«
»

Top

Endometriosi: qual è il suo impatto sulla fertilità?

Pubblicata il 28 mar 2022 • Da Candice Salomé

L'endometriosi è una malattia ginecologica cronica delle donne in età fertile, caratterizzata dallo sviluppo di un rivestimento uterino (l'endometrio) al di fuori dell'utero, che colonizza altri organi vicini. Una delle conseguenze dell'endometriosi è l'ipofertilità, cioè una ridotta fertilità. Questo colpisce dal 30 al 40% delle donne affette da endometriosi. 

Ma qual è il legame tra endometriosi e infertilità? Quali sono i possibili rimedi? 

Vi diciamo tutto nel nostro articolo!

Endometriosi: qual è il suo impatto sulla fertilità?

Cos'è l'endometriosi e quali sono i suoi sintomi? 

In Italia, l'endometriosi colpisce circa il 10-15% delle donne in età fertile, cioè 3 milioni di donne. Ancora poco diagnosticata (si stima che ci vogliano in media 7 anni), questa cifra può essere sottostimata. Così, le pazienti che soffrono di endometriosi soffrono di erratismo diagnostico che porta a una gestione inappropriata dei loro sintomi e persino all'aggravamento della malattia. 

L'endometriosi è una malattia ginecologica cronica che colpisce le donne in età fertile. Questa condizione è caratterizzata dallo sviluppo di un rivestimento uterino (chiamato endometrio) al di fuori dell'utero. L'endometrio colonizza poi gli organi circostanti. 

L'endometriosi è una malattia complessa con sintomi diversi per donne diverse. 

I principali sintomi dell'endometriosi sono:

  • Dolore durante le mestruazioni, 
  • Dolore durante il rapporto sessuale (dispareunia), 
  • Dolore pelvico regolare, 
  • Dolore ombelicale e/o addominale, 
  • Dolore alla schiena, a volte anche alle gambe, 
  • Dolore durante la defecazione, 
  • Difficoltà a urinare (disuria). 

Gli organi più spesso colpiti nei casi di endometriosi profonda sono: 

  • Le ovaie, 
  • I legamenti uterosacrali, 
  • Il retto, 
  • Vescica, 
  • La vagina. 

Il sintomo principale dell'endometriosi è il dolore pelvico ricorrente e talvolta molto acuto, in particolare al momento delle mestruazioni. La natura ciclica della malattia è suggestiva. Le lesioni causate dall'endometriosi sono sensibili agli ormoni femminili. Queste lesioni quindi proliferano, sanguinano e lasciano cicatrici fibrose ad ogni ciclo mestruale. 

Qual è il legame tra endometriosi e infertilità? 

L'endometriosi è spesso diagnosticata durante una valutazione dell'infertilità. È spesso associata all'infertilità. Tuttavia, non tutte le donne con l'endometriosi sono colpite. Solo dal 30 al 40% dei pazienti sperimenta effettivamente l'infertilità. 

Il grado di compromissione della fertilità di solito dipende dalla gravità della malattia. Tuttavia, bastano pochi siti di endometriosi indolori e non riconosciuti per portare all'infertilità. 

La fertilità richiede diverse condizioni: 

  • Ovulazione, 
  • Il movimento senza ostacoli dell'uovo lungo la tuba verso l'utero, 
  • Fecondazione, 
  • Impianto dell'uovo fecondato, 
  • Numero sufficiente, aspetto e mobilità degli spermatozoi. 

Nel caso dell'endometriosi, le anomalie possono trovarsi nella regione delle ovaie, delle tube di Falloppio o nel peritoneo circostante. L'endometriosi causa infiammazione e irritazione dei tessuti durante il ciclo mestruale, rilasciando fattori biochimici che interferiscono con la maturazione dell'ovulo. 

Quando le ovaie sono gli organi più colpiti dall'endometriosi, si possono formare delle cisti. La maturazione degli ovuli è quindi direttamente disturbata, rendendo impossibile un'ovulazione "normale". 

Se l'endometriosi è presente nelle tube di Falloppio e nelle ovaie, l'ovulo può non essere accolto dalle tube di Falloppio e il suo viaggio verso l'utero è ostacolato. 

La reazione di difesa immunitaria contro i siti di endometriosi può anche impedire l'impianto dell'ovulo fecondato nell'utero. 

