«
»

Top

Coronavirus e obesità

23 apr 2020

L'obesità è una malattia cronica progressiva. In Italia 25 milioni di persone sono in sovrappeso o obese. L'obesità è un importante fattore di rischio per molte patologie come le malattie cardiovascolari e il diabete di tipo 2. L'obesità ha anche conseguenze psicologiche e sociali come la bassa autostima, la stigmatizzazione e la depressione.

Nel contesto dell'epidemia legata al coronavirus, l'Istituto Superiore di Sanità specifica che i pazienti obesi hanno un rischio maggiore di sviluppare una forma grave di COVID-19 rispetto alla popolazione generale.

Coronavirus e obesità

Qual è il legame tra il rischio di complicazioni con il COVID-19 e l'obesità?

Il Dr. Nicolas Veyrie, chirurgo bariatrico, spiega che il rischio di complicazioni è più legato alle comorbidità (patologie associate alla malattia) dell'obesità che a un legame diretto tra l'obesità e le complicazioni del coronavirus. 

Il rischio è particolarmente importante quando queste comorbidità non sono gestite da misure igienico-sanitarie o addirittura da farmaci, in altre parole quando non sono stabilizzate e regolarmente monitorate da un team medico.

Il Dr. Veyrie sottolinea inoltre che "la questione se l'obesità sia di per sé un fattore di aggravamento del COVID-19 si pone in considerazione dei problemi immunoregolatori spesso riscontrati nelle persone obese e della percentuale di pazienti obesi in terapia intensiva per le complicazioni del COVID-19".

Come posso proteggermi dal rischio di infezione da coronavirus?

La prima cosa, secondo Anne-Sophie Joly, presidente del Collettivo Nazionale delle Associazioni di Obesi (CNAO), è essere consapevoli di questo rischio quando si è obesi. Questo vi permetterà di consultare uno specialista, che vi offrirà un follow-up medico adeguato al vostro check-up; oppure il vostro medico di base se siete già seguiti.

Dati i rischi di gravi forme di infezione da Covid-19 nelle persone obese, è fondamentale rispettare le misure di confinamento e i gesti barriera, evitare di assumere farmaci antinfiammatori e consultare il proprio medico di base per la gestione dell'obesità. Le consultazioni possono essere effettuate per telefono o per teleconsulto.

Inoltre, se il vostro IMC è superiore a 40 kg/m2 , potete chiedere al vostro medico di base, o in mancanza di questo ad un altro medico, di valutare la possibilità di concedervi una deroga per l'interruzione del lavoro.

Posso continuare a usare farmaci antinfiammatori auto prescritti per alleviare i dolori articolari?

In caso di sovrappeso o obesità, viene esercitata una pressione supplementare sulle articolazioni. Per questo motivo le persone obese soffrono molto spesso di problemi osteoarticolari come l'artrosi del ginocchio.

La gestione del dolore articolare può richiedere l'assunzione di farmaci antinfiammatori come Advil, Ibuprofene, Nurofen, Ketoprofene, ecc. Tuttavia, si ritiene che l'uso di farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) sarebbe all'origine di gravi reazioni avverse nei pazienti con COVID-19. È per questo motivo che la Direzione Generale della Salute ricorda che nel contesto attuale il "trattamento di una febbre mal tollerata o di un dolore nel contesto di COVID19 o di qualsiasi altra virosi respiratoria si basa su paracetamolo (Doliprane, Dafalgan, Efferalgan...), senza superare la dose di 60 mg/kg/giorno e 3 g/giorno. I FANS dovrebbero essere vietati".

In caso di dubbio, parlate con il vostro farmacista o medico.

Perché il mio intervento di chirurgia bariatrica è stato annullato?

La chirurgia bariatrica non è considerata un'emergenza pericolosa per la vita (cioè pericolosa immediatamente) per i pazienti che la ricevono, può aspettare qualche settimana. Per questo motivo, tutti gli interventi sono stati finora cancellati e saranno rinviati dopo il confinamento. Il secondo motivo è che dopo l'intervento chirurgico le difese immunitarie dei pazienti sono gravemente indebolite, ciò che comporterebbe un notevole rischio di complicazioni in caso di infezione da SARS-CoV-2 (coronavirus) per questi pazienti.

Se avete subito recentemente un intervento di chirurgia bariatrica, l'AFERO (Associazione di studio e ricerca sull'obesità) vi consiglia di assumere regolarmente gli integratori vitaminici e minerali che vi sono stati prescritti per non indebolire il vostro sistema immunitario. 

In caso di dolori addominali anomali dopo un intervento chirurgico per obesità, non esitate a recarvi al pronto soccorso. In generale, se le vostre condizioni di salute richiedono che vi rechiate al pronto soccorso durante il periodo di confinamento, non esitate a recarvisi. Si prendono precauzioni per limitare il rischio di esposizione al virus. 

Temo che il confinamento aggravi la mia obesità, come evitare questo?

