«
»

Top

Quali malattie e quali farmaci sono incompatibili con l’ibuprofene?

Pubblicata il 10 set 2019 • Aggiornato il 27 nov 2019 • Da Louise Bollecker

Utilizzato per trattare il dolore lievo e moderato, l’ibuprofene trova spesso il suo posto nel nostro armadietto dei medicinali. Anche efficace contro la febbre e le infiammazioni, non è però compatibile con alcuni farmaci e alcune malattie. Leggete la nostra guida per evitare qualsiasi complicazione!

Quali malattie e quali farmaci sono incompatibili con l’ibuprofene?

Cos’è l’ibuprofene?

In forma orale per l’adulto (la maggior parte del tempo sono delle compresse), l’ibuprofene è un farmaco utilizzato per trattare un dolore lievo a moderato, nello stesso modo del paracetamolo. È anche utilizzato in quanto antipiretico (per lottare contro la febbre) e anche come antinfiammatorio.

Quando e come assumere ibuprofene? 

Le raccomandazioni qui sotto sono per un adulto di più di 15 anni. 

- Da 200 a 400 milligrammi per assunzione

- Ogni assunzione deve essere spaziata da 6 ore al minimo

- L’assunzione quotidiana massima non deve superare 1 200 milligrammi oppure 6 compresse di 200 mg o 3 compresse di 400 mg

- Si consiglia di assumere l’ibuprofene a pranzo per limitare i dolori e il bruciore di stomaco che può provocare

Se la vostra febbre persiste più di 3 giorni o se i dolori persistono più di 5 giorni mentre assumete ibuprofene ogni giorno, dovete consultare il medico per valutare di nuovo l’assistenza. 

Quali sono i farmaci che contengono ibuprofene?

Esistono molti farmaci per trattare il dolore composti da ibuprofene. Sono disponibili senza ricetta medica. Tra essi, possiamo citare: 

-       ADVIL ® 

-       SPIDIFEN ®

-       UPFEN® 200 mg

-       NUROFEN

In quale situazione bisogna evitare l’ibuprofene?

Le patologie incompatibili

L’ibuprofene può peggiorare le infezioni e danneggiare i reni privandoli del flusso sanguigno. Di più, impedisce la produzione di un enzima che protegge lo stomaco dall’acidità gastrica. L’ibuprofene inibisce anche un altra enzima responsabile dell’aggregazione piastrinica, ciò vuol dire che lotta del corpo contro una possibile emorragia sarebbe difficile. Queste ragioni (tra le altre) spiegano perché l’ibuprofene non deve mai essere assunto se: 

- Soffrite di disturbi della coagulazione

- Soffrite di un ulcera dello stomaco o se avete precedenti di emorragie digestive

- Soffrite di insufficienza cardiaca grave

- Soffrite di insufficienza renale acuta grave

- Soffrite di insufficienza epatica grave

- Avete la varicella

- Soffrite di asma o avete precedenti di asma

- Siete affetti da un lupus eritematoso sistemico

La gravidanza

Se siete incinte, non dovete più prendere ibuprofene a partire dal quinto mese della gravidanza perché l’ibuprofene può provocare la morte in utero del feto. Non dovete neanche prendere ibuprofene se allattate al seno il vostro bambino perché il farmaco può essere trasmesso al bambino nel latte materno. 

Le infezioni

In caso di febbre e/o di dolori che hanno un legame con un'infezione (angina, rino faringite, otite, tosse, infezione polmonare, lesione cutanea o varicella), consultate il vostro medico e utilizzate il paracetamolo. L’ibuprofene può in effetti nascondere i segni di infezione, ciò che può provocare delle complicazioni se non vengono trattate in tempo.

In caso di dubbio, è indispensabile di chiedere il parere del vostro medico o del vostro farmaco. Questo articolo non può sostituire una visita medica. 

Quali farmaci possono essere incompatibili con l’ibuprofene?

