«
»

Top

Coronavirus e asma: l'esperienza di un paziente

2 apr 2020 • 5 commenti

Tim, 34 anni, soffre di asma dall'età di 5-6 anni. È stato infettato dal coronavirus senza averne la conferma all'inizio. Come ha vissuto questa esperienza? Come sta oggi?

Coronavirus e asma: l'esperienza di un paziente

Buongiorno Tim, quali sono stati i primi sintomi che hai sentito?

Buongiorno. I primi sintomi sentiti sono stati quelli di una "classica" influenza: febbre, mal di testa, dolori muscolari e forte stanchezza. Il giorno dopo sono comparsi nuovi sintomi "digestivi", tra cui nausea, vomito e diarrea. Infine, il terzo giorno, si sono verificati dolori al petto, difficoltà respiratoria, dispnea (o sensazione di mancanza d'aria) e mancanza di respiro. Allo stesso tempo, ho anche notato una perdita di odore e di gusto

Come e perché hai fatto il test? Come è stato condotto il test? Quanto tempo ci è voluto per ottenere i risultati?

Dato che lavoro in ospedale, e che sono entrato in contatto con una popolazione cosiddetta "a rischio", ho avuto l'opportunità di sottopormi al test il giorno dopo la comparsa dei sintomi (17 marzo). Sono stato convocato in un momento preciso e accolto da un vigile del fuoco che si è occupato di prendere i dati di contatto delle persone che venivano per il test di screening (cognome, nome, indirizzo, servizio di assegnazione e numero di telefono). Ho aspettato circa quindici minuti e mi sono sistemato in una stanza interamente dedicata ai test di screening. Un medico è venuto a farmi alcune domande sui miei sintomi, sulla mia storia medica e sul mio lavoro di psicologo (popolazione incontrata, luoghi di attività). Il test effettuato è stato un campione nasale. I risultati mi sono stati trasmessi per telefono 24 ore dopo e ho ricevuto la posta a casa 48 ore dopo

Quali trattamenti hai preso per alleviare i sintomi del COVID-19? Sei stato ricoverato in ospedale?

No, non sono stato ricoverato, perché tutti i sintomi erano gestibili. In Francia, i farmaci di tipo FANS (Ibuprofene) non sono raccomandati nel caso del COVID-19, in quanto sarebbero legati ad una diminuzione del funzionamento della risposta immunitaria. Così, il mio trattamento consisteva semplicemente in dosi regolari di Paracetamolo (Doliprane; Dafalgan) con un periodo di 6 ore da rispettare tra una dose e l'altra. Per quanto riguarda l'asma, di solito soffro di uno o due attacchi alla settimana. Con il coronavirus, avevo fino a 2 attacchi al giorno. Fortunatamente, il trattamento con Ventolin è rimasto efficace e ha contribuito a curare gli attacchi d'asma, anche durante il COVID-19. 

Per quanto tempo hai avuto questi sintomi? Qual è stata l'evoluzione del COVID-19?

I sintomi sono durati quindici giorni. Ad oggi, ho ancora alcuni sintomi lievi (mal di testa, stanchezza e dolori al petto). Ciò che differisce dalla cosiddetta influenza "classica" è proprio l'evoluzione dei sintomi con, come ho descritto per me, prima i sintomi classici, poi quelli digestivi e infine quelli respiratori, che rimangono, per me, i più angoscianti e opprimenti. Dopo due settimane, quando i sintomi sono diminuiti, si ha l'impressione di essere guariti. Ma i sintomi sono relativamente fluttuanti e possono riapparire, anche se con minore intensità, dopo 2 giorni

La tua asma si è intensificata a seguito della diagnosi di COVID-19?

Bisogna sapere che quando mi ammalo di solito, l'asma complica sempre il processo di guarigione e allunga i tempi di recupero necessari. Per esempio, per una classica influenza, ho spesso una bronchite asmatica*, il che significa che devo stare a casa per almeno una settimana. Poiché i sintomi del coronavirus sono principalmente respiratori, è ovvio che l'asma è un fattore di complicazione. Come ho detto prima, i miei attacchi erano più frequenti e potevano essere fino a due al giorno. Attualmente, anche se mi sento meglio, ho ancora circa un attacco al giorno

*Forma particolare di bronchite acuta che combina i classici sintomi della bronchite con i segni respiratori caratteristici di un attacco d'asma.

Hai avuto un follow-up medico specifico per la tua asma? Come sei stato gestito?

Dal momento in cui mi è stata diagnosticata la positività al COVID-19, ho ricevuto un controllo medico. Due volte al giorno mi è stato inviato un questionario specifico per descrivere i miei sintomi. In questi questionari mi sono state chieste informazioni sulla mia temperatura, sui cicli respiratori, sulla pressione sanguigna, sui geni respiratori e sulle sensazioni di dolore al petto. Dopo le mie risposte, un medico dedicato mi chiamava ogni giorno per discutere dell'evoluzione dei miei sintomi. Mi ha anche fornito consigli e misure precauzionali. In caso di emergenza, mi è stato detto di chiamare il 15 (Samu) per un eventuale ricovero ospedaliero.

Hai dovuto apportare delle modifiche nell'assunzione del tuo trattamento abituale?

