«
»

Top

Bibite gassate: già una sola lattina supera il limite di zucchero al giorno

18 nov 2016 • 4 commenti

Bibite gassate: già una sola lattina supera il limite di zucchero al giorno

Metà delle bevande dolci presenti sugli scaffali dei supermercati contiene più di sette cucchiaini di zucchero, la quantità che un adulto non dovrebbe superare in 24 ore.

È il risultato di un nuovo studio pubblicato sul British Medical Journal riferito al mercato britannico ma che ha notevoli punti di contatto con quel che c’è sugli scaffali nel nostro Paese. Il 55% di tutte le bevande gassate testate contiene più di 30 grammi (sette cucchiaini) di zucchero, il limite indicato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) per chi abbia più di 11 anni. E una lattina da 33 cl di tre bevande su quattro dei 169 prodotti studiati contiene più di 24 g (sei cucchiaini) di zucchero che è il limite giornaliero massimo per i bambini dai 7 ai 10 anni.

La classifica

La birra allo zenzero è la bibita con più zucchero: tra i 21 diversi tipi analizzati il contenuto medio è di 38,5 grammi, pari a 9,6 cucchiaini. «È vergognoso che tanti bambini possano accedere a questi prodotti che hanno una quantità di zucchero notevolmente al di sopra dei limiti massimi per loro. Non è possibile affermare che queste bevande facciano parte di una “dieta sana ed equilibrata”, anche se le aziende lo sostengono», dichiara Kawther Hashem, co-autore dello studio e ricercatore della Queen Mary University di Londra. Le cole aromatizzate sono al secondo posto per quantità di zucchero. Tutti e quattro i tipi di cole testate hanno dentro più di 30 g, con una media di 37,5 g, (9,4 cucchiaini). Seguono aranciate e Cream Soda (bibita dolce spesso aromatizzata con la vaniglia) con in media più di 30 g di zucchero per 33 cl.

I limiti consentiti

L’American Heart Association e l’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomandano di assumere non più di 6 cucchiaini di zucchero al giorno per le donne e 9 per gli uomini. Sembrano cifre alte ma raggiungerle è più facile di quanto sembri: oltre agli zuccheri aggiunti nascosti nei cibi confezionati, pensiamo solo al fatto che una lattina di cola contiene quasi 8 cucchiaini di zucchero, una barretta di cioccolato 6 cucchiaini, un succo di frutta piccolo in cartone oltre 5. Record assoluto alcune bevande alla frutta di catene americane con l’equivalente di ben 25 cucchiaini di zucchero a tazza.

I provvedimenti adottati

Alcuni Paesi hanno deciso di intervenire sul consumo di bevande zuccherate (e zuccheri aggiunti). Il Messico ha imposto una tassa sulle bevande non alcoliche con aggiunta di zucchero. L’Ungheria l’ha impostata sui prodotti confezionati con elevata percentuale di zuccheri, sale o livelli di caffeina. Filippine, Sudafrica, Regno Unito e Irlanda del Nord hanno annunciato l’intenzione di applicare tasse sulle bevande zuccherate.

La soda tax votata negli Usa

Negli Stati Uniti la stessa tornata elettorale che ha eletto Trump, ha anche deciso la soda tax, l’introduzione di una tassa sulle bevande dolci, in alcune importanti città: è passata a San Francisco e nella zona della baia (Bay Area), Albay, Oakland e Boulder. Il governo federale Usa aveva già deciso di aggiornare le etichette degli alimenti confezionati a partire dal 2018: saranno tenute a elencare gli zuccheri totali e gli zuccheri aggiunti. Philadelphia e Berkeley, in California, sono state le prime città americane ad aver approvato un provvedimento che prevede la soda tax.

