Asma: sapere tutto

L'asma è una malattia respiratoria cronica causata da un'infiammazione permanente dei bronchi. Si manifesta in attacchi, caratterizzati da episodi di dispnea, affanno, tosse secca o stretta al petto.

https://www.carenity.it/static/themes-v3/default/images/it/header/asma.jpg

Asma: sapere tutto

Cos'è l'asma?

Definizione

L'asma è una malattia infiammatoria delle vie aeree polmonari (bronchi e bronchioli o piccoli bronchi), caratterizzata da un'ostruzione reversibile al passaggio dell'aria che porta a episodi ricorrenti di tosse, respiro sibilante, dispnea (difficoltà a respirare) e oppressione al petto.

Si tratta di una malattia cronica, con episodi acuti che vanno dal semplice disagio respiratorio alle esacerbazioni (chiamate flare-up o attacchi d'asma) quando i sintomi si verificano per diversi giorni e il ricovero è necessario, a volte in un'unità di terapia intensiva.

Quando respiriamo, l'aria entra nei bronchi per raggiungere i polmoni. In una persona asmatica, c'è un ispessimento (edema) e un'infiammazione della parete bronchiale (mucosa). A causa di questa infiammazione permanente, i bronchi diventano iper-reattivi a certe sostanze, il che fa contrarre i muscoli che circondano i bronchi (spasmo bronchiale) e quindi i sintomi.

In generale, ci sono 2 tipi di asma:

  • asma precoce, il più delle volte allergica, che si manifesta spesso nell'infanzia: i pazienti sono atopici, cioè hanno una predisposizione a sviluppare allergie agli allergeni che respiriamo: acari della polvere, peli di animali, muffe, pollini, ecc. I loro test di ipersensibilità cutanea (prick test) sono allora positivi a questi diversi allergeni. Hanno generalmente una storia familiare di altre condizioni allergiche come l'eczema o la febbre da fieno.
  • asma ad insorgenza tardiva, spesso non allergica, che non è scatenata dalla presenza di un allergene e le cui cause e trattamenti non sono ancora chiaramente stabiliti. Questi asmi sono spesso associati alla presenza di polipi nel naso.

Quanto è comune l'asma?

L'asma è una malattia molto comune: 339 milioni di persone soffrono di asma in tutto il mondo. Il numero di pazienti asmatici è in aumento, con oltre 3 milioni di asmatici in Italia.

L'asma è responsabile di quasi 60.000 ricoveri e quasi 1.000 morti ogni anno.

Sintomi e complicazioni dell'asma

I sintomi dell'asma possono essere intermittenti o persistenti e di solito sono peggiori di notte o quando ci si alza.

I principali sintomi dell'asma sono:

  • una tosse secca (spesso in caso di sforzo o di notte) che persiste
  • mancanza di respiro e difficoltà a respirare profondamente
  • affanno
  • tensione nel petto o nella gabbia toracica

Altri segni più angoscianti possono apparire durante un'esacerbazione (o flare-up):

  • una sensazione di soffocamento
  • difficoltà a riempire o svuotare i polmoni
  • forte affanno.

La durata di un'esacerbazione può variare considerevolmente a seconda dell'individuo, delle circostanze che l'hanno scatenata (durata dell'esposizione e concentrazione del fattore scatenante), e della natura e dell'inizio del trattamento. Può durare qualche ora o diversi giorni.
Tra un episodio e l'altro, la respirazione è di solito normale.

La malattia può influenzare la qualità della vita dei pazienti. In particolare, può portare a insonnia, attività fisica ridotta e assenteismo da scuola o lavoro.

Cause e fattori di rischio dell'asma

L'asma è il risultato di una combinazione di predisposizione genetica e fattori ambientali.

Alcuni dei fattori scatenanti dei sintomi dell'asma sono:

  • fumo di tabacco, incluso il fumo passivo
  • inquinamento dell'aria
  • polvere
  • irritanti chimici (prodotti di pulizia e cosmetici)
  • rapido cambiamento climatico (aria fredda e secca)
  • infezioni respiratorie, soprattutto virali (influenza, bronchiolite ricorrente, rinite non allergica o raffreddori comuni, ecc.)
  • forti emozioni (stress)
  • esercizio fisico (sforzo)
  • il contesto ormonale, in particolare l'asma premestruale.

