«
»

Top

I farmaci più comunemente usati per l'endometriosi, indicazioni e consigli.

Pubblicata il 7 lug 2021 • Da Lauriane Armand

L'endometriosi è una condizione ginecologica comune che colpisce 1 donna su 10 in età fertile. La complessità di questa patologia, sia in termini di fisiopatologia che di trattamento, la rende una malattia poco conosciuta che può alterare gravemente la qualità della vita delle donne.

Per saperne di più, potete consultare il nostro articolo intitolato "Sapere tutto sull'endometriosi!".

Ci sono molti sintomi e manifestazioni, come il dolore durante le mestruazioni, durante il rapporto sessuale o il dolore pelvico. Questi sintomi non devono essere banalizzati ed esistono soluzioni per alleviarli.

Il trattamento dell'endometriosi è multidisciplinare e uno degli approcci consiste nella somministrazione di trattamenti medicinali.


I farmaci più comunemente usati per l'endometriosi, indicazioni e consigli.

Quali farmaci sono indicati per la gestione dell'endometriosi e quali sono le raccomandazioni?

Purtroppo, ad oggi, non esiste un trattamento che possa curare l'endometriosi. 

I trattamenti medici disponibili sono solo sospensivi, cioè quando il trattamento viene interrotto, la malattia riprende il suo corso.

La strategia terapeutica utilizzata sarà personalizzata e dipenderà in particolare dall'età della paziente, dalla gravità dei suoi sintomi, dallo stadio e dall'estensione delle lesioni, dall'eventuale desiderio di gravidanza e dall'impatto socio-professionale della malattia.

L'endometriosi è una malattia cronica che non sarà trattata allo stesso modo per tutta la vita di una donna.

Nelle donne molto giovani, un possibile desiderio di contraccezione deve essere conciliato con la gestione del dolore.

Per le donne un po' più anziane e che potenzialmente desiderano avere figli, bisogna trovare un equilibrio tra il desiderio di gravidanza e il controllo del dolore, tenendo presente che la maggior parte dei trattamenti proposti sono ormonali e quindi anti-concezionali.

Infine, in un'età un po' più avanzata, è necessario prendere in considerazione la comparsa di fattori di rischio per l'intolleranza ai trattamenti ormonali.

Quali sono le diverse classi terapeutiche utilizzate nella gestione del dolore legato alle lesioni dell'endometriosi?

Anti-infiammatori

Il dolore provato dalle pazienti con endometriosi è legato a un processo infiammatorio. I farmaci antinfiammatori sono quindi indicati in questo caso per ridurre l'infiammazione locale e alleviare il dolore. 

Questa è una strategia di prima linea in cui vengono offerti farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) come l'ibuprofene.

Tuttavia, a causa dei significativi effetti collaterali gastrici e renali, il loro uso a lungo termine è fortemente sconsigliato

Si raccomanda quindi di somministrarli alla dose minima efficace, di non superare i 5 giorni di trattamento e di interromperlo non appena i sintomi scompaiono.

Per limitare l'insorgere di problemi digestivi, i FANS possono essere presi con un pasto. Tuttavia, in caso di dolore acuto, prenderli a stomaco vuoto assicura un effetto più rapido.

L'ibuprofene è disponibile senza prescrizione medica e può essere preso durante la settimana delle mestruazioni alla dose di 400 mg per dose, ma non più di 1600 mg al giorno (1 dose ogni 6 ore).

Analgesici (antidolorifici)

Gli antidolorifici di livello 1 come il paracetamolo sono spesso inefficaci per alleviare il dolore causato dalle lesioni endometriosiche. 

Gli antidolorifici di livello 2, disponibili solo su prescrizione, come il tramadolo, sono più efficaci ma devono essere usati con cautela e non devono essere banalizzati. 

Il tramadolo contiene un oppiaceo che può causare dipendenza.

È raccomandato solo quando i FANS o il paracetamolo non sono abbastanza efficaci.

Trattamenti ormonali

Le lesioni endometriosiche sono ormono-dipendenti ed evolvono secondo il ciclo mestruale. 

L'obiettivo dei trattamenti ormonali è quello di ridurre le lesioni endometriosiche, di ridurre le dimensioni e la durata delle mestruazioni o di fermare le mestruazioni. Questo trattamento permette di evitare il sanguinamento delle lesioni endometriosiche, il che riduce il dolore.