Gli anticoagulanti orali

È sconsigliato di utilizzare l’ibuprofene se siete curati con anticoagulanti orali (Coumadin, Sintrom, Eliquis, Pradaxa o ancora Xarelto). In effetti, il rischio di emorragia sarebbe aumentato. 

Gli altri FANS (farmaci antinfiammatori non steroidei)

Non prendete mai diversi farmaci che contengono ibuprofene; la loro efficienza non sarebbe aumentata e rischiereste un sovradosaggio. Non associate neanche l’ibuprofene con l’aspirina o altri antinfiammatori non steroidei (come il ketoprofene o il diclofenac): ciò aumenta il rischio di lesione allo stomaco e il rischio di emorragia. 

Quali sono gli altri usi dell’ibuprofene?

L’ibuprofene si trova in un grande numero di farmaci, da solo o in associazione. Viene utilizzato per diverse indicazioni. 

- Per via orale sotto forma di sospensione orale per i bambini

- Per via cutanea (crema o gel) per artrosi, distorsioni, contusioni, tendiniti superficiali 

- In associazione con la codeina in compresse per trattare il dolore con intensità moderata a grave

- In associazione con la pseudoefedrina in compresse per trattare rinofaringiti

- In associazione con levomentolo in gel per trattare i dolori delle patologie post traumatiche benigne, distorsioni e contusioni o ancora edemi di origini traumatica. 

Per qualsiasi farmaco citato, leggete con precauzione le istruzioni per l’uso. Il dosaggio e le controindicazioni non sono gli stessi dell’ibuprofene per via orale utilizzato in quanto antidolorifico nell’adulto. 

Se prendete regolarmente ibuprofene senza ricetta medica per alleviare dolori, non esitate a parlarne con il vostro medico, forse potrà proporvi altre soluzioni più adeguate per alleviare questi dolori. 

 

Conoscete le controindicazioni dell’ibuprofene? Ne assumete regolarmente? Esprimete la vostra opinione nei commenti!

Articolo redatto da Louise-B sotto la supervisione di Alizé Vives, studentessa in quinto anno di farmacia e autore della tesi: Istituzione della conciliazione dei trattamenti medicinali nei pazienti affetti da cancro.

Le raccomandazioni di questo articolo vengono dalla database pubblica dedicata ai farmaci: https://farmaci.agenziafarmaco.gov.it/bancadatifarmaci/home

 

 

avatar Louise Bollecker

Autore: Louise Bollecker, Community Manager France

Community manager di Carenity in Francia, Louise è anche Content Manager per proporre ai membri degli articoli, video e testimonianze. Il suo obiettivo è di portare la voce dei pazienti per far capire meglio la loro... >> Per saperne di più

Chi ha riveduto: Charlotte Avril, Farmacista, Data Scientist

Charlotte è Dottore in Farmacia e laureata del Master specializzato in Gestione Farmaceutica e Biotecnologica dell'ESCP. Ha un forte interesse per l'e-health, la tecnologia sanitaria, le malattie rare e le... >> Per saperne di più

1 commento


Patriziamontanari
il 28/10/19

Urca.... Io rispondo bene all ibuprofene... Nel senso che assumendolo, quando ho forti dolori o mal di testa, trovo abbastanza rapidamente beneficio...

Purtroppo però soffro di forma reumatici autoimmune (eritema nodoso)... della famiglia del lupus... Quindi cosa posso aver rischiato?

Grazie per la risposta🙏

Ti piacerà anche

Covid-19: quali sono gli effetti collaterali dell'indossare una mascherina?

Covid-19: quali sono gli effetti collaterali dell'indossare una mascherina?

Leggi l’articolo
Quali sono i benefici psicologici dell'interazione con una comunità di pazienti?

Quali sono i benefici psicologici dell'interazione con una comunità di pazienti?

Leggi l’articolo
Disturbi del sonno: quando e come possono essere curati?

Disturbi del sonno: quando e come possono essere curati?

Leggi l’articolo
Quali malattie e quali farmaci sono incompatibili con l’aspirina?

Quali malattie e quali farmaci sono incompatibili con l’aspirina?

Leggi l’articolo