Corriere.it

Commenti

il 27/12/16

COSA SI SA SULLE BIBITE SENZA ZUCCHERI?

il 28/12/16

Bruno si sa che purtroppo non è vero che sono senza zuccheri, ne contengono forse in minima parte però ci sono, basta leggere attentamente gli ingredienti

il 06/02/17

Nessuno indica se la 'Coca Cola zero' o similari possa andar bene per i diabetici. La medesima domanda vale per le gomme da masticare 'sugar free'

il 06/02/17

La coca cola zero non contiene zuccheri, ma contiene il colorante E150D. Ecco cosa dice il dottor Marcolongo su tale colorante: "Tra questi è necessario porre attenzione (anche) all' E150d (caramello solfito-ammoniacale) che, con l'E150c (caramello ammoniacale), a forti concentrazioni può scatenare effetti nocivi come crampi, inappetenza, problemi gastrointestinali, leucopenia o riduzione dei globuli bianchi, leucemia e tumori dell'apparato respiratorio (gli studi sono stati condotti su topi e ratti). "

Inoltre contiene ciclamato sodico come dolcificante.
Ecco il commento di Wikipedia su tale dolcificante:
" L’utilizzo di questo dolcificante (che tra gli ingredienti viene riportato come "ciclamato") è stato proibito negli Stati Uniti circa 40 anni fa dalla Food and Drug Administration, l’ente governativo statunitense che, tra le altre cose, è incaricato di vigilare sugli alimenti. L'agenzia aveva vietato l’edulcorante dopo aver scoperto che causava cancro nei topi ai quali veniva somministrato".

Ne segue che io mi guardo bene dal consumare la coca cola, sia essa zero, light o di altro tipo.
Che meraviglia consumare una spremuta o un frullato di frutta fresca, invece di avvelenarsi  come fanno gli americani, con coca cola, hamburger, patatine fritte,  wurstel, hot dog,  kebab...
Per forza che poi si ritrovano obesi come maiali, e malati di diabete, arteriosclerosi, ictus, infarto,...

Ti piacerà anche

La diagnosi del morbo di Crohn raccontata dai membri Carenity

Morbo di Crohn

La diagnosi del morbo di Crohn raccontata dai membri Carenity

Leggi l’articolo
La diagnosi del cancro raccontata dai membri Carenity

Adamantinoma
Astrocitoma
Carcinoma basocellulare
Carcinoma epidermoide della testa e del collo
Condrosarcoma mixoide extrascheletrico
Cordoma
Coriocarcinoma
Dermatofibrosarcoma di Darier-Ferrand
Feocromocitoma
Glioblastoma
Leucemia linfatica acuta
Leucemia linfatica cronica
Leucemia mieloide acuta
Leucemia mieloide cronica
Linfoma di Hodgkin
Linfoma non-Hodgkin
Macroglobulinemia di Waldenstrom
Mesiotelioma
Mielofibrosi
Mieloma multiplo
Nefroblastoma
Neoplasia endocrina multipla
Neuroblastoma
Retinoblastoma
Sarcoma di Ewing
Sarcoma di Kaposi
Sindrome di Sézary
Sindromi mielodisplastiche
Tumore al cervello
Tumore al timo
Tumore del collo dell'utero
Tumore del colon-retto
Tumore del fegato
Tumore del nasofaringe
Tumore del palato
Tumore del pancreas
Tumore del polmone
Tumore del rene
Tumore del seno
Tumore del testicolo
Tumore dell'ano
Tumore dell'endometrio
Tumore dell'esofago
Tumore dell'ovaio
Tumore della bocca
Tumore della gola
Tumore della laringe
Tumore della lingua
Tumore della parotide
Tumore della pelle
Tumore della pleura
Tumore della prostata
Tumore della tiroide
Tumore della vagina
Tumore della vescica
Tumore della vulva
Tumore delle vie biliari
Tumore dello stomaco
Tumore di Merkel
Tumore endocrino entero-pancreatico
Tumore gliale
Tumore maligno delle tube
Tumore neuroendocrino
Tumore osseo
Tumore peritoneale primario
Tumore rabdoide
Tumore stromale gastrointestinale
Tumore tonsillare

La diagnosi del cancro raccontata dai membri Carenity

Leggi l’articolo
La nostra guida per una visita medica di successo

La nostra guida per una visita medica di successo

Leggi l’articolo
Disturbi del sonno: quando e come possono essere curati?

Disturbi del sonno: quando e come possono essere curati?

Leggi l’articolo