Anche gli allergeni fanno parte dei fattori scatenanti. Si tratta più spesso di allergeni domestici, che si trovano in casa: acari della polvere in particolare, ma anche peli di animali e muffe. Il polline e il cibo sono meno spesso coinvolti.

Inoltre, la rinite allergica (febbre da fieno) o talvolta nell'asma non allergica la poliposi nasale è anche un fattore aggravante dell'asma. C'è spesso una maggiore destabilizzazione dell'asma nei pazienti che hanno anche una rinite allergica. Ciò è dovuto alla continuità tra le mucose del naso e i bronchi. Così, quando un allergene entra in contatto con una di queste mucose, provoca lo stesso tipo di infiammazione nell'altra.

Il background allergico (o atopico) è uno dei principali fattori di rischio per l'asma nei bambini. Quando solo un coniuge è allergico, il rischio che il bambino sviluppi allergie è del 20-30%. Se entrambi i coniugi sono allergici, il rischio sale al 40-60%. Così, anche se è comune trovare una predisposizione familiare allo sviluppo dell'asma, la trasmissione della malattia asmatica dai genitori ai loro figli è tutt'altro che sistematica.

Diagnosi dell'asma

L'asma è una patologia spesso sotto-diagnosticata. Una visita al medico è raccomandata se il paziente sviluppa una tosse secca persistente, affanno, mancanza di respiro, senso di oppressione al petto, risveglio notturno o limitazioni nelle attività a causa di difficoltà respiratorie.

La diagnosi di asma si basa su un attento interrogatorio del paziente da parte del medico curante sui seguenti argomenti: storia familiare di asma e allergie, i sintomi sperimentati (dispnea, affanno, tosse), la frequenza e l'intensità dei problemi respiratori, le circostanze in cui si scatenano (a casa, al lavoro, durante i picchi di inquinamento, ecc.) e la presenza di eventuali altre infezioni virali (rinite, sinusite, ecc.).

Per confermare la diagnosi di asma, gli esami respiratori funzionali (EFR) sono effettuati da uno pneumologo. Consistono nel misurare le caratteristiche principali del respiro e permettono di valutare la gravità dell'asma.

  • Il FEV1 (volume espiratorio forzato in un secondo) si misura con uno spirometro (un dispositivo elettronico con un boccaglio in cui il paziente soffia) ed è un indice di riferimento dell'ostruzione bronchiale.
    Un disturbo ventilatorio ostruttivo è definito come FEV1 < 80% dei valori previsti* o FEV1/CV (rapporto Tiffeneau) < 70% con CV (o Capacità Vitale) che è la quantità massima di aria che una persona può espellere dai polmoni dopo una massima inspirazione. L'asma può essere diagnosticata se il FEV1 migliora di più di 200 ml e più del 12% del suo valore basale dopo aver preso un broncodilatatore ad azione rapida (salbutamolo).

Prendono in considerazione l'età, il sesso, l'altezza e l'orignie etnica

  • Il PEF (Piccol del Flusso Espiratorio o peak flow) è calcolato utilizzando un misuratore di flusso di picco e misura la velocità massima del respiro del paziente asmatico durante l'espirazione forzata.
    I valori normali o teorici del PEF dipendono dal sesso, dall'età e dall'altezza: sono 400-550 litri al minuto nelle donne e 500-650 litri al minuto negli uomini, ma il PEF viene misurato principalmente per il confronto con la linea di base.

Per ogni paziente, viene registrato il miglior valore ("valore di riferimento") che si ottiene quando l'asma è bilanciato e registrato. Durante il monitoraggio dell'asma, ogni nuova misurazione del PEF del paziente viene confrontata con il suo valore di riferimento, di solito sotto forma di percentuale (= 100 x PEF misurato / PEF di riferimento). Questa è la variabilità del PEF. Una variazione inferiore al 20% è considerata normale.

