«
»

Top

Come si può invertire il processo della NASH?

Pubblicata il 18 gen 2022 • Da Candice Salomé

La NASH, o steatosi epatica non alcolica, è una malattia del fegato, spesso legata all'obesità, al diabete o all'ipertensione. Questa grave patologia può svilupparsi in cirrosi. Ma la buona notizia è che è reversibile! 

Cos'è dunque la NASH? Quali sono le sue manifestazioni? Come invertire il processo? 

Vi diciamo tutto nel nostro articolo! 

Come si può invertire il processo della NASH?

La steatosi epatica non alcolica (NASH) è caratterizzata da un accumulo di grasso nelle cellule del fegato. Riguarda almeno il 25% degli italiani, cioè almeno un italiano su quattro ha il fegato grasso. Nel 20% dei casi, la NASH può portare all'infiammazione del fegato, che può portare alla cirrosi o al cancro al fegato

Cos'è la NASH e quali sono i suoi sintomi? 

La malattia del fegato grasso sta diventando sempre più comune perché è direttamente collegata al sovrappeso. Così, quasi il 25% degli italiani sono colpiti, senza nemmeno saperlo. Su questo terreno favorevole, il 20% svilupperà un'infiammazione del fegato, la famosa NASH. NASH sta per "Non-Alcoholic SteatoHepatitis" o "steatosi epatica non alcolica". 

Questa patologia può essere definita come la manifestazione epatica di una disfunzione metabolica e può evolvere in fibrosi: il fegato diventa indurito e disfunzionale. Poi, ad uno stadio elevato di fibrosi (dal 2 al 5% dei pazienti NASH), compare la cirrosi, soprattutto se si aggiungono altri fattori, come il consumo anche moderato di alcol. E la cirrosi può poi svilupparsi in cancro al fegato

La NASH è molto spesso collegata alla tripla epidemia di obesità, pre-diabete e diabete

I sintomi della NASH sono per lo più silenziosi e non specifici della malattia, il che rende difficile la diagnosi. Così, i pazienti affetti da NASH possono non conoscere la loro condizione fino a stadi molto tardi della malattia. 

La NASH è legata a una dieta malsana di cibi grassi e zuccherati e a uno stile di vita sedentario, che porta a un fegato sovraccarico. Di fronte a troppe riserve, trasforma lo zucchero in eccesso in grasso, che accumula. Poi diventa stanco e grasso. Il fegato può finire per pesare fino al 5% del peso del corpo, mentre normalmente pesa solo il 2%. 

Il deterioramento del fegato è graduale e silenzioso e i pazienti non avvertono alcun sintomo specifico. Solo un esame del fegato può dare un avvertimento: un esame del sangue per la gamma GT, le transaminasi e le fosfatasi alcaline, che riflettono lo stato di salute delle cellule epatiche. 

Ad oggi, non ci sono farmaci che possano curare la NASH, conosciuta anche come malattia del soda. Solo uno stile di vita sano può prevenire e invertire le prime fasi della NASH. 

Come si può invertire il processo della NASH? 

Tutte le fasi della malattia, dal fegato grasso alla cirrosi, richiedono tempo ed è possibile interrompere il processo in modo naturale. 

Anche se alcuni fattori di rischio non possono essere cambiati, come l'età o il sesso, altri fattori, che determinano il nostro stile di vita, possono essere corretti. 

È possibile migliorare la situazione e invertire il processo della NASH seguendo questi consigli: 

Perdere peso  

Il primo obiettivo per le persone con NASH è quello di perdere peso perché i benefici sono davvero importanti. 

Una perdita dal 3 al 5% del proprio peso iniziale riduce la presenza di grasso nel fegato. Tuttavia, questa perdita di peso deve essere più sostanziale per invertire il danno visibile al fegato

In uno studio condotto a Cuba, 293 pazienti con NASH hanno ricevuto consigli nutrizionali e hanno cercato di perdere peso per 52 settimane. 

I segni di NASH sono stati ridotti in tutti i partecipanti che sono stati in grado di perdere peso. I migliori risultati, tuttavia, sono stati osservati quando i pazienti sono riusciti a ridurre il loro peso iniziale del 10%. Nel 90% dei pazienti, i test hanno rivelato una risoluzione della NASH

Le anomalie negli epatociti erano scomparse e l'infiammazione dell'organo era diminuita. Nel 45% di questi partecipanti, i fenomeni di fibrosi erano addirittura regrediti.

