«
»

Top

Intervista di esperto: Scoprire la neuropsicologia (1/3)

5 mar 2020 • 1 commento

Timothée Albasser è neuropsicologo presso l'ospedale Hautepierre di Strasburgo. Ha accettato di presentarci la sua disciplina e i suoi impatti sui pazienti. Per chi è questo? Cos'è una valutazione neuropsicologica? Le risposte qui sotto!

Intervista di esperto: Scoprire la neuropsicologia (1/3)

Buongiorno Timothée Albasser, grazie per aver accettato di rispondere alle nostre domande. Puoi spiegarci in cosa consiste la neuropsicologia?

La neuropsicologia è lo studio dei disturbi cognitivi, emotivi e comportamentali causati da lesioni cerebrali. Questo campo disciplinare si trova all'incrocio tra neurologia, psichiatria, psicologia e neuroscienze in generale. 

Dalla neurologia, la neuropsicologia mantiene un costante riferimento alla lesione cerebrale o alla disorganizzazione neurofisiologica che è responsabile dei disturbi (Cambier et al., 2000). Prende in prestito concetti dalla psicologia per descrivere i comportamenti. La psichiatria fornisce una lettura dei disturbi psicopatologici e dei fattori di comorbilità a volte associati. Le neuroscienze fanno luce sulle attività mentali, per esempio, attraverso la neuroimmagine (risonanza magnetica (MRI), PET scan).

Secondo la posizione contemporanea della Società di neuropsicologia di lingua francese (SNLF), la neuropsicologia si occupa delle relazioni tra i processi mentali alla base dell'attività cerebrale, le funzioni cognitive e il comportamento emotivo, perché il danno cerebrale influisce sia sull'efficienza cognitiva, sia sul funzionamento emotivo e sui comportamenti del soggetto. 

La competenza degli psicologi clinici specializzati in neuropsicologia deve essere basata sulla conoscenza delle basi neurali dei comportamenti, delle teorie cognitive, delle teorie dello sviluppo della psiche umana, della sua organizzazione e delle sue manifestazioni normali e patologiche. Richiede anche una formazione all'ascolto del soggetto e della sua famiglia, in un approccio globale della situazione.

In quali casi vengono a trovarti i pazienti? Possono prendere un appuntamento direttamente?

Siamo portati a vedere qualsiasi tipo di paziente che segnala un disturbo di memoria o cognitivo in generale. L'obiettivo della valutazione neuropsicologica è quindi quello di oggettivare (o meno) questa lamentela e di portare alla luce la presenza di possibili disturbi cognitivi. In questo modo, chiunque abbia una lamentela cognitiva può parlarne con il proprio medico di base, che invierà una richiesta direttamente al nostro servizio. Di solito il paziente viene chiamato entro un mese. 

Inoltre, lavorando in un ospedale universitario, sono in contatto diretto con i dipartimenti di neurologia, geriatria, neuro-vascolare e reumatologia.  Così, vedo regolarmente pazienti ricoverati in questi reparti, per effettuare valutazioni cognitive

Perché un neuropsicologo e non direttamente un neurologo?

Lavoriamo in stretta cooperazione con i neurologi. Il neuropsicologo è spesso in prima linea ed è colui che vede il paziente in un primo tempo, su richiesta del medico curante. Così, il neuropsicologo raccoglierà le lamentele del paziente e del suo entourage, andrà alla ricerca di elementi che descrivano come i disturbi si manifestano, la loro evoluzione e le loro ripercussioni sulla vita quotidiana dei pazienti. La valutazione neuropsicologica servirà quindi ad oggettivare (o meno) la presenza di disturbi cognitivi e permetterà di stabilire ipotesi diagnostiche. Dopo questo esame, il neuropsicologo potrà proporre, se necessario, una lista di esami complementari (prescrizione di risonanza magnetica, biologia del sangue, esame del sonno...), al fine di specificare l'eziologia dei disturbi.