Durante gli attacchi, si possono prendere i gas sanguigni arteriosi. La stima dei livelli di ossigeno e anidride carbonica nel sangue permette di valutare l'efficienza della respirazione.

I test cutanei (o prick test) dovrebbero anche essere eseguiti per determinare se l'asma è di origine allergica e per identificare gli allergeni coinvolti.

Il controllo dell'asma dovrebbe essere misurato usando un questionario di controllo dell'asma (ACQ) o un test di controllo dell'asma (ACT). Questi questionari sono facili da compilare e possono essere usati per determinare se l'asma è ben controllata (nessun sintomo), non controllata (sintomi inaccettabili) o controllata in modo accettabile (alcuni sintomi). È la misura del controllo dell'asma che detterà il trattamento.

I trattamenti dell'asma

Ci sono 5 livelli di trattamento successivi. Quando l'asma richiede un livello 4 o 5 per essere controllata, si parla di asma grave.

Misure preventive

Le misure preventive sono parte integrante del trattamento dell'asma.

Esse includono:

  • limitare il contatto con gli allergeni incriminati;
  • evitare l'esposizione al tabacco (fumo passivo o attivo) che aumenta le esacerbazioni (peggioramento dei sintomi), riduce la sensibilità ai corticosteroidi (trattamento) e accelera il declino della funzione respiratoria;
  • evitare le sostanze tossiche domestiche (prodotti per la casa, composti organici volatili, ecc.), le sostanze tossiche professionali (silice, fumi tossici, ecc.) e gli inquinanti atmosferici (ozono, ossido di azoto, ecc.);
  • interrompere i farmaci che possono scatenare gli attacchi, in caso di intolleranza all'aspirina, agli antinfiammatori non steroidei (FANS) e ai β-bloccanti.

La vaccinazione è anche raccomandata ogni anno per l'influenza e ogni 5 anni per lo pneumococco.

Trattamento delle esacerbazioni o delle crisi (il cosiddetto trattamento di salvataggio)

Il trattamento è necessario per gli attacchi in tutte le fasi della malattia e il trattamento è lo stesso indipendentemente dallo stadio di gravità dell'asma.

Dal 2019, GINA (Global Initiative for Asthma) raccomanda una nuova strategia per il trattamento sintomatico dei sintomi e delle esacerbazioni.

Raccomanda l'uso di corticosteroidi inalatori a basso dosaggio (CSI)-formoterolo come necessario. Di questi CSI (che hanno un effetto antinfiammatorio sui bronchi), i dati positivi ottenuti finora riguardano l'uso della budesonide (Symbicort Turbuhaler®, Duoresp Spiromax® o Gibiter Easyhaler®), ma anche il BDP o beclometasone dipropionato (Innovair®) sembra essere adatto.

Gli effetti collaterali dei corticosteroidi inalati sono la candidosi orofaringea, la disfonia (raucedine) e la voce rauca. Il risciacquo della bocca dopo l'inalazione è quindi raccomandato per prevenire questi effetti collaterali molto rari.

Come opzione alternativa di trattamento di salvataggio, gli agonisti β2-adrenergici (broncodilatatori) a breve durata d'azione (BAAR) possono essere usati ai primi sintomi di un attacco. Tra questi, i farmaci più prescritti sono il salbutamolo come trattamento di prima linea (Airomir Autohaler®, Ventoline®, Ventilastin Novolizer®), il fenoterolo combinato con ipratropio (Bronchodual®) e la terbutalina (Bricanyl Turbuhaler®). 1 o due soffi dovrebbero essere inalati e ripetuti qualche minuto dopo, se necessario.

Gli agonisti β2-adrenergici possono anche essere usati per prevenire l'asma indotta dall'esercizio fisico o dall'esposizione agli allergeni (1-2 soffi dovrebbero essere inalati 15 minuti prima dell'esercizio o dell'esposizione) e nel trattamento sintomatico dell'asma acuto grave (inalato tramite nebulizzazione o nebulizzazione).

Hanno un effetto entro 2-3 minuti e persistono per 4-6 ore. Gli effetti avversi che possono verificarsi con questi farmaci inalati includono tachicardia, tremore delle estremità, mal di testa e irritazione della gola con tosse.

