«
»

Top

Quali sono i potenziali rischi per la salute dell'acetaminofene?

Pubblicata il 4 apr 2022 • Da Courtney Johnson

Più comunemente conosciuto con il marchio Tylenol®, l'acetaminofene è l'analgesico più usato nel mondo. Si trova in più di 600 medicine diverse dalla prescrizione al banco e si stima che sia usato dal 23% degli adulti ogni settimana. 

Ma cos'è esattamente l'acetaminofene? Come funziona? Come e quando può rappresentare un rischio per la nostra salute? 

Vi spieghiamo tutto nel nostro articolo! 

Quali sono i potenziali rischi per la salute dell'acetaminofene?

Cos'è l'acetaminofene? 

Che sia nell'armadietto dei medicinali, nella console centrale della tua auto o nella tua scrivania al lavoro, è probabile che tu abbia l'acetaminofene a portata di mano, nel caso in cui un mal di testa o un dolore articolare ti colpisca. Non solo l'acetaminofene è l'antidolorifico più usato in Italia, ma è il più usato in tutto il mondo, ed è anche considerato uno dei più sicuri. 

L'acetaminofene, noto anche come paracetamolo o APAP (N-acetil-para-aminofene), è un farmaco usato per alleviare il dolore da lieve a moderato e ridurre la febbre. È un ingrediente di oltre 600 farmaci da prescrizione e da banco, come Tylenol®, Nyquil®, Excedrin® e Vicodin®

A causa della sua doppia azione, può essere usato per trattare molti disturbi, tra cui mal di testa, dolori muscolari, mal di schiena, mal di denti, crampi mestruali, raffreddore, mal di gola e artrite. 

Come funziona l'acetaminofene? 

L'esatto meccanismo d'azione dell'acetaminofene non è ancora completamente compreso. 

L'acetaminofene appartiene a una classe di antidolorifici chiamata analgesici non oppioidi, che comprende l'aspirina, i tradizionali farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) come l'ibuprofene e il naprossene, e i più recenti inibitori COX-2 come il celecoxib (Celebrex®)

Gli analgesici non oppioidi funzionano bloccando un enzima chiamato cicloossigenasi (COX). La COX agisce come un innesco per la conversione di un acido grasso contenuto nelle pareti cellulari (acido arachidonico) in sostanze note come prostaglandine. Le prostaglandine hanno molti ruoli nel corpo umano, ma possono anche causare infiammazione, dolore e febbre. Il dolore e l'infiammazione che causano si verificano dopo una lesione cellulare, principalmente nel sito della lesione nel sistema nervoso periferico (fuori dal cervello e dal midollo spinale) e nel sistema nervoso centrale. Innalzano anche la temperatura corporea, creando quindi la febbre, colpendo il centro di regolazione del calore dell'ipotalamo nel cervello. 

Inibendo la COX e la produzione di prostaglandine, gli analgesici non oppioidi riducono sia l'infiammazione che la febbre. L'acetaminofene, però, è diverso dagli altri analgesici non oppioidi in quanto non blocca la COX nel sistema nervoso periferico in misura significativa. Sembra ridurre il dolore inibendo una forma di COX chiamata COX-3, anche se sono necessarie ulteriori ricerche per capire questo processo. 

La linea di fondo: Mentre l'acetaminofene fa un ottimo lavoro per alleviare piccoli dolori come il mal di testa e la febbre, non può ridurre il gonfiore o l'infiammazione.

Quali farmaci contengono acetaminofene? 

Come accennato in precedenza, l'acetaminofene è l'analgesico più comune nel mondo ed è presente in oltre 600 farmaci, disponibili sia su prescrizione che da banco. 

Farmaci da banco contenenti acetaminofene*: 

  • Actifed ® 
  • Alka-Seltzer® 
  • Anacin® 
  • Benadryl® 
  • Cepacol® 
  • Dayquil® 
  • Excedrin® 
  • Feverall® 
  • Goody’s® 
  • Midol® 
  • Nyquil® 
  • Panadol® 
  • Robitussin® 
  • Saint Joseph® 
  • Sudafed® 
  • Theraflu® 
  • Tylenol® prodotti di marca 
  • Vicks® 
  • Zicam® 
  • **Marche del negozio  

Farmaci da prescrizione contenenti acetaminofene*: 

  • Endocet® 
  • Fioricet® 
  • Hydrocet® 
  • Idrocodone Bitartrato® 
  • Lortab® 
  • Percocet® 
  • Phenaphen® 
  • Tylenol® con codeina 
  • Ultracet® 
  • Vicodin® 
  • Zydone® 
  • ***E i farmaci generici 

*Nessuna di queste liste è esaustiva, assicuratevi di controllare le etichette dei vostri farmaci da prescrizione e da banco e/o di consultare il vostro medico o farmacista prima dell'assunzione.

Quali sono gli effetti collaterali o altri rischi causati dall'acetaminofene? 

Se usato correttamente con le dosi raccomandate, l'acetaminofene è considerato uno dei farmaci da banco più sicuri. A differenza di altri FANS, non irrita lo stomaco o il rivestimento intestinale e non aumenta il rischio di problemi cardiaci, rendendolo una buona alternativa per le persone che non tollerano i FANS. 

Ma, come con tutti i farmaci, alcuni effetti collaterali e rischi sono ancora possibili. 

Anche se poco comuni, gli effetti collaterali dell'acetaminofene possono includere:

  • Mal di testa 
  • Nausea 
  • Dolore allo stomaco 
  • Eruzione cutanea

Occasionalmente, può causare effetti collaterali più gravi, come gravi reazioni allergiche o cutanee. Grandi dosi di acetaminofene possono provocare crampi allo stomaco e nausea in prima istanza, e quando le condizioni fisiche si deteriorano, possono causare lesioni al fegato, insufficienza e persino la morte. 

