«
»

Top

Diabete: l'OMS vuole migliorare l'accesso ai trattamenti

Pubblicata il 18 ott 2021 • Da Candice Salomé

Il diabete di tipo 2 colpisce circa il 90% della popolazione diabetica totale. In Italia, si stima che ci siano 3,5 milioni di pazienti, ovvero il 5,8% della popolazione. Il diabete di tipo 2 è una pandemia mondiale. 

Il trattamento del diabete di tipo 2 si basa principalmente su misure igieniche e dietetiche (una dieta equilibrata e attività sportive regolari) ma anche, a volte, su un trattamento orale o insulinico. 

Tuttavia, il prezzo elevato dei nuovi trattamenti brevettati e di alcuni vecchi farmaci, come l'insulina, significa che alcuni trattamenti essenziali sono ancora troppo costosi per molti pazienti. 

Quindi, come si possono rendere queste medicine più disponibili e accessibili ai pazienti?

Vi raccontiamo tutto nel nostro articolo!

Diabete: l'OMS vuole migliorare l'accesso ai trattamenti

Il diabete di tipo 2, precedentemente noto come diabete non insulino-dipendente o diabete dell'età matura, è una forma di diabete che appare in età più avanzata rispetto al diabete di tipo 1. Tuttavia, ora si sta diffondendo in una popolazione sempre più giovane. Le ragioni? Una cattiva alimentazione e una mancanza di attività fisica fin dall'infanzia favoriscono l'espressione dei geni del diabete. 

L'OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) ha recentemente pubblicato la nuova edizione dei suoi modelli di liste di medicinali essenziali e di medicinali essenziali per i bambini. 

Queste liste includono nuovi trattamenti per vari tipi di cancro, analoghi dell'insulina e nuovi farmaci orali per il diabete, così come nuovi trattamenti per smettere di fumare, tra gli altri. 

Cos'è l'insulina? 

L'insulina è un ormone secreto dalle cellule β degli isolotti di Langerhans del pancreas. Nei non diabetici, questo ormone è secreto continuamente e regola, tra le altre cose, il livello di glucosio (chiamato anche glicemia) nel sangue. 

Quando si consuma un pasto, e soprattutto quando si ingeriscono carboidrati, la glicemia aumenta e il corpo secerne insulina. Nei non diabetici, i livelli di glucosio nel sangue aumentano leggermente e poi scendono a livelli normali. Il glucosio viene così convertito in riserve ed energia

Nelle persone con diabete, questo sistema non funziona correttamente. 

I diabetici di tipo 1 devono iniettare insulina non appena scoprono il loro diabete

I diabetici di tipo 2 devono usare la terapia insulinica dopo che la malattia è progredita. Infatti, devono ricorrere alla terapia insulinica quando il pancreas non produce più abbastanza insulina nonostante il trattamento orale e le misure di igiene alimentare. 

L'insulina è uno dei trattamenti chiave nella terapia del diabete. Questo trattamento ha celebrato quest'anno il suo 100° anniversario. Tuttavia, molti diabetici hanno difficoltà ad accedervi a causa del suo prezzo.

Qual è lo scopo delle liste modello dei farmaci essenziali? 

Le liste modelli dei farmaci essenziali, pubblicate dall'OMS, rispondono alle priorità sanitarie globali e identificano i farmaci che offrono il maggior beneficio e dovrebbero essere disponibili e accessibili a tutti. 

Tuttavia, l'alto prezzo dei nuovi trattamenti brevettati e di alcune vecchie medicine, come l'insulina, significa che alcuni trattamenti essenziali rimangono troppo costosi per molti pazienti. 

Secondo il Dottor Tedros Adhanom Ghebreyesus, Direttore generale dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, molti pazienti che hanno bisogno di insulina affrontano difficoltà finanziarie e devono farne a meno a rischio della loro vita

Al fine di garantire che tutti i pazienti che hanno bisogno di insulina vi abbiano accesso, era importante aggiungere gli analoghi dell'insulina alla lista dell'OMS. Inoltre, l'OMS lavorerà per garantire l'accesso a prezzi accessibili a tutti i prodotti di insulina ed espandere l'uso dei biosimilari*. 

Infatti, la fornitura limitata di insulina e i prezzi elevati in molti paesi a basso e medio reddito sono una grande barriera al trattamento. 

Solo tre produttori (Eli Lilly, Novo Nordisk e Sanofi) controllano la maggior parte del mercato e la produzione è concentrata in pochi siti produttivi. 

