«
»

Top

I farmaci da non mescolare mai con l'alcol!

Pubblicata il 29 ago 2022 • Da Berthe Nkok

L'assunzione di farmaci con l'alcol può causare effetti collaterali gravi come sonnolenza, disidratazione e difficoltà respiratorie.

Ma quali sono i farmaci che non dovrebbero mai essere mescolati con l'alcol? Perché?

Vi raccontiamo tutto nel nostro articolo! 

I farmaci da non mescolare mai con l'alcol!

Molti trattamenti interagiscono con l'alcol e possono talvolta causare gravi effetti collaterali. Nausea, coma o insufficienza respiratoria, gli effetti dell'alcol associati ad alcune molecole sono complessi.

In linea di principio, esistono due scenari possibili. L'alcol può ritardare la scomposizione dei farmaci, prolungandone gli effetti nell'organismo e causando effetti collaterali. Oppure, al contrario, l'alcol può anche accelerare la digestione delle molecole e ridurre notevolmente l'efficacia del trattamento.

Per comprendere meglio i pericoli del cocktail di alcol e farmaci, è necessario ricordare i pericoli dell'alcol.

Quali sono i pericoli dell'alcol?

È noto che l'alcol è pericoloso per la salute e deve essere consumato con moderazione per una serie di motivi, tra cui le sue proprietà psicotrope e i suoi effetti, come l'aggressività, gli incidenti stradali, il coma etilico, ecc. 

Tuttavia, svolge anche un ruolo importante nello sviluppo di molte malattie come il cancro, le malattie epatiche, i disturbi cardiovascolari e digestivi, i disturbi del sistema nervoso e i disturbi psichiatrici

Quali farmaci non devono essere mescolati con l'alcol?

Gli effetti dell'alcol in combinazione con i farmaci dipendono principalmente dalla durata dell'esposizione all'alcol e dalla dose di farmaco assunta. Tuttavia, nella maggior parte dei casi, il rischio si riduce con l'uso occasionale o saltuario di alcol e con la riduzione della dose del trattamento in questione, ma mai senza il consiglio di un professionista della salute

Alcol e psicofarmaci

In generale, l'alcol influisce sul sistema nervoso centrale. Di conseguenza, ha un effetto depressivo sul cervello, come altri farmaci quali ansiolitici, sonniferi, neurolettici e tranquillanti. Agendo sugli stessi recettori, l'alcol rafforza gli effetti di questi farmaci, soprattutto quelli sedativi. Pertanto, questa miscela deve essere assolutamente evitata perché può causare difficoltà respiratorie, coma e persino la morte, oltre a sonnolenza e confusione

Queste controindicazioni si applicano anche agli oppiacei o ad alcuni antistaminici. Secondo il sito web del CDC, l'alcol è responsabile del 22% dei decessi legati agli oppiacei. Pertanto, si consiglia vivamente di astenersi dall'alcol durante il trattamento con ansiolitici, ipnotici, oppiacei e persino neurolettici.

Alcol e antiepilettici

Se l'alcol può intensificare gli effetti collaterali di alcuni farmaci, può anche accelerarne la digestione e quindi limitarne l'efficacia. "L'etanolo è una piccola molecola che viene facilmente assorbita dalla mucosa gastrointestinale, l'80% della quale viene assorbita nell'intestino", spiega l'Inserm in un rapporto congiunto. Nell'apparato digerente, l'alcol monopolizza gli stessi enzimi di alcuni farmaci e compete con questi trattamenti. A seconda della molecola, il metabolismo dei farmaci viene accelerato o rallentato

Ad esempio, il consumo quotidiano di alcol in combinazione con il trattamento antiepilettico ne riduce l'efficacia. Di conseguenza, l'organismo mette il paziente a rischio di crisi epilettiche, eliminando più rapidamente il trattamento. Al contrario, l'alcol può rallentare la scomposizione di alcune molecole e quindi aumentarne l'efficacia.

Alcol, anticoagulanti e antibiotici

Anticoagulanti, farmaci anti-vitamina K e antibiotici non devono essere associati all'alcol. Esiste il rischio che l'effetto aumenti o diminuisca dopo essere stato metabolizzato insieme nel fegato. È il caso, ad esempio, del warfarin, che impedisce la formazione di coaguli di sangue. Se mescolata con l'alcol, questa molecola rende il sangue più fluido e presenta un rischio di emorragia.

Alcol e antidiabetici

Il consumo di alcol nei pazienti diabetici non è raccomandato. La maggior parte dei trattamenti per il diabete interagisce con l'alcol, causando ipoglicemia, che può progredire fino al coma. Inoltre, l'alcol maschera i sintomi dell'ipoglicemia, rendendo difficile il trattamento di emergenza di questa complicanza del diabete.

Alcol e altri farmaci

Le interazioni farmaco-alcol sono complesse e talvolta possono essere valutate caso per caso. Una manciata di farmaci rari è completamente controindicata: i trattamenti antimicotici orali, l'acitretina e il metotrexato.

Un'altra conseguenza meno nota è l'aumento del rischio di effetti collaterali a carico dell'apparato digerente (ulcere, emorragie digestive) dovuti all'assunzione di aspirina o di farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) (ad esempio ibuprofene, naprossene o ketoprofene) in combinazione con l'alcol. 

Alcuni paracetamolici aggiunti all'alcol provocano i fenomeni citati per gli anticoagulanti e gli antibiotici perché l'acetaldeide, un componente dell'alcol, si accumula nel sangue e provoca gli stessi effetti collaterali. La combinazione quotidiana di paracetamolo e alcol, anche a basse dosi, può rivelare una frazione tossica che attacca il fegato. 

Il consumo di alcol deve essere evitato anche con i farmaci che hanno un effetto antabuse, cioè che causano vomito, vampate, malessere, sudorazione e persino tachicardia.

In ogni caso, non si deve interrompere il trattamento senza il consiglio del medico. L'ideale è limitare il più possibile il consumo di alcol e seguire le istruzioni del farmaco o i consigli del medico o del farmacista.

Vi è piaciuto questo articolo?  

Cliccate su "mi piace" o condividete i vostri sentimenti e le vostre domande con la comunità nei commenti qui sotto! 

Forza a tutte e tutti!  

4
avatar Berthe Nkok

Autore: Berthe Nkok, Redattrice di salute

Berthe è una creatrice di contenuti presso Carenity, specializzata nella scrittura di articoli sulla salute.  

Berthe sta per ottenere il suo master in Commercio Internazionale e Marketing B to B e aspira a... >> Per saperne di più

Chi ha riveduto: Alizé Vives, Farmacista, Data Scientist

Alizé è Dottore in farmacia e laureata del master in strategia e business internazionale della ESSEC Business School. Ha diversi anni di esperienza di lavoro con pazienti e membri, conducendo indagini per le comunità... >> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche

Covid-19 e influenza, quali sono le differenze?

Covid-19 e influenza, quali sono le differenze?

Leggi l’articolo
Il distanziamento sociale: come funziona?

Il distanziamento sociale: come funziona?

Leggi l’articolo
Coronavirus e malattie croniche

Coronavirus e malattie croniche

Leggi l’articolo
Coronavirus: cosa c'è da sapere?

Coronavirus: cosa c'è da sapere?

Leggi l’articolo

Discussioni più commentate