No, il mio trattamento è rimasto lo stesso con, in generale, tre assunzioni di Paracetamolo al giorno (mattina, mezzogiorno e sera) e due assunzioni di Ventolin al giorno.

Hai seguito le misure di protezione durante la malattia?

Dal momento in cui mi è stata diagnosticata la positività, sono stato ovviamente messo in congedo per malattia, poiché il mio lavoro potrebbe rappresentare un rischio per i pazienti che sto seguendo. Mi è stato anche detto di stare in totale reclusione per circa dieci giorni. Così sono stato confinato a casa mia per due settimane e non sono uscito di casa, per limitare il rischio di contaminazione per la popolazione. Vivendo in coppia, tuttavia, è stato complicato limitare le raccomandazioni per la protezione con la mia coniuge, nonostante le misure adottate con lei (distanza di un metro durante i pasti, limitazione del contatto fisico e separazione durante la notte). Questo non ha impedito la trasmissione del virus, poiché anche lei si è ammalata dopo pochi giorni

Come ti senti oggi? Ti senti completamente guarito?

Globalmente, mi sento meglio e i sintomi più angoscianti (febbre alta, respiro corto e difficoltà respiratoria) sembrano tutti passati. Tuttavia, dopo 15 giorni, alcuni sintomi come mal di testa, stanchezza e, per me, asma, persistono ancora. Questi sintomi rimangono quindi relativamente fluttuanti nel tempo. Il medico, che mi chiama ogni giorno per fare il punto della situazione, mi ha detto che il tempo di guarigione è stato soggetto a significative variazioni interindividuali. Allo stesso tempo, mi invita sempre a rimanere confinato perché finché ho ancora i sintomi, sono potenzialmente ancora contagioso. Quindi, è necessario passare tre o quattro giorni di fila senza sintomi per essere considerato guarito. 

E voi, avete vissuto questa esperienza ?

Non esitate a condividere le vostre esperienze nei commenti, in questo periodo di crisi, l'informazione è importante!

avatar Andrea Barcia

Autore: Andrea Barcia, Community Manager Spagna

Specialista in marketing e comunicazione, Andrea ha lavorato nei settori del benessere, del turismo e della salute. Ormai Community Manager di Carenity Spagna, vuole aiutare i pazienti a trovare delle risposte alle... >> Per saperne di più

Commenti

Alyacciu
il 02/04/20

Grazie della tua testimonianza, anche io lavoro in casa di riposo, quindi anche io sono a contatto con colleghi e anziani con febbre, per ora grazie a dio sto beve, ma grazie alla tua testimonianza farò attenzione ad ogni minimo sintomo, nel frattempo continuo a fare la mia terapia quotidiana. Grazie 

Piuma0
il 04/04/20

Grazie per questa testimonianza, non ho capito se però è successa in Francia e se è attendibile medivcalmente,vorrei chiedere a moderatori e altri se in caso di contagio, si debba appunto utilizzare il ventolin o broncovaleas ...oppure continuare con propria personale terapia (io uso Spiriva respimat e montelukas da alternare a Symbycort)...

Sapere questo sarebbe di aiuto.

Grazie

moline
il 05/04/20

Ho fatto assistenza ospedaliera a mia suocera novantenne che si è rotta l’omero frattura scomposta. E lì ho contratto il coronavirus o covid19, i sintomi sono stati febbre dolori in tutto il corpo e forte mal di testa, ho chiamato il mio medico curante che non mi ha offerto nessun tipo di aiuto mi ha indirizzato al numero 1500. Loro hanno presso i miei dati e mi hanno dato appuntamento x il tampone dopo due giorni che con febbre a 38:5 mi sono dovuta alzare dal letto e andare alla tenda della croce rossa davanti l’ospedale dove ho dovuto aspettare per 1 ora e 1/2 al vento e al freddo, tutta sudata perché avevo presso paracetamolo, il prelievo è stato rinofaringeo fatto il 12/3 la risposta celere ( ironico) è arrivata il 21/3. Mi sono curata solo con paracetamolo e digiuno liquido. Ad oggi sono 19 giorni senza febbre e mi dicono che sono in lista per il tampone per vedere la negatività fra 20 giorni!!! In Abruzzo la mia regione c’è molta disorganizzazione. Non ho avuto nessuna crisi asmatica, anzi sembra che mi sia scomparsa non ho usato più i puff.  Con mio marito ci siano separati in casa io sopra lui al piano terra ma anche lui si è infettato, il contagio è stato inevitabile ( perché fino al giorno che ho avuto la febbre) abbiamo dormito insieme, anche lui guarito come me con paracetamolo e digiuno liquido

Susanna62
il 06/04/20

Faccio in bocca al lupo a Tim, che fortunatamente sta superando l’evento. Ma mi chiedo come mai non gli abbiamo somministrato del bentelan. Non è utile in questi casi? Grazie 😊 

giuli60
il 05/05/20

Le testimonianze sono sempre utili anche io soffro di asma e sono anche ipertesa  ho molta paura di prendere il coronavirus specie per questo esco di casa pochissimo ed ora che si può uscire un po' di più io lo stesso ho paura c'è tanta gente in giro poco seria e che non rispetta le regole

Ti piacerà anche