«
»

Top

Quali sono i pericoli della vendita libera di certi farmaci?

Pubblicata il 28 dic 2020 • Da Doriany Samair

Con l'avvento di Internet, gli individui sono sempre più in grado di conoscere la propria salute. Di conseguenza, c'è una tendenza crescente verso l'automedicazione. Cosa sono i farmaci da banco? Quali sono le differenze con i farmaci da prescrizione? Quali sono i pericoli? Vi raccontiamo tutto nel nostro articolo!


Quali sono i pericoli della vendita libera di certi farmaci?

Quali farmaci sono interessati?

Definizione

Chiamiamo i farmaci da banco o ad accesso diretto quelli che sono autorizzati alla vendita senza prescrizione medica preliminare.

L'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) in collaborazione con la Commissione Tecnico Scientifica (CTS) e con gli esperti del Istituto Superiore di Sanità (ISS) definisce una lista di farmaci a cui i pazienti possono accedere direttamente. Questo elenco viene regolarmente aggiornato in base allo stato delle conoscenze per garantire la sicurezza degli utenti.

Va notato che non tutti i medicinali possono essere inclusi in questo elenco: in particolare, i medicinali con caratteristiche suscettibili di minacciare la sicurezza d'uso (rischio troppo elevato di interazioni farmacologiche o con caratteristiche importanti o destinati alla popolazione pediatrica, il cui uso deve essere soggetto a precauzioni).

Quali sono i criteri per apparire in questa lista?

Per essere inclusi nella lista dell'AIFA ed essere disponibili per la vendita al banco, i farmaci devono soddisfare determinati requisiti per un uso sicuro. Questi farmaci devono essere utilizzati per trattare una condizione benigna che un paziente è stato in grado di autodiagnosticare in modo significativo. Il condizionamento di questo tipo di medicinali deve contenere informazioni adeguate all'accesso libero, cioè il foglio illustrativo deve indicare sistematicamente la posologia unitaria al giorno (dose per dose e numero di volte al giorno) nonché i tempi e gli intervalli tra le dosi. Questi medicinali devono essere utilizzati per un breve periodo di tempo, che deve essere indicato sulla scatola / foglietto. Non appena questo limite di tempo viene superato, è consigliabile chiedere il parere di un medico. Questo perché questi trattamenti sono destinati a trattare i sintomi che possono essere risolti rapidamente (entro pochi giorni). Inoltre, la somministrazione di questi medicinali deve essere facile: i prodotti iniettabili, ad esempio, non sono mai disponibili.

L'automedicazione

Riguarda qualsiasi farmaco assunto al di fuori di una prescrizione medica. In generale, si tratta del trattamento di sintomi benigni o di condizioni specifiche che il paziente è abituato a trattare di propria iniziativa.

Questo tipo di farmaci si trova spesso "davanti al bancone" o in accesso libero. Questi farmaci beneficiano della consulenza di un farmacista o di un'assistente al momento dell'acquisto, per quanto riguarda il dosaggio, il ritmo di somministrazione, la durata, ecc.

Inoltre, alcuni farmaci sono disponibili con o senza prescrizione medica: sono noti come farmaci "da prescrizione facoltativa". Generalmente, vengono collocati "dietro il bancone" dal farmacista, ciò che gli permette di assicurarsi che il trattamento richiesto sia ben appropriato per il paziente.

L'automedicazione riguarda anche il riutilizzo di vecchi trattamenti disponibili a casa. Riguarda piuttosto il trattamento di sintomi quali diarrea, allergie transitorie, tosse, sintomi da raffreddore, ematomi, stipsi, ecc.

Quali sono i pericoli da considerare?

Per il paziente

L'uso di un farmaco senza parere medico deve essere considerato con cautela. Espone l'utente a iatrogenesi farmacologica, inefficacia o sovradosaggio potenzialmente tossico.

In caso di automedicazione, è essenziale :

  • assicurarsi di assumere il farmaco giusto (assicuratevi della vostra autodiagnosi),
  • verificare la data di scadenza e la qualità della conservazione (ad esempio, un farmaco scaduto può essere inefficace),
  • leggere il foglio illustrativo per seguire il dosaggio,
  • non combinare i farmaci senza il parere del medico,
  • assicurarsi di non fare parte delle popolazioni a rischio.

D'altra parte, le allergie ai medicinali non sono rare e i consumatori non sempre ne sono consapevoli. Ad esempio, l'assunzione di antibiotici senza prescrizione medica è fortemente sconsigliata perché l'esistenza di una sottostante allergia alla penicillina può implicare un'allergia incrociata con altri antibiotici. Inoltre, l'uso eccessivo di antibiotici ha portato alla comparsa di significative e preoccupanti resistenze batteriche che minacciano direttamente il potenziale di questa classe terapeutica. Va notato che gli antibiotici sono indicati per le infezioni batteriche e sono inefficaci contro le infezioni virali (le più comuni).

È importante segnalare la comparsa di tutti gli effetti collaterali sul sito dell'AIFA per rafforzare il sistema di farmacovigilanza.

Per la sua malattia

Quando c'è una malattia di base, l'automedicazione deve essere controllata maggiormente. Un trattamento cronico preesistente può vedere la sua efficienza ridotta dalla somministrazione concomitante di un'altra sostanza farmacologica. Si deve considerare l'effetto opposto, dove gli effetti negativi del trattamento cronico possono essere aumentati con l'aggiunta di un farmaco. Tutto questo crea il rischio che una malattia non venga curata o addirittura progredisca tragicamente.

