«
»

Top

La penna da insulina per il trattamento del diabete: tutto quello che dovete sapere

Pubblicata il 14 nov 2021 • Da Claudia Lima

Nell'ambito della Giornata Mondiale del Diabete, e poiché l'insulina è stata scoperta 100 anni fa, nel 1921, diamo un'occhiata ai mezzi di trattamento della malattia e soprattutto alla penna di insulina. 

Che cos'è? A chi è destinato? Quali sono i gesti giusti? 

Se volete saperne di più, leggete il nostro articolo!

La penna da insulina per il trattamento del diabete: tutto quello che dovete sapere

Il diabete è una malattia autoimmune, di cui esistono due tipi: il diabete di tipo I o DT1 e il diabete di tipo II o DT2. 

È un disturbo dell'assimilazione, dell'uso e dello stoccaggio degli zuccheri forniti dalla dieta. Il livello di zucchero nel sangue può essere alto (iperglicemia) o basso (ipoglicemia) con conseguenze pericolose per il corpo. 

Il principale trattamento per porvi rimedio è la terapia insulinica, che viene prescritta principalmente alle persone con DT1 ma anche alle persone con DT2 per le quali i trattamenti di prima linea (regole di igiene alimentare e trattamenti antidiabetici orali) non sono sufficienti. 

È l'iniezione di insulina che abbasserà il livello di zucchero nel sangue. L'insulina non può essere ingerita perché verrebbe digerita. Deve quindi essere iniettata sotto la pelle

Vengono prescritti diversi regimi di iniezione a seconda del tipo di diabete: 

  • L'insulina basale, per vivere, che ha un'azione di 24 ore, è la dose di base, 
  • L'insulina prandiale o rapida, in bolo, al momento dei pasti o per correggere l'iperglicemia. 

Ci sono diversi metodi: la pompa di insulina, le siringhe di insulina e la penna di insulina

Anche se uno dei vincoli della penna, come la siringa, è che devi iniettarti manualmente ogni giorno, la penna significa che non devi portare sempre con te un dispositivo, che puoi trasportare facilmente la tua attrezzatura e che puoi iniettare la tua insulina ovunque, fuori dalla vista. 

Tuttavia, è necessario essere ben organizzati e anticipare il numero di penne quando sono pre-riempite o aggiungere cartucce di insulina da portare con sé. 

Penne di insulina 

In Italia, quasi 800.000 diabetici si auto-iniettano l'insulina con una frequenza da 1 a 4 iniezioni al giorno. 

La penna rende più facile iniettare l'insulina che con una siringa, dato che è pre-misurata. 

Ci sono due tipi di penna: una penna per insulina ricaricabile con una cartuccia di insulina e un ago adatti o una penna e un ago precaricati monouso

Sono disponibili diversi modelli di penne di insulina, cartucce e aghi. Per fare la scelta giusta, il team infermieristico fornisce un supporto. L'ampia gamma di insuline e marche permette di adattare il trattamento a ogni paziente: condizione clinica, età, peso, altezza, stile di vita. 

Una penna per insulina contiene una fiala di insulina e un dispositivo di dosaggio. Si usano due penne diverse, una per l'insulina basale e una per l'insulina in bolo, a causa delle loro diverse composizioni chimiche. Infatti, ci sono diversi tipi di insulina che possono essere usati in modi diversi: ad azione rapida, regolare o ad azione breve, ad azione intermedia, ad azione lunga e ad azione ultra-lunga. 

Non tutti i tipi di insulina sono compatibili, e le mutue assicuratrici non sempre rimborsano questi dispositivi. Inoltre, con questo tipo di iniezione, si deve seguire un certo processo per garantire il suo corretto funzionamento. 

Autoiniezione di insulina, gesti da sapere 

È importante usare il metodo giusto. I gesti giusti possono evitare alcune complicazioni come iniezioni dolorose, aree dure sotto la pelle o un cattivo controllo dello zucchero nel sangue. 

I gesti variano a seconda dell'attrezzatura scelta, ma sono sostanzialmente simili: 

  • Se l'insulina è in frigorifero, tirarla fuori mezz'ora prima dell'iniezione e controllare l'omogeneità del prodotto, 
  • Controllare il dosaggio, la data e il tipo di insulina usata, 
  • Lavarsi accuratamente le mani con sapone e acqua calda, 
  • Togliere il cappuccio della penna e disinfettare la punta con alcool a 70°, 
  • Inserire saldamente l'ago con il suo cappuccio, senza toccarlo direttamente, un ago nuovo per ogni nuova iniezione, 
  • Rimuovere il cappuccio dall'ago, 
  • Provare la dose prelevando una goccia di insulina (2 unità) dall'ago, 
  • Ricontrollare e selezionare la dose di insulina necessaria, 
  • Sedersi comodamente in una posizione che lasci la pelle morbida nella zona dell'iniezione, 
  • Disinfettare e asciugare l'area selezionata, 
  • Stringere la pelle tra il pollice e l'indice per fare una piega, pungere e premere il pulsante di iniezione, 
  • Contare lentamente fino a 10-15 una volta che l'iniezione è completa senza rimuovere l'ago dalla pelle, quindi rimuoverlo delicatamente e premere la zona perforata con un batuffolo di cotone imbevuto di alcol a 70° per disinfettare, 
  • Svitare l'ago, smaltirlo in un contenitore apposito e rimettere il cappuccio della penna. 

