«
»

Top

Giornata mondiale della salute mentale: colmare il divario nel campo della salute mentale

Pubblicata il 10 ott 2021 • Da Courtney Johnson

In occasione della Giornata Mondiale della Salute Mentale, che si tiene ogni anno il 10 ottobre per aumentare la consapevolezza dei problemi di salute mentale in tutto il mondo e mobilitare il sostegno, abbiamo voluto evidenziare una questione importante: le disparità nel campo della salute mentale. 

La ricerca degli ultimi anni ha evidenziato le disparità tra le diverse popolazioni in termini di rischio, prevalenza, presentazione e quindi gestione dei disturbi di salute mentale. 

Quali sono queste disparità nella salute mentale? Quali popolazioni sono colpite? Cosa possiamo fare per colmare il divario e garantire l'assistenza alla salute mentale per tutti? 

Vi raccontiamo tutto nel nostro articolo!

Giornata mondiale della salute mentale: colmare il divario nel campo della salute mentale

La salute mentale è un argomento che ha guadagnato attenzione negli ultimi anni. Le discussioni governative sulla salute mentale sono spesso innescate da una crisi, come un incidente terroristico, la morte di un personaggio pubblico o, più recentemente, una pandemia globale. Tuttavia, il problema di salute mentale che molte persone affrontano è molto più ampio e viene spesso vissuto al di fuori dell'occhio e della preoccupazione del pubblico

La prevalenza dei problemi di salute mentale è in aumento 

Nel 2016, si stimava che 1,1 miliardi di persone nel mondo vivessero con una malattia mentale. Secondo l'OMS, le malattie mentali colpiscono una persona su cinque ogni anno e una su tre se misurate dalla prevalenza nel corso della vita.

A livello globale, nel 2018, l'OMS ha scoperto che le diagnosi di malattia mentale più prevalenti erano la depressione, che colpisce circa 300 milioni di persone; il disturbo bipolare, con circa 60 milioni di persone diagnosticate; la schizofrenia e altre psicosi, che colpiscono circa 23 milioni di persone in tutto il mondo; e la demenza, con circa 50 milioni di persone che vivono con questo disturbo. 

Inoltre, i ricercatori statunitensi hanno riferito che i disturbi di salute mentale, tra cui la depressione, sono la terza causa più comune di ospedalizzazione tra gli adulti di età compresa tra i 18 e i 44 anni

Mentre queste cifre sono preoccupanti, le disparità nella salute mentale sono un altro problema che non riceve abbastanza attenzione. All'interno di questo gruppo di individui già emarginati, ci sono sottoinsiemi di persone che affrontano sfide ancora più grandi

Quali sono le disparità nella salute mentale? 

L'Institute of Medicine (IOM) definisce una disparità come "una differenza nella qualità dell'assistenza sanitaria che non è dovuta a differenze nei bisogni di assistenza sanitaria o nelle preferenze del paziente". Queste differenze possono essere dovute a disuguaglianze nell'accesso a fornitori di assistenza sanitaria di qualità, variazioni nella copertura assicurativa o discriminazioni da parte dei professionisti della salute nelle valutazioni cliniche. 

Altre barriere comuni alla cura della salute mentale includono:

  • Stigma sociale della malattia mentale, 
  • Precedenti esperienze negative con l'assistenza medica o mentale
  • Conoscenza limitata della salute mentale, o conoscenza e credenze sulle condizioni di salute mentale che aiutano a riconoscerle, gestirle o prevenirle,
  • Barriere linguistiche
  • Esperienze storico-sociali
  • Desiderio di autonomia o autosufficienza
  • Mancanza di risorse finanziarie
  • Vicinanza ai servizi di salute mentale
  • Mancanza di fornitori o servizi sanitari culturalmente competenti

Molte di queste barriere, tra cui la limitata conoscenza della lingua, l'inadeguata conoscenza sanitaria, la mancanza di assicurazione e l'inaccessibilità geografica, sono più prevalenti tra gli immigrati, i gruppi minoritari, le persone di status socio-economico inferiore e le persone che vivono in zone rurali; questi gruppi hanno quindi maggiori probabilità di sperimentare disparità di salute mentale

Quali popolazioni hanno maggiori probabilità di sperimentare disparità di salute mentale? 

Gli uomini

Anche se in media 1 uomo su 8, rispetto a 1 donna su 5, sperimenta una qualche forma di malattia mentale, gli uomini sono in realtà sotto-diagnosticati. Hanno statisticamente meno probabilità di essere diagnosticati con malattie mentali comuni come la depressione, l'ansia, il disturbo ossessivo-compulsivo e la fobia

Il National Institute of Mental Health (NIMH) ha scoperto che una delle difficoltà nel trattamento degli uomini è la mancanza di conoscenza o comprensione tra i professionisti della salute mentale sulle indicazioni e i sintomi comuni della malattia mentale negli uomini, che possono essere diversi da quelli delle donne. 

Inoltre, molti uomini sono riluttanti a cercare aiuto per problemi di salute mentale a causa di alcune delle più importanti ragioni biologiche, psicologiche e persino culturali, come lo stigma sociale. Gli uomini sono spesso socializzati con particolari ideali "maschili" che li scoraggiano dal cercare un trattamento e li portano a credere che, se sperimentate, le malattie mentali devono essere gestite da soli. L'idea che la depressione sia una malattia autolimitante, che l'uso di droghe sia un metodo efficace per farvi fronte e che la depressione sia causata da una debolezza personale incoraggiano gli uomini a gestire la depressione da soli.

