«
»

Top

Dismenorrea: come alleviare il dolore durante le mestruazioni?

13 ott 2020

Il termine dismenorrea si riferisce ai disturbi mestruali in generale, ma è comunemente usato per indicare il dolore al basso addome che precede o accompagna le mestruazioni.La dismenorrea colpisce circa il 60-80% delle adolescenti e il 30-50% delle donne in età fertile e può durare dall'adolescenza alla perimenopausa.Quali sono i sintomi reali della dismenorrea? Quali sono le cause? Quali sono le possibili complicazioni? Come si può alleviare il dolore legato alla dismenorrea? 
Dismenorrea: come alleviare il dolore durante le mestruazioni?

Cos'è la dismenorrea?

La dismenorrea è un dolore che precede, accompagna o segue le mestruazioni. Questo dolore dura di solito da 2 a 3 giorni. La dismenorrea grave colpisce una donna su quattro.
Ci sono due forme di dismenorrea:
  • la dismenorrea primitiva (la forma più comune),
  • la dismenorrea secondaria (dovuta ad anomalie pelviche).
La metà delle donne che soffrono di dismenorrea sono affette dalla sua forma primaria. Le mestruazioni sono dolorose per la ragazza fin dal primo ciclo mestruale o, il più delle volte, entro i 18 mesi seguenti.
La dismenorrea primitiva non è legata ad alcun particolare disturbo ginecologico e il dolore si attenua o scompare gradualmente nel tempo.
Al contrario, per la dismenorrea secondaria, le mestruazioni possono diventare dolorose nella donna più matura che, fino ad allora, non aveva mai sofferto. Una causa organica è spesso all'origine. Queste cause possono essere:
  • endometriosi (la causa più comune di dismenorrea secondaria),
  • infezioni genitali croniche (metrite, salpingite, douglassiti, infiammazione della base del legamento largo, parametriti...)
  • fibromi uterini in necrobiosi,
  • lesioni tubolari (salpingite, hydrosalpinx, piosalpinx...),
  • lesioni ovariche (ovarite),
  • il dispositivo intrauterino (spirale) che rilascia rame.

Quali sono i sintomi della dismenorrea?

La dismenorrea è un dolore che appare sotto forma di crampi pelvici (nel basso addome). Questi dolori compaiono spesso prima o all'inizio delle mestruazioni, ma possono anche manifestarsi durante tutto il periodo in casi più rari.
La dismenorrea è accompagnata anche dai seguenti sintomi:
  • nausea,
  • vomito,
  • diarrea,
  • febbre,
  • dolore alla schiena e alla gamba,
  • sensazione di malessere.
Per alcune donne, il dolore può essere disabilitante per la sua intensità o durata. Di conseguenza, alcune donne potrebbero non essere in grado di svolgere le loro attività (lavoro, sport o altro) per uno o più giorni.

Come si spiega la dismenorrea?

Il dolore pelvico nel basso addome o nella parte bassa della schiena è legato alle contrazioni dell'utero. Quando non c'è gravidanza, perché l'ovulo non è stato fecondato, le ovaie smettono di produrre estrogeni e progesterone. Infatti, le contrazioni uterine sono innescate. Questo permette di espellere l'endometrio (il rivestimento mucoso dell'utero) e il sangue.
Nelle donne soggette a dismenorrea, l'utero si contrae più intensamente. Si ritiene che ciò sia dovuto alla sovrapproduzione di prostaglandine (sostanze secrete dall'endometrio che scatenano le contrazioni). Le prostaglandine agiscono anche su muscoli diversi dall'utero, ciò che potrebbe spiegare gli altri sintomi che accompagnano la dismenorrea (nausea, vomito, mal di testa, malessere...).
La percezione delle contrazioni è diversa da una donna all'altra. Alcuni si sentiranno a disagio, altri soffriranno molto. In generale, il dolore è maggiore nei periodi di ciclo pesante perché l'utero deve contrarsi più intensamente per evacuare l'endometrio.

C'è il rischio di complicazioni dovute alla dismenorrea?

Nella maggior parte dei casi, la dismenorrea non ha altre conseguenze tranne un forte dolore per le persone soggette. Quando il dolore è particolarmente intenso e ripetuto, può portare a disagio psicologico e persino alla depressione.
Tuttavia, è essenziale trattare il disturbo ginecologico che potrebbe essere responsabile della dismenorrea per evitare che peggiori.

