«
»

Top

Definizione, diagnosi e trattamenti di una grave bronchite sconosciuta: la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO).

Pubblicata il 5 apr 2021 • Da Aurélien De Biagi

Oggi vi proponiamo un breve articolo su una malattia poco conosciuta ma molto diffusa: la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO). Nel 2019, il 5,8% della popolazione (3,5 milioni di italiani) è stato colpito, soprattutto i fumatori. Tuttavia, questa patologia è sotto-diagnosticata a causa della non specificità dei suoi sintomi (tra il 66 e il 90% delle persone colpite non lo sanno).

Cos'è la BPCO? Come si diagnostica? Quali sono i trattamenti? C'è un rischio aumentato con COVID-19 e BPCO?

Vi diciamo tutto!

Definizione, diagnosi e trattamenti di una grave bronchite sconosciuta: la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO).

BPCO: definizione

È una malattia infiammatoria cronica che colpisce il sistema respiratorio, in particolare i bronchi. È una forma grave di bronchite. È caratterizzata da un restringimento delle vie respiratorie, infiammazione e ipersecrezione di muco.

Questo porterà a un disturbo del tessuto polmonare che alla fine può portare all'enfisema (distruzione della parete alveolare) e all'insufficienza respiratoria cronica.

  • Il 90% dei casi di BPCO è causato dal fumo di tabacco (fumo attivo e passivo). Si stima che il 30% dei fumatori ne sia affetto. Il fumo provoca una secrezione di muco molto alta, facilitando le infezioni che a loro volta provocano la secrezione di muco, creando così un circolo vizioso.
  • Il 10% dei casi diagnosticati è dovuto all'esposizione professionale (silice, polvere di carbone, certi solventi, certi prodotti agricoli, ecc.)

Colpendo sempre più donne a causa dell'aumento del numero di fumatori, è importante notare che sviluppano forme più precoci e più gravi degli uomini.

I sintomi della BPCO non sono specifici, rendendo difficile la sua diagnosi precoce. Infatti, sono tosse, dispnea (mancanza di respiro) ed espettorato (sputo). La loro comparsa è insidiosa, appaiono poco a poco mentre peggiorano con il tempo. 

Ci possono essere anche episodi di esacerbazioni (crisi di peggioramento dei sintomi), che indicano un peggioramento più generale della malattia e possono portare al ricovero ospedaliero.

Metodi diagnostici 

Man mano che la frequenza e la gravità dei sintomi aumentano, verrà raccomandata una serie di test: l'esplorazione respiratoria funzionale

Tra questi test, possiamo menzionare la spirometria. Permetterà di misurare i volumi mobilizzabili (volume totale di aria mobilizzata dopo un'ispirazione ed espirazione massimale) e il volume massimo espirato al secondo (FEV1: volume massimo espirato dal paziente in 1 secondo). Questi risultati permettono di valutare le capacità polmonari del paziente.

Può essere eseguito anche un test di camminata. Questo test misura il perimetro di marcia in un determinato tempo (6 minuti). Darà un'indicazione dell'impatto della malattia sulla vita quotidiana del paziente.

I trattamenti disponibili 

A seconda della gravità e della frequenza dei sintomi, la scelta e il numero di combinazioni possono variare. Questa è una lista non esaustiva dei diversi trattamenti disponibili.

Trattamenti non farmacologici: 

La prima cosa da fare è smettere di fumare ed evitare l'esposizione ad altri inquinanti. L'attività fisica può anche essere introdotta, se possibile, così come le sessioni di fisioterapia respiratoria..

Trattamenti farmacologici:

Possono essere usati anche dei farmaci. Questo trattamento si basa su broncodilatatori come per il trattamento dell'asma, così come corticosteroidi e ossigenoterapia per le forme più gravi. 

Per esempio, abbiamo:

  • Broncodilatatore inalatorio a breve durata d'azione (SABA) per uso su richiesta. Inclusi in questa classe sono Salbutamolo (VENTOLINEⓇ, VENTILASTINⓇ) e Terbutalina (BRICANYL turbuhalerⓇ).
  • Broncodilatatore inalatorio a lunga durata d'azione (LABA) per uso quotidiano (terapia di fondo). Sono inclusi Salmeterolo (SEREVENT diskusⓇ o SEREVENTⓇ), Formoterolo (FORADILⓇ) inalato o Terbutalina (BRICANYL LPⓇ) e Bambuterolo (OXEOLⓇ) orale (via riservata ai pazienti con difficoltà di inalazione).
  • Corticosteroidi inalati: Budesonide (PULMICORT turbuhalerⓇ), Fluticasone (FLIXOTIDEⓇ) o Beclometasone (BECOTIDEⓇ). Questi farmaci non sono mai presi da soli nel trattamento della BPCO, sono sempre presi in combinazione con uno o più broncodilatatori e in presenza di esacerbazioni resistenti ai broncodilatatori.
  • Ossigenoterapia in caso di insufficienza respiratoria.

Tuttavia, nessuno di questi trattamenti può curare la BPCO, semplicemente limitano la progressione della malattia e a volte eliminano alcuni sintomi.

Si raccomanda di rivalutare regolarmente il trattamento per ridurre, se possibile, la pressione dei farmaci. Inoltre, una buona osservanza del trattamento e un uso corretto degli inalatori permettono una migliore gestione.

BPCO e COVID-19

La BPCO è una condizione che rende il paziente suscettibile alle infezioni, soprattutto virali. In questo periodo di pandemia, è giusto chiedersi se rappresenta un fattore di rischio per COVID-19.

Purtroppo, non c'è ancora una risposta definitiva su questo argomento. Tra gli studi che sono stati condotti in tutto il mondo, nessuno ha identificato chiaramente la BPCO come un fattore di rischio. Infatti, il numero di pazienti e/o la conoscenza delle loro comorbidità sono fattori limitanti.

Tuttavia, dai dati attuali sembrerebbe che questo non sia il caso. Infatti, avere la BPCO non aumenta il rischio di sviluppare il COVID-19. D'altra parte, potrebbe portare a forme più gravi in alcuni casi. 

Le raccomandazioni sono chiare su una cosa: non si deve interrompere il trattamento con corticosteroidi o broncodilatatori. Anche se avete COVID-19, questo trattamento non favorisce l'aggravamento della malattia causata dal virus. 

Se siete interessati a questo argomento, leggete anche questo articolo!

Questo articolo vi è stato utile?

Non esitate a condividere la vostra opinione e le vostre domande nei commenti qui di seguito!

Forza a tutte e tutti!


avatar Aurélien De Biagi

Autore: Aurélien De Biagi, Assistente marketing digitale

Aurélien DE BIAGI è attualmente stagista nel team di marketing digitale. Il suo ruolo è quello di animare e moderare la comunità in modo che gli utenti abbiano la migliore esperienza possibile sulla piattaforma.

>> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche

Vedi la testimonianza
Asma e BPCO, a maggio le consulenze gratuite

BPCO

Asma e BPCO, a maggio le consulenze gratuite

Leggi l’articolo
Asma e BPCO: come smettere di fumare

BPCO

Asma e BPCO: come smettere di fumare

Vedi la testimonianza
La diagnosi della BPCO raccontata dai membri Carenity

BPCO

La diagnosi della BPCO raccontata dai membri Carenity

Leggi l’articolo

Scheda malattia