«
»

Top

Malattie cardiovascolari, ridurre il rischio e migliorare la gestione è possibile!

Pubblicata il 28 dic 2021 • Da Claudia Lima

Le malattie cardiovascolari sono malattie del cuore e dei vasi sanguigni. Sono la prima causa di morte nel mondo, anche se la maggior parte di esse può essere prevenuta. 

Come possono essere rilevate? Come possono essere gestite? 

Se volete delle risposte, leggete il nostro articolo! 

Malattie cardiovascolari, ridurre il rischio e migliorare la gestione è possibile!

Cosa sono le malattie cardiovascolari? 

Nel 2020, le malattie cardiovascolari o MCV sono responsabili di quasi 240.000 morti in Italia e colpiscono uomini e donne di tutte le età a causa dell'aumento dei comportamenti a rischio come il consumo di alcol, la sedentarietà e lo stress, tra gli altri. 

Sono la prima causa di morte nelle donne e nelle persone oltre i 65 anni. 

Sono anche una delle principali cause di morbilità e rappresentano la maggior parte della spesa sanitaria nei paesi sviluppati. In Italia, si stima che più di 2,5 milioni di persone siano trattate per le MCV nell'ambito dell'assistenza a lungo termine (ALD). L'onere economico del trattamento delle malattie del sistema circolatorio è considerevole. 

Le malattie cardiovascolari sono un gruppo di disturbi che colpiscono il cuore e i vasi sanguigni che includono:

  • Malattia coronarica o ischemica del cuore, 
  • Malattia cerebrovascolare, 
  • Malattia arteriosa periferica, 
  • Malattia cardiaca reumatica, 
  • Difetti cardiaci congeniti, 
  • Trombosi venosa profonda ed embolia polmonare. 

Le MCV più comuni sono l'aterosclerosi, l'attacco ischemico transitorio (AIT), l'ictus, l'infarto miocardico, l'insufficienza cardiaca e le malattie ipertensive. 

Quali sono i fattori di rischio per le malattie cardiovascolari? 

Queste malattie condividono tutte una serie di fattori di rischio individuali, la maggior parte dei quali, a parte l'ereditarietà, il sesso e l'età, derivano da comportamenti a rischio modificabili: 

  • Fumo, 
  • Stile di vita sedentario, 
  • Consumo eccessivo di alcol, 
  • Dieta povera, 
  • Esposizione allo stress. 

Gli effetti di questi fattori si manifestano in alcune persone con ipertensione arteriosa, iperglicemia, iperlipidemia, ipercolesterolemia, sovrappeso e obesità

Per molto tempo, le MCV sono state considerate tipicamente maschili. Questa idea è ormai obsoleta, poiché lo stile di vita delle donne ha raggiunto quello degli uomini. Inoltre, il rischio delle donne di sviluppare MCV è aumentato a causa della loro vita ormonale, in certe fasi, poiché la carenza di estrogeni le rende vulnerabili. 

La prevenzione delle MCV è importante e viene effettuata principalmente dai medici generici. Hanno un ruolo centrale nelle raccomandazioni sullo stile di vita che hanno un impatto sul paziente a rischio cardiovascolare. La gestione delle MCV è anche una priorità a causa della significativa morbilità e della mortalità precoce che può causare. 

Come prevenire le malattie cardiovascolari?  

Esiste uno strumento di valutazione del rischio cardiovascolare (RCV) che consiste nell'elencare tutti i fattori di RCV e dedurre la probabilità che si verifichi una complicazione cardiovascolare. Per ogni persona, viene valutato il RCV globale. 

La prevenzione è detta primaria o iniziale quando la persona non ha ancora MCV. Quando un problema cardiaco si è già verificato o se il paziente ha una malattia a rischio di comorbidità, si chiama prevenzione secondaria. I mezzi di azione sono simili. 

Eccone alcuni: 

Smettere di fumare 

Il tabacco favorisce il restringimento delle arterie, la formazione di coaguli di sangue e lo sviluppo di problemi cardiaci, e fermandolo possiamo prevenire la trombosi e gli infarti. 

Una dieta equilibrata 

Una dieta sana previene l'eccesso di colesterolo, che, quando è presente nel corpo, è dannoso e può accumularsi come depositi di grasso nelle arterie, noto come aterosclerosi. Bisogna anche controllare il consumo di sale (5g/giorno), che è responsabile del rischio di ipertensione arteriosa, che fa lavorare di più il cuore e lo indebolisce, e l'aumento della pressione sanguigna danneggia le pareti delle arterie. 

Monitoraggio del peso 

Essere in sovrappeso o obesità aumenta anche il rischio di ipertensione arteriosa. Inoltre, il diabete legato all'obesità danneggia le pareti delle arterie se mal controllato. L'obesità addominale aumenta il RCV.

La lotta contro la vita sedentaria

Camminare per mezz'ora al giorno è sufficiente per abbassare il RCV, poiché l'attività fisica rafforza il cuore. 

Gestire lo stress 

Lo stress aumenta la pressione sanguigna e i livelli di zucchero nel sangue. Lo stress cronico fa male al cuore, aumentando la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna e la coagulazione del sangue. Porta anche a comportamenti dannosi come fumare, bere, mangiare grassi e zucchero.... I metodi di rilassamento, la meditazione, lo yoga dovrebbero essere praticati per rilassarsi. 

Una buona qualità del sonno 

Un buon sonno influenza il RCV, una durata insufficiente del sonno è associata a un impatto sul peso, l'ipertensione arteriosa, il diabete e l'aumento dei trigliceridi. 

Una consultazione con il suo medico 

Si raccomanda di fare un controllo regolare e di monitorare il sangue (zucchero, sale, colesterolo, ecc.) e le urine (albumina). 