Danni al fegato 

Il danno al fegato è l'effetto collaterale più grave dell'uso di acetaminofene e può essere fatale. Può verificarsi quando una persona supera la dose massima giornaliera di 4.000 mg (il dosaggio massimo è di 60 mg/kg/giorno, diviso in 4 o 6 dosi, cioè circa 15 mg/kg ogni 6 ore) ma è stato anche conosciuto per verificarsi in certi pazienti a dosi inferiori. Può accadere dopo una dose molto grande del farmaco, o dopo dosi più alte di quelle raccomandate ogni giorno per diversi giorni. 

Quando prendiamo l'acetaminofene, la maggior parte del farmaco viene metabolizzato dal fegato ed escreto attraverso l'urinazione. Tuttavia, una parte del farmaco viene anche convertita in un sottoprodotto tossico che può danneggiare le cellule del fegato. Assumere troppo acetaminofene aumenta il rischio di danni al fegato e, in casi gravi, può portare alla morte. 

Poiché l'acetaminofene è un ingrediente comune in una vasta gamma di farmaci da prescrizione e da banco, purtroppo può essere piuttosto facile prenderne troppo accidentalmente, soprattutto se si sta prendendo più di una medicina contenente acetaminofene in una volta. 

I segni di danno al fegato possono includere: 

  • Ingiallimento della pelle o del bianco degli occhi (ittero) 
  • Nausea o vomito 
  • Perdita di appetito 
  • Dolore nella parte superiore destra dell'addome 
  • Affaticamento 
  • Sudorazione eccessiva 
  • Pelle pallida 
  • Sanguinamento o lividi insoliti 
  • Cambiamenti nel colore delle urine o delle feci 

Se sospetti di aver preso troppa acetaminofene o noti qualsiasi sintomo, contatta il tuo centro antiveleni locale o cerca immediatamente aiuto medico. Se sai di aver preso più della dose raccomandata, vai al più vicino centro di pronto soccorso, anche se non hai sintomi di danni al fegato. 

Come prevenire l'uso eccessivo o il sovradosaggio di acetaminofene? 

Se hai dubbi sulla quantità di acetaminofene che il tuo corpo può tollerare in base alla tua età, alla tua taglia e al tuo stato di salute, non esitare a parlare con il tuo medico o farmacista. 

Ecco alcuni consigli utili per evitare un sovradosaggio accidentale:

  • Tieni traccia di quello che prendi, compresi i rimedi da banco: Quando prendi un prodotto da banco per il mal di testa, il raffreddore o l'influenza, non dimenticare di controllare l'etichetta. Contiene acetaminofene? Nota che sulle etichette dei farmaci da prescrizione, l'acetaminofene è talvolta elencato come "APAP," "acetam," o altre forme abbreviate della parola. 
  • Conoscere le dosi in milligrammi delle tue pillole: Nei prodotti contenenti acetaminofene disponibili al banco, le pillole possono contenere 325, 500 o 650 milligrammi del farmaco. Sii consapevole di quello che stai prendendo e assicurati di calcolare quanto stai prendendo in un periodo di 24 ore. Fai molta attenzione con le pillole da 500 o 650 mg. 
  • Segui le linee guida per il dosaggio raccomandato: Quando prendi l'acetaminofene, non essere tentato di prendere più di quanto è raccomandato per ottenere un effetto extra. Si raccomanda che le persone di piccola corporatura stiano nella parte bassa della gamma raccomandata (3.000 mg per 24 ore). 
  • Vacci piano con l'alcol: Il consumo di alcol fa sì che il fegato metabolizzi più acetaminofene in sottoprodotti tossici. Gli uomini non dovrebbero bere più di due bevande standard al giorno quando assumono acetaminofene e le donne non dovrebbero avere più di una bevanda standard. 
  • Sapere se i tuoi farmaci possono interagire: Assicurati di essere consapevole dei tuoi farmaci da prescrizione e chiedi al tuo medico o farmacista se qualcuno di loro potrebbe interagire con l'acetaminofene. 


Vi è piaciuto questo articolo?  

Cliccate su "mi piace" o condividete i vostri sentimenti e le vostre domande con la comunità nei commenti qui sotto! 

Forza a tutte e tutti!

6
avatar Courtney Johnson

Autore: Courtney Johnson, Redattrice di Salute

Courtney è una creatrice di contenuti presso Carenity e si concentra sulla scrittura di articoli sulla salute. Ha una particolare predilezione per i temi della nutrizione, del benessere e della... >> Per saperne di più

Chi ha riveduto: Charlotte Avril, Farmacista, Data Scientist

Charlotte è Dottore in Farmacia e laureata del Master specializzato in Gestione Farmaceutica e Biotecnologica dell'ESCP. Ha un forte interesse per l'e-health, la tecnologia sanitaria, le malattie rare e le... >> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche

Farmaci antinfiammatori steroidei e non steroidei: vi diciamo tutto!

Farmaci antinfiammatori steroidei e non steroidei: vi diciamo tutto!

Leggi l’articolo
Covid-19: quali sono gli effetti collaterali dell'indossare una mascherina?

Covid-19: quali sono gli effetti collaterali dell'indossare una mascherina?

Leggi l’articolo
Quali sono i benefici psicologici dell'interazione con una comunità di pazienti?

Quali sono i benefici psicologici dell'interazione con una comunità di pazienti?

Leggi l’articolo
Disturbi del sonno: quando e come possono essere curati?

Disturbi del sonno: quando e come possono essere curati?

Leggi l’articolo

Discussioni più commentate