Praticare un'attività fisica

L'attività fisica è una seconda leva importante per invertire la NASH. L'attività cardio combinata con l'allenamento di resistenza, al ritmo di 3 sessioni di 40-45 minuti alla settimana, sono efficaci per arginare l'accumulo di grasso nel fegato

Inoltre, l'attività fisica aiuta a combattere la NASH anche se non c'è perdita di peso. In effetti, l'attività fisica ha un impatto diretto sul fegato poiché brucia una maggiore quantità di acidi grassi, riduce la loro produzione e previene i danni alle cellule dell'organo

Ripensare la sua dieta

Grassi alimentari 

I grassi alimentari rappresentano solo il 10% della riserva di acidi grassi liberi nel fegato. Tuttavia, la natura del grasso consumato potrebbe giocare un ruolo decisivo nello sviluppo della NASH. 

È stato dimostrato che le persone con NASH tendono ad avere un'assunzione sbilanciata di grassi, caratterizzata da:

  • Un eccesso di grassi saturi, che si trovano nei prodotti animali e di omega-6, che si trovano negli oli di girasole e di mais e negli alimenti industriali, 
  • Una carenza di omega 3 che si trova nel pesce grasso o nell'olio di colza. 

Gli acidi grassi saturi sono più tossici per il fegato perché sono più difficili da trasformare in trigliceridi (una forma meno pericolosa di stoccaggio). Si raccomanda quindi di riequilibrare l'assunzione ma anche di integrare con omega-3. 

Fruttosio 

A volte chiamato "malattia del soda", il consumo di bevande zuccherate sembra essere un fattore determinante nello sviluppo della NASH. 

La grande quantità di fruttosio contenuta nelle bibite zuccherate promuove la produzione di grasso nel fegato. Aumenta la concentrazione di acido urico nel sangue, un fattore di rischio per la malattia. 

In uno studio di 271 bambini e adolescenti obesi negli Stati Uniti con fegato grasso, quelli che hanno sviluppato NASH sono stati trovati a consumare maggiori quantità di bevande zuccherate rispetto agli altri partecipanti allo studio. 

Ma le bibite zuccherate non sono l'unica fonte di fruttosio nella dieta. Infatti, molti prodotti industriali sono anche ricchi di fruttosio perché sono dolcificati con sciroppo di mais o glucosio, per esempio. 

Anche se non ci sono trattamenti esistenti per la NASH, il processo è reversibile. Una perdita di peso superiore al 10% del proprio peso originale, combinata con l'attività fisica e un occhio attento alla propria dieta, può frenare il fenomeno.

Avete trovato utile questo articolo? 

Cliccate su "mi piace" o condividete i vostri sentimenti e le vostre domande con la comunità nei commenti qui sotto!  

Forza a tutte e tutti! 

3
avatar Candice Salomé

Autore: Candice Salomé, Redattrice di Salute

Creatrice di contenuti presso Carenity, Candice è specializzata nella scrittura di articoli sulla salute. Ha un interesse particolare nei campi della psicologia, del benessere e dello sport. 

Candice ha... >> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche

Ho affrontato molti errori di diagnosi prima di scoprire la mia asma cronica e NASH

Malattia epatica grassa non alcolica e NASH

Ho affrontato molti errori di diagnosi prima di scoprire la mia asma cronica e NASH

Vedi la testimonianza
NASH: prima giornata internazionale per la malattia della soda

Malattia epatica grassa non alcolica e NASH

NASH: prima giornata internazionale per la malattia della soda

Leggi l’articolo

Malattia epatica grassa non alcolica e NASH

"Fegato grasso" pericolo per un italiano su quattro

Leggi l’articolo
Esami del sangue: sapere leggere e comprendere i risultati di un test di funzionalità epatica

Malattia epatica grassa non alcolica e NASH

Esami del sangue: sapere leggere e comprendere i risultati di un test di funzionalità epatica

Leggi l’articolo

Discussioni più commentate

Scheda malattia