«
»

Top

L’acqua naturale è migliore dell’acqua frizzante, vero o falso?

Pubblicata il 4 lug 2016

L’acqua naturale è migliore dell’acqua frizzante, vero o falso?

Molti pensano che l’acqua naturale sia migliore dell’acqua frizzante. Vero o falso? Risponde la professoressa Daniela Lucini.

Vero. Anche se da un punto di vista di capacità di idratazione e di apporto calorico (entrambe pari a  zero) l’acqua frizzante è uguale all’acqua naturale, bere acqua frizzante non è indicato a tutti e soprattutto non quando è importante bere molti liquidi durante il giorno, tutti i giorni. Infatti, l’acqua frizzante rispetto all’acqua naturale contiene una quantità di anidride carbonica che seppur rende l’acqua frizzante più palatabile e piacevole per alcune persone, sicuramente può provocare gonfiore e distensione dello stomaco specialmente in alcune persone. In genere, se si devono assumere tanti liquidi, come accade in estate quando è più caldo e il rischio di disidratazione è più alto, è consigliato bere molta acqua naturale, anche più di due litri. Bere ogni tanto acqua frizzante non fa sicuramente male ma meglio evitarla se si soffre di dilatazione gastrica, piuttosto che di gonfiore addominale. In caso di difficoltà a digerire, l’acqua frizzante, così come talvolta anche un sorso di cola, è certamente un piccolo rimedio che, grazie proprio all’anidride carbonica addizionata all’acqua frizzante, dà sollievo in caso di pesantezza di stomaco. In ogni caso, l’acqua naturale è sempre preferibile quando è importante reidratare l’organismo e specialmente in estate.”

HumanitaSalute.it

2 commenti


giupipino
il 04/07/16

Sono perfettamente d'accordo sul fatto che l'acqua naturale sia da preferirsi all'acqua frizzante.
Ma penso che il discorso andrebbe ampliato. Anzitutto occorre domandarsi: è meglio l'acqua di rubinetto, oppure l'acqua minerale?

Non so cosa succeda a voi, ma se provo a bollire un decilitro di acqua di rubinetto, fino a farla evaporare, sul fondo del recipiente rimane uno strato di colore bianco che fa impressione. Significa che tale acqua conteneva una quantità di CALCARE che, nel caso l'avessi bevuta, sarebbe andata a finire nel mio stomaco. Ma c'è solo calcare?

Evidentemente no. Perché se analizzo i filtri applicati al rubinetto noto la presenza di RUGGINE, oltre ad altre non ben definiti grumi di colore nero. Ne deduco, che, aldilà di quello che ci dicono per tranquillizzarci, l'acqua che esce dal mio rubinetto bene alla salute certo non fa.

Dunque la scelta obbligata è quella per l'acqua MINERALE. Ma, per non rischiare di ritrovarmi con lo stesso problema (ovvero un residuo solido ricco di metalli pesanti, solfato di calcio eccetera) scelgo l'acqua OLIGOMINERALE, con residuo fisso più basso possibile (alcune acque alpine hanno residuo inferiore a 17 mg/litro). 

I medici dicono che per stare bene, per favorire i reni nel loro lavoro, per abbassare la pressione eccetera, occorre bere circa due litri di acqua al giorno. Come si fa?

Io ho scelto di bere acqua e limone a pasto. Oppure di prepararmi dei frullati di frutta (cocomero, melone, fragole, ananas, albicocche, kiwi, prugne, pompelmo....) allungati con mezzo litro di acqua.

E zuccherati, se si vuole, con 20 gocce di stevia.

Questo sistema funziona. Certo il vino o la birra hanno un gusto migliore. Ma, purtroppo, la birra è la sostanza col più alto indice glicemico (quella col più basso indice glicemico è il finocchio). Mentre il vino fa male a chi, come me, soffre di steatosi epatica.

Per non far torto a nessuno (neanche al mio palato) una volta a settimana, al ristorante, assieme alla mia grigliata di pesce mi faccio portare un quarto di cabernet!!!


Francesco_R
il 08/08/16

Ciao @giupipino effettivamente fai bene a sorvegliare la presenza di calcare e la durezza dell'acqua. Purtoppo, in diverse regioni italiane, l'acqua del rubinetto è spesso sconsigliabile se non filtrata.

Per chi volesse leggere maggiori info sull'acqua naturale o frizzante, ecco un altro articolo. Voi quale preferite ?

Acqua: naturale o frizzante? Sfatiamo i falsi miti

C’è chi pensa che l’acqua naturale idrati come l’acqua frizzante, chi pensa che l’acqua frizzante aiuti a digerire e chi teme la ritenzione idrica se beve acqua. Sfatiamo i falsi miti.

