«
»

Top

Il disturbo bipolare: facciamo il punto sui diversi trattamenti!

Pubblicata il 19 apr 2021 • Da Aurélien De Biagi

Il disturbo bipolare è una malattia psichiatrica che è spesso stigmatizzata, incompresa e scarsamente accettata dai pazienti e dalle loro famiglie. Dopo averne discusso le cause e averne descritto i diversi tipi in un articolo precedente, ci proponiamo oggi di esaminare più in dettaglio i diversi trattamenti e i vincoli che li accompagnano.

Perché la diagnosi è difficile? Quali sono i trattamenti farmacologici e non farmacologici? Quali precauzioni devono essere prese con questi farmaci? Cos'è la sismoterapia? 

Vi diciamo tutto in questo articolo!

Il disturbo bipolare: facciamo il punto sui diversi trattamenti!

Il disturbo bipolare: un breve ricordo

Il disturbo bipolare, una grave malattia psichiatrica, precedentemente chiamata "disturbo maniaco-depressivo" o "psicosi maniaco-depressiva", è caratterizzata da una sproporzione (in intensità e durata) delle emozioni provate. La maggior parte dei primi sintomi appare tra i 15 e i 25 anni (o 15-19 a seconda della fonte), indipendentemente dal sesso o dallo stile di vita. Secondo l'OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), questo disturbo è una delle 10 patologie più invalidanti. 

Questa malattia è descritta dall'alternanza di: 

  • episodi maniacali (euforia esagerata) o episodi ipomaniacali (episodio maniacale meno intenso)
  • episodi depressivi 
  • episodi misti (sintomi maniacali e depressivi) 

Queste fasi possono essere intervallate da fasi normali. 

Il bipolarismo non va confuso con la ciclotimia: un ciclo più o meno regolare di felicità e tristezza che non è considerato una malattia finché la qualità della vita non ne risente.

Una diagnosi difficile

Le cause di questa patologia sono numerose, alcune delle quali sono: forte stress, alcolismo, fumo, tossicodipendenza, trauma cranico e senza dimenticare il fattore ereditario. Infatti, il rischio aumenta se un membro stretto della famiglia ne soffre. 

La diagnosi dei disturbi bipolari rimane molto complicata e per una buona ragione, sono molto spesso confusi con la "semplice" depressione durante la consultazione medica. Questo può essere spiegato o dal maggior numero di episodi depressivi o dalla difficoltà di identificare i disturbi maniacali, ma soprattutto ipomaniaci, da parte del medico e del paziente. 

Inoltre, le fluttuazioni improvvise dell'umore sono anche sintomi di altre patologie. Possono verificarsi, per esempio, nei tumori cerebrali, nei disturbi della tiroide o come risultato di farmaci come i corticosteroidi e le anfetamine.

Ci vogliono in media 10 anni dal primo episodio alla diagnosi e al trattamento. Senza trattamento, gli episodi si susseguono più rapidamente e con maggiore intensità. 

Trattamenti

Trattamenti farmacologici: 

Per il trattamento di questa complessa patologia, possono essere utilizzate diverse classi di farmaci, spesso per un lungo periodo o addirittura per tutta la vita.

Timoregolatori (regolatori dell'umore):

Il più usato è il sale di litio (TERALITHEⓇ). Trattamento di prima linea in caso di episodi maniacali e prevenzione delle ricadute, ha il vantaggio di non avere alcun effetto nei soggetti sani.

Tuttavia, richiede un'attenzione speciale. Infatti, una litiemia (dosaggio del livello di litio nel sangue) deve essere effettuata regolarmente (ogni 5 giorni all'inizio del trattamento poi la frequenza diminuisce). Questo per evitare il sovradosaggio, che può avere gravi conseguenze, ma anche per mantenere una concentrazione minima efficace (Cmin). Il dosaggio deve essere individualizzato per ogni paziente in base alle concentrazioni e alla risposta clinica osservata. 

