«
»

Top

Alcol e depressione: quali legami? Quali sono i rischi?

Pubblicata il 15 apr 2022 • Da Candice Salomé

L'alcol e la depressione sono spesso strettamente legati. Non è sempre possibile, a prima vista, distinguere tra causa ed effetto. 

In effetti, l'alcol può aiutare ad alleviare o eliminare una sensazione depressiva a breve termine grazie ai suoi effetti euforici e stimolanti. 

Ma quali sono i legami tra alcol e depressione? Quali sono i rischi? Quale cura deve essere pensata? 

Vi diciamo tutto nel nostro articolo! 

Alcol e depressione: quali legami? Quali sono i rischi?

Qual è il legame tra alcol e depressione?

I pazienti affetti da depressione a volte ricorrono al consumo eccessivo di alcol per intorpidire le emozioni che li assalgono e che non sono in grado di gestire o esprimere. Bevono per dimenticare il loro disagio, per affrontare la loro sofferenza o per dormire un po'

In effetti, la sofferenza mentale può incoraggiare il consumo di alcol. A breve termine, il bere dà a questi pazienti una sensazione di sollievo, di allontanamento dai loro problemi e fornisce un effetto calmante o lenitivo. L'alcol è spesso visto come un tentativo di automedicazione

Gli effetti immediati dell'alcol sono fuorvianti e possono aggravare lo stato depressivo

Così, la sensazione di miglioramento dell'umore è di breve durata e si dissipa rapidamente. Inoltre, l'alcol ha effetti depressivi (riduzione delle funzioni cerebrali, stanchezza, difficoltà di concentrazione, tristezza, ecc.) che sono strettamente legati alla sua interferenza con il funzionamento di diversi neurotrasmettitori

I primi segni di depressione (insonnia, stanchezza, irritabilità, disinteresse generale) sono gli stessi dell'alcolismo. 

Inoltre, una grande maggioranza di persone dipendenti dall'alcol sperimentano sintomi di depressione durante la loro vita. La depressione è spesso legata alla bassa autostima o alle relazioni sociali ed emotive rese difficili dall'uso cronico di alcol. 

La combinazione di depressione e dipendenza dall'alcol non è rara. Segni di dipendenza dall'alcol si trovano in quasi una persona depressa su dieci. Allo stesso modo, circa il 40% dei pazienti alcol-dipendenti hanno disturbi depressivi. 

Tuttavia, è ancora difficile determinare se i disturbi depressivi precedono i problemi legati all'alcol o viceversa. 

Una delle teorie più frequentemente avanzate dalla professione medica è che non appena appaiono i primi sintomi della depressione, il dolore e la tristezza, l'alcol può aiutare a seppellire questi sentimenti e dare un'impressione di benessere. Questo è solo temporaneo, perché una volta che gli effetti dell'alcol sono svaniti, l'infelicità ritorna. Il paziente è quindi tentato di ripetere l'esperienza fino ad entrare nel circolo vizioso della dipendenza dall'alcol

Queste due patologie non si mescolano bene. In effetti, una può portare all'altra, o addirittura aggravarla, rendendola ancora più difficile da trattare.

Quali sono i rischi della depressione e dell'uso di alcol?

Una volta che l'alcol diventa una parte importante della vita quotidiana, i suoi effetti diventano sempre più perversi. Infatti, l'alcol non ha più gli effetti euforici desiderati e, al contrario, diventa rapidamente ansiogeno, spingendo così il paziente in una depressione più grave

Inoltre, gli antidepressivi, prescritti per la depressione sotto controllo medico, devono essere strettamente osservati e controllati. L'uso di alcol è fortemente sconsigliato perché può aumentare i possibili effetti collaterali del farmaco

Gli effetti collaterali degli antidepressivi dipendono dalla loro classe di farmaci. Sono transitori e dovuti all'impregnazione iniziale di serotonina.

Alcuni antidepressivi possono causare vampate di calore, ansia, insonnia, vertigini o problemi digestivi come diarrea o costipazione all'inizio del trattamento. 

Così, l'assunzione di alcol può amplificare gli effetti collaterali degli antidepressivi ma soprattutto diminuire i loro effetti terapeutici. L'alcol accentua i comportamenti violenti e impulsivi causati da un esaurimento nervoso. 

Altri rischi devono essere sottolineati: l'alcol, combinato con gli antidepressivi, può portare alla sonnolenza (già favorita dall'alcol) e può anche aumentare il rischio di danni al fegato

È quindi importante evitare l'alcol durante il trattamento e osservare rigorosamente il dosaggio prescritto dallo psichiatra e le sue raccomandazioni. 

Inoltre, con l'alcol, la depressione è ancora più violenta e molto più difficile da superare anche con trattamenti efficaci.

Alcol e depressione, quale trattamento? 

Per farcela, è necessario affrontare sia la depressione che la dipendenza dall'alcol, ma questo non sempre avviene contemporaneamente

Nella stragrande maggioranza dei casi, la priorità è data all'astinenza da alcol. In effetti, la cessazione dell'alcol e il trattamento che questo implica permette ad alcuni pazienti di uscire dalla depressione. Tuttavia, altri pazienti avranno bisogno di un trattamento antidepressivo prima di smettere di bere, per facilitare l'astinenza. 

La comorbilità dei due disturbi è molto comune. Uno psichiatra dovrebbe sempre cercare la depressione in un paziente alcol-dipendente e viceversa. 

Il dialogo tra un medico e il suo paziente è quindi fondamentale, poiché sarà imperativo trovare un trattamento efficace per la depressione ma anche per la dipendenza dall'alcol. Lo stato iniziale del paziente determinerà il trattamento. 

Un paziente con pensieri suicidi si farà trattare prima la sua depressione. Un paziente con epatite alcolica, d'altra parte, sarà trattato prima per la sua dipendenza dall'alcol. 

A parte questi casi estremi, lo psichiatra prenderà in considerazione la psiche del paziente, le sue condizioni e la sua disponibilità per guidare il trattamento. 

In tutti i casi, si dovrebbe considerare un sostegno a lungo termine

Infine, l'ospedalizzazione a breve termine può essere raccomandata per i pazienti alcol-dipendenti e depressi. Tuttavia, il trattamento è specifico per ogni situazione e viene definito in consultazione tra pazienti e professionisti della salute. 

Vi è piaciuto questo articolo?  

Cliccate su "mi piace" o condividete i vostri sentimenti e le vostre domande con la comunità nei commenti qui sotto! 

Forza a tutte e tutti!

avatar Candice Salomé

Autore: Candice Salomé, Redattrice di Salute

Creatrice di contenuti presso Carenity, Candice è specializzata nella scrittura di articoli sulla salute. Ha un interesse particolare nei campi della psicologia, del benessere e dello sport. 

Candice ha... >> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche

La depressione nel 2030 sarà la malattia più diffusa nel mondo

Depressione

La depressione nel 2030 sarà la malattia più diffusa nel mondo

Leggi l’articolo
VITAMINA D E DEPRESSIONE

Depressione

VITAMINA D E DEPRESSIONE

Leggi l’articolo
Come sostenere un parente affetto da una malattia mentale ?

Depressione

Come sostenere un parente affetto da una malattia mentale ?

Leggi l’articolo
Convivere con il disturbo bipolare dall'età di 17 anni

Depressione

Convivere con il disturbo bipolare dall'età di 17 anni

Vedi la testimonianza

Discussioni più commentate

Scheda malattia