In questa classe terapeutica, la prima linea di trattamento è costituita da contraccettivi estroprogestinici orali continui o dall'inserimento di un dispositivo intrauterino (IUD) al levonorgestrel, che blocca le mestruazioni. 

I contraccettivi orali possono anche essere somministrati in modo discontinuo se la donna non sente dolore durante le mestruazioni con la pillola e se non è stata operata per la sua endometriosi.

Solo alle donne che hanno subito un intervento chirurgico viene offerta una contraccezione continua per limitare il rischio di recidive dolorose e per migliorare la loro qualità di vita.

C'è anche, come seconda linea di trattamento, il Dienogest, un progestinico specifico da prendere continuamente che è stato sviluppato per il trattamento dell'endometriosi.

Se questi diversi trattamenti falliscono, gli agonisti del GnRH possono essere prescritti con, sistematicamente, un'integrazione di estrogeni e/o progestinici per evitare gli effetti collaterali associati alla cessazione della produzione ormonale. Questo trattamento ha l'effetto di indurre una menopausa artificiale.

È possibile considerare una spirale/IUD prima di avere figli?

Assolutamente! I dispositivi intrauterini (IUD) possono essere usati in adolescenti e donne, e l'IUD ormonale dura 5 anni. Può essere rimosso in qualsiasi momento se si desidera rimanere incinta, per esempio, e può quindi essere inserito senza alcun problema in una donna che non ha mai avuto un bambino.

Si raccomanda di effettuare un controllo entro 3 mesi dall'inserimento e poi ogni anno.

Inoltre, l'inserimento di uno IUD non influisce in alcun modo sulla vita intima e nessuno sforzo fisico è in grado di spostarlo.

Le mestruazioni bloccate influiscono sulla fertilità?

No! Gli effetti dei trattamenti ormonali sono reversibili e l'ovulazione riprenderà normalmente dopo la sospensione del trattamento, anche nel caso di un trattamento continuo. Possono verificarsi ritardi nell'ovulazione di alcuni mesi, ma questi sono rari e reversibili.

Tuttavia, alcuni tipi di lesioni sono insensibili agli ormoni e non regrediscono sotto trattamento ormonale e in questo caso può essere proposto un intervento chirurgico per rimuovere le lesioni.

Come iniziare un contraccettivo ormonale orale?

La prima compressa della confezione deve essere presa il primo giorno delle mestruazioni e poi il trattamento continua con una compressa presa alla stessa ora ogni giorno. Se la prima dose non è collegata a un ciclo, la contraccezione impiegherà circa 7 giorni per fare effetto e sarà quindi necessario continuare a usare la contraccezione meccanica durante questo periodo.

In caso di vomito o diarrea entro 4 ore dall'assunzione del contraccettivo, deve essere presa una seconda compressa.

Per evitare di dimenticare di prendere la pillola, si consiglia di combinare l'assunzione della pillola con una routine quotidiana come lavarsi i denti o fare colazione. Un'altra soluzione è quella di programmare un allarme quotidiano sul telefono.

Se si dimentica di prendere la pillola, se sono passate meno di 12 ore, si deve prendere la pillola il prima possibile e continuare a prenderla normalmente.

Se si dimentica di prendere la pillola per più di 12 ore, si deve seguire la stessa procedura, ma anche usare la contraccezione meccanica per 7 giorni.

Questo articolo vi è stato utile?

Condividete la vostra opinione e le vostre domande nei commenti qui di seguito!

Forza a tutte e tutti!


avatar Lauriane Armand

Autore: Lauriane Armand, Studente di farmacia, Redattrice di Salute

Lauriane è una studentessa di farmacia del 5° anno all'Università di Aix-Marseille e prevede di completare i suoi studi con un master specializzato in trasformazione digitale, marketing e strategia.

Una delle... >> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche

L’endometriosi distrugge la donna

Endometriosi

L’endometriosi distrugge la donna

Vedi la testimonianza
Violenze ginecologiche: la parola delle donne si libera

Endometriosi

Violenze ginecologiche: la parola delle donne si libera

Leggi l’articolo
Endometriosi e gravidanza, quali prospettive per le donne colpite?

Endometriosi

Endometriosi e gravidanza, quali prospettive per le donne colpite?

Leggi l’articolo
Sapere tutto sull'endometriosi!

Endometriosi

Sapere tutto sull'endometriosi!

Leggi l’articolo

Scheda malattia