/static/themes-v3/default/images/default/home/bg-generic.jpg?1516194360

Pazienti Menopausa

3 risposte

47 visualizzazioni

Tema della discussione



Pubblicato il

Benvenute nel forum femminile su tutte le tematiche inerenti alla salute della donna. Ginecologia, infezioni, disturbi sessuali, menopausa, problemi di alimentazione e psicologici, sovrappeso, tumori, gravidanza, allergie e molto altro sul Forum "la salute della donna"

Inizio della discussione - 05/06/15

Benvenute


Pubblicato il

buongiorno,

Sono rimasta colpita dal fatto che la menopausa sia inserita nell'elenco delle malattie. Non credevo lo fosse e non lo credo tutt'ora. secondo me è semplicemente un passaggio della vita, una fase, come l'adolescenza.

Sono entrata in menopausa l'anno passato dopo aver fatto la totale a causa di fibromi uterini molto dolorosi e la formazione  di cisti ovariche ricorrenti, avendo avuto , anni fa, la leucemia ho ritenuto, d'accordo col ginecologo, di aver già dato.

Avevo sentito cose terribili su questa parte della vita, invece devo dire di essere stata fortunata: le vampate non sono poi così fastidiose, certo, la mia depressione si è riacutizzata ma gli anni passati a combatterla strenuamente mi hanno insegnato dei trucchetti niente male, ho spesso problemi di insonnia che combatto con integratori cercando di evitare il più possibile di usare sonniferi, oggi x fortuna, le farmacie sono piene di prodotti ottimi. l'unico vero problema che ho riscontrato è la secchezza vaginale. Se si ha un compagno attento con cui si ha un buon rapporto fisico è facile trovare soluzioni con pazienza e fiducia.

Io purtroppo sono single e se all'inizio ho pensato che non fosse un problema, tanto non ho un partner, poi ho pensato che a cinquant'anni non mi va di dare per finita la mia vita sessuale, posso sempre trovare una persona con cui desidero stare anche se ora non c'è. oltretutto la parete interna della vagina è diventata debole, facilmente irritabile e facilmente preda di batteri, addirittura avevo l'impressione (ma non sono un medico) che si lesionasse anche solo camminando, troppo secca e troppo debole. Sono ricorsa a creme ma con scarsi risultati, poi ho pensato che se le donne col partner non hanno questi problemi la soluzione forse sta nel mantenere comunque attiva quella parte. Ora, capisco che mi sto addentrando in un discorso difficile, ma penso che qui siamo tutte grandi e vaccinate, ritengo che Alberto, non essendo donna ma avendo aperto questo gruppo sia un ginecologo, quindi, beh..... al diavolo l'imbarazzo: credo che le donne single dovrebbero superare i tabù e dotarsi di vibratori, magari piccoli, e di creme lubrificanti per tenere in allenamento mente e corpo. Ritengo che l'aspetto sessuale sia importantissimo e che l'autoerotismo aiuti non solo fisicamente ma anche mentalmente scaricando tensioni e spiritualmente a conoscere meglio il nostro corpo e a volerci bene accettandoci per come siamo.

Benvenute


Pubblicato il

Buongiorno magari il tuo discorso puo' andare bene ..ma volevo dirti che oltre alla pomata che magari non fa' piu' di tanto...ci sono degli ovuli specifici x il problema che ti assicuro sono molto piu' efficaci..magari parlane con il tuo ginecologo di fiducia 

Benvenute


Pubblicato il

Buongiorno, sono nuova e ancora non riesco bene ad inquadrare il forum.
Vorrei trovare (o aprire) una discussione sulla tematica: TRAUMA POST ABORTO (sia per quelle che hanno scelto di abortire, sia e soprattutto per quelle che, come me, non hanno potuto neanche farla una scelta -perchè la natura si è sostituita dettando per noi-.
Soffro di trauma post aborto e depressione dall'ormai 2 Maggio 2012. Mi sono chiusa in casa, non esco e non riesco ad avere o a tenere delle amicizie. Non riesco a trovare un lavoro (il che è assurdo visto che ho quasi 29 anni, sono di bella presenza e amo parlare e scrivere).
Non so davvero come fare e a chi rivolgermi, poi i tempi burocratici per avere un assistente (psicologo o psichiatra che sia), a meno che non si paghi di tasca propria e allora li, gli psicologi, ti saltano letteralmente in braccio.

Ho una ricetta del mio medico curante che mi invita ad una visita PSICHIATRICA. 
A me fa sorridere pensare che sebbene io sia in cerca (una ricerca spasmodica e disperata) mi fa ancora più male il fatto che una persona come me si debba piegare a scrivere in un benedettissimo forum, alla ricerca di un minimo aiuto.


Qual'è, dunque, l'aiuto che una persona come me può aspettarsi, se non quella di essere lasciata sempre più sola?
Scusate lo sfogo.

Discussioni più commentate