«
»

Top

Come influisce la fibromialgia sulla salute mentale?

Pubblicata il 8 apr 2022 • Da Candice Salomé

La fibromialgia, che colpisce circa 2 milioni di persone in Italia, non è ancora riconosciuta come una malattia a sé stante. È ancora spesso disprezzata dalla professione medica, eppure colpisce profondamente la vita quotidiana di coloro che ne sono colpiti. 

Dolore cronico diffuso, stanchezza intensa, disturbi del sonno... I pazienti sono fortemente colpiti e questo è dannoso per la loro salute mentale. 

Cos'è dunque la fibromialgia? Perché influisce così tanto sulla salute mentale dei pazienti? Qual è il legame tra depressione e fibromialgia? 

Vi diciamo tutto nel nostro articolo! 

Come influisce la fibromialgia sulla salute mentale?

Cos'è la fibromialgia e quali sono i suoi sintomi?

La fibromialgia è una malattia che combina sintomi fisici come il dolore e sintomi psicologici. Questa patologia è stata riconosciuta come tale dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) nel 1992. Ma la sua natura e la sua esistenza sono, purtroppo, ancora oggetto di molte controversie nel mondo medico. 

La fibromialgia combina dolori muscolari e/o articolari permanenti, stanchezza cronica, disturbi del sonno e, molto spesso, sintomi depressivi e disturbi d'ansia

I pazienti hanno dolore ovunque, senza interruzione, per mesi e mesi. Alcuni stimoli normalmente indolori possono causare dolore, e un dolore normalmente sopportabile può essere vissuto dai pazienti come intenso. 

Per alcuni pazienti, sintomi come mal di testa, mal di stomaco, dolore alla mascella, minzione costante, mestruazioni dolorose o formicolio alle dita e ai piedi possono essere sperimentati. 

In più dell'80% dei casi, la fibromialgia compare nelle donne tra i 30 e i 55 anni, con un picco di prevalenza intorno alla menopausa. 

La depressione e l'ansia sono 4 volte più frequenti che nella popolazione generale. 

Qual è il legame tra fibromialgia e salute mentale?

Una diagnosi complicata

La diagnosi di fibromialgia è spesso fatta dopo diversi anni di vagabondaggio medico. La diagnosi viene fatta dopo aver eliminato altre malattie con sintomi simili, come alcune malattie autoimmuni, perché la sua eziologia è ancora sconosciuta. 

Questa patologia è stata riconosciuta dall'OMS dal 1992.

Per molto tempo, il vagabondaggio medico da parte dei pazienti è stato quindi la regola. Le persone che soffrono di fibromialgia riferiscono un alto grado di erraticità medica, mentre una percentuale significativa di professionisti indica che si sente impotente di fronte ai pazienti che soffrono di fibromialgia.

Attualmente, anche se la diagnosi rimane difficile da fare perché la malattia non è accompagnata da alcuna lesione organica, lo screening è facilitato da strumenti come il Fibromialgia Rapid Screening Tool, un auto-questionario utilizzato nella pratica generale. Una risposta positiva a 5 domande su 6 permette di individuare la fibromialgia nei pazienti che soffrono di dolore diffuso da più di 3 mesi. Oltre a questo, deve essere effettuato un work-up completo per escludere altre patologie che possono causare lo stesso tipo di dolore. 

Una mancanza di trattamento curativo 

Un'altra difficoltà per i pazienti è la mancanza di una cura. Infatti, il trattamento della fibromialgia è adattato ad ogni paziente. 

Così, i trattamenti non medicinali sono favoriti nel trattamento, in particolare l'attività fisica regolare. Altri trattamenti non medicinali hanno mostrato effetti benefici su alcuni sintomi della fibromialgia: agopuntura, cure termali, yoga, tai chi, qi gong, e anche psicoterapia comportamentale e cognitiva. 

Gli analgesici non sono generalmente molto efficaci e gli psicofarmaci, come certi antiepilettici o antidepressivi, hanno solo un effetto moderato. Sono riservati ai pazienti per i quali l'esercizio fisico non ha migliorato i sintomi della fibromialgia. 

>> Per saperne di più sui trattamenti medici e non medici per la fibromialgia, scoprite il nostro articolo dedicato <<

Complicazioni della fibromialgia 

La fibromialgia, anche se non è una malattia grave o pericolosa per la vita, può causare una grave disabilità che limita le attività quotidiane e il lavoro. Così, i pazienti con fibromialgia tendono a diventare socialmente isolati e a sviluppare una grave depressione. 

In effetti, alcune malattie si osservano più frequentemente nelle persone affette da fibromialgia: ansia (generalizzata, fobie, attacchi di panico, OCD), depressione, sindrome del colon irritabile, sindrome da stanchezza cronica, sindrome delle gambe senza riposo o sindrome di Gougerot-Sjögren (secchezza della bocca, degli occhi e delle mucose genitali).  

La depressione causa la fibromialgia o è il contrario? 

Oltre ai sintomi presenti nella stragrande maggioranza dei pazienti affetti da fibromialgia, come il dolore diffuso e cronico, i disturbi del sonno, ecc., c'è anche una sindrome che è molto presente: lo stato ansioso-depressivo e talvolta anche la depressione grave o la malinconia.

Si tratta di una constatazione molto ambigua nella misura in cui è ancora impossibile determinare se la sindrome ansioso-depressiva è un effetto somato-psichico diretto della fibromialgia o se è il fattore scatenante (determinante psicosomatico). 

Tuttavia, secondo il dottor Charley Cohen, reumatologo e autore di La Fibromyalgie, un état douloureux enfin reconnu et pris au sérieux (La Fibromialgia, una condizione dolorosa finalmente riconosciuta e presa sul serio), la fibromialgia non è paragonabile a nessuna malattia psichiatrica. Tuttavia, più del 30% dei pazienti con fibromialgia sono trattati anche per la depressione. 

Il confine tra dolore cronico e depressione è complicato da analizzare a causa della loro interazione. La depressione può essere una reazione al dolore. Infatti, a forza di soffrire, di non essere riconosciuto, il paziente tende verso una depressione che può anche diventare cronica. Alcuni pazienti non combattono più la malattia, ne soffrono. 

Il dolore cronico ha ripercussioni sulla vita professionale, emotiva e familiare. Questo alla fine ha un impatto sulla psiche del paziente. A sua volta, la depressione reazionaria mantiene o addirittura aumenta il dolore. È una spirale verso il basso. 

La depressione è quindi un sintomo della fibromialgia e non il contrario. 

Vi è piaciuto questo articolo?  

Cliccate su "mi piace" o condividete i vostri sentimenti e le vostre domande con la comunità nei commenti qui sotto! 

Forza a tutte e tutti!

1
avatar Candice Salomé

Autore: Candice Salomé, Redattrice di Salute

Creatrice di contenuti presso Carenity, Candice è specializzata nella scrittura di articoli sulla salute. Ha un interesse particolare nei campi della psicologia, del benessere e dello sport. 

Candice ha... >> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche

Lady Gaga: lo stupro, la battaglia contro la depressione e la fibromialgia

Fibromialgia

Lady Gaga: lo stupro, la battaglia contro la depressione e la fibromialgia

Leggi l’articolo
La diagnosi della fibromialgia raccontata dai membri Carenity

Fibromialgia

La diagnosi della fibromialgia raccontata dai membri Carenity

Leggi l’articolo

Discussioni più commentate