Altre buone abitudini dovrebbero essere adottate, come mantenere una buona igiene orale per evitare il passaggio di batteri nel sangue in caso di sanguinamento, e quindi la formazione di coaguli. 

Si raccomanda anche un'attività sessuale regolare. Questo attiva la circolazione arteriosa e venosa, tonifica il cuore e rilascia ormoni rilassanti. 

Inoltre, il consumo di 2 quadrati di cioccolato al giorno ridurrebbe il rischio di infarti e ictus grazie alla presenza di flavonoidi e antiossidanti che limitano la formazione di colesterolo cattivo e la pressione alta e, grazie al magnesio che contiene, combattono lo stress. 

Come gestire il paziente a rischio di malattia cardiovascolare? 

L'obiettivo terapeutico della gestione è quello di proporre al paziente una strategia basata su una decisione medica condivisa tra il paziente e il suo medico. 

Una volta che i rischi sono stati valutati utilizzando una valutazione clinica, un calcolatore di rischio e marcatori socio-economici, viene presentato un approccio che include:

  • Gestione terapeutica non medicinale dei fattori di rischio con raccomandazioni sullo stile di vita, l'attività fisica e la dieta, 
  • Gestione farmacologica dell'ipertensione arteriosa, del diabete e del fumo, 
  • L'educazione del paziente con l'aiuto di un colloquio motivazionale, una proposta di supporto, un adattamento dell'approccio a seconda che si tratti di prevenzione primaria o secondaria, negli anziani, nella co-morbidità, ecc, 
  • Follow-up delle azioni attuate con una valutazione dell'aderenza alle misure adottate, monitoraggio degli effetti indesiderati dei farmaci e una rivalutazione della gestione complessiva, se necessario. 

Il trattamento delle malattie cardiovascolari rappresenta un notevole onere economico in tutto il mondo a causa dei costosi trattamenti e interventi chirurgici necessari per curarle. Per questo motivo, l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha identificato interventi economicamente vantaggiosi da attuare, come: strategie di controllo del tabacco e strategie per combattere l'uso dannoso dell'alcol, la tassazione dei prodotti alimentari ricchi di grassi, zucchero e sale, lo sviluppo di percorsi pedonali e ciclabili per aumentare l'attività fisica della popolazione... 

Inoltre, l'educazione del grande pubblico alle tecniche di salvataggio e l'impiego di defibrillatori automatici o semiautomatici in luoghi affollati, e in particolare nei palazzetti dello sport, hanno già salvato molte vite. 

Avete trovato utile questo articolo? 

Cliccate su "mi piace" o condividete i vostri sentimenti e le vostre domande con la comunità nei commenti qui sotto!  

Forza a tutte e tutti!

1
avatar Claudia Lima

Autore: Claudia Lima, Redattrice di Salute

Claudia Lima è una creatrice di contenuti presso Carenity, specializzata nella redazione di articoli sulla salute.

Claudia ha un MBA in Direzione Commerciale e Marketing e sta continuando a svilupparsi nel... >> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche

Coronavirus e ipertensione arteriosa

Ipertensione arteriosa

Coronavirus e ipertensione arteriosa

Leggi l’articolo
L’effetto della cannabis terapeutica sui sintomi di spasticità nella Sla e altre malattie del motoneurone

Aneurisma
Ictus

L’effetto della cannabis terapeutica sui sintomi di spasticità nella Sla e altre malattie del motoneurone

Leggi l’articolo
La solitudine provoca (anche) malattie cardiovascolari

Aneurisma
Angina pectoris
Angioedema
Arteriopatia obliterante degli arti inferiori
Arteriosclerosi
Arterite di Takayasu
Atresia della tricuspide
Attacco ischemico transitorio
Canale atrioventricolare completo
Canale atrioventricolare parziale
Cardiomiopatia
Cardiopatia congenita
Cardiopatia valvolare
Coartazione atipica dell'aorta
Crisi cardiaca / Infarto
Cuore criss-cross
Dissezione aortica
Disturbi del ritmo cardiaco
Disturbi delle valvole cardiache
Embolia polmonare
Endocardite
Fibrillazione auricolare
Fistola artero-venosa cerebrale
Flebite
Granulomatosi di Wegener
Ictus
Insufficienza cardiaca
Insufficienza venosa cronica cerebrospinale
Interruzione dell'arco aortico
Ipertensione arteriosa
Ipertensione arteriosa polmonare
Ipertensione ortostatica
Ipotensione arteriosa
Ipotensione ortostatica idiopatica
Malattia arteriosa periferica
Malattia coronarica
Malattia di Buerger
Malattia di Rendu-Osler-Weber
Malformazione artero-venosa
Malformazione di Ebstein
Miocardite
Pericardite
Sindrome angio-osteoipertrofica
Sindrome da tachicardia posturale ortostatica
Sindrome del QT lungo familiare
Sindrome della scimitarra
Sindrome di Adams-Stokes
Sindrome di Brugada
Sindrome di Holt-Oram
Sindrome di Raynaud
Sindrome di Romano-Ward
Soffio al cuore
Stenosi sopravalvolare dell'aorta
Stenosi valvolare polmonare congenita
Tetralogia di Fallot
Trasposizone dei grossi vasi
Tumore del cuore
Varici
Vasculite

La solitudine provoca (anche) malattie cardiovascolari

Leggi l’articolo
Osteoporosi, promossa sequenza anabolici-monoterapia denosumab in pazienti a rischio elevato frattura

Pseudopoliartrite rizomelica

Osteoporosi, promossa sequenza anabolici-monoterapia denosumab in pazienti a rischio elevato frattura

Leggi l’articolo

Discussioni più commentate

Schede malattie