Più raramente, gli anticolinergici inalati (o antagonisti muscarinici, che causano anche una dilatazione bronchiale) possono anche essere usati nel trattamento sintomatico degli attacchi d'asma, come l'ipratropio bromuro (Atrovent®). Richiedono l'inalazione di 1 o 2 soffi, da ripetere se necessario qualche minuto dopo.

Trattamenti di fondo (o di controllo)

Lo scopo del trattamento di fondo è quello di ridurre la frequenza e l'intensità dei sintomi.

Non si applica all'asma di livello 1, che richiede solo il trattamento dei sintomi su richiesta, ma diventa necessario dal livello 2 in poi.

Per il trattamento continuo dell'asma persistente negli adulti e dell'asma grave nei bambini, si raccomanda l'uso di corticosteroidi inalatori (CSI) a basso dosaggio giornaliero: Beclometasone (Beclojet®, Beclospray®, Becotide®, Qvar®, Beclone®, Bemedrex®, Miflasone®), ciclesonide (Alvesco®), fluticasone propionato (Flixotide®), budesonide (Pulmicort®, Novopulmon®, Miflonil®) e mometasone (Asmanex®).

La risposta agli CSI è molto variabile da un individuo all'altro e le loro dosi sono aumentate in funzione del controllo dell'asma, a condizione che il trattamento sia ben assunto (buona osservanza) e che si tenga conto dei fattori scatenanti. Di solito richiedono 2 dosi giornaliere.

Un'altra opzione di trattamento per controllare l'asma allo stadio 2 sono gli antagonisti dei recettori dei leucotrieni o ARL, come il montelukast (Singulair®), che richiedono 1 compressa da 10 mg al giorno al momento di coricarsi.

Poi, dal livello 3 in poi, gli agonisti β2-adrenergici a lunga durata d'azione (BALA) sono prescritti per il trattamento sintomatico in corso dell'asma (bassa dose per il livello 3 e media dose per il livello 4). Richiedono da 1 a 2 inalazioni due volte al giorno.

Hanno un'azione rapida, come il formoterolo (Formoair® o Atimos®), o un'azione ritardata, come il salmeterolo (Serevent®) dopo 15 minuti, ma di lunga durata (12 ore).

Sono prescritti in combinazione fissa con corticosteroidi a basso o medio dosaggio: formoterolo + beclometasone (Formodual® o Innovair®), formoterolo + budesonide (Symbicort®), formoterolo + fluticasone (Flutiform®) o salmeterolo + fluticasone (Seretide®).

Infine, per il trattamento dell'asma grave (stadi 4 e 5), si usa una combinazione di CSI/BALA ad alte dosi ed eventualmente anticolinergici a lunga durata d'azione come il tiotropio (Spiriva®).

Anche le bioterapie (trattamenti con organismi viventi o sostanze provenienti da questi organismi) possono essere utilizzate. Questi includono anticorpi anti-IgE come omalizumab (Xolair®), anti-IL5/5R come mepolizumab (Nucala®) e anticorpi anti-IL4/IL13R come dupilumab (Dupixent®). Questi ultimi 3 trattamenti sono somministrati tramite iniezione sottocutanea da un professionista della salute. Sono destinati ai pazienti con asma grave che devono essere gestiti da uno specialista dell'asma. Un'altra terapia innovativa per questi pazienti è la termoplastica bronchiale, che si basa sulla distruzione del muscolo bronchiale mediante radiofrequenza durante un'endoscopia.

>> Leggete il nostro articolo "Cos’è una bioterapia? Speciale asma" <<

 

A volte è ancora necessario utilizzare glucocorticoidi orali (CSO) come il prednisolone (Solupred®), il betametasone (Celestene®) o il desametasone (Dectancyl®). La durata del trattamento e la dose utilizzata devono essere il più breve possibile, poiché causano numerosi effetti avversi (aumento di peso, fragilità della pelle, deperimento muscolare, osteoporosi, ecc.) Il trattamento delle esacerbazioni si basa sull'uso di prednisolone o prednisone per 5 giorni.