La diminuzione dell'attività fisica, l'ansia e lo stress di fronte alla situazione attuale, il cambiamento delle abitudini... tutto questo è una fonte ulteriore importante di ansia per i pazienti obesi, a cui le associazioni di pazienti cercano di rispondere rassicurandoli.

La presidentessa del CNAO sottolinea la difficoltà per i pazienti obesi di gestire le loro dipendenze (per esempio lo zucchero) e le loro emozioni nel contesto attuale. Ci ricorda che è essenziale rilassarsi per evitare l'assunzione di cibo legata alla mancanza di controllo delle proprie emozioni, praticare ogni giorno le attività che amate, condividere le proprie emozioni con i propri cari e/o con il medico curante e continuare a praticare attività fisica a casa!

Ecco un esempio di attività fisica che si può facilmente fare a casa:

Fonte: CNAO

Per evitare uno stile di vita sedentario, rafforzare la massa muscolare e migliorare la flessibilità, è possibile ad esempio :

  • Camminare (alzarsi regolarmente ogni 90 minuti per fare qualche passo, camminare telefonando...). 
  • Durante il tempo dello schermo, sgranchirsi le gambe, muovere le mani (si possono anche usare le bottiglie come piccoli manubri), ballare durante i periodi di pubblicità ... 
  • Ballare, salire e scendere le scale.
  • Fare yoga, stretching o allenamento di forza. L'applicazione web proposta dal Ministero dello Sport offre sessioni gratuite di attività fisica adatte alla pratica a casa

Come posso adattare la mia dieta? 

Prima di andare a fare la spesa, è importante preparare una lista in modo da non disperdersi e non essere tentati negli scaffali.
In termini di scelta, privilegiate frutta e verdura, proteine (legumi, pesce grasso in scatola, ecc.) e i carboidrati (da consumare secondo il vostro appetito).

Non cambiate le vostre abitudini alimentari. Mantenete lo stesso ritmo (generalmente 3 pasti al giorno). Se volete cambiare le vostre abitudini, cambiate gradualmente.
Evitate di mangiare pasti preparati. Provate a cucinare voi stessi. 

Ascoltate il vostro corpo, tenendo conto dei vostri segnali di fame e di sazietà prima e durante i pasti. Prendetevi il tempo di masticare bene in modo che il vostro corpo possa capire cosa sta succedendo e adattare le quantità alle sue esigenze. È anche importante prendersi del tempo per sistemarsi e non fare nient'altro allo stesso tempo.
Un trucco che probabilmente dovreste sapere è quello di mangiare in un piatto piccolo piuttosto che in uno grande per adattare le quantità.

Non iniziate una dieta rigorosa durante il confinamento, perché questo potrebbe aumentare le voglie di cibo.
Se avete ripetute voglie di cibo, cercate di individuarne le ragioni e di agire sulle fonti di tensione (stress da lavoro, mancanza di sonno o di attività fisica, ecc.)

Rimanete in contatto il più possibile con i vostri cari e non esitate a esprimere i vostri sentimenti parlandone o anche scrivendo se non volete condividerli.

A chi posso rivolgermi per domande sulla situazione attuale?

Se avete domande o difficoltà, potete contattare i dispositivi di supporto e le associazioni dei pazienti: 

  • Trovate tutte le informazioni utili per le persone in sovrappeso e obese e i loro cari (famiglia), sul sito del Ministero della Salute
  • Scambio con le associazioni di pazienti affetti da obesità della vostra regione. Elenco da consultare su Amici Obesi Onlus
  • Dispositivi di supporto psicologico legati ai disturbi alimentari.

Potete trovare supporto anche su Carenity! È importante aiutarsi a vicenda soprattutto in questo difficile contesto della pandemia COVID-19. Non esitate a raggiungere le nostre discussioni ora!

avatar Camille Dauvergne

Autore: Camille Dauvergne, Junior Community Manager Francia

Camille Dauvergne è attualmente Community Manager Junior in Carenity. Assiste il Community Manager Francia nell'animazione della piattaforma, facilitando la navigazione dei membri e promuovendo le loro... >> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche

Obesità infantile: i pericoli che nasconde

Obesità

Obesità infantile: i pericoli che nasconde

Leggi l’articolo
I parlamentari britannici chiedono al governo una svolta nella lotta all’obesità infantile. Rapporto del Comitato ristretto per la Salute

Obesità

I parlamentari britannici chiedono al governo una svolta nella lotta all’obesità infantile. Rapporto del Comitato ristretto per la Salute

Leggi l’articolo
Allarme obesità in Sicilia: l’importanza dell’approccio multidisciplinare per garantire migliori percorsi di cura e sicurezza ai pazienti

Obesità

Allarme obesità in Sicilia: l’importanza dell’approccio multidisciplinare per garantire migliori percorsi di cura e sicurezza ai pazienti

Leggi l’articolo
Obesità, gli uomini che mangiano da soli sono più a rischio

Obesità

Obesità, gli uomini che mangiano da soli sono più a rischio

Leggi l’articolo