A causa di questa mancanza di concorrenza, i prezzi elevati sono a volte proibitivi per molti pazienti e sistemi sanitari.

Nell'ultimo aggiornamento, l'OMS ha deciso di includere gli analoghi dell'insulina a lunga durata d'azione (insulina degludec, detemir e glargine) e i loro biosimilari

*Un farmaco biosimilare è un farmaco che, come ogni farmaco biologico, è prodotto o derivato da una cellula o un organismo vivente. La sua efficacia e gli effetti avversi sono equivalenti a quelli del suo farmaco biologico di riferimento. 

Cosa cambierà per le persone con il diabete?

Questa decisione mira ad aumentare l'accesso ai trattamenti per il diabete espandendo le opzioni terapeutiche. Elencare un trattamento significa che si qualifica per il programma di prequalificazione dell'OMS. Questa prequalificazione può portare a un maggior numero di biosimilari di qualità garantita sul mercato internazionale. Questa nuova concorrenza tenderebbe ad abbassare i prezzi e ad offrire una più ampia scelta di prodotti. 

Inoltre, gli analoghi dell'insulina a lunga durata d'azione offrono ulteriori benefici clinici ai pazienti. A causa della loro lunga durata d'azione, la glicemia dei pazienti può essere controllata per un periodo di tempo più lungo senza bisogno di un richiamo. 

Questo è un vantaggio particolare per i diabetici i cui livelli di zucchero nel sangue sono pericolosamente bassi con l'insulina umana. L'uso degli analoghi ha dimostrato di fornire una migliore qualità di vita ai pazienti

La nuova versione della lista dell'OMS include anche gli inibitori del cotrasportatore sodio-glucosio di tipo 2 (SGLT2) (empagliflozin, canagliflozin e dapagliflozin). Questi trattamenti sono prescritti come trattamento di seconda linea per gli adulti con diabete di tipo 2 e aiutano a promuovere l'escrezione di glucosio nelle urine. 

Questi farmaci orali offrono molti vantaggi tra cui un minor rischio di morte, insufficienza renale e problemi cardiovascolari

L'inclusione di questi trattamenti nella lista, essendo ancora protetti da brevetto e costosi, è accompagnata dalla raccomandazione che l'OMS lavori con il Medicines Patent Pool per renderli più accessibili attraverso possibili accordi di licenza con i titolari dei brevetti. Questo potrebbe rendere possibile la produzione di generici e la loro consegna nei paesi a basso e medio reddito.

 Avete trovato utile questo articolo?   

Cliccate su "mi piace" o condividete i vostri sentimenti e le vostre domande con la comunità nei commenti qui sotto!   

Forza a tutte e tutti!

4
avatar Candice Salomé

Autore: Candice Salomé, Redattrice di Salute

Creatrice di contenuti presso Carenity, Candice è specializzata nella scrittura di articoli sulla salute. Ha un interesse particolare nei campi della psicologia, del benessere e dello sport. 

Candice ha... >> Per saperne di più

Chi ha riveduto: Charlotte Avril, Farmacista, Data Scientist

Charlotte è Dottore in Farmacia e laureata del Master specializzato in Gestione Farmaceutica e Biotecnologica dell'ESCP. Ha un forte interesse per l'e-health, la tecnologia sanitaria, le malattie rare e le... >> Per saperne di più

1 commento


EUREKA • Membro Ambasciatore
il 29/10/21

Madre Natura ci ha dato la Miglio Medicina per curarci ( il Cibo sano ) 

Siamo ciò che.....Mangiamo !!!

Ti piacerà anche

Diabete di tipo 2: conoscere meglio la Metformina

Diabete tipo 2

Diabete di tipo 2: conoscere meglio la Metformina

Leggi l’articolo
Diabete: Discriminazione, vita professionale, dispositivi...cosa vogliono veramente i pazienti?

Diabete tipo 1
Diabete tipo 2

Diabete: Discriminazione, vita professionale, dispositivi...cosa vogliono veramente i pazienti?

Leggi l’articolo
Diabete di tipo 2, efficacia della terapia combinata exenatide più dapagliflozin si mantiene anche nel lungo periodo

Diabete tipo 2

Diabete di tipo 2, efficacia della terapia combinata exenatide più dapagliflozin si mantiene anche nel lungo periodo

Leggi l’articolo
Bari: un gruppo di ricerca scopre una nuova terapia per il diabete

Diabete tipo 2

Bari: un gruppo di ricerca scopre una nuova terapia per il diabete

Leggi l’articolo

Discussioni più commentate

Schede malattie