L'adenomiosi, una forma speciale di endometriosi che colpisce il muscolo uterino, può anche interferire con l'impianto dell'ovulo fecondato nella cavità uterina.

Come affrontare l'infertilità quando si ha l'endometriosi?

Molti medici consigliano alle pazienti con endometriosi di non ritardare troppo la loro prima gravidanza. Questo perché la condizione crea un ambiente che non è favorevole alla fecondazione

Tuttavia, se la gravidanza non può avvenire spontaneamente, le pazienti possono ricorrere a tecniche di riproduzione medicalmente assistita (PMA) come la stimolazione dell'ovulazione, l'inseminazione artificiale o la fecondazione in vitro (FIV). 

Stimolazione dell'ovulazione

Questa tecnica è raccomandata nei casi di disturbi dell'ovulazione o di infertilità inspiegabile. La stimolazione dell'ovulazione mira a stimolare la produzione di uova e la loro maturazione

Il medico prescrive poi degli ormoni sotto forma di iniezioni, le gonadotropine. Questi ormoni sono naturalmente secreti dall'ipofisi (una ghiandola endocrina situata alla base del cervello) il cui ruolo è quello di stimolare l'attività e la secrezione ormonale delle gonadi (ovaie e testicoli). 

Durante il trattamento, controlli ecografici regolari permettono di monitorare lo sviluppo dei follicoli (che contengono gli ovuli) per limitare il rischio di gravidanze multiple (ad esempio, gemelli) e per provocare l'ovulazione al momento giusto.

Inseminazione artificiale 

L'inseminazione artificiale intrauterina con lo sperma del coniuge (IAC) consiste nell'iniettare sperma "preparato" nella cavità uterina il giorno dell'ovulazione della paziente.

La stimolazione delle ovaie controllerà e migliorerà l'ovulazione. 

In questo modo, lo sperma viene preparato in laboratorio per riprodurre l'azione del muco cervicale, e lo sperma selezionato viene poi iniettato nell'utero. 

Con questa tecnica, è possibile aggirare il muco cervicale e avvicinare gli spermatozoi agli ovociti

Fecondazione in vitro (FIV)

La fecondazione in vitro (FIV) consiste nel riprodurre in laboratorio ciò che avviene naturalmente nelle tube di Falloppio: la fecondazione e le prime fasi dello sviluppo dell'embrione. 

La stimolazione delle ovaie permetterà lo sviluppo di diversi follicoli, ognuno contenente un uovo. Verrà fatta una puntura che permetterà la raccolta di diverse uova. 

Gli ovuli raccolti saranno poi messi in presenza di spermatozoi fuori dal corpo umano, in un laboratorio di embriologia. 

Ci sono due tipi di fecondazione in vitro: 

  • Fecondazione in vitro classica. Questo consiste semplicemente nel mettere gli ovuli raccolti in presenza di un campione di sperma precedentemente trattato in un mezzo nutritivo specifico. La fecondazione avviene quindi secondo il processo naturale ma al di fuori del corpo. 
  • Fecondazione in vitro con ICSI (chiamata anche iniezione intracitoplasmatica di sperma). In questa tecnica, un singolo spermatozoo viene iniettato nell'uovo. Sia l'uovo che lo sperma dovranno essere trattati in anticipo. 


Avete trovato utile questo articolo? 

Cliccate su "mi piace" o condividete i vostri sentimenti e le vostre domande con la comunità nei commenti qui sotto!  

Forza a tutte e tutti!

Commenti

Ti piacerà anche

Violenze ginecologiche: la parola delle donne si libera

Endometriosi

Violenze ginecologiche: la parola delle donne si libera

Leggi l’articolo
L’endometriosi distrugge la donna

Endometriosi

L’endometriosi distrugge la donna

Vedi la testimonianza
Serena Williams toglie la maglietta per promuovere lo screening mammografico

Endometriosi

Serena Williams toglie la maglietta per promuovere lo screening mammografico

Leggi l’articolo
Prevenzione: lo screening con Hpv Test sostituisce il Pap Test

Endometriosi

Prevenzione: lo screening con Hpv Test sostituisce il Pap Test

Leggi l’articolo

Discussioni più commentate

Scheda malattia