Bisogna fare attenzione a iniettare l'insulina nel tessuto grasso sottocutaneo e non nel muscolo. 

L'iniezione può essere fatta nell'addome, nelle cosce o nelle natiche. L'insulina non viene assorbita allo stesso ritmo ovunque. Inoltre, si raccomanda vivamente di ruotare i siti di iniezione per evitare la lipodistrofia (indurimento dei tessuti) e altri inconvenienti come ematomi, infiammazioni, infezioni... 

editor_meta_bo_img_8a8ed222b2b65f03e966b53d2f6e86ae.PNGFonte: Vivre avec le diabète, sites d’injection 

Per evitare questo, è preferibile esaminare regolarmente la pelle e toccare le zone di iniezione, e in caso di dubbio, consultare il medico.

Se si applicano le buone pratiche, cioè la tecnica di iniezione ottimale, la prevenzione della lipodistrofia e l'uso singolo degli aghi, l'equilibrio glicemico può essere migliorato già a partire da 3 mesi e quindi la terapia insulinica può essere ottimale. 

Oggi, per guidare i pazienti sulla tecnica d'iniezione, sono disponibili video tutorial sulla piattaforma BD and Me™. Fornisce un supporto personalizzato ed educativo. 

I limiti della penna per insulina 

A volte i risultati dell'uso della penna per insulina non sono quelli previsti: 

  • I livelli di glucosio nel sangue possono essere troppo alti al mattino al risveglio a causa del cambiamento del fabbisogno di insulina durante la notte, che potrebbe non essere adeguatamente coperto dall'insulina basale, 
  • L'insulina basale lascia poca flessibilità in caso di attività fisica, sport o stress, è difficile reagire rapidamente alle esigenze insuliniche, 
  • Un programma irregolare è difficile da gestire con l'insulina basale, poiché le esigenze di insulina cambiano costantemente, 
  • Nei bambini, negli adolescenti e nelle donne incinte, l'auto-iniezione di insulina non sempre raggiunge un equilibrio soddisfacente della glicemia a causa delle fluttuazioni ormonali. 

La terapia insulinica è un trattamento per tutta la vita per i diabetici di tipo I. Qualunque sia la scelta della persona diabetica riguardo al metodo di iniezione della sua insulina (pompa, siringa, penna) e in consultazione con il suo medico, il rigore e la padronanza dei gesti medici dovranno essere appresi e mantenuti

Oggi, la ricerca progredisce e un "pancreas artificiale" della marca Diabloop, destinato ai diabetici di tipo I che soddisfano criteri specifici, è già sul mercato e rimborsabile dalla previdenza sociale. Consiste in un sensore di sangue sottocutaneo che valuta i livelli di zucchero nel sangue in tempo reale in modo che la pompa di insulina eroghi automaticamente la quantità necessaria di trattamento. 

Negli Stati Uniti, un gruppo di ricercatori ha progettato delle capsule di insulina che possono raggiungere il flusso sanguigno. In Francia, la società Hillo ha progettato un'applicazione come molte altre (Glucy-checkTactio SantéVeryDiab) per monitorare i livelli di zucchero nel sangue. La particolarità di questa applicazione è che utilizza l'intelligenza artificiale (IA) per prevedere le migliori risposte di zucchero nel sangue per ogni paziente. 

Una delle ultime strade esplorate è lo studio del microbiota delle persone con diabete. L'obiettivo è scoprire quali ceppi di batteri intestinali avrebbero un effetto benefico sull'evoluzione del diabete, e poi somministrarli ai pazienti sotto forma di capsule o yogurt.


Avete trovato utile questo articolo? 

Cliccate su "mi piace" o condividete i vostri sentimenti e le vostre domande con la comunità nei commenti qui sotto! 

Forza a tutte e tutti!


7
avatar Claudia Lima

Autore: Claudia Lima, Redattrice di Salute

Claudia Lima è una creatrice di contenuti presso Carenity, specializzata nella redazione di articoli sulla salute.

Claudia ha un MBA in Direzione Commerciale e Marketing e sta continuando a svilupparsi nel... >> Per saperne di più

Chi ha riveduto: Alizé Vives, Farmacista, Data Scientist

Alizé è Dottore in farmacia e laureata del master in strategia e business internazionale della ESSEC Business School. Ha diversi anni di esperienza di lavoro con pazienti e membri, conducendo indagini per le comunità... >> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche

Diabete di tipo 2: conoscere meglio la Metformina

Diabete tipo 2

Diabete di tipo 2: conoscere meglio la Metformina

Leggi l’articolo
Diabete: Discriminazione, vita professionale, dispositivi...cosa vogliono veramente i pazienti?

Diabete tipo 1
Diabete tipo 2

Diabete: Discriminazione, vita professionale, dispositivi...cosa vogliono veramente i pazienti?

Leggi l’articolo
Diabete di tipo 2, efficacia della terapia combinata exenatide più dapagliflozin si mantiene anche nel lungo periodo

Diabete tipo 2

Diabete di tipo 2, efficacia della terapia combinata exenatide più dapagliflozin si mantiene anche nel lungo periodo

Leggi l’articolo
Bari: un gruppo di ricerca scopre una nuova terapia per il diabete

Diabete tipo 2

Bari: un gruppo di ricerca scopre una nuova terapia per il diabete

Leggi l’articolo

Discussioni più commentate

Schede malattie