Richiedono 1 dose al mattino (+ 1 alla sera se la dose è alta) con un pasto.

Infine, il passaggio da una fase di trattamento all'altra si basa sul livello di controllo dell'asma misurato dall'ACQ o dall'ACT:

  • se il trattamento permette il controllo dell'asma per 3 mesi, c'è la possibilità di ridurre progressivamente le dosi o il numero di molecole utilizzate;
  • Al contrario: se l'asma non è controllata, è possibile aumentare le dosi di corticosteroidi inalatori (CSI) o aggiungere una molecola. Tuttavia, prima di iniziare una scalata terapeutica, è consigliabile controllare che il trattamento venga assunto correttamente, poiché i fallimenti sono più spesso dovuti alla non conformità. Ecco perché l'educazione terapeutica del paziente è essenziale nell'asma.

Asma acuta

In caso di insorgenza acuta o rapidamente progressiva dei sintomi, deve essere presa in considerazione una consultazione di emergenza.

Il trattamento dell'asma acuta dovrebbe essere iniziato a casa dal paziente prendendo 2 soffi del suo broncodilatatore ad azione rapida, ripetuti ogni 10 minuti se non c'è miglioramento. Se non c'è miglioramento o se c'è una reale sensazione di soffocamento all'inizio, deve essere considerata come asma acuta grave e il paziente deve chiamare il 118 o il pronto soccorso. Non dovreste andare all'ospedale da soli, ma aspettare i soccorsi.

Durante il trattamento in ospedale, vengono utilizzati β2-agonisti ad alte dosi a breve durata d'azione come nebulizzatori (fogging), con l'aggiunta di ossigeno e corticosteroidi orali (prednisolone).

È poi importante evitare le ricadute (il 30% degli asmatici ha una ricaduta entro un mese). Per fare questo, la terapia corticosteroidea orale (uso di corticosteroidi) è estesa da 3 a 7 giorni. È necessario seguire o rinforzare il trattamento di fondo ed è importante assicurarsi che il proprio trattamento sia sempre disponibile e imparare a usare correttamente il proprio dispositivo di inalazione.

Convivere con l'asma

Uso corretto dei dispositivi di inalazione

Ogni tipo di inalatore ha una tecnica specifica per l'uso.

Ci sono diverse categorie di dispositivi:

  • inalatori dosatori pressurizzati: il farmaco è in un flacone spray (è sospeso in un liquido ed è spinto da un gas). Quando si preme il flacone, una precisa dose di medicina viene rilasciata in un soffio. La pressione sulla bombola e l'inalazione devono essere simultanee: è quindi necessaria una buona coordinazione mano-bocca.
  • inalatori a dosaggio automatico: seguono lo stesso principio, ma il farmaco viene somministrato automaticamente, tramite una lenta inspirazione.
  • inalatori a polvere secca: il farmaco è sotto forma di polvere secca dosata in una capsula o nel dispositivo dell'inalatore. Un meccanismo (pulsante, manopola, ecc.) permette di rilasciare la dose di medicinale e di inalare un respiro profondo.
    Gli inalatori a polvere secca possono essere monodose (capsula da inserire nel dispositivo prima dell'inalazione) o multidose (serbatoio con molte dosi, dotato di un contatore di dosi).Questi inalatori sono sensibili all'umidità: è quindi necessario non soffiare nel dispositivo, non lavarlo e tenerlo asciutto.
  • nebulizzatori: il farmaco è contenuto in una miscela di aria e acqua. Viene spruzzato sotto forma di goccioline sottili e inalato attraverso una maschera o un boccaglio.

Tuttavia, ci sono 3 linee guida che si applicano a tutti i tipi di inalatori:

  • Espirare profondamente per svuotare i polmoni
  • Respirare profondamente mentre usate l'inalatore
  • Trattenere il respiro per 10 secondi.

Infine, va notato che in caso di esacerbazioni dell'adulto o di difficoltà nell'uso di inalatori dosatori, si può usare una camera di inalazione. Questo evita la coordinazione mano-bocca e riduce la velocità e la dimensione delle particelle (migliorando così la loro deposizione nei polmoni).

