flag it
flag fr flag en flag es flag de flag us
/static/themes-v3/default/images/default/home/bg-generic.jpg?1516194360

Pazienti Epatite B

nessuna risposta

45 visualizzazioni

Tema della discussione


anonymous avatar Membro Carenity • Animatore della community
Pubblicato il
Buon consigliere

Un consumo troppo elevato di carne rossa e trasformata è legato alla steatosi epatica non alcolica insieme alla resistenza all'insulina - da uno studio presentato nel Journal of Hepatology.

Carne fegato grasso

Sono delle conclusioni che permettono di aggiungere la malattia del fegato grasso non alcolico al numero delle malattie associate a una dieta occidentale con elevati apporti di carne rossa e che ricordano il fatto che la malattia del fegato grasso è, prima di tutto, una malattia legata al nostro modo di vivere, i cui fattori di rischio sono globalmente evitabili.

Il consumo mondiale di carne è aumentato nel corso degli ultimi decadi e il consumo elevato di carne rossa e soprattutto trasformata sarebbe legato ad alcune malattie croniche come cancri, diabete di tipo 2 e malattie cardiovascolari. La malattia del fegato grasso non alcolico, che viene aggiunta a questa lista, è considerata come la componente epatica del syndrome metabolico, con l'insulino-resistenza e l'infiammazione come fattori importanti nella sua fisiopatologia, spiega il professore Shira Zelber-Sagi dell'Università di Haifa (Israele): "Un modo di vita occidentale malsano svolge un ruolo maggiore nello sviluppo e la progressione della malattia del fegato grasso non alcolico, particolarmente la mancanza di attività fisica e il consumo elevato di fruttosio e di grassi saturi."

Scegliere la carne bianca

Lo studio testa l'associazione tra il tipo di carne consumata, la cottura e la malattia del fegato grasso e la resistenza all'insulina in 800 partecipanti, da 40 a 70 anni, che hanno avuto una colostomia test al Centro Medicale di Tel Aviv. La malattia del fegato grasso non alcolico e la resistenza all'insulina sono state valutate con ecografia ultrasonica e valutazione dell'omeostasi. Il tipo di carne e il metodo di cottura sono stati compilati in un questionario. L'analisi ha permesso di constatare:

- una diagnosi della malattia del fegato grasso non alcolico nel 38,7% dei partecipanti

- una diagnosi di resistenza all'insulina nel 30,5%

- un consumo elevato di carne rossa e trasformata indipendentemente associato alla steatosi epatica non alcolica e alla resistenza all'insulina e questo, indipendentemente dell'apporto di grassi saturi, di colesterolo e altri fattori di rischio come l'IMC

- un consumo elevato di carne cotta con metodi malsani e l'esistenza di una diagnosi di steatosi epatica non alcolica sono associati a un rischio elevato di resistenza all'insulina.

Attenzione alle diete povere di glucidi e ricche di proteine animali: le diete povere di glucidi sono spesso raccomandate nel prevenire le malattie metaboliche. Queste diete povere di glucidi possono essere ricche di proteine animale, soprattutto di carne. Anche se la carne apporta degli elementi positivi nutritivi per la salute, soprattutto delle proteine, ferro, zinco e vitamina B12, questo studio sottolinea il fatto che la carne deve essere consumata con moderazione e il tipo di carne e metodo di preparazione scelti saggiamente. Gli autori raccomandano di limitare il consumo di carne rossa e trasformata e di preferire "carne bianche" più sane, come pollo, tacchino o pesce ma di preferenza cotti al vapore o mediante ebollizione...

La malattia del fegato grasso non alcolico è prima di tutto una malattia legata al modo di vivere, quindi è possibile limitare il suo rischio.  

Fonte: Salute Log

Bap del team Carenity

icon cross

Questo tema ti interessa?

Raggiungi i 69 000 pazienti iscritti sulla piattaforma, ottieni informazioni sulla tua malattia
o quella del tuo parente e condividi con la comunità

Unisciti

È gratis e anonimo