«
»

Top

Depressione: è dovuta a una disfunzione del cervello?

Pubblicata il 17 lug 2021 • Da Candice Salomé

La depressione è una patologia frequente. 1 persona su 10 ne soffrirà nel corso della sua vita, cioè dal 5 al 15% della popolazione italiana. Questa malattia è caratterizzata da una tristezza permanente, una perdita di desiderio e di piacere, un'alterazione dell'appetito, del sonno e della libido. 

Ma cosa succede nel cervello delle persone affette da depressione? La depressione può essere legata a un disturbo del cervello? Come possiamo regolare la nostra chimica cerebrale? 

Vi diciamo tutto nel nostro articolo! 

Depressione: è dovuta a una disfunzione del cervello?

La depressione può essere vista come un esaurimento generalizzato che riguarda diversi registri: emozioni, pensieri e comportamenti; durante il quale alcune funzioni cerebrali sono alterate, causando disturbi. 

I meccanismi di piacere e di adattamento sono i più colpiti. Diventa difficile essere attivi e muoversi. È difficile pensare positivamente a se stessi e agli altri. Il senso di colpa nasce dal non essere in grado di far fronte a tutte queste nuove emozioni. 

Le cause psicologiche della depressione portano sempre a un disturbo chimico che è responsabile di questi vari sintomi. 

Qual è il legame tra la depressione e lo squilibrio chimico del cervello?

La depressione è causata da uno squilibrio nel sistema cerebrale. Ciò è dovuto a uno squilibrio nel funzionamento di certi neurotrasmettitori. I neurotrasmettitori sono molecole che permettono il passaggio di informazioni da un neurone all'altro. 

Nel caso della depressione, i neurotrasmettitori che sono disfunzionali sono i seguenti: 

  • Serotonina, il cui ruolo è quello di equilibrare il sonno, l'umore e l'appetito, 
  • Norepinefrina, il cui ruolo è quello di gestire l'attenzione e il sonno, 
  • Dopamina, che serve a regolare l'umore e la motivazione, 
  • E infine, Gaba, il cui ruolo è quello di promuovere il rilassamento. 

In generale, quando questi neurotrasmettitori sono ben regolati, tutto va bene. Tuttavia, se c'è un piccolo squilibrio, sia quando sono presenti troppo pochi o troppi neurotrasmettitori, tutto va male e compaiono i sintomi della depressione. 

Questo fenomeno può avere diverse conseguenze. Da un lato, si può osservare un rallentamento del cervello e emergono sintomi come un calo di energia, problemi di attenzione e concentrazione e incapacità di prendere decisioni. 

D'altra parte, l'attività di una parte del cervello è accelerata e questo provoca insonnia, aumento dell'ansia, ruminazione e l'attivazione di una catena di pensieri negativi.

Gli ormoni possono giocare un ruolo nella depressione? 

Un altro fattore interno potrebbe scatenare la depressione: uno squilibrio ormonale. Questo squilibrio riguarda anche la depressione post-partum.

Infatti, un livello insufficiente di ossitocina, un ormone secreto dall'ipofisi e rilasciato durante l'allattamento, può spiegare la depressione post-partum

Inoltre, quando il cortisolo è disregolato, i livelli di glucocorticoidi aumentano, sbilanciando e bloccando i neurotrasmettitori situati nell'ippocampo (una struttura del cervello che gioca un ruolo fondamentale nell'apprendimento e nella memoria). Quando questo accade, si verificano disturbi dell'umore

Lo stesso vale quando la ghiandola tiroidea non funziona bene. Gli ormoni tiroidei svolgono un ruolo nella maggior parte delle funzioni del nostro corpo. Quando la tiroide non produce abbastanza, si parla di ipotiroidismo. Il risultato è un rallentamento generale del corpo, una grande stanchezza e, regolarmente, un aumento di peso. 

Come regolare la chimica del cervello? 

