«
»

Top

Falsi ricordi: la nostra memoria può tradirci?

Pubblicata il 11 gen 2022 • Da Candice Salomé

I falsi ricordi, conosciuti anche come "illusioni di memoria" o "pseudo-memorie", sono ricordi che sono distorti dalla realtà, coinvolgendo interpretazioni e inferenze. Più drammaticamente, possono anche prendere la forma di eventi che non sono mai accaduti. 

Allora perché la nostra memoria a volte ci tradisce? Quali sono i meccanismi dei falsi ricordi? E cosa li provoca? 

Vi diciamo tutto nel nostro articolo! 

Falsi ricordi: la nostra memoria può tradirci?

Spesso la nostra memoria ci gioca brutti scherzi. A volte dimentichiamo delle cose, e a volte i nostri ricordi presentano una realtà approssimativa o addirittura molto distorta. È anche possibile che il nostro cervello costruisca un ricordo di un evento che non è mai accaduto. Questi falsi ricordi non sono sempre banali in termini di conseguenze che possono avere.  

Cos'è un ricordo? 

Secondo la definizione data dal Larousse, un ricordo è "la sopravvivenza, nella memoria, di una sensazione, un'impressione, un'idea, un evento passato"

Un ricordo cambia ed è costantemente creato o ricostruito. Questo perché il cervello combina elementi già presenti nella memoria con ciò che sente, impara e pensa nel tempo. 

Questo fenomeno è particolarmente vero per la memoria "episodica". Questa è la memoria che riguarda i ricordi della nostra vita personale. Così, un ricordo non è mai statico e si arricchisce di nuove informazioni o di un nuovo commento ad ogni storia. 

Con il tempo, sembra quasi impossibile poter dire quanto sia vero un ricordo. Ci sarà un po' di verità nel ricordo, ma anche un po' di falsità. 

I ricordi sono come dei puzzle. Per esempio, un odore può ricordarti un ricordo d'infanzia, un brano musicale può ricordarti le tue vacanze. Da una sensazione, altri canali sensoriali si attivano e ricostruiscono il ricordo. 

I nostri ricordi sono ricostruzioni e l'immaginazione riempie gli spazi vuoti di elementi non ricordati per dare coerenza alla narrazione del ricordo. 

Perché la nostra memoria distorce i ricordi? 

Nella nostra vita, ci sono più ricordi falsi che veri, anche tra i ricordi più recenti. 

Freud era particolarmente interessato a questo argomento, cercando il significato che i falsi ricordi potevano avere per l'individuo. Perché la nostra memoria produce falsi ricordi? 

La memoria si ricostruisce regolarmente e integra eventi scoperti nel presente che si mescolano con altri, più o meno vecchi e più o meno simili. 

Infatti, la memoria non è in grado di restituire la realtà pura, quindi fa una narrazione della realtà. Per convinzione personale o per convinzione indotta, fabbrichiamo poi dei falsi ricordi. 

La ricerca ha anche dimostrato che quando un ricordo viene evocato in un contesto positivo, esso stesso diventerà più positivo della sua versione originale. Allo stesso modo, quando un ricordo negativo viene richiamato in un contesto negativo, diventerà ancora più negativo dell'originale. 

I falsi ricordi non sono una cosa grave, purché non diano luogo a una falsa testimonianza o non siano malignamente indotti da una persona malintenzionata, per esempio. 

Tuttavia, a volte può succedere che, anche se vi sembra di ricordare accuratamente un ricordo d'infanzia, esso non sia mai esistito. 

Cos'è la confabulazione? 

La confabulazione è definita come il verificarsi di ricordi di eventi che non sono mai accaduti. Sono casi molto rari. In effetti, la maggior parte dei falsi ricordi ha le sue radici nel passato. 

Ci sono diverse forme di confabulazione. 

