«
»

Top

Tumore del polmone: verso un nuovo trattamento anti-recidiva?

Pubblicata il 6 mag 2022 • Da Candice Salomé

In Italia, più di 40.000 nuovi casi di cancro ai polmoni sono diagnosticati ogni anno. Il tumore del polmone rappresenta il 15% di tutti i nuovi casi di cancro ogni anno e rimane il cancro più mortale fino ad oggi. 

Uno studio coordinato dall'Institut Curie in Francia che combina l'immunoterapia e la chemioterapia prima della chirurgia polmonare ha mostrato una riduzione significativa del rischio di ricaduta. 

Ma come funzionano i polmoni? Cosa rappresenta questo nuovo protocollo in termini di una svolta scientifica nella gestione del cancro ai polmoni? 

Vi raccontiamo tutto nel nostro articolo! 

Tumore del polmone: verso un nuovo trattamento anti-recidiva?

Cosa sono i polmoni? 

Il funzionamento dei polmoni

I polmoni sono situati nel petto su entrambi i lati del cuore. Sono protetti dalla gabbia toracica e sono separati da una zona chiamata mediastino

Il polmone destro ha tre lobi: il lobo superiore, il lobo inferiore e il lobo medio. Al contrario, il polmone sinistro ha solo due lobi: quello superiore e quello inferiore. 

Il loro ruolo è quello di assicurare lo scambio di anidride carbonica e ossigeno tra l'aria che respiriamo e il corpo umano. Quando inspiriamo, l'aria arriva attraverso la trachea e si distribuisce nei bronchi, poi nei bronchioli e infine negli alveoli dei polmoni, che si riempiono di aria. 

Il movimento dell'ossigeno avviene quindi dall'alveolo polmonare al capillare sanguigno (nel flusso sanguigno). Questo gas si lega all'emoglobina nei globuli rossi e circola attraverso i vasi sanguigni. 

Nel frattempo, nella direzione opposta, l'anidride carbonica rilasciata dalle cellule del corpo passa attraverso gli alveoli, poi i bronchioli e infine i bronchi. Esce poi attraverso la trachea, poi attraverso il naso e la bocca. Questo si chiama espirazione

Il tumore del polmone

Conosciuto anche come cancro broncopolmonare o cancro bronchiale, il tumore del polmone si sviluppa principalmente dalle cellule del rivestimento dei bronchi e dei bronchioli (condotti che portano l'aria esterna ai polmoni). Più raramente, è possibile che il cancro si sviluppi negli alveoli (piccole sacche dove avvengono gli scambi di gas con il sangue) o nella pleura (membrana che circonda il polmone). 

I sintomi del tumore del polmone

Nelle prime fasi della malattia, non ci possono essere sintomi, o i sintomi possono sembrare ordinari in un fumatore o ex fumatore. 

I sintomi comuni del tumore del polmone combinano problemi di respirazione con cambiamenti inspiegabili nella salute generale. Per esempio: 

  • La comparsa di una tosse o un aumento di una tosse da bronchite cronica, 
  • Espettorato sanguinolento (emottisi), 
  • La comparsa o il peggioramento della difficoltà a respirare (dispnea o affanno), in assenza di un problema cardiaco noto, 
  • Infezioni polmonari ripetute (bronchite o polmonite), 
  • Forte dolore acuto o cronico (come un punto dolente che suggerisce uno strappo muscolare, un dolore alla spalla che suggerisce un reumatismo); 
  • Stanchezza insolita e persistente; 
  • Perdita di appetito; 
  • Perdita di peso. 

>> Per saperne di più sul tumore del polmone, la sua diagnosi e il trattamento, scoprite la nostra scheda malattia dedicata << 

Recidiva del tumore del polmone 

Una ricaduta o recidiva del tumore del polmone è quando ritorna nei polmoni dopo essere stato trattato una volta. Può tornare esattamente nello stesso posto, nella stessa zona o in un'altra zona del corpo. 

Questo significa che non si tratta di un nuovo cancro ma, nella maggior parte dei casi, di cellule cancerose che hanno resistito alla chirurgia o ai trattamenti per il tumore del polmone. 

Questo può essere il caso quando: 

  • Le cellule cancerose si trovano in aree difficili da raggiungere, 
  • O se i linfonodi del mediastino sono stati colpiti dal tumore. 

