«
»

Top

Melanoma: come sapere se un neo è pericoloso?

23 giu 2020 • 3 commenti

Abbiamo tutti molti nei sul nostro corpo. Chiamati anche nevo, sono più spesso caratterizzati come piccole macchie brune, in rilievo o no, e di solito compaiono prima dei 30 anni. Il loro numero sul corpo dipende da alcuni fattori ereditari ma anche dall'esposizione al sole. La maggior parte di loro non sono pericolosi.
Tuttavia, è necessario essere vigili perché alcuni di essi potrebbero trasformarsi in melanoma (tumore maligno). Quali sono dunque i segnali che dovrebbero avvertirci?

Melanoma: come sapere se un neo è pericoloso?

L'adulto ha una media di circa 20 nei sul corpo. Le parti del corpo più esposte al sole tendono ad averne di più. Si tratta più spesso della schiena per gli uomini e le gambe per le donne.
I nei sono inoffensivi, ma possono cambiare nel corso della vita. È quindi essenziale monitorarli regolarmente.

Perché i nei possono essere così pericolosi?

I tumori della pelle sono i tumori più frequenti in Italia, con quasi 80.000 nuovi casi all'anno, tra cui più di 14.000 melanomi.
Secondo la Lega Italiana contro i Tumori, i tumori della pelle hanno visto il maggior incremento negli ultimi cinquant'anni. Si stima che ci siano più del 3% di nuovi casi ogni anno e che questa progressione sia maggiore tra gli uomini.
Questa evoluzione si spiega con le abitudini di esposizione al sole che sono in aumento. Il melanoma, se trattato in ritardo, non permette una guarigione. Per questo motivo le misure di protezione contro il sole e la diagnosi precoce sono le uniche azioni che possono ridurre l'incidenza del cancro alla pelle.

Colore, dimensione, forma: quali sono i segnali di avvertimento?

Secondo Emmanuel Ricard, delegato per la prevenzione e la promozione dello screening alla Lega contro il Cancro francese, un neo che si altera, si espande o cambia colore, diventa più importante o è un po' graffiato deve essere controllato rapidamente.
Inoltre, se avete più di 30 nei, o se ne avete già fatto rimosso uno, si raccomanda di consultare un dermatologo una volta all'anno.

Come distinguere un neo da un melanoma iniziale?

Nell'80% dei casi il melanoma assomiglia a un neo all'inizio della sua evoluzione. È quindi complicato differenziare un melanoma nelle sue fasi iniziali da un nevo recente. Solo nel 20% dei casi il melanoma deriva dalla trasformazione maligna di un neo esistente.

Ci sono persone più a rischio?

Alcune persone sono a più alto rischio di sviluppare un cancro della pelle a partire da un nevo. Questo può essere legato a fattori genetici (pelle molto chiara, occhi e capelli chiari, o una storia familiare di melanoma o altri tumori della pelle). Ma anche i fattori ambientali possono giocare un ruolo importante (molte scottature solari nell'infanzia o la tendenza ad esporsi troppo spesso al sole).

Come si fa a individuare ed esaminare un neo da solo?

Per poter controllare da soli i suoi nei, alcune caratteristiche devono attirare l'attenzione. Questo può essere ricordato con la regola ABCDE:

A: per Asimmetria. Se viene tracciata una linea al centro del neo, le due parti non sono simili.

B: per Bordi irregolari. I bordi e i contorni non sono netti.

C: per Colore disomogeneo. Il neo ha diversi colori (marrone chiaro, marrone scuro, rosa).

D: per Dimensione. Il diametro non deve superare i 6 millimetri.

E: per Evoluzione. Se vedete un cambiamento del neo, non è un buon segno.

Fonte Twitter: MSD Salute

La biopsia: il test chiave per la diagnosi!

I melanomi iniziali possono essere difficili da distinguere da un nevo atipico (neo simile al melanoma). Se il vostro dermatologo ha dei dubbi, vi rimuoverà subito il neo chirurgicamente e lo farà analizzare. La biopsia è anche chiamata "escissione diagnostica". Lo scopo dell'operazione è quello di rimuovere il presunto tumore ma anche, dopo l'esame, di fare una diagnosi. Questa operazione viene eseguita in anestesia locale. Il frammento di pelle così rimosso viene inviato all'anatomopatologo (medico che analizza i campioni di tessuto) per l'analisi al microscopio. L'osservazione di questo campione confermerà o no la natura maligna della lesione e permetterà di effettuare o no la diagnosi di cancro.
Attenzione, qualsiasi distruzione di un neo, sospetto o meno, ad esempio con il laser, è da proibire perché non è possibile effettuare alcuna analisi in seguito.

Come si rimuove un melanoma?

L'ampia escissione di un melanoma viene eseguita localmente in anestesia locale. Questa operazione permette di rimuovere e guarire (il più delle volte) la lesione se viene rilevata precocemente. Questa procedura è indolore e non richiede più di qualche minuto.

Sono poi necessari ulteriori esami come radiografie o ecografie per cercare altre possibili lesioni. Questi esami permettono di determinare l'estensione del melanoma ad altre parti del corpo. Sulla base di questi risultati, il medico decide se è necessario un ulteriore trattamento: escissione di un secondo melanoma, immunoterapia, chemioterapia...

Sarà quindi necessario un controllo regolare da parte di un dermatologo.

Fare uno screening dei suoi nei gratuitamente

Ogni anno,  una giornata gratuita e anonima di screening del cancro della pelle viene proposta in Italia. Potete ritrovare le informazioni sul sito AIDA

 

Questo articolo vi è stato utile? Potete condividere la vostra opinione con la comunità?
Forza a tutte e tutti!

avatar Candice Salomé

Autore: Candice Salomé, Community Manager Francia

Candice Salomé è Community Manager Francia di Carenity. Si occupa anche della redazione di articoli per la Rivista Salute. È responsabile del fidanzamento dei membri sulla piattaforma francese di... >> Per saperne di più

Commenti

arcobaleno
il 20/07/20

Consiglio vivamente il controllo dei nei, a me ha salvato la vita.....era un neo che avevo sempre avuto ma aveva cominciato a fare prurito e a creare crosticine superficiali, successivamente si era formata una macchia grigia sulla superficie del neo stesso. E' bastato il controllo dal dermatologo per stabilire che sarebbe stato necessario un piccolo intervento per toglierlo e farlo analizzare...e' seguito un secondo intervento per "ripulire" ulteriormente la zona e ulteriore biopsia. Si' e' risolto tutto nel giro di qualche mese.

creatura
il 26/07/20

Grazie! Interessante e utile 

maurizio62
il 27/07/20

Grazie. Veramente utile. Dovrò decidermi anch'io a fare un controllo.

Ti piacerà anche

Scoprite come lo yoga può migliorare la vita dei pazienti affetti da malattie croniche

Scoprite come lo yoga può migliorare la vita dei pazienti affetti da malattie croniche

Leggi l’articolo
Cos'è la terapia ormonale?

Cos'è la terapia ormonale?

Leggi l’articolo
Dove buttare via i farmaci scaduti o non utilizzati? E come riciclarli?

Dove buttare via i farmaci scaduti o non utilizzati? E come riciclarli?

Leggi l’articolo
Convivere con la malattia di Castleman

Malattia di Castleman

Convivere con la malattia di Castleman

Leggi l’articolo