«
»

Top

Fibromialgia e problemi genitourinari: capire tutto!

Pubblicata il 24 ago 2021 • Da Candice Salomé

Spesso ignorata o incompresa, in Italia sono circa 2 milioni le persone affette da fibromialgia, di cui l'80% sono donne. La fibromialgia combina dolori muscolari e articolari permanenti, disturbi del sonno, stanchezza cronica, disturbi d'ansia e sintomi depressivi. Altri sintomi come la minzione frequente, l'incontinenza o la cistite possono essere associati ad essa. 

Ma qual è il legame tra fibromialgia e problemi genitourinari? Quali sono le cause? Come si possono trattare questi sintomi? 

Vi diciamo tutto nel nostro articolo! 

Fibromialgia e problemi genitourinari: capire tutto!

La fibromialgia è una sfida per la scienza e la medicina. È difficile da diagnosticare a causa della vasta gamma di sintomi clinici che presenta. I disturbi genitourinari possono farne parte. 

Qual è il legame tra fibromialgia e problemi genitourinari? 

Anche se non molto comuni, i disturbi genitourinari colpiscono il 5% delle donne con fibromialgia. Queste donne presentano dolori nella sfera genito-urinaria come:

  • Vulvodinia, cioè dolore alla vulva con prurito e bruciore alle piccole labbra (conosciuta anche come vulvite) o all'orifizio vulvare e alla sua periferia (conosciuta anche come vestibolite) senza alcuna causa apparente. Le membrane mucose possono essere irritate o meno. 
  • Spasmi o crampi vaginali
  • Dolore durante e dopo il rapporto (chiamato dispareunia) con o senza secchezza vaginale. 
  • Un bisogno molto frequente di urinare (giorno e notte) con urina spesso concentrata (vescica iperattiva). 
  • Formicolio urinario
  • Difficoltà a urinare (disuria). 
  • Bruciore urinario con o senza infezione. 
  • Infezioni ripetute del tratto urinario nel contesto della cistite interstiziale cronica. 
  • E infine, spasmi della vescica

Tutti questi disturbi genitourinari si aggravano durante il periodo premestruale

La comparsa di sintomi genitourinari nei pazienti con fibromialgia ha portato allo sviluppo di uno strumento di valutazione sensoriale noto come Fibromyalgia Bladder Index

Questo strumento di valutazione permette ai pazienti di fibromialgia e ai medici di valutare i sintomi della vescica.

Cosa causa problemi genitourinari? 

Alcuni scienziati spiegano che i problemi alla vescica causati dalla fibromialgia possono essere neurologici. Questo perché i disturbi neurologici colpiscono il sistema nervoso del corpo. Il sistema nervoso gioca un ruolo importante nella regolazione dello stoccaggio dell'urina nella vescica e può quindi portare all'incontinenza urinaria. 

Inoltre, il dolore e le contrazioni muscolari sperimentate dalle persone con fibromialgia possono essere un altro fattore di incontinenza urinaria. Questi dolori muscolari possono creare un senso di urgenza di urinare o il bisogno di urinare frequentemente. 

I problemi digestivi spesso causati dalla fibromialgia possono anche causare segnali contrastanti alla vescica. 

Infine, è noto che le persone con condizioni di dolore cronico come la fibromialgia hanno maggiori probabilità di soffrire di cistite interstiziale, sindrome dell'intestino irritabile o vulvodinia. Nelle persone che soffrono di questi diversi problemi di salute, i neuroni responsabili della trasmissione dei messaggi di dolore al cervello sono più attivi. La conseguenza è una maggiore sensibilità al dolore.

Come trattare i problemi genitourinari? 

Trattare l'incontinenza urinaria 

Per prevenire problemi di incontinenza urinaria, non bisogna limitare l'idratazione ma evitare certe bevande come l'alcol, le bevande contenenti caffeina, le bevande gassate e i succhi di frutta. 

Alcuni alimenti dovrebbero anche essere evitati, come gli agrumi, la frutta, i cibi piccanti, l'aceto e il cioccolato. 

Un altro consiglio: non bere dopo cena e andare sempre in bagno prima di andare a letto per limitare lo stimolo a urinare di notte. 

Inoltre, ci sono diversi modi per limitare i problemi associati a una vescica iperattiva. Eccone alcuni: 

Fare esercizi di riqualificazione della vescica: 

Questi aiuteranno a limitare lo stimolo a urinare. Gli esercizi di Kegel possono aiutare: sdraiati sulla schiena con le ginocchia piegate, mentre espiri, contrai i muscoli del pavimento pelvico al massimo come per trattenere l'urina e il gas. Mantieni la contrazione per 5 secondi mentre respiri normalmente, poi rilascia con un riposo di 10 secondi tra ogni contrazione. 

Trattamenti farmacologici: 

Ci sono trattamenti specifici che possono aiutarvi a ridurre il numero di volte che avete bisogno di urinare e possono anche ridurre le perdite. Questi trattamenti appartengono a una particolare classe di farmaci chiamati anticolinergici

Se i vostri problemi alla vescica stanno influenzando la vostra vita quotidiana, parlate con il vostro medico. Inizialmente raccomanderà le cosiddette misure conservative (riqualificazione della vescica, cambiamenti nello stile di vita, ecc.) Tuttavia, se queste misure si rivelano inefficaci, i farmaci possono essere il passo successivo. Infine, se i sintomi persistono o peggiorano, sono disponibili procedure chirurgiche. 

Trattare la vulvodinia

Spesso chiamata "depressione vaginale", la vulvodinia può essere trattata con antidepressivi (amitriptilina e nortriptilina) per alleviare il dolore nervoso. I farmaci antiepilettici chiamati gabapentin e pregabalin possono anche aiutare, poiché gli antidolorifici convenzionali come il paracetamolo sono inefficaci in questo caso. Si possono anche considerare iniezioni di anestetici locali e steroidi, così come, in casi molto rari, un intervento chirurgico per rimuovere parte della vulva. 

Trattare la cistite interstiziale

Il trattamento della cistite interstiziale utilizza antidolorifici: gli analgesici e gli antinfiammatori non steroidei riducono notevolmente il dolore. Si possono somministrare antispastici e anche antistaminici in caso di cistite allergica. 

Inoltre, per calmare la cistite, può valere la pena di seguire il bladder training che utilizza tecniche di rilassamento per allenare la vescica a svuotarsi in momenti specifici. La riabilitazione pelvica perineale può aiutare ad alleviare gli spasmi muscolari nella cavità pelvica, quindi il suo valore nel trattamento della cistite interstiziale. 

Vi è piaciuto questo articolo?

Cliccate su "mi piace" o condividete i vostri sentimenti e le vostre domande con la comunità nei commenti qui sotto!

Forza a tutte e tutti! 

2
avatar Candice Salomé

Autore: Candice Salomé, Redattrice di Salute

Creatrice di contenuti presso Carenity, Candice è specializzata nella scrittura di articoli sulla salute. Ha un interesse particolare nei campi della psicologia, del benessere e dello sport. 

Candice ha... >> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche

Lady Gaga: lo stupro, la battaglia contro la depressione e la fibromialgia

Fibromialgia

Lady Gaga: lo stupro, la battaglia contro la depressione e la fibromialgia

Leggi l’articolo
La diagnosi della fibromialgia raccontata dai membri Carenity

Fibromialgia

La diagnosi della fibromialgia raccontata dai membri Carenity

Leggi l’articolo