È solo dopo tutti questi esami che il paziente si rivolge ad un neurologo. Durante la consultazione con il neurologo, viene anche effettuato un esame neurologico. Alla fine, il neurologo avrà tutte le informazioni necessarie per fare una diagnosi sull'origine dei disturbi cognitivi del paziente. Nel caso del morbo di Alzheimer, l'esame più probabile per diagnosticare la malattia è lo studio dei biomarcatori (proteina A beta e Tau) nel liquido cerebrospinale (puntura lombare).

Concretamente, cos'è una valutazione neuropsicologica?

La valutazione neuropsicologica può assumere diverse forme. Una valutazione neuropsicologica "standard" dura in media un'ora e mezza. Gli esami neuropsicologici corrispondono, per la maggior parte, a compiti di tipo "carta e matita". Alcuni compiti vengono svolti anche su un computer, in particolare per quanto riguarda la valutazione delle capacità attenzionali. Questi test sono standardizzati, la loro somministrazione è standardizzata, e i risultati sono interpretabili confrontandoli con le norme ottenute nei pazienti abbinati per età, sesso e livello socio-culturale.

Come si svolge questa valutazione?

Ogni valutazione inizia con un colloquio clinico preliminare per stabilire un rapporto di fiducia, durante il quale il neuropsicologo: 

  1. Spiega gli obiettivi e il contenuto dell'esame

  2. Chiede al paziente cosa si aspetta dalla visita e cerca di chiarire eventuali malintesi sullo scopo della valutazione e sul ruolo dello psicologo.

  3. Si informa sul percorso scolastico e/o professionale, sugli eventi della vita personale e familiare, sulle attività della vita quotidiana, sui possibili farmaci assunti e sull'uso di alcol e droghe

  4. Chiede al paziente di chiarire la storia dei disturbi. In effetti, anche se le informazioni sono disponibili nella cartella clinica o nei rapporti scolastici, è comunque indispensabile tenere conto del punto di vista soggettivo del paziente e del modo in cui egli presenta e rappresenta le proprie difficoltà.

  5. Valuta lo stato emotivo, cercando una sindrome di ansia e di depressione. Esplora anche ciò che potrebbe influenzare il funzionamento mentale durante l'esame (per esempio: un evento della vita recente con un forte impatto emotivo come la perdita del lavoro, il lutto, o più innocuo, fenomeni che possono interferire con la vigilanza, come l'insonnia la notte prima o il digiuno. In quest'ultimo caso, i soggetti devono mangiare prima dell'esame).

  6. Nota la lateralità manuale (destrimano, mancino o ambidestro) e il livello socio-culturale del paziente. Il livello culturale ci permette di confrontare i risultati con la norma, a seconda dell'età e del livello di istruzione. Gli standard per i test psicometrici sono inclusi in ogni manuale delle batterie di test. Così, il confronto tra i risultati ottenuti da un determinato soggetto e quelli della sua età e del suo livello di studio permette al neuropsicologo esperto di discuterne il significato. Tuttavia, l'uso dei test da solo non consente una diagnosi di certezza.

  7. Ricorda le regole etiche di riservatezza dei dati degli esami e il rispetto delle persone alle quali il neuropsicologo deve attenersi. Inoltre, gli psicologi che non hanno mai svolto un tirocinio o ricevuto una formazione teorica in neuropsicologia non sono qualificati per condurre una valutazione neuropsicologica. Infine, se il neuropsicologo esercita in uno studio privato, è durante questo colloquio preliminare che le condizioni finanziarie (informazioni sul prezzo della valutazione e sul mancato rimborso degli atti psicologici da parte della Previdenza Sociale) devono essere chiaramente definite con il paziente.

  8. Prima di chiudere il colloquio, il neuropsicologo deve chiedere al paziente se ha altre domande, ad esempio, sulla valutazione o su qualsiasi altro argomento che ritiene importante e che non è stato discusso. È anche in questa fase del colloquio che tutti i pazienti sono incoraggiati a porre domande sulla valutazione neuropsicologica che verrà loro proposta, anche se va notato che lo specialista non sarà in grado di dire loro durante l'esame se le loro risposte ai vari test sono giuste o sbagliate. Di solito, il paziente riceve un rapporto dei risultati dell'esame.

Perché è importante parlare non solo con i pazienti ma anche con i loro cari?

