«
»

Top

Long Covid: qual è il suo impatto sulla vita quotidiana dei membri di Carenity?

Pubblicata il 30 apr 2021 • Da Candice Salomé

Febbre, stanchezza, respiro corto... molte persone lottano per riprendersi dai sintomi del Covid-19 mesi dopo averlo contratto. Questo è chiamato Long Covid (Covid lungo) se i sintomi continuano dopo più di un mese.

Ma qual è il vero impatto di Long Covid sulla vita quotidiana dei pazienti? Quali sintomi persistono? Come viene diagnosticato il Long Covid? Cosa dicono i membri di Carenity affetti da Long Covid?

Vi diciamo tutto nel nostro articolo!

Long Covid: qual è il suo impatto sulla vita quotidiana dei membri di Carenity?

Cos'è il long Covid?

Dall'inizio dell'epidemia, 3,98M di persone sono state colpite dal Covid-19 in Italia, secondo l'ISS. Tra le persone contaminate dal Covid-19, alcune hanno avuto manifestazioni acute, altre hanno avuto pochi o nessun sintomo

Dall'inizio dell'epidemia, due forme di Covid-19 sono state riportate dai media. Questi sono:

  • la forma lieve: corrisponde a una durata della malattia di 14 giorni, dalla comparsa dei sintomi fino alla guarigione,
  • la cosiddetta forma grave: richiede generalmente l'ospedalizzazione tra il 5° e il 10° giorno, e il paziente sperimenta complicazioni più o meno gravi.

Ma durante la pandemia, è emersa un'altra forma: il Long Covid (lungo).

Sempre secondo l'ISS, più della metà dei pazienti presenta ancora almeno uno dei sintomi iniziali del Covid-19, quattro settimane dopo averlo contratto, e più del 10% di questi pazienti presenta sintomi a 6 mesi

"Long Covid" è il nome che i pazienti hanno dato allo sperimentare sintomi che persistono ben oltre la durata "normale" di un'infezione da Covid-19. Secondo il professor Claire Andrejak, medico polmonare all'ospedale universitario di Amiens: "La durata normale di un'infezione da Covid-19 varia da una persona all'altra. Diciamo che oltre un mese dopo i primi sintomi, comincia a non essere del tutto normale".

Inoltre, un paziente con una forma grave di Covid-19 che richiede l'ospedalizzazione o addirittura il ricovero in terapia intensiva avrà bisogno di più tempo per riprendersi dall'infezione rispetto a qualcuno con una forma lieve.

Ma la maggior parte dei pazienti di Covid lungo ha inizialmente riportato la forma lieve di Covid-19.

Tuttavia, a tutt'oggi, il Long Covid non è considerato come una malattia a lungo termine. Numerose associazioni si battono, in tutto il mondo, per il riconoscimento della malattia. È il caso dell'associazione #AprèsJ20 in Francia.

Quali sono i sintomi del long Covid?

Il sintomo più spesso riportato dai pazienti è la fatica. Fatica che dura nel tempo e fa sì che i pazienti debbano riposare regolarmente.

Si notano regolarmente altri sintomi come:

  • mancanza di respiro,
  • Sensazioni di tensione nel petto,
  • perdita del gusto e dell'olfatto,
  • difficoltà di concentrazione,
  • perdita istantanea della memoria,
  • problemi digestivi,
  • dolore alle articolazioni.

I sintomi di Long Covid appaiono in "flare-up" o "onde", alternando periodi sintomatici e periodi di remissione. La durata di queste onde varia per ogni individuo. I pazienti con Long Covid migliorano con il passare delle onde.

Come viene diagnosticato un Long Covid?

L'ISS ha specificato i 3 criteri necessari per diagnosticare i pazienti con un Long Covid. Questi criteri sono i seguenti:

  • aver presentato una forma sintomatica di Covid-19,
  • aver presentato uno o più sintomi iniziali 4 settimane dopo l'inizio della malattia,
  • la presenza di questi sintomi non può essere spiegata da un'altra diagnosi.

