«
»

Top

Sapere tutto sulla BPCO e il coronavirus!

Pubblicata il 15 apr 2020 • Da Camille Dauvergne

La broncopneumopatia cronica ostruttiva (o BPCO) è una grave malattia respiratoria cronica che colpisce il 5-10% delle persone di età superiore ai 45 anni ed è spesso sottodiagnosticata.

Poiché la BPCO colpisce le vie aeree inferiori e poiché i pazienti presentano in media 5 comorbidità (metaboliche, muscolari, cardiache, gastrointestinali, psichiche...), il rischio di sviluppare una forma grave di COVID-19, che può essere espressa da una grave insufficienza respiratoria acuta, è più elevato per questi pazienti che per la popolazione generale.

Philippe Poncet, Presidente dell'associazione Francia BPCO, ci ha permesso di rispondere alle domande dei pazienti! Poiché egli stesso soffre di BCPO, si impegna a difendere il diritto alla protezione di questi pazienti nell'attuale contesto sanitario.

Perché il rischio di complicazioni è più alto? Come possiamo proteggerci? E i trattamenti? Vi spieghiamo tutto!

Sapere tutto sulla BPCO e il coronavirus!

Ho la BPCO, devo seguire misure di protezione specifiche?

Naturalmente, le raccomandazioni generali devono prima di tutto essere seguite correttamente e il confinamento e gesti barriera devono essere rigorosamente rispettati. 

Le uscite devono essere limitate il più possibile e devono essere incoraggiate le seguenti pratiche: teleconsulti, consegne a domicilio, telelavoro, ecc.

Data l'attuale carenza di mascherine, esse sono riservate, in via prioritaria, al personale infermieristico e alle persone a diretto contatto con i pazienti affetti da COVID-19.

Posso continuare le mie sedute di fisioterapia durante la quarantena?

Per quanto possibile, le cure fisioterapiche essenziali per la BPCO devono essere mantenute per evitare complicazioni legate alla propria condizione cronica. Assicuratevi di usare i gesti barriera quando andate dal fisioterapista!

D'altra parte, Francia BPCO indica che l'attività fisica all'esterno è fortemente scoraggiata nei casi di BPCO. Favorite l'attività fisica quotidiana a casa, anche se moderata. Tranne in casi eccezionali in cui i pazienti beneficiano di un ambiente particolarmente isolato.

Sono un fumatore, o un ex fumatore, sono più a rischio?

Secondo Santé Respiratoire France, il tabacco è ovviamente un ulteriore fattore di rischio di complicazioni perché altera il sistema immunitario e aumenta il rischio di infezione. Il tabacco può anche causare tosse, che favorisce la trasmissione del coronavirus a chi vi sta intorno, soprattutto in caso di infezione asintomatica (senza sintomi). Per ulteriori informazioni sui rischi di infezione e sulle forme gravi di Covid-19, potete vedere la nota informativa dell'Alleanza contro il tabacco che riassume i risultati di uno studio cinese pubblicato sul New England Journal of Medicine.

Secondo Philippe Poncet, quasi 3 milioni di francesi, molti dei quali fumatori, non sanno di soffrire di BPCO. Queste persone sono tanto più a rischio perché la loro patologia non è stata stabilizzata.

In caso di BPCO, gli ex fumatori o non fumatori sono altrettanto a rischio.

Assumo una terapia antibiotica, questo ha un impatto sul COVID-19?

Finora non è stato dimostrato che gli antibiotici abbiano un impatto, positivo o negativo, sull'evoluzione del COVID-19.

Sono sotto corticosteroidi, devo interrompere i miei farmaci per evitare complicazioni?

Secondo Philippe Poncet, il trattamento con corticosteroidi per via inalatoria e/o orale non deve in nessun caso essere interrotto senza il parere del pneumologo o del medico curante, a rischio di peggiorare la BPCO senza ridurre il rischio di infezione da coronavirus e di complicazioni.

È importante distinguere i farmaci antinfiammatori non steroidei come l'ibuprofene, voltarene... che possono abbassare le difese immunitarie e quindi favorire una forma grave di COVID-19, e i corticosteroidi come il cortisone. Si tratta di un farmaco anti-infiammatorio steroideo, che non deve essere fermato lo prendete per la gestione della vostra malattia cronica (anche per via inalatoria).

Se avete domande sui vostri trattamenti, corticosteroidi o altri farmaci, si consiglia di contattare il vostro medico per telefono o per teleconsulto.