Quali sono i trattamenti per la dismenorrea?

I trattamenti farmacologici:

In generale, gli specialisti prescrivono analgesici o paracetamolo per alleviare il dolore, spasmolitici contro le contrazioni (Spasfon la maggior parte del tempo) e farmaci antinfiammatori per calmare l'infiammazione.
Si consiglia di assumerli all'inizio delle mestruazioni, anche se il dolore non è ancora grave, e di continuare ad assumerli fino alla scomparsa dei sintomi. Un periodo di trattamento di 2 giorni è spesso sufficiente.

Contraccettivi orali:

Il dolore può essere alleviato con un contraccettivo orale perché previene l'ovulazione, riduce la produzione di prostaglandine e riduce anche il flusso mestruale. Con l'assunzione di un contraccettivo, la durata e l'abbondanza delle mestruazioni possono essere ridotte, così come il dolore che le accompagna. 
Alcune donne decidono di interrompere del tutto le mestruazioni scegliendo una pillola anticoncezionale (che impedisce il concepimento) in modo continuo o optando per il Depo-Provera® (un contraccettivo somministrato tramite iniezione che provoca amenorrea - cessazione completa delle mestruazioni).

Le piante possono anche alleviare i dolori:

  • foglie di lampone contengono flavonoidi con proprietà antispasmodiche e toniche. Sono quindi ideali per combattere i crampi e gli spasmi dovuti alla contrazione dell'utero durante le mestruazioni. Preparate l'infusione con 1 o 2 cucchiaini di foglie di lampone essiccate in una tazza di acqua bollente per 10 minuti. Da consumare 3 volte al giorno prima e durante le mestruazioni.
  • La salvia contiene una quantità significativa di fitoestrogeni ed è considerata antinfiammatoria e antispasmodica. In questo modo allevierà naturalmente la dismenorrea e regolerà i cicli mestruali irregolari. Potete fermentare 1 cucchiaino di foglie di salvia in una tazza di acqua bollente per 10 minuti. Da consumare 3 volte al giorno durante le mestruazioni.
  • L'achillea contiene flavonoidi e azulene, due componenti ritenuti antispasmodici, antinfiammatori e rilassanti. Si raccomanda per alleviare i crampi e i dolori di stomaco. Preparate 1 pizzico di cime fiorite in una tazza di acqua bollente per 10 minuti. Da consumare 3 volte al giorno prima e durante i primi giorni delle mestruazioni.
Non esitate a usare una borsa dell'acqua calda per alleviare i vostri dolori. Il calore della borsa dell'acqua calda diffusa direttamente sul basso addome farà dilatare i vasi sanguigni, che aumenterà l'apporto di ossigeno e quindi rilasserà i muscoli dell'utero per ridurre il dolore legato ai crampi.
Infine, se le mestruazioni sono troppo dolorose e i sintomi sono disabilitanti, non esitate a consultare il vostro medico o il ginecologo per un consiglio.


Questo articolo vi è stato utile?

Condividete le vostre opinioni e le vostre domande con la comunità nei commenti qui sotto!

Forza a tutte e tutti!

avatar Candice Salomé

Autore: Candice Salomé, Community Manager Francia

Candice Salomé è Community Manager Francia di Carenity. Si occupa anche della redazione di articoli per la Rivista Salute. È responsabile del fidanzamento dei membri sulla piattaforma francese di... >> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche

Influenza stagione invernale 2020-2021: cosa bisogna sapere prima di farsi vaccinare?

Influenza stagione invernale 2020-2021: cosa bisogna sapere prima di farsi vaccinare?

Leggi l’articolo
Nastro Rosa si impegna nella lotta contro il tumore del seno durante il mese di Ottobre!

Tumore del seno

Nastro Rosa si impegna nella lotta contro il tumore del seno durante il mese di Ottobre!

Leggi l’articolo
Cos'è un medicinale generico? E qual è la differenza con un medicinale di marca?

Cos'è un medicinale generico? E qual è la differenza con un medicinale di marca?

Leggi l’articolo
Tutto quello che c'è da sapere sui trattamenti con corticosteroidi (cortisone): utilità, dosaggio, effetti collaterali...

Tutto quello che c'è da sapere sui trattamenti con corticosteroidi (cortisone): utilità, dosaggio, effetti collaterali...

Leggi l’articolo