«
»

Top

8 idee sbagliate sul tumore del seno

Pubblicata il 23 ott 2021 • Da Courtney Johnson

Durante Ottobre Rosa o il mese della consapevolezza del tumore del seno, abbiamo voluto fare luce su questa malattia che colpisce 2,3 milioni di donne nel mondo.

Quali sono alcune delle idee sbagliate più comuni sul cancro al seno? Cosa è vero e cosa è falso su questa malattia?

Continuate a leggere per saperne di più!

8 idee sbagliate sul tumore del seno

Il tumore del seno colpisce solo le donne

Falso. Anche se è più raro, il cancro al seno può ancora verificarsi negli uomini. Molte persone credono che gli uomini non possano sviluppare il cancro al seno perché non hanno il seno - tuttavia, hanno il tessuto mammario. Il cancro al seno maschile rappresenta meno dell'1% dei casi di cancro al seno in Italia. Mentre il cancro al seno rimane relativamente raro negli uomini, è spesso diagnosticato in uno stadio più avanzato perché i medici e i pazienti non associano tipicamente noduli e altri cambiamenti nel tessuto mammario al cancro al seno.

Il cancro al seno colpisce solo le donne di mezza età e più anziane

Falso. Se è vero che l'essere donna e l'età avanzata sono tra i principali fattori di rischio per lo sviluppo del cancro al seno, l'American Cancer Society ha scoperto che nel 2017, circa il 4% dei tumori invasivi al seno sono stati diagnosticati nelle donne sotto i 40 anni (rispetto al 23% nelle donne di 50 anni e al 27% nelle donne di 60-69 anni). Anche se il 4% può sembrare basso, non è lo 0%; significa che 1 caso su 25 di cancro al seno si è verificato in donne sotto i 40 anni.

>> Leggete la testimonianza di Murel, con diagnosi di cancro al seno a 33 anni <<

Se non hai una storia familiare di cancro al seno, sei "al sicuro" dal cancro al seno

Falso. Molte persone pensano che il cancro al seno sia una malattia ereditaria. Tuttavia, statisticamente solo circa il 10% delle persone con diagnosi di cancro al seno hanno una storia familiare della malattia, il che significa che altri fattori come lo stile di vita e l'ambiente devono contribuire al loro rischio, non la genetica. 

Purtroppo, i medici non sono ancora sicuri del perché una persona possa sviluppare il cancro al seno rispetto ad un'altra. Come detto sopra, i fattori di rischio più significativi per il cancro al seno sono l'essere donna e l'avanzare dell'età. Con l'avanzare dell'età, le nostre cellule mammarie sane possono sviluppare mutazioni da sole e diventare cellule tumorali.

Se hai una forte storia familiare di cancro al seno, come uno o più parenti di primo o secondo grado colpiti dalla malattia, assicurati di informare il tuo medico

Indossare un reggiseno può causare il tumore del seno 

Falso. I media e varie fonti internet hanno occasionalmente alimentato la nozione che indossare un reggiseno aumenta il rischio di sviluppare il cancro al seno. 

Una delle teorie proposte è che indossare un reggiseno, specialmente uno stile con un ferretto, potrebbe ostacolare il flusso di fluido linfatico fuori dal seno, causando l'accumulo di tossine nel tessuto mammario. 

Tuttavia, non ci sono prove a sostegno di questa affermazione. Uno studio del 2014 su quasi 1.500 donne con cancro al seno ha scoperto che non c'era alcun legame tra l'indossare un reggiseno e il cancro

Trovare un nodulo nel seno significa avere un tumore del seno 

Falso. Fortunatamente, questo è un mito. Non tutti i noduli o le anomalie nel seno sono cancro - infatti, gli studi stimano che fino al 60-80% di tutti i noduli del seno sono benigni. 

Se scopri un nodulo nuovo e persistente nel tuo seno o noti dei cambiamenti nel tuo tessuto mammario, è importante consultare un medico per un esame clinico del seno. Lui o lei può ordinare ulteriori scansioni di imaging del seno per determinare se il nodulo è una causa di preoccupazione. 