Oltre al paziente, la persona che soffre di più è il cosiddetto "caregiver principale". Di solito è il coniuge del paziente, ma possono essere anche figli, altri membri della famiglia o addirittura amici. Così, siamo presenti prima di tutto per ascoltare le lamentele del caregiver, per raccogliere i suoi sentimenti sui problemi cognitivi della persona amata e per alleviare le sue sofferenze.

La testimonianza del caregiver principale ci permetterà di raccogliere informazioni cruciali e ci darà un'idea del funzionamento del paziente a casa, della sua autonomia, di ciò che è in grado di fare e, infine, delle difficoltà osservate.  Questa testimonianza completerà la testimonianza del paziente e ci darà le chiavi per selezionare i migliori test neuropsicologici da effettuare. 

Cosa succede dopo la valutazione neuropsicologica? 

Dopo la valutazione neuropsicologica, è importante prendersi il tempo necessario per chiedere al paziente come si sente rispetto ai compiti appena svolti: ha trovato questi compiti dfficili? Faticosi? Al contrario facili? Questo è anche il tempo durante il quale presenteremo i risultati al paziente e, se il paziente lo desidera, alla sua famiglia e ai suoi amici. Se la valutazione neuropsicologica è normale, avrà l'effetto di rassicurare il paziente. In questo caso, in generale non offriamo un follow-up. In caso di anomalie, in genere offriamo un follow-up con un neurologo o un geriatra del nostro reparto, che cercherà di chiarire l'eziologia dei disturbi, eventualmente anche effettuando ulteriori esami.

 

Potete ritrovare Timothée Albasser fra poco nella Rivista Salute:
>> Il morbo di Alzheimer nella neuropsicologia
>> La ricerca clinica: quali progressi possiamo aspettare in neuropsicologia?

--
All'incontro di Timothée Albasser

tim_albasser

Timothée Albasser è neuropsicologo presso il CMRR (Centro Memoria di Risorse e di Ricerca) dell'ospedale Hautepierre di Strasburgo dall'aprile 2014.  Titolare di un Master II in neuropsicologia clinica e cognitiva conseguito presso l'Università di Strasburgo, è anche titolare di un diploma interuniversitario in Memoria Normale e Patologie della Memoria conseguito presso l'Università di Medicina di Strasburgo.  

Svolge un'attività nel campo della neuropsicologia clinica, nell'ambito della consulenza sulla memoria e della neuropsicologia di ricerca (PHRC e studi terapeutici), nonché presso il day hospital geriatrico di Saint-François. Allo stesso tempo, lavora anche come tecnico di studi clinici, principalmente per studi di coorte. Fa parte del team del CMRR di Strasburgo composto dal Professor Blanc, dal Dr. Cretin, dal Dr. Martin-Hunyadi e dal Dr. Philippi. Il team CMRR è attivo nella ricerca e nella pubblicazione di articoli scientifici, in particolare nel campo del morbo di Alzheimer e della demenza a corpi di Lewy.

avatar Andrea Barcia

Autore: Andrea Barcia, Community Manager Spagna

Specialista in marketing e comunicazione, Andrea ha lavorato nei settori del benessere, del turismo e della salute. Ormai Community Manager di Carenity Spagna, vuole aiutare i pazienti a trovare delle risposte alle... >> Per saperne di più

Commenti

Vincenzo16
il 09/03/20

il commento non può che essere positivo ci si riconosce con tutte quelle cose che la propria persona per quanto in cura non riesce a ricordare di ricordarsi di fare persenre al proprio medico

Ti piacerà anche

Intervista di esperto: Scoprire la neuropsicologia (3/3)

Malattia di Alzheimer

Intervista di esperto: Scoprire la neuropsicologia (3/3)

Leggi l’articolo
La diagnosi del tumore del polmone raccontata dai membri Carenity

Tumore del polmone

La diagnosi del tumore del polmone raccontata dai membri Carenity

Leggi l’articolo
Convivere con un disturbo bipolare

Disturbo bipolare

Convivere con un disturbo bipolare

Leggi l’articolo
Intervista di esperto: Scoprire la neuropsicologia (2/3)

Malattia di Alzheimer

Intervista di esperto: Scoprire la neuropsicologia (2/3)

Leggi l’articolo