È composta da due parti: un serbatoio che si inserisce sopra l'aerosol, l'altro che si mette sopra la bocca. Una maschera facciale è necessaria per i bambini sotto i 6 anni, altrimenti è sufficiente un boccaglio. Devono essere puliti con acqua dopo ogni uso. L'intera camera deve essere pulita con acqua una volta alla settimana e deve essere cambiata quando diventa opaca.

Valutazione del controllo dell'asma

La natura e l'intensità del trattamento di fondo è determinata dal livello di controllo dell'asma.

Esistono diversi strumenti per valutare il suo controllo:

  • i criteri GINA che definiscono 3 livelli di controllo dell'asma:
    • asma controllata se tutti gli elementi sono convalidati (nessun sintomo durante il giorno o meno di 2 alla settimana, nessun sintomo notturno, nessun trattamento di salvataggio e un rapporto FEV1/PEF normale;
    • asma parzialmente controllata se almeno 1 elemento è presente in una settimana (più di 2 sintomi diurni, presenza di sintomi notturni, uso di più di 2 trattamenti di salvataggio per settimana e FEV1/PEF < 80%)
    • asma non controllata quando sono presenti più di 3 elementi di controllo parziale durante una settimana.
  • Questionario ACT (Asthma Control Test): se il punteggio è < 20 allora l'asma è considerata insufficientemente controllata;
  • il valore del flusso espiratorio di picco (PEF o peak flow): corrisponde alla velocità massima del respiro di un paziente asmatico durante un'espirazione forzata;
  • il numero di volte che un attacco viene trattato è anche un indicatore del controllo dell'asma.

Le ragioni dell'asma incontrollata possono essere varie:

  • trattamento di fondo inadeguato o insufficiente
  • scarsa adesione al trattamento da parte del paziente (ad esempio a causa dello sviluppo di effetti collaterali)
  • uso scorretto dei dispositivi di inalazione
  • esposizioni ambientali a fattori scatenanti
  • infezioni otorinolaringoiatriche associate
  • sovrappeso e obesità.

Le misurazioni del flusso di picco o peak flow dovrebbero essere effettuate regolarmente ed è consigliabile mantenere un programma di vaccinazione aggiornato.

L'asma durante la gravidanza 

La maggior parte dei trattamenti per il controllo dell'asma sono sicuri in gravidanza. I corticosteroidi inalati (CSI) e i β2-agonisti a lunga durata d'azione inalati (BALA) hanno un alto rapporto beneficio/rischio in gravidanza e dovrebbero essere usati senza riserve secondo le raccomandazioni GINA.

L'asma non controllata, d'altra parte, può essere associata ad un aumentato rischio di:

  • pre-eclampsia (ipertensione arteriosa e proteine nelle urine che portano a gravi complicazioni), placenta previa (posizione anomala della placenta che può essere responsabile di gravi sanguinamenti), emorragia (sanguinamento);
  • parto cesareo;
  • aborto spontaneo;
  • diabete gestazionale;
  • basso peso alla nascita o nascita prematura.

Tuttavia, è possibile avere un bambino se l'asma materna è ben trattata. Pianificare la gravidanza con il medico, non interrompere il trattamento di base, osservare i segni di peggioramento dell'asma (funzione respiratoria ridotta) e proteggersi dai fattori scatenanti o irritanti (non fumare) sono solo alcuni dei modi per avere una gravidanza senza complicazioni.

L'asma nei bambini

Il più delle volte è di origine allergica: vengono quindi effettuati dei prick test (test di sensibilità cutanea) per identificare i diversi tipi di allergie coinvolte.

Gli obiettivi particolari per i bambini asmatici sono di mantenere una vita scolastica e sportiva normale.

Il trattamento è lo stesso degli adulti, ma le tecniche di inalazione sono diverse con l'uso di una camera di inalazione con una maschera o un boccaglio.

C'è una classificazione diversa per i bambini sotto i 36 mesi di età (a seconda della gravità, i fattori scatenanti, l'esistenza di atopia o terreno allergico genetico o l'evoluzione).