Sono sotto ossigenoterapia, c'è il rischio di penuria dovuta all'epidemia di COVID-19?

Philippe Poncet afferma che attualmente "le 4 federazioni nazionali dei fornitori di assistenza sanitaria a domicilio (PSAD) confermano di aver adottato tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza di ogni paziente visitato e di disporre delle riserve necessarie per evitare qualsiasi interruzione della catena assistenziale, compresa l'erogazione di ossigeno liquido, che potrebbe, col tempo, essere sostituito da dispositivi di estrazione elettrica durante la crisi. Le federazioni si impegnano a comunicare con i loro pazienti per sostenerli al meglio durante l'epidemia.".

Come si possono differenziare i sintomi della BPCO da quelli del COVID-19? Cosa devo fare se ho dei sintomi (tosse, febbre, difficoltà respiratorie...)?

Il primo sintomo che dovrebbe avvertirvi è la febbre! Se è accompagnata da una mancanza di respiro che è significativamente peggiore del solito e da una tosse secca, può essere COVID-19. Potete anche sperimentare sintomi specifici come dolori o un'improvvisa perdita dell'odore (e del gusto).

Come misurare il progresso della mia mancanza di respiro? Secondo Philippe Poncet, "si deve prendere il suo tempo, controllare il suo dispositivo, la differenza tra le sue attività durante il giorno e il giorno prima per cercare di misurare la differenza. Un ossimetro può essere utile in questo caso"

Una tosse secca isolata non è sufficiente per evocare il COVID-19. Peò, l'improvvisa mancanza di respiro o i soliti sintomi amplificati associati alla febbre sono motivi per chiamare i medici in caso di emergenza. 

In caso di triade: tosse secca improvvisa + febbre + respiro corto differenziato, dovete chiamare immediatamente il medico o il 112/118 pronunciando parole rapidamente identificabili.

In generale, in caso di sintomi suggestivi: non andate in ospedale o dal vostro medico!

Ho un'enfisema, è un pericolo in più?

Il professore Bruno Crestani, Vice Presidente della Fondazione Breath, spiega che l'enfisema è una distruzione del polmone che, in alcuni casi, può portare all'insufficienza respiratoria quando è in fase avanzata. Se si ha un'insufficienza respiratoria, in questo caso c'è un rischio eccessivo di infezione. Ma se si soffre di enfisema senza insufficienza respiratoria, non vi è alcun rischio aggiuntivo rispetto alla BPCO senza enfisema.

Vivo con un parente affetto da COVID-19, come posso proteggermi?

In questo caso, è necessario:

  • stare a casa e isolarsi dalla persona infetta (se possibile in camere separate)
  • rispettare i gesti barriera
  • monitorare la temperatura due volte al giorno e osservare i sintomi evocati sopra

Ci sono postumi respiratori dopo la guarigione del COVID-19?

I pazienti ricoverati nel reparto di terapia intensiva che hanno avuto una sindrome da distress respiratorio acuto possono avere sequele a lungo termine, come ad esempio cambiamenti microscopici nei polmoni. Queste alterazioni possono diminuire la funzione polmonare e quindi aumentare la mancanza di respiro.

Secondo Philippe Poncet, "i postumi respiratori di COVID-19 potrebbero portare ad un afflusso massiccio di nuovi pazienti affetti da BPCO".

Tuttavia, la maggior parte dei casi di COVID-19 sono benigni, e anche se ci sono ancora poche prove delle conseguenze dell'infezione, è improbabile che questi pazienti sperimentino sequele. Questi dati diventeranno più noti nei prossimi mesi. 

Come posso informarmi sulla BPCO?

Questo articolo vi è stato utile? Avete altri suggerimenti da condividere con la comunità?

Forza a tutte e tutti e state a casa!

Commenti

Ti piacerà anche

Asma e BPCO, a maggio le consulenze gratuite

BPCO

Asma e BPCO, a maggio le consulenze gratuite

Leggi l’articolo
Vedi la testimonianza
Asma e BPCO: come smettere di fumare

BPCO

Asma e BPCO: come smettere di fumare

Vedi la testimonianza
Asma grave nei bambini: via libera europeo per mepolizumab, già sentito parlare?

BPCO

Asma grave nei bambini: via libera europeo per mepolizumab, già sentito parlare?

Leggi l’articolo

Scheda malattia