Bisogna anche prestare attenzione a qualsiasi perdita d'acqua (sudore o sostanze diuretiche come il caffè, il tè o alcuni farmaci) o sale che aumenta la litiemia. Inoltre, il consumo di alcol aumenta la sonnolenza e le fluttuazioni dei livelli di litio.

I segni più comuni di sovradosaggio sono (elenco non esaustivo): sonnolenza, vertigini, convulsioni, coma...

Questo farmaco è anche controindicato nelle donne incinte perché attraversa la barriera feto-placentare e ha effetti teratogeni (può produrre malformazioni nel nascituro).

Antiepilettici in cui troviamo principalmente il Sodio Valproato, e i suoi derivati (DEPAKOTEⓇ o DEPAMIDEⓇ), ma anche altri come la Carbamazepina (TEGRETOLⓇ) e la Lamotrigina (LAMICTALⓇ). I primi due regolano l'umore mentre il secondo è usato nella prevenzione degli episodi depressivi. Tuttavia, devono essere prese precauzioni per quanto riguarda l'uso del valproato di sodio che ha proprietà teratogene.

Antidepressivi:

Sono usati con cautela (solo in caso di episodio depressivo maggiore e rischio di suicidio). Il più delle volte, la famiglia SSRI (inibitori della ricaptazione della serotonina) è usata. Queste molecole sono più attive e meglio tollerate delle altre famiglie di antidepressivi. Possiamo citare Paroxetina, Fluoxetina, Citalopram, Escitalopram. Tuttavia, gli antidepressivi impiegano molto tempo per agire (da 3 a 4 settimane prima degli effetti). 

Inoltre, i timoregolatori saranno più efficaci in loro assenza.

Neurolettici:

I neurolettici atipici possono anche essere usati in questa patologia. Sono prescritti nel trattamento degli episodi maniacali in particolare per la loro azione sedativa.

Alcuni esempi sono: Risperidone (RISPERDALⓇ), Quetiapina (XEROQUELⓇ), Aripiprazolo (ABILIFYⓇ)...

Trattamenti non farmacologici:

I pazienti possono anche beneficiare di trattamenti non farmacologici: 

Le psicoterapie cognitive e comportamentali hanno poco effetto sui disturbi stessi, ma permettono al paziente di lavorare su se stesso.

La psicoeducazione permette una migliore adesione al trattamento spiegando la malattia al paziente e alla sua famiglia.

Infine, la sismoterapia (terapia con elettroshock) è usata per alleviare il paziente durante le fasi maniacali o depressive acute. Il principio è quello di innescare un attacco epilettico facendo passare una corrente elettrica tra le tempie (sotto anestesia generale). Nonostante la sua cattiva immagine pubblica, ha pochi effetti collaterali tranne mal di testa, confusione, nausea e brevi problemi di memoria (che scompaiono in pochi giorni o settimane).

Questo articolo vi è stato utile? Volete saperne di più?

Non esitate a condividere le vostre esperienze e domande nei commenti qui di seguito!

Forza a tutte e tutti!


avatar Aurélien De Biagi

Autore: Aurélien De Biagi, Redattore di Salute, studente di farmacia

Aurélien è uno studente al 5° anno di farmacia all'Università della Lorena. Scrive articoli sulla salute per Carenity. Ha un interesse particolare per la neuropsichiatria e il campo cardiovascolare.

Desidera... >> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche

Come sostenere un parente affetto da una malattia mentale ?

Disturbo bipolare

Come sostenere un parente affetto da una malattia mentale ?

Leggi l’articolo
Dormire solo 6 ore porta ansia e depressione

Disturbo bipolare

Dormire solo 6 ore porta ansia e depressione

Leggi l’articolo
Convivere con il disturbo bipolare dall'età di 17 anni

Disturbo bipolare

Convivere con il disturbo bipolare dall'età di 17 anni

Vedi la testimonianza
La depressione nel 2030 sarà la malattia più diffusa nel mondo

Disturbo bipolare

La depressione nel 2030 sarà la malattia più diffusa nel mondo

Leggi l’articolo