Asma e attività fisica

L'attività fisica è raccomandata negli asmatici in quanto permette di aumentare le capacità respiratorie (con rafforzamento dei muscoli respiratori come il diaframma), di assicurare un migliore controllo dell'asma e di migliorare la tolleranza allo sforzo, oltre ad un effetto benefico sul morale, la riduzione dei rischi cardiovascolari e una migliore resistenza allo stress.

Tuttavia, prima di iniziare un'attività fisica, si raccomanda di fissare un appuntamento con il medico curante per verificare il corretto controllo dell'asma e scegliere uno sport adatto.

Non esiste uno sport specifico raccomandato per gli asmatici. Può essere interessante praticare:

  • camminare veloce, trekking, ciclismo o pattinaggio che migliorano la capacità respiratoria;
  • nuoto o acquagym;
  • yoga o tai chi che favoriscono il controllo della respirazione;
  • sport collettivi come pallavolo, pallamano, ecc;
  • ma anche tennis, danza, ginnastica, arrampicata, canottaggio, ecc...

Gli unici sport che non sono raccomandati nelle persone asmatiche sono:

  • immersioni subacquee con bombole perché l'aria compressa nella bottiglia è fredda e completamente asciutta, che può innescare una crisi nel soggetto asmatico.È tuttavia possibile praticare questo sport in caso di asma non grave e ben controllato dopo il rilascio di un certificato da parte di un medico della Federazione  di studi e sport subacquei;
  • paracadutismo e altri sport che espongono a variazioni significative di pressione atmosferica.    

30 minuti di attività fisica moderata sono raccomandati al giorno. Ed è importante notare che l'attività fisica può essere parte della vita quotidiana. Cambiamenti di abitudini permettono anche di muoversi e di migliorare il soffio: prendere le scale al posto dell'ascensore o della scala mobile, muoversi a piedi o in bicicletta piuttosto che prendere i trasporti o l'automobile, ecc...

Inoltre, è importante conoscere i fattori che favoriscono l'asma da sforzo (che può verificarsi durante o dopo lo sforzo fisico):

  • uno sforzo di lunga durata e di forte intensità;
  • aria fredda e secca;
  • l'inquinamento atmosferico;
  • pollini, in caso di asma allergica
  • un asma mal controllato con una notevole infiammazione dei bronchi, che li rende molto reattivi ai fattori scatenanti.

Per prevenire l'asma da sforzo è quindi importante:

  • di effettuare un riscaldamento progressivo;
  • adattare l'intensità del suo sforzo alle sue capacità e al controllo della sua asma
  • idratarsi regolarmente durante la sua attività;
  • di cessare progressivamente lo sforzo.

Il medico può anche prescrivere, se necessario, l'assunzione di 1 o 2 soffi del suo trattamento di crisi, 10 o 15 minuti prima dello sforzo, al fine di limitare il rischio di attacchi d'asma durante l'esercizio fisico.

Asma e viaggi

Un cambiamento di ambiente può scatenare i sintomi dell'asma. È quindi importante prendere le precauzioni necessarie prima di partire per un viaggio: valutare il controllo della propria asma, informarsi sulla situazione locale, adattarsi ai mezzi di trasporto e preparare adeguatamente i trattamenti.

Prima di viaggiare, è consigliabile prendere un appuntamento con il proprio medico per assicurarsi che l'asma sia ben controllata. È sconsigliato partire alcuni giorni dopo un attacco d'asma grave, che riflette una cattiva stabilizzazione dell'asma. È meglio ritardare la partenza affinché il trattamento modificato o rinforzato possa avere effetto e l'asma possa essere equilibrata.

È importante evitare i climi secchi, freddi o molto caldi, che favoriscono gli attacchi d'asma. I luoghi ad altitudini molto elevate (sopra i 2500m) e le città molto inquinate (Pechino, Città del Messico, Nuova Delhi, ecc.) dovrebbero essere evitati. Se siete allergici al polline, non è nemmeno consigliabile andare in campagna al momento dei picchi di polline.