Antidepressivi 

Gli antidepressivi, come suggerisce il nome, trattano la depressione. Funzionano nel cervello alterando i messaggi chimici nei neuroni e alleviano i sintomi della depressione. 

Gli antidepressivi devono essere presi continuamente per 3-6 mesi o più per essere efficaci. Questi trattamenti possono migliorare l'umore e alleviare e stabilizzare i sintomi della depressione. Tuttavia, i benefici non sono immediati. I pazienti di solito sentono un miglioramento dopo 3 o 4 settimane di trattamento continuo

Gli antidepressivi non creano dipendenza fisica. Tuttavia, interromperli bruscamente espone il paziente a significativi effetti collaterali come insonnia, ansia, irritabilità, ecc. 

L'interruzione del trattamento deve quindi avvenire gradualmente ed essere pianificata da un medico. 

Ci sono circa venti molecole antidepressive. Queste molecole sono tutte ugualmente efficaci, ma alcune agiscono sull'ansia, altre sulla fatica. Il medico può quindi decidere, dopo qualche settimana, di modificare il trattamento. 

Le diverse classi di antidepressivi sono le seguenti: 

  • Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (ISRS): sono prescritti per la depressione da lieve a moderata, 
  • Inibitori della ricaptazione della serotonina e della norepinefrina (IRSN): il loro ruolo è quello di aumentare la concentrazione di serotonina e di norepinefrina in certe aree del cervello, 
  • Gli antidepressivi triciclici (o imipraminici) sono usati per correggere ed elevare l'umore depresso fino a raggiungere nuovamente lo stato normale. Questi sono adatti per la depressione grave. 
  • Inibitori delle monoamino-ossidasi o IMAO: sono prescritti quando la depressione è resistente ad altri trattamenti. 

È essenziale combinare i trattamenti farmacologici con un follow-up psicologico al fine di prevenire le ricadute della depressione eliminando la causa. 

L'alimentazione

La serotonina è fatta dal triptofano. Il triptofano è un aminoacido, cioè un costituente delle proteine, che non può essere prodotto dal corpo e deve essere fornito ogni giorno dalla dieta

Gli alimenti ricchi di triptofano includono uova, latticini, pesce, carne, riso integrale, legumi e banane. È quindi importante consumarli regolarmente. 

Il magnesio è anche coinvolto nella produzione di serotonina. Si trova nel cioccolato fondente, nelle mandorle, nelle banane e negli spinaci.

L'attività fisica 

L'attività fisica rende meno ansiosi e depressi. Questo è dovuto ai fenomeni chimici e alle sostanze rilasciate nel cervello dopo una sessione di sport. 

Durante una sessione sportiva, il nostro cervello secerne adrenalina, dopamina, noradrenalina e cortisolo, con conseguente stimolazione generale e una sensazione istantanea di euforia

Per vedere i benefici, è necessario fare almeno un'ora di attività fisica a settimana. 


Questo articolo vi è stato utile? 
Condividete la vostra opinione e le vostre domande nei commenti qui di seguito! 
Forza a tutte e tutti! 
6
avatar Candice Salomé

Autore: Candice Salomé, Redattrice di Salute

Creatrice di contenuti presso Carenity, Candice è specializzata nella scrittura di articoli sulla salute. Ha un interesse particolare nei campi della psicologia, del benessere e dello sport. 

Candice ha... >> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche

Violenze ginecologiche: la parola delle donne si libera

Depressione post-parto

Violenze ginecologiche: la parola delle donne si libera

Leggi l’articolo
La depressione nel 2030 sarà la malattia più diffusa nel mondo

Depressione

La depressione nel 2030 sarà la malattia più diffusa nel mondo

Leggi l’articolo
VITAMINA D E DEPRESSIONE

Depressione

VITAMINA D E DEPRESSIONE

Leggi l’articolo
Come sostenere un parente affetto da una malattia mentale ?

Depressione

Come sostenere un parente affetto da una malattia mentale ?

Leggi l’articolo

Scheda malattia