I giovani adulti

Secondo il NIMH, il 75% di tutti i disturbi mentali nel corso della vita iniziano prima dei 24 anni. Tuttavia, i giovani adulti hanno la più alta prevalenza di malattie mentali e il più basso uso dei servizi di salute mentale. Per esempio, nel 2016, al 22% dei giovani è stata diagnosticata una malattia mentale, ma solo il 35% di queste persone ha cercato aiuto

Il suicidio e la tossicodipendenza sono anche preoccupazioni significative per questa popolazione: la Substance Abuse and Mental Health Services Administration (SAMHSA) riporta che i giovani adulti hanno avuto i più alti tassi di ideazione, pianificazione e tentativi di suicidio tra tutti i gruppi di età adulti nel 2016, e che circa il 15,5% dei giovani adulti (5,3 milioni di persone) ha cercato un trattamento per abuso di sostanze

Le persone LGBTQIA+ 

Nel febbraio 2021, un sondaggio Gallup ha rilevato che il 5,6% degli adulti americani si identifica come parte della comunità LGBTQIA+. Una ricerca pubblicata sul BMC Psychiatry Journal nel 2016, che ha riunito i dati di diversi studi nel Regno Unito, ha determinato che le persone LGBT hanno più del doppio delle probabilità delle persone eterosessuali di soffrire di una malattia mentale nel corso della loro vita. Inoltre, è stato trovato che la prevalenza di depressione, ansia e abuso di sostanze tra le persone LGBT è 2,5 volte superiore a quella degli eterosessuali cisgender. 

Le persone che si identificano come LGBTQIA affrontano una varietà di problemi e barriere per accedere alle cure di salute mentale, tra cui la scarsità di professionisti della salute LGBT competenti, la mancanza di copertura assicurativa sanitaria e di risorse finanziarie personali, e un trasporto insufficiente verso i servizi sanitari specifici per LGBT.

Nonostante queste barriere, le persone LGBT hanno utilizzato i servizi di salute mentale a tassi più elevati rispetto agli uomini e alle donne eterosessuali nel 2016. Eppure molte persone LGBTQIA+ hanno riferito di sentirsi a disagio in ambienti medici a causa della precedente discriminazione basata sull'orientamento sessuale o sull'identità di genere. Di conseguenza, molti pazienti possono cancellare o rimandare operazioni e servizi medici o di salute mentale necessari. 

Cosa possiamo fare per colmare il divario delle disparità della salute mentale? 

È chiaro che il sistema di salute mentale è rotto e che bisogna fare degli sforzi per colmare il divario in modo che l'assistenza alla salute mentale sia accessibile a tutti. 

Questo richiederebbe:

  • destigmatizzare i disturbi mentali sviluppando azioni rivolte al grande pubblico; aiutare gli italiani a identificare i segni di malessere; spiegare i ruoli dei diversi operatori della salute mentale;
  • investire nello screening e nella prevenzione dei disturbi mentali rafforzando i servizi di medicina preventiva e di promozione della salute (servizi di protezione dell'infanzia, medicina scolastica e universitaria, medicina del lavoro);
  • prestare particolare attenzione ai gruppi più vulnerabili (senzatetto, migranti) e ai detenuti in carcere;
  • sviluppare nuove professioni e formare professionisti della salute (per esempio, formare infermieri in pratica avanzata in psichiatria e salute mentale);
  • garantire che le consulenze degli psicologi siano coperte in modo permanente, in consultazione con le autorità pubbliche, le assicurazioni sanitarie, le assicurazioni sanitarie complementari e i professionisti della salute.


Avete trovato utile questo articolo?   

Cliccate su "mi piace" o condividete i vostri sentimenti e le vostre domande con la comunità nei commenti qui sotto!   

Forza a tutte e tutti!


2
avatar Courtney Johnson

Autore: Courtney Johnson, Redattrice di Salute

Courtney è una creatrice di contenuti presso Carenity e si concentra sulla scrittura di articoli sulla salute. Ha una particolare predilezione per i temi della nutrizione, del benessere e della... >> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche

Violenze ginecologiche: la parola delle donne si libera

Depressione post-parto

Violenze ginecologiche: la parola delle donne si libera

Leggi l’articolo
La depressione nel 2030 sarà la malattia più diffusa nel mondo

Alessitimia
Ansia cronica - Stress
Attacco di panico
Ciclotimia
Depressione
Dismorfofobia
Disturbi dello Spettro Autistico
Disturbi psicotici
Disturbo bipolare
Disturbo borderline di personalità
Disturbo d'ansia generalizzato
Disturbo d'ansia sociale
Disturbo dissociativo dell'identità
Disturbo ossessivo-compulsivo
Ipomania
Nevrosi
Paranoia
Psicosi
Schizofrenia
Sindrome di Asperger
Stress post-traumatico
Tic
Tricotillomania

La depressione nel 2030 sarà la malattia più diffusa nel mondo

Leggi l’articolo
VITAMINA D E DEPRESSIONE

Depressione

VITAMINA D E DEPRESSIONE

Leggi l’articolo
Come sostenere un parente affetto da una malattia mentale ?

Alessitimia
Ansia cronica - Stress
Attacco di panico
Ciclotimia
Depressione
Dismorfofobia
Disturbi dello Spettro Autistico
Disturbi psicotici
Disturbo bipolare
Disturbo borderline di personalità
Disturbo d'ansia generalizzato
Disturbo d'ansia sociale
Disturbo dissociativo dell'identità
Disturbo ossessivo-compulsivo
Ipomania
Nevrosi
Paranoia
Psicosi
Schizofrenia
Sindrome di Asperger
Stress post-traumatico
Tic
Tricotillomania

Come sostenere un parente affetto da una malattia mentale ?

Leggi l’articolo

Schede malattie