Inoltre, gli interni polverosi o umidi dovrebbero essere evitati. Può essere utile fornire la propria biancheria da letto (fodera antiacaro, cuscino sintetico...) per evitare allergie ed è importante arieggiare le stanze. Infine, è bene evitare i luoghi con animali se si è allergici (fattorie, maneggi, ecc.).

I viaggi in aereo non sono un rischio per le persone con asma ben controllata. Tuttavia, è importante tenere il suo farmaco per l'asma con lei in cabina. Si consiglia anche di chiudere le prese d'aria regolabili. Infine, i contenitori degli inalatori non devono essere messi nella stiva perché possono essere svuotati quando la pressione si riduce.

Quando si viaggia in treno, è importante portare qualcosa con cui coprirsi (sciarpa, maglione, ecc.) perché la temperatura può essere bassa con l'aria condizionata, in netto contrasto con l'aria esterna, e bisogna evitare i posti vicino alle finestre perché sono all'altezza delle griglie di ventilazione che sollevano polvere.

Quando si viaggia in auto, non usare troppo l'aria condizionata e, se possibile, usare un sistema di condizionamento con un filtro d'aria. Nelle zone altamente inquinate (periferia, cantieri, irrorazione di pesticidi, ecc.), evitate di aprire le finestre a causa della polvere e dei fumi di scarico. Dovresti anche assicurarti che l'interno dell'auto sia regolarmente spolverato, evitare di usare deodoranti e chiedere alla tua famiglia di non fumare in auto. Infine, non lasciate i vostri trattamenti inalatori esposti al sole perché il contenuto potrebbe esplodere.

Inoltre, è imperativo portare con sé i vari trattamenti: il broncodilatatore ad azione rapida in caso di attacco d'asma (da tenere con sé durante il viaggio e in viaggio), il farmaco di fondo quotidiano (con la confezione e le istruzioni, e in quantità sufficiente per la durata del soggiorno), l'ultima prescrizione del medico curante (per rinnovare il trattamento abituale se necessario), compresse di corticosteroidi (prescritte dal medico per attacchi gravi) e un misuratore del picco di flusso (per pazienti con asma grave). È anche possibile portare con sé dell'adrenalina iniettabile per le persone che possono avere reazioni allergiche importanti e pericolose (angioedema e caduta della pressione sanguigna).

È anche importante aggiornare le vaccinazioni prima della partenza. I pazienti allergici alle proteine dell'uovo devono stare attenti perché alcuni vaccini contengono proteine dell'uovo. Per esempio: i vaccini contro la febbre gialla, l'encefalite da zecche, il morbillo, la parotite e l'influenza.

Infine, possono essere utili i contatti di vari medici, centri di emergenza e servizi di rimpatrio locali.

In conclusione, l'asma è una malattia respiratoria cronica che colpisce sempre più persone in tutto il mondo. Se ben controllata, l'asma non ha molto impatto sulla vita quotidiana e i pazienti possono vivere una vita praticamente normale. Tuttavia, bisogna fare attenzione a che il trattamento sia preso correttamente, perché l'asma mal controllata può portare a gravi attacchi, che possono causare gravi complicazioni.

avatar Alexandre Moreau

Autore: Alexandre Moreau, Assistente Marketing Digitale

All'interno del team del Digital Marketing, Alexandre è responsabile della redazione delle schede malattie e degli articoli scientifici. Si occupa anche della moderazione e dell'animazione della... >> Per saperne di più

Chi ha riveduto: Antoine Magnan, Pneumologo

Pneumologo, specializzato nella ricerca nel campo dell'asma grave e trapianto di polmoni. Presidente della Commissione Medica dell'Ospedale Universitario di Nantes e Presidente del Comitato Nazionale di Coordinamento... >> Per saperne di più

La community Asma

Ripartizione dei 1 968 membri su Carenity

Età media dei nostri pazienti

Schede malattie

Asma sul forum

Vedi il forum Asma

News Asma

il 24 ago 2021

L'asma è ereditaria?

Leggi l’articolo

il 29 apr 2021

L'asma notturna: cos'è ?

Leggi l’articolo
Vedi più news

Testimonianze Asma

Vedi più testimonianze