La persistenza dei sintomi dopo aver contratto il Covid-19 non è sempre considerata un Long Covid. Infatti, il Covid-19 avrebbe potuto rivelare una patologia sottostante. 

È quindi necessario consultare il proprio medico che farà una diagnosi di eliminazione verificando :

  • che non c'era nessuna malattia preesistente sconosciuta rivelata con l'infezione da Covid-19.
  • che non è una complicazione di Covid-19. Potrebbe non essere più il virus stesso ad agire, ma una complicazione di Covid-19 che sta causando nuovi sintomi.
  • che non siano i postumi del Covid-19 (come i postumi respiratori).

Cosa dicono i membri di Carenity colpiti dal long Covid?

Abbiamo percorso il forum "Convivere con un long Covid" alla ricerca di testimonianze di membri affetti da Long Covid. Ecco cosa dicono:

"Sono risultata positiva il 9 novembre 2020, ma da 2 settimane avevo dei sintomi: dolori intensi e grande stanchezza, problemi di attenzione e di memoria. Ma niente tosse, niente febbre, niente perdita del gusto e dell'olfatto. Questo è durato 6 settimane. I dolori hanno smesso ma tornano di tanto in tanto per 24 ore. La fatica rimane intensa, così come i problemi di concentrazione e di memoria. Sono comparsi dolori ai polmoni e difficoltà respiratorie. La TAC mostra una dilatazione bronchiale bilaterale!".

"Il mio Covid è di marzo e ho ancora dei sintomi. Sono sempre molto stanca. Con il minimo sforzo, mi sembra di aver spostato le montagne. Inoltre, ho problemi intestinali che non si fermano. Dolore alla pancia e diarrea per diversi giorni che si ferma e ricomincia".

"Sono stato intubato e messo in coma per 2 settimane. Sono stato ricoverato per 28 giorni nel novembre 2020. Ancora oggi ho problemi di respirazione, parlare mi fa mancare il respiro, stanchezza eccessiva al minimo sforzo, il gusto e l'odore sono tornati ma non come prima".

"Per me, la cosa peggiore è la mia testa! Fin dall'inizio, ho provato dolore e una sensazione costante di essere sul punto di perdere la testa perché non riesco a concentrarmi, a capire bene le cose, ecc. Questa sensazione va e viene. La fatica, invece, è costante e mi impedisce di avere una vita normale".

"Sono stata infettata a metà marzo con una ricaduta a metà aprile dove sono stata ricoverata. Oggi, i postumi sono ancora lì e sto cercando di migliorare i miei problemi respiratori con uno pneumologo e i miei problemi intestinali con un gastroenterologo. Non mi riconosco più. Il mio datore di lavoro ha rescisso il mio contratto mentre ero in ospedale".

"Mia figlia ha contratto il Covid 19, al primo tampone è risultata positiva. Ha lamentato dai 5 ai 10 giorni canonici diarrea che ha curato con Dismectal in bustine (due al dì fino a remissione del problema), dolori articolari in tutto il corpo curati con l'antidolorifico Fenestra compresse e astenia. Non ha avuto sintomi come mal di testa, congiuntivite, febbre, retrogusto amaro verso gli alimenti, stanchezza infinita, tosse, mancanza di respiro, ecc.".

Questo articolo vi è stato utile?

Condividete la vostra opinione e le vostre domande nei commenti qui di seguito! 

Forza a tutte e tutti!


avatar Candice Salomé

Autore: Candice Salomé, Community Manager Francia

Candice Salomé è Community Manager Francia di Carenity. Si occupa anche della redazione di articoli per la Rivista Salute. È responsabile del fidanzamento dei membri sulla piattaforma francese di... >> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche

Long Covid e stress post-traumatico: sapere tutto

Long Covid

Long Covid e stress post-traumatico: sapere tutto

Leggi l’articolo
Covid-19 e influenza, quali sono le differenze?

Covid-19 e influenza, quali sono le differenze?

Leggi l’articolo