L'uso di deodoranti o antitraspiranti sotto le ascelle causa il tumore del seno 

Falso. Nel corso degli anni, ci sono state voci durature che i deodoranti o antitraspiranti per le ascelle, in particolare quelli contenenti alluminio o altre sostanze chimiche, vengono assorbiti dai linfonodi e viaggiano verso le cellule del seno, aumentando il rischio di cancro. Si pensava che la rasatura delle ascelle avrebbe peggiorato la situazione, creando dei micro tagli che avrebbero permesso alle sostanze chimiche di entrare più facilmente nel flusso sanguigno. Un'altra presunta teoria è che gli antitraspiranti, che fermano la sudorazione ascellare, impediscono il rilascio di tossine dai linfonodi, aumentando analogamente il rischio di cancro. 

Nonostante queste voci, non ci sono prove conclusive che collegano l'uso di deodoranti o antitraspiranti al successivo sviluppo del cancro al seno. Tuttavia, alcuni studi hanno osservato che le donne che usano prodotti per le ascelle contenenti alluminio hanno maggiori probabilità di avere concentrazioni più elevate di alluminio nel loro tessuto mammario. 

Tutti i tumori del seno sono trattati fondamentalmente allo stesso modo 

Falso. Le strategie di trattamento per il cancro al seno variano molto in base alle caratteristiche del cancro e alle esigenze della paziente. Ci sono un certo numero di variabili da considerare quando si scelgono i trattamenti, tra cui: 

  • Le dimensioni, lo stadio e il grado del cancro, oltre alla localizzazione (lobuli o dotti) 
  • Se il cancro è noto o si pensa che sia legato a una mutazione genetica ereditaria, come BRCA1 o BRCA2 
  • Se il cancro risulta positivo ai recettori del progesterone o degli estrogeni (il che significa che la sua crescita è stimolata dagli ormoni) 
  • Se il cancro risulta positivo per copie aggiuntive del gene HER2 
  • I risultati dei test che possono prevedere la possibilità di recidiva, come MammaPrint® o OncotypeDX®. 
  • Le preferenze del paziente sulla tempistica delle sessioni di trattamento o sull'evitare certi effetti collaterali 

Quando il tuo trattamento finisce, hai finito con il cancro al seno 

Molte persone colpite da cancro al seno sentono la pressione della famiglia, degli amici o anche della società per essere pronte ad "andare avanti" o a "tornare alla normalità" dopo la fine del trattamento. Tuttavia, alcune opzioni di trattamento come le terapie mirate o le terapie ormonali possono essere prescritte fino a 10 anni dopo la chemioterapia, le radiazioni o la chirurgia. Inoltre, se una donna decide di sottoporsi a una ricostruzione del seno, può avere diversi interventi chirurgici in un periodo di diversi mesi. E per le pazienti con cancro al seno al IV stadio o metastatico, il trattamento continuerà per il resto della loro vita. 

Anche quando il trattamento principale è finito, alcune persone possono continuare a sperimentare effetti collaterali. A seconda del trattamento, alcuni di questi effetti collaterali possono essere fisici: affaticamento, neuropatia (formicolio o intorpidimento delle estremità), cambiamenti della pelle, tensione e dolore, sintomi della menopausa e altri. Altri effetti collaterali possono essere di natura mentale o emotiva: depressione, ansia o paura delle recidive, problemi di relazione, ecc. 

Per molte persone, questi effetti del cancro al seno possono durare per anni - o addirittura per tutta la vita nel caso del cancro al seno metastatico - ma purtroppo i loro cari non capiscono. 

Avete trovato utile questo articolo?   

Cliccate su "mi piace" o condividete i vostri sentimenti e le vostre domande con la comunità nei commenti qui sotto!   

Forza a tutte e tutti! 

6

Commenti

Ti piacerà anche

Violenze ginecologiche: la parola delle donne si libera

Tumore del seno

Violenze ginecologiche: la parola delle donne si libera

Leggi l’articolo
Giornata mondiale contro il cancro: tutti interessati!

Tumore del seno

Giornata mondiale contro il cancro: tutti interessati!

Leggi l’articolo
Stanchezza e dolore, problemi persistenti dopo la fine del cancro

Tumore del seno

Stanchezza e dolore, problemi persistenti dopo la fine del cancro

Leggi l’articolo
Tumore al seno, il test per decidere a chi serve la chemioterapia

Tumore del seno

Tumore al seno, il test per decidere a chi serve la chemioterapia

Leggi l’articolo

Discussioni più commentate

Scheda malattia