I pazienti affeti da ipertensione arteriosa o insufficienza cardiaca, per esempio, non devono usare pastiglie effervescenti, che contengono molto sale. Questo perché questi pazienti hanno una dieta iposodica (a basso contenuto di sale). Allo stesso modo, un paziente diabetico deve evitare di usare uno sciroppo per la tosse contenente zucchero o qualsiasi altro prodotto che possa disturbare l'equilibrio glicemico. Inoltre, le donne in gravidanza e i bambini sono popolazioni in cui i prodotti contenenti alcolici in modi insospettabili devono essere evitati, come alcuni farmaci per il raffreddore o la tosse.

Quali precauzioni devono essere prese?

In caso di malattia cronica è indispensabile rivolgersi al proprio medico o al farmacista. L'automedicazione dovrebbe essere adattata alla propria situazione personale.

I medicinali disponibili su internet

Il pericolo principale dell'acquisto di farmaci online è la mancanza di verifica da parte di un professionista della salute. In questo caso, un individuo non beneficia di consigli o avvertimenti su un farmaco. Si consiglia vivamente di evitare questo tipo di distribuzione, tranne se si tratta del sito ufficiale di vendita di una farmacia.

È disponibile sul sito del Ministero della Salute l'elenco delle farmacie e degli esercizi commerciali di cui al comma 3, autorizzati alla vendita a distanza al pubblico dei medicinali mediante i servizi della società dell'informazione e l'indirizzo dei loro siti web. L’elenco è aggiornato quotidianamente.

Uso improprio, esempi

L'AIFA invita alla vigilanza sull'acquisto di medicinali online da siti non autorizzati. Non è raro trovare prodotti falsificati o contraffatti il cui uso può essere pericoloso o inefficace. L'OMS e la Commissione Europea segnalano un aumento delle vendite di prodotti "illecitamente etichettati" per mascherarne l'origine o travisarne l'identità. La loro composizione è inaffidabile ed espone i pazienti a rischi per la salute.

Rimanere vigili

In ambito ricerca e sviluppo, inoltre, l'AIFA è stata la prima agenzia dei medicinali in Europa a inserire fra i suoi compiti istituzionali la promozione della ricerca indipendente sui farmaci, quale strumento funzionale per aumentare l’efficienza del sistema al fine di generare dati che in futuro impattino sul sistema sanitario in maniera positiva, anche in un’ottica di programmazione delle attività.

Questo articolo vi è stato utile?

Condividete la vostra opinione e le vostre domande nei commenti qui di seguito!

Forza a tutte e tutti!



4 commenti


milly41
il 09/01/21

ottimo articolo, in effetti anche a me viene spontaneo fare autodiagnosi e prendere farmaci non prescritti dal medico.....da un po ho imparato però a telefonare llo stesso e chiedergli: posso prendere questo medicinale... e a volte mi sono proprio sentita rispondere: assolutamente no ...il tuo stomaco non lo sopporterebbe  oppure anche per medicinali prescritti dallo specialista che non conosce la storia personale del paziente e il mio medico mi dice : ma però stai attenta a questo o quell'altro, è per me una sicurezza


epatite
il 09/01/21

Con le medicine non di scherza.

Quello che ti dicono i medici sempre è di non consigliare mai una medicina a nessuno. Ciò che è buono per te può essere micidiale per altri soggetti.

I farmaci in vendita su internet si debbono comprare solamente se sono stati prescritti da un medico e comprarli solo per una ragione economica.

Fare di testa propria o per consiglio di gente sprovveduta è senza alcun dubbio sbagliato e pericoloso per la propria salute.


EUREKA • Membro Ambasciatore
il 10/01/21

Mi associo all'articolo , nulla da aggiungere sé non il fatto che essendo Ateo ai farmaci , evito di asumerli almeno ché non siano fortemente ...Necessari . Per il resto ci pensa Madre Natura ! 

Tengo sempre a mente che ..... La  medicina allopatica sta compromettendo la salute di milioni di persone nel mondo.
Non solo psicofarmaci, la maggior parte dei farmaci per curare anche le malattie fisiche come cancro, asma, allergie, problemi vascolari, artrite, reflusso acido, ecc ecc sono .... >>>> Tossici. <<<<
è stato accertato che...... Gli effetti collaterali della banale aspirina mietono più vittime della droga illegale.
Rimango sempre stupito dalla semplicità con cui tutti assumino farmaci comuni " Pieni di sostanze Chimica " per ogni piccolo disturbo, ignorando che proprio queste sostanze alla lunga o a breve possono scatenare altri disturbi fisici e psicologici. Sono convinto che l'abuso di sostanze tossiche sia una delle principali concause dello sviluppo della malattia mentale, come lo era lo scienziato chimico del XX secolo e doppio premio Nobel "Linus Pauling."

By Eureka ! 


catiagiomi
il 10/01/21

L'articolo mi è molto interessato, ed è vero mi è capitato che un medico mi ha prescritto degli antibiotici, nello stesso periodo di somministrazione ho dovuto sospendere le altre terapie. Sempre sotto controllo medico.

Ti piacerà anche

Covid-19 e influenza, quali sono le differenze?

Covid-19 e influenza, quali sono le differenze?

Leggi l’articolo
Il distanziamento sociale: come funziona?

Il distanziamento sociale: come funziona?

Leggi l’articolo
Coronavirus e malattie croniche

Coronavirus e malattie croniche

Leggi l’articolo
Coronavirus: cosa c'è da sapere?

Coronavirus: cosa c'è da sapere?

Leggi l’articolo