«
»

Top

Convivere con un disturbo bipolare

Pubblicata il 28 mag 2020 • Da Léa Blaszczynski

Un tempo chiamato "psicosi maniaco-depressiva", il disturbo bipolare colpisce oltre un milione di italiani. Appare per lo più tra i 15 e i 25 anni e persiste per tutta la vita. Nella sua forma più tipica, il paziente alterna periodi di esaltazione dell'umore (episodio maniacale) e di declino dell'umore (episodio depressivo). L'Organizzazione Mondiale della Sanità lo classifica come la sesta disabilità più comune al mondo. 

Come riconoscere i sintomi del disturbo bipolare? Quali sono le caratteristiche di un episodio maniacale? Come gestire i pazienti?

Convivere con un disturbo bipolare

Qual è la differenza tra i cambiamenti di umore "normali" e il disturbo bipolare? 

Secondo il dottor David Gourion, psichiatra, i "normali" cambiamenti di umore non avranno un impatto funzionale sulla vita di una persona. Si tratta quindi di osservare se questi cambiamenti d'umore impediscono alla persona di lavorare o di occuparsi della sua famiglia, se impediscono alla persona di "funzionare".

Chi può diagnosticare il disturbo bipolare?

Questa è una diagnosi molto difficile perché non ci sono marcatori biologici. Il periodo tra il primo episodio e la diagnosi è in media di 10 anni. Tuttavia, ci sono "indizi": una depressione che inizia molto presto prima dei 20 anni, depressioni che iniziano molto rapidamente e si fermano molto rapidamente, una scarsa risposta agli antidepressivi, una stagionalità molto forte del disturbo... Secondo il dottor David Gourion, psichiatra, è un problema molto complesso perché non si dovrebbe sottodiagnosticare le persone con disturbo bipolare trattandole con antidepressivi, ma non si dovrebbe nemmeno sovradiagnosticare prescrivendo trattamenti che regolano l'umore a persone che non ne hanno bisogno. Un medico di medicina generale può ovviamente fare questa diagnosi, ma i pazienti spesso si rivolgono a uno psichiatra.

Un episodio non può "favorire" la diagnosi?

Generalmente, i pazienti bipolari non diagnosticati consultano durante gli stati depressivi. Sono prescritti antidepressivi per loro. Tuttavia, si tratta di falsi amici perché allevieranno a breve termine ma aggraveranno lo stato a lungo termine innescando una crisi maniacale o euforica. Il problema è che questi episodi sono generalmente molto ben vissuti dal paziente, per cui è raro che torni a consultare in questo momento. Si tratta quindi di un circolo vizioso. Spesso sono i cari che vedono qualcosa. 

Come è vissuta una fase maniacale?

Nei pazienti bipolari di tipo I, è sinonima di sensazione di strapotere e di distacco dalla realtà. Il paziente pensa di essere capace di tutto, moltiplica i progetti con una fervida immaginazione e non dorme quasi per niente. Tutta questa inquietudine crolla all'improvviso, portando a un episodio di depressione. Nei pazienti bipolari di tipo II, le fasi sono meno intense. Si chiamano fasi "ipomaniacali", sono di durata più breve e non scollegano completamente la persona dalla realtà. Il paziente è anche in una forma di onnipotenza, vuole controllare la situazione. Ha la certezza di detenere la verità e di avere epifanie grandiose di pensiero e di intelligenza. Queste crisi più "discrete" sono però più delicate da rilevare e possono quindi avere un impatto drammatico sulla vita del paziente. Una persona che si abbandona allo shopping sconsiderato o a un comportamento disinibito la sera può essere "scusata" dall'entourage fino a "una volta di troppo".

Quali sono i possibili trattamenti?

È fondamentale essere curati perché il 20% dei pazienti bipolari non trattati si suicida. Il litio rimane il trattamento di riferimento con il 70% dei pazienti che rispondono bene. Rimane il 30% che non sono risponditori o risponditori parziali e per i quali sono state sviluppate strategie di terapia combinata. Esiste quindi oggi un arsenale terapeutico che si è notevolmente arricchito di molecole antiepilettici e di antipsicotici atipici. Ma la combinazione giusta può richiedere tempo per essere trovata. La psico-educazione del paziente e del suo entourage è essenziale, così come i diversi tipi di psicoterapia.

Quali segni possono indicare la comparsa di un episodio? 

I disturbi del sonno sono un indicatore molto sensibile perché spesso si tratta del primo sintomo di un episodio. E sono anche un fattore scatenante. I pazienti che lavorano tutta la notte o fanno nottata per motivi professionali o personali, a volte scatenano un episodio. È quindi essenziale stabilire un modello di sonno regolare nel rispetto di uno stile di vita sano. Esercizi di meditazione o sofrologia possono aiutare. D'altra parte, l'alcol e la cannabis dovrebbero essere evitati.

Il disturbo bipolare è ereditario? 

In effetti, c'è una componente genetica. E di solito c'è una storia di bipolarità o di disturbi dell'umore nei parenti. Anche i tentativi di suicidio sono un indicatore. Per quanto riguarda i figli di un paziente bipolare, essi rischiano dal 5 al 10% di essere bipolari. Si consiglia quindi di rimanere vigili per individuare eventuali segnali. Ma questi bambini hanno anche il 90-95% di non avere assolutamente nulla, precisa il dottor Gourion. 

Come posso trovare sostegno su Carenity?

Oggi Carenity ha migliaia di pazienti e parenti di pazienti affetti dal disturbo bipolare. Sulla piattaforma è possibile trovare il supporto di altri membri della comunità. È importante aiutarsi a vicenda. Unitevi ora alle discussioni del momento! !

Questo articolo vi è stato utile? Avete altri suggerimenti da condividere con la comunità? 

Forza a tutte e tutti!

avatar Léa Blaszczynski

Autore: Léa Blaszczynski, Online User Experience

Di una formazione in comunicazione specializzata nel digitale, Léa lavora da Carenity sin dal 2013 con l'obiettivo di aiutare il massimo di pazienti e parenti di pazienti a trovare sostegno e non sentirsi più soli di... >> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche

Come sostenere un parente affetto da una malattia mentale ?

Disturbo bipolare

Come sostenere un parente affetto da una malattia mentale ?

Leggi l’articolo
Dormire solo 6 ore porta ansia e depressione

Disturbo bipolare

Dormire solo 6 ore porta ansia e depressione

Leggi l’articolo
Convivere con il disturbo bipolare dall'età di 17 anni

Disturbo bipolare

Convivere con il disturbo bipolare dall'età di 17 anni

Vedi la testimonianza
La depressione nel 2030 sarà la malattia più diffusa nel mondo

Disturbo bipolare

La depressione nel 2030 sarà la malattia più diffusa nel mondo

Leggi l’articolo