Per capacità di idratazione e apporto calorico pari a zero calorie l’acqua frizzante, cioè quella naturalmente frizzante, è uguale all’acqua naturale. Non a tutti però fa bene bere acqua frizzante soprattutto quando è importante bere molti liquidi durante il giorno, perché l’acqua contiene una quantità di anidride carbonica che seppur la rende più piacevole per alcuni rispetto all’acqua naturale, sicuramente può provocare disturbi specialmente nelle persone che già soffrono di dilatazione gastrica e gonfiore addominale – spiega la professoressa Daniela Lucini, Responsabile della Sezione di Medicina dell’Esercizio e Patologie funzionali dell’Ospedale Humanitas. – In genere, se si devono assumere tanti liquidi, come accade in estate quando il rischio di disidratazione è più alto, è consigliato bere molta acqua naturale, anche più dei due litri raccomandati al giorno. Bere ogni tanto acqua frizzante, alternandola all’acqua naturale, non fa sicuramente male e può aiutare in caso di difficoltà a digerire e pesantezza allo stomaco grazie proprio all’anidride carbonica. Inoltre, l’acqua è utile anche per evitare stanchezza e sonnolenza alla guida soprattutto se non si è abituati a bere caffè; infatti per recuperare l’attenzione durante i lunghi viaggi in auto, meglio tenere a portata di mano dell’acqua fresca e qualche snack leggero magari a base di frutta per evitare ipoglicemie e disidratazione che possono provocare cali di attenzione e concentrazione.

Acqua: bevi quella giusta?

Le etichette riportate nelle bottiglie d’acqua possono dire molto sulle proprietà e il contenuto di sali minerali, a partire dal residuo fisso, un valore che esprime la durezza e la quantità di sodio presente nell’acqua. Infatti con un residuo fisso inferiore a 50 milligrammi per litro (mg/l), l’acqua naturale o frizzante è definita “leggera” in quanto molto povera di sodio e sali minerali e pertanto è indicata per stimolare la diuresi. Le acque oligominerali, cioè quelle che presentano poco sodio e pochi sali minerali hanno un residuo fisso non superiore a 500 mg/l e quindi sono ottime acque da bere ogni giorno, ma se superano tale valore vanno consumate con limitazione a seconda dei sali minerali presenti (calcio, zolfo, ferro, bicarbonato, magnesio, eccetera) e comunque vanno alternate ad acque oligominerali. Infine, se il residuo fisso dell’acqua supera i 1500 mg/l si parla di acque curative che dovrebbero essere assunte su indicazione medica vista l’elevata presenza di sali minerali.

– Chi soffre di calcolosi renali o renella dovrebbe porre attenzione alla presenza di calcio nell’acqua perché potrebbe favorirne la comparsa; proprio perché questo gruppo di persone deve bere molto più dei 2 litri di acqua raccomandati al giorno per diluire l’urina e prevenire la formazione di calcoli, è meglio scegliere un’acqua oligominerale leggera.

– Chi soffre di osteoporosi invece non dovrebbe contare sul contenuto di calcio dell’acqua per aumentare l’assunzione del prezioso minerale per le ossa; in caso di vere carenze di calcio, è meglio ricorrere alla supplementazione consigliata dal medico evitando così anche eventuali problemi renali dovuti ad acque ricche di calcio.

– Se invece il problema è la ritenzione idrica, non solo le acque povere di sodio non la risolvono ma se si tratta di vera ritenzione idrica dovuta a scompenso cardiaco, è bene limitare l’assunzione di acqua e attenersi alle indicazioni del medico. Stesso discorso per l’ipertensione che non viene mitigata dall’assunzione di acque povere di sodio.

– Discorso a parte invece per il fegato: più che l’acqua è la corretta idratazione del corpo a rendere più facile il lavoro di depurazione del fegato.

– In caso di stanchezza, dal momento che spesso, ma non sempre, può essere dovuta a disidratazione o squilibri idroelettrolitici, cioè di sali minerali come potassio, sodio o magnesio, bere acque ricche di questi sali minerali può essere d’aiuto ma il vero aiuto per evitare di sentirsi stanchi è bere ogni giorno la giusta quantità di acqua oligominerale (almeno 2 litri).

Acqua: più bevi più dimagrisci?

Sia l’acqua naturale, in bottiglia o di rubinetto, che l’acqua frizzante apportano zero calorie, a differenza delle acque aromatizzate che spesso contengono zucchero o dolcificanti. Quindi, frizzante o naturale, l’acqua non solo ha effetto diuretico, non ha calorie e aiuta la regolarità intestinale, ma proprio per l’effetto idratante aiuta a mantenere il peso forma. A questa conclusione è arrivato un team di ricercatori della University of Michigan (Stati Uniti) in uno studio pubblicato su Annals of Family Medicine realizzato su stili di vita e salute negli Stati Uniti.  Gli scienziati hanno analizzato i dati relativi a un campione del National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES) 2009-2012 formato da adulti tra 18 e 64 anni: adulti inadeguatamente idratati avevano un Indice di Massa Corporea (BMI) maggiore e maggiori probabilità di diventare obesi rispetto a chi fosse ben idratato.

HumanitaSalute.it

Ti piacerà anche

L’alimentazione per guarire?

L’alimentazione per guarire?

Leggi l’articolo
Verso un benessere generale, Weight Watchers diventa « WW »

Verso un benessere generale, Weight Watchers diventa « WW »

Leggi l’articolo
Vitamine, minerali e integratori alimentari

Vitamine, minerali e integratori alimentari

Leggi l’articolo
Cozze e vongole in tavola? I consigli per consumarle senza correre rischi

Cozze e vongole in tavola? I consigli per consumarle senza correre rischi

Leggi l’articolo