La forma più benigna è la produzione di piccoli errori o aggiunte quando si cerca di estrarre dalla propria memoria più informazioni di quelle che si sono effettivamente immagazzinate. Questo si chiama "confabulazione indotta". 

Questo può succedere a chiunque, ma è più comune dopo una lesione cerebrale.

Le "confabulazioni fantastiche", invece, sfidano ogni senso della realtà. Sono legate a gravi disturbi del pensiero e si verificano più spesso nei casi di demenza avanzata

Tra queste due forme di confabulazione ci sono le "confabulazioni momentanee". Si tratta di falsi resoconti di eventi o attività che una persona produce in risposta a domande o in una discussione.

Secondo il Prof. Armin Schnider, capo del dipartimento di neuroriabilitazione dell'Ospedale Universitario di Ginevra (HUG) e professore alla facoltà di medicina dell'Università di Ginevra, nella maggior parte dei casi di confabulazione, la parte anteriore del cervello è danneggiata. Questo può essere il risultato della rottura di un aneurisma o di un trauma cranico.

Il danno è nella corteccia orbitofrontale sopra gli occhi, che è responsabile del filtraggio della realtà. Quest'area del cervello è responsabile di determinare se un pensiero si riferisce al presente. Questo avviene molto rapidamente, tra 200 e 300 millisecondi, senza che ci rendiamo conto del contenuto del pensiero in questione. 

Sempre secondo il Prof. Armin Schnider, i pazienti affetti da queste lesioni non imparano dai loro errori quando vedono che le loro anticipazioni non si avverano. 

Cos'è il "deja vu"? 

A differenza della confabulazione, il deja vu non è una confusione di passato e presente. Al contrario, è una sensazione di maggiore familiarità con il momento presente. Rimaniamo connessi alla realtà

In effetti, molti di noi hanno già sperimentato, per qualche secondo, la sensazione di essere stati in una casa sconosciuta, per esempio. Questo è impossibile, ma la sensazione è abbastanza comune. Circa 7 persone su 10 l'hanno sperimentato almeno una volta nella loro vita. 

Questo è dovuto a certi indizi come un odore, la luce, la voce della persona accanto a noi in quel momento che attiverà la "zona di familiarità"

Per quanto riguarda il cervello, si dice che il deja vu sia causato da un'interazione tra la corteccia temporale - che elabora le informazioni sensoriali - e l'ippocampo, coinvolto nella memoria e nel senso di familiarità. Due meccanismi distinti, due regioni cerebrali diverse, il deja vu e la confabulazione hanno in comune solo le questioni scientifiche che sollevano ancora oggi.

Avete trovato utile questo articolo? 

Cliccate su "mi piace" o condividete i vostri sentimenti e le vostre domande con la comunità nei commenti qui sotto!  

Forza a tutte e tutti! 

8
avatar Candice Salomé

Autore: Candice Salomé, Redattrice di Salute

Creatrice di contenuti presso Carenity, Candice è specializzata nella scrittura di articoli sulla salute. Ha un interesse particolare nei campi della psicologia, del benessere e dello sport. 

Candice ha... >> Per saperne di più

1 commento


Vincenzo16
il 20/01/22

vede a mio avviso dopo avere fatto decine di migliaia di km in macchina e anche per sport non solo per lavoro si è meglio fare molta attenzione ai de javou e tenerli ben accorati dalle decisioni improvvise tant è che se hai due amici non con tutti e due devi ripetere la stessa cosa

Ti piacerà anche

Covid-19 e influenza, quali sono le differenze?

Covid-19 e influenza, quali sono le differenze?

Leggi l’articolo
Il distanziamento sociale: come funziona?

Il distanziamento sociale: come funziona?

Leggi l’articolo
Coronavirus e malattie croniche

Coronavirus e malattie croniche

Leggi l’articolo
Coronavirus: cosa c'è da sapere?

Coronavirus: cosa c'è da sapere?

Leggi l’articolo

Discussioni più commentate