possono causare candidosi orofaringea se entrano in contatto con la mucosa orale.

Oltre a questi trattamenti, nella gestione a lungo termine della malattia vengono utilizzati broncodilatatori a lunga durata d'azione.

Il trattamento degli attacchi d'asma

Il trattamento di riferimento per gli attacchi d'asma è costituito da broncodilatatori mimetici beta2 ad azione rapida. Questi prodotti, somministrati per via inalatoria, permettono un immediato rilassamento della muscolatura liscia bronchiale che porta alla broncodilatazione e al sollievo dell'attacco. Tuttavia, questo trattamento non farà regredire l'edema e non agirà sull'ipersecrezione.

Consigli

Ogni paziente asmatico deve quindi portare sempre con sé un broncodilatatore. I dispositivi di inalazione non sono sempre facili da usare, soprattutto nei bambini, che possono avere difficoltà a coordinare l'ispirazione e l'attivazione del dispositivo. Per superare questa difficoltà sono disponibili camere di inalazione.

In caso di deterioramento della malattia, che di solito dura dai 2 ai 3 giorni, bisogna essere attento. Un buon indicatore è un aumento significativo dell'uso del broncodilatatore. In questo caso, dovreste consultare il vostro medico.

In caso di attacco grave, possono essere prescritti anche corticosteroidi per via orale o sottocutanea. Il rischio maggiore rimane l'improvviso stress respiratorio. La mortalità da asma, sebbene sempre più rara, si osserva soprattutto nei soggetti indocili (spesso giovani) che non seguono più il loro trattamento.

L'INNOVAZIONE TERAPEUTICA NELL'ASMA

Bioterapie per il trattamento dell'asma

Sono stati fatti progressi nella comprensione della fisiopatologia dell'asma e stanno comparendo nuovi farmaci. Ad esempio, questi farmaci si opporranno all'azione delle IgE (coinvolte nel meccanismo dell'allergia), delle Interleuchine o si fisseranno a specifici recettori della reazione allergica. Troviamo ad esempio Xolair (Omalizumab), Nucala (Mepolizumab) e Fensera (Benralizumab). Queste bioterapie sono indicate solo in caso di asma allergica grave e persistente.

>> Un articolo di Carenity è specialmente dedicato alle bioterapie disponibili nel trattamento dell'asma! Per maggiori informazioni, cliccate qui.

Purtroppo, oggi non esiste una terapia in grado di curare tutti i sintomi della malattia. Non sappiamo ancora guarire l'asma, ma c'è un modo per ridurre o addirittura eliminare i suoi sintomi.

Seguendo scrupolosamente il loro trattamento, la stragrande maggioranza dei pazienti asmatici può ora condurre una vita normale.

Articolo scritto sotto la supervisione del Professor Gérard HUCHON, Capo del Dipartimento di Pneumologia dell'Ospedale Hôtel-Dieu di Parigi e Presidente del Comitato Nazionale per la Lotta contro le Malattie Respiratorie.

Fonti: Asma e Allergie, CNMR

Ultimo aggiornamento: 25/02/20

Schede malattie

Asma sul forum

Vedi il forum Asma

News - Asma

il 29 apr 2021

L'asma notturna: cos'è ?

Leggi l’articolo
Leggi l’articolo