I vari metodi (chirurgia, radioterapia, chemioterapia, immunoterapia) sono combinati per minimizzare il rischio di ricaduta. 

Qual è questa nuova scoperta che riduce significativamente il rischio di ricaduta del tumore del polmone? 

Un nuovo studio, coordinato dall'l’Institut Curie, raccomanda un nuovo modo di combattere il cancro ai polmoni. 

Secondo i risultati di questo studio, 15.000 dei 46.000 nuovi casi identificati ogni anno potrebbero essere interessati da questo nuovo trattamento, che migliora significativamente la sopravvivenza dei pazienti e riduce il rischio di recidiva

Questo nuovo trattamento potrebbe essere efficace sui tumori del polmone non metastatici, localizzati e operabili (cancro del polmone non a piccole cellule)

Attualmente, questi sono trattati prima con un intervento chirurgico seguito da una chemioterapia. La chemioterapia è un trattamento cosiddetto "curativo", ma è molto dura per i pazienti e non sempre efficace a lungo termine. Infatti, dal 30 al 55% dei pazienti guariti sviluppano una recidiva di cancro ai polmoni

Così, dal 2017, il professor Nicolas Girard e il suo team dell'Istituto del Torace Curie-Montsouris stanno lavorando su uno studio di un trattamento prima della chirurgia. Questo trattamento è una combinazione di tre cicli di immunoterapia e chemioterapia

I risultati sono stati presentati lunedì 11 aprile 2022 al congresso AACR di New Orleans, USA. 

Dopo cinque anni di ricerca, i risultati della fase 3 sono un vero e proprio game-changer per i pazienti con cancro al polmone non a piccole cellule. 

I risultati dei primi studi mostrano che il nuovo protocollo riduce il rischio di recidiva della malattia del 37%. Inoltre, anche la sopravvivenza dei pazienti è migliorata con una riduzione del 43% del rischio di morte

Nel 24% dei pazienti, non rimangono cellule tumorali in ciò che viene rimosso durante l'intervento chirurgico, rispetto a solo il 2% in precedenza (solo chemioterapia). 

Inoltre, è stato dimostrato che gli effetti collaterali del trattamento sono anche ridotti grazie al tempo molto breve in cui viene somministrato (3 dosi in 2 mesi).

Inoltre, sono state riportate meno complicazioni chirurgiche grazie all'immunoterapia, che riduce le dimensioni dei tumori e facilita la chirurgia. 

Questo nuovo protocollo è stato convalidato negli Stati Uniti dalla Food and Drug Administration il 2 marzo. 

In Francia, è ancora in fase di studio, ma i pazienti potrebbero presto beneficiarne, secondo il professor Nicolas Girard. 

Vi è piaciuto questo articolo?  

Cliccate su "mi piace" o condividete i vostri sentimenti e le vostre domande con la comunità nei commenti qui sotto! 

Forza a tutte e tutti!


avatar Candice Salomé

Autore: Candice Salomé, Redattrice di Salute

Creatrice di contenuti presso Carenity, Candice è specializzata nella scrittura di articoli sulla salute. Ha un interesse particolare nei campi della psicologia, del benessere e dello sport. 

Candice ha... >> Per saperne di più

Chi ha riveduto: Alizé Vives, Farmacista, Data Scientist

Alizé è Dottore in farmacia e laureata del master in strategia e business internazionale della ESSEC Business School. Ha diversi anni di esperienza di lavoro con pazienti e membri, conducendo indagini per le comunità... >> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche

Giornata mondiale contro il cancro: tutti interessati!

Tumore del polmone

Giornata mondiale contro il cancro: tutti interessati!

Leggi l’articolo
Stanchezza e dolore, problemi persistenti dopo la fine del cancro

Tumore del polmone

Stanchezza e dolore, problemi persistenti dopo la fine del cancro

Leggi l’articolo
Il premio Nobel per la medicina giapponese vuole continuare la ricerca per « salvare maggiori pazienti »

Tumore del polmone

Il premio Nobel per la medicina giapponese vuole continuare la ricerca per « salvare maggiori pazienti »

Leggi l’articolo
Olivia Newton-John diagnosticata di cancro per la terza volta

Tumore del polmone

Olivia Newton-John diagnosticata di cancro per la terza volta

Leggi l’articolo

Discussioni più commentate

Scheda malattia