«
»

Top

Sclerosi multipla: quali sono le diverse forme della malattia?

Pubblicata il 30 mag 2022 • Da Candice Salomé

La sclerosi multipla (SM) è una malattia autoimmune che colpisce il sistema nervoso centrale e causa disturbi motori, sensoriali, visivi, cognitivi o sfinterici. 

In Italia, ci sono più di 118.000 persone affette da sclerosi multipla. 

Esistono tre tipi principali di sclerosi multipla, ognuno dei quali varia notevolmente da un paziente all'altro. 

Ma quali sono i diversi tipi di sclerosi multipla? Quali sono i sintomi e la loro evoluzione? 

Vi raccontiamo tutto nel nostro articolo!

Sclerosi multipla: quali sono le diverse forme della malattia?

La sclerosi multipla esiste in diverse forme che variano in base alla velocità di progressione della malattia e alla presenza o meno di ricadute. 

Esistono quindi essenzialmente tre forme di sclerosi multipla. Ciascuna di queste forme può variare notevolmente da un paziente all'altro. 

La sclerosi multipla recidivante-remittente (SMRR) 

La forma recidivante-remittente colpisce l'80% dei pazienti all'inizio della malattia. I pazienti più colpiti sono giovani donne tra i 20 e i 30 anni, con un rapporto di 3 donne per 1 uomo. 

Questa forma di SM è caratterizzata da ricadute acute ma poco frequenti, con intervalli che vanno da pochi mesi a diversi anni, intervallati da periodi di remissione completa (assenza di sintomi) o parziale. Il recupero tra le ricadute può essere completo o può lasciare il posto a disturbi persistenti. 

Le ricadute della forma recidivante-remittente possono durare da poche ore a qualche giorno. 

I sintomi comuni delle ricadute della SMRR sono:

  • Stanchezza, 
  • Intorpidimento, 
  • Disturbi visivi, 
  • Spasticità o rigidità, 
  • Problemi intestinali, 
  • Problemi alla vescica. 

La SMRR richiede una gestione globale che combini trattamenti farmacologici e non, come la riabilitazione, la gestione del dolore, la gestione della spasticità... I trattamenti di base permetteranno di ridurre la frequenza delle ricadute e di rallentare la progressione dell'handicap

>> Per saperne di più sui trattamenti per la sclerosi multipla, consultate la nostra scheda malattia dedicata << 

La sclerosi multipla secondariamente progressiva (SMSP) 

Nel 50% dei casi, la sclerosi multipla recidivante-remittente (SMRR) progredisce in una forma secondaria progressiva (SMSP) entro 5-20 anni. La forma secondaria è caratterizzata da una progressione più continua della malattia con un minor numero di ricadute. La progressione della malattia avviene con o senza ricadute, portando a un graduale peggioramento del danno neurologico e della disabilità

I segni che indicano una transizione dalla SMRR alla sclerosi multipla secondaria progressiva (SMSP) sono sottili e difficili da identificare a causa della loro variabilità da un giorno all'altro, dei periodi di stabilità evolutiva più o meno lunghi, dell'effetto della gestione sintomatica e dell'interpretazione dei segni clinici. 

La diagnosi di sclerosi multipla secondaria progressiva viene spesso fatta in ritardo. In effetti, per le ragioni sopra menzionate e in assenza di marcatori biologici o di imaging validati di progressione, i pazienti sperimentano di solito un periodo di incertezza di circa 3 o 4 anni

Tuttavia, attualmente si stanno proponendo nuovi approcci per i pazienti affetti da SMRR, per consentire un'identificazione più precoce della progressione verso la SMSP e quindi una gestione ottimale della malattia. 

I sintomi più comuni che possono segnalare la progressione della sclerosi multipla sono:

  • Insorgenza o peggioramento di problemi di deambulazione o di equilibrio, 
  • Debolezza muscolare, 
  • Problemi sensoriali, 
  • Disturbi cognitivi o visivi, 
  • Problemi urinari. 

Per identificare al meglio il passaggio alla SMSP, gli operatori sanitari devono ricercare la causa della malattia ponendo ai pazienti domande molto precise sulle loro condizioni neurologiche e sul loro funzionamento nella vita quotidiana, intervistando anche i loro assistenti e attraverso un esame clinico con test oggettivi (di deambulazione o di disabilità) che possono poi essere confrontati con valutazioni precedenti. 

La sclerosi multipla primariamente progressiva (SMPP) 

La sclerosi multipla progressiva-primaria (SMPP) colpisce il 10-15% dei pazienti all'esordio della malattia. Questa forma più rara della malattia compare intorno ai 40 anni e colpisce sia uomini che donne

La SMPP è una forma invalidante della malattia caratterizzata da un regolare peggioramento dei sintomi. Di solito progredisce senza un periodo distinto di ricaduta o di remissione. In rari casi, alcuni pazienti possono ancora avere ricadute. 

La sclerosi multipla progressiva-primaria tende a essere più invalidante della sclerosi multipla recidivante-remittente. In effetti, l'insorgenza di disabilità irreversibile è doppia in questa forma di SM rispetto alla SMRR. Ciò significa che i pazienti con SMRR hanno spesso bisogno di ausili per la mobilità e sedie a rotelle

I sintomi più comuni della SMPP comprendono:

  • Debolezza progressiva generalizzata, 
  • Problemi di mobilità, 
  • E spasticità. 

Questi sintomi non sono specifici della SMPP, ma sono più persistenti e più difficili da gestire rispetto ad altre forme di SM. 

Qualunque sia il tipo di SM, esistono criteri per definire l'attività della malattia e monitorarne il decorso. L'esistenza di ricadute, la progressione del punteggio EDSS (un punteggio utilizzato per valutare la disabilità) e la comparsa di nuove lesioni visualizzabili alla risonanza magnetica sono riconosciuti come marcatori dell'attività di malattia. I pazienti affetti da SMPP possono anche avere problemi cognitivi e di linguaggio, che sono rari nei pazienti affetti da SMRR. 

Il monitoraggio regolare dell'attività della malattia è essenziale per fornire una gestione adeguata, controllare la progressione della malattia e ritardare l'insorgenza della disabilità.  

Vi è piaciuto questo articolo?  

Cliccate su "mi piace" o condividete i vostri sentimenti e le vostre domande con la comunità nei commenti qui sotto! 

Forza a tutte e tutti! 


5
avatar Candice Salomé

Autore: Candice Salomé, Redattrice di Salute

Creatrice di contenuti presso Carenity, Candice è specializzata nella scrittura di articoli sulla salute. Ha un interesse particolare nei campi della psicologia, del benessere e dello sport. 

Candice ha... >> Per saperne di più

Chi ha riveduto: Antoine Seignez, Farmacista capo progetto in data science

Antoine ha un dottorato in farmacia e un dottorato in scienze della vita, specializzato in immunologia. Ha studiato all'Università di Borgogna. Molti dei suoi lavori sono stati pubblicati in riviste... >> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche

L’effetto della cannabis terapeutica sui sintomi di spasticità nella Sla e altre malattie del motoneurone

Sclerosi Multipla

L’effetto della cannabis terapeutica sui sintomi di spasticità nella Sla e altre malattie del motoneurone

Leggi l’articolo
Salute, Italia sempre più anziana: aumentano ictus e sclerosi multipla

Sclerosi Multipla

Salute, Italia sempre più anziana: aumentano ictus e sclerosi multipla

Leggi l’articolo
Sclerosi multipla, Roche punta alla rimielinizzazione delle fibre nervose per invertire la progressione della malattia

Sclerosi Multipla

Sclerosi multipla, Roche punta alla rimielinizzazione delle fibre nervose per invertire la progressione della malattia

Leggi l’articolo
Azienda Ospedaliera: intervento innovativo per la cura della spasticità

Sclerosi Multipla

Azienda Ospedaliera: intervento innovativo per la cura della spasticità

Leggi l’articolo

Discussioni più commentate

Scheda malattia