«
»

Top

Come si invecchia con la sclerosi multipla? Tutto quello che dovete sapere!

Pubblicata il 3 dic 2021 • Da Candice Salomé

La sclerosi multipla è una malattia autoimmune che colpisce il sistema nervoso centrale. Una disfunzione del sistema immunitario porta a lesioni che causano disturbi motori, sensoriali, cognitivi e visivi. A lungo o a breve termine, la sclerosi multipla può portare a una disabilità irreversibile. 

Ma come si evolve realmente la sclerosi multipla? La sclerosi multipla si sviluppa nello stesso modo per tutti i pazienti? Come invecchiano le persone con la sclerosi multipla?

Vi diciamo tutto nel nostro articolo! 

Come si invecchia con la sclerosi multipla? Tutto quello che dovete sapere!

La sclerosi multipla è una malattia autoimmune. Il sistema di difesa che dovrebbe proteggere il paziente dalle aggressioni esterne si rivolta contro le sue stesse cellule e le attacca. Le ragioni di questo non sono ancora ben note. 

>> Per saperne di più sulla sclerosi multipla e la sua diagnosi, scoprite la nostra scheda della malattia ! << 

La sclerosi multipla è la principale causa di grave disabilità non traumatica nei giovani adulti. Inizia intorno ai 30 anni e colpisce più donne che uomini (1 uomo ogni 3 donne). 

In Italia, circa 75 000 persone hanno la sclerosi multipla e da 1800 a 2000 nuovi casi vengono diagnosticati ogni anno. 

È difficile prevedere l'evoluzione della sclerosi multipla a breve o a lungo termine perché ogni paziente è un caso speciale. Tuttavia, a seconda del decorso della malattia, la sclerosi multipla è classificata in 3 forme.

Quali sono le diverse forme di sclerosi multipla? 

Secondo l'evoluzione della malattia, si definiscono 3 forme di sclerosi multipla

  • La forma "recidivante-remittente": la sclerosi multipla evolve con attacchi successivi tra i quali la malattia non progredisce. Questa forma di sclerosi multipla rappresenta circa l'85% dei pazienti. Durante i flare-up, i sintomi compaiono entro ore o giorni e sono spesso associati a una stanchezza estrema e insolita. I sintomi poi scompaiono completamente o parzialmente in poche settimane. I periodi di remissione variano in lunghezza, e nei primi anni della malattia, il recupero da ogni attacco è solitamente completo
  • Dopo 5-20 anni dai primi sintomi, il 50% dei casi di sclerosi multipla si sviluppa nella forma "secondaria progressiva". In questo caso, i pazienti sperimentano un peggioramento più continuo della loro disabilità senza flare-up. Recenti studi epidemiologici suggeriscono che i trattamenti immunomodulatori/soppressivi per la malattia ritardano l'insorgenza di questa seconda fase progressiva. 
  • Infine, la cosiddetta SM progressiva (conosciuta anche come "primariamente progressiva") è una forma in cui la malattia progredisce lentamente e progressivamente dall'inizio senza flare-up o remissioni. Questa forma rappresenta il 15% dei casi ed è generalmente osservata in pazienti anziani, dopo i 40 anni, e colpisce sia le donne che gli uomini. 

Come progredisce la sclerosi multipla? 

La sclerosi multipla è una malattia estremamente eterogenea. Infatti, non si evolve nello stesso modo da un paziente all'altro e anche i sintomi differiscono enormemente. 

Infatti, i sintomi variano molto da un paziente all'altro e cambiano anche nel corso della vita nello stesso paziente. Dipendono dall'area del cervello o del midollo spinale colpita dalla lesione. 

Possono apparire isolatamente o in combinazione e sono i seguenti: 

  • Disturbi motori legati alla debolezza muscolare che possono colpire gli arti superiori e/o inferiori e quindi ridurre la capacità del paziente di camminare. 
  • Disturbi sensoriali come intorpidimento, formicolio, dolore, ecc. 
  • Sintomi visivi: visione doppia o acuità visiva ridotta. 
  • Problemi di equilibrio e coordinazione o vertigini. 
  • Problemi urinari e sessuali
  • Problemi cognitivi: difficoltà di attenzione, concentrazione e memoria, e un rallentamento generale. 
  • Disturbi d'ansia

Inoltre, quando il cervelletto è colpito, i pazienti con SM possono avere difficoltà di articolazione o essere soggetti a tremori

Inoltre, i disturbi della deglutizione, spesso sottovalutati, possono avere gravi conseguenze. Questi disturbi possono avere varie cause: mancanza di mobilità della lingua, debolezza dei muscoli del palato molle, della bocca e dei muscoli masticatori, disturbi della sensibilità, ecc. I disturbi della deglutizione provocano la cosiddetta "falsa via": il cibo non prende il percorso previsto e finisce nelle vie respiratorie

I sintomi possono scomparire spontaneamente, soprattutto all'inizio della malattia. I postumi possono talvolta rimanere o addirittura diventare un handicap, soprattutto dopo diversi anni di evoluzione. Possono influenzare il movimento, l'equilibrio, la sensibilità o la capacità di controllare l'urina. Questo è diverso per la forma "primaria-progressiva" dove i sintomi persistono dall'inizio della malattia. 

La nozione di disabilità rimane importante perché è il problema a lungo termine della malattia. Non è, tuttavia, sistematico e può variare in natura, intensità e tempo di sviluppo. 

Come si invecchia con la sclerosi multipla? 

Dopo i 60 anni, è necessario un adattamento della gestione del paziente, in particolare a causa delle comorbidità legate all'età come l'osteoporosi o le malattie cardiovascolari

Inoltre, i trattamenti sono principalmente convalidati in popolazioni più giovani e raramente in pazienti oltre i 60 anni. 

Anche se la capacità di riparare la mielina è meno efficace con l'età, la gravità della malattia diminuisce dopo i 60 anni, ad eccezione delle forme "primariamente progressive". Questo è dovuto al fatto che i meccanismi autoimmuni sono meno attivi, quindi i pazienti hanno meno flare-up, e probabilmente ad altri fattori, come la menopausa nelle donne. 

I trattamenti prescritti per la sclerosi multipla sono immunomodulatori o immunosoppressori a seconda della gravità della malattia. Questi trattamenti moduleranno l'attività del sistema immunitario del paziente in misura maggiore o minore. 

In effetti, l'età del paziente è un parametro da prendere in considerazione. Il rapporto beneficio-rischio dei trattamenti non è lo stesso nei pazienti più anziani che in quelli più giovani. Poiché il trattamento colpisce il sistema immunitario e il sistema immunitario è più fragile nelle persone anziane, i pazienti sono a maggior rischio di sviluppare complicazioni, in particolare da infezioni polmonari opportunistiche

Quando viene prescritto un trattamento, è importante che l'operatore sanitario conosca la fascia d'età in cui è stato condotto lo studio clinico. Il rischio di progressione della malattia dovrebbe essere maggiore del rischio di complicazioni del trattamento.

Nei pazienti più anziani, il trattamento viene quindi ridotto o addirittura interrotto perché la malattia si stabilizza generalmente da sola. In questo caso, l'assistenza si basa principalmente sulla loro installazione quotidiana e il comfort, la riabilitazione e l'attività sportiva, nonché l'assistenza psicologica e sociale. 

Qual è lo stato della ricerca clinica sulla sclerosi multipla e il paziente anziano? 

Uno studio iniziato nel 2018 al CIC in soggetti con uno stadio più avanzato della malattia. La complicazione principale nei pazienti affetti da sclerosi multipla è la pneumopatia (infezioni polmonari). Questo studio, condotto su 70 pazienti con un alto livello di disabilità (sedia a rotelle o aiuto alla deambulazione), mira a determinare i criteri di valutazione delle capacità respiratorie dei pazienti, il che permetterebbe di valutare meglio il rapporto beneficio-rischio dei trattamenti

Inoltre, sono in corso o previsti studi clinici per testare l'efficacia delle molecole rimielinizzanti, cioè quelle che mirano a riparare le lesioni e non solo a limitarne la comparsa. 

Vi è piaciuto questo articolo?  

Cliccate su "mi piace" o condividete i vostri sentimenti e le vostre domande con la comunità nei commenti qui sotto! 

Forza a tutte e tutti! 


21
avatar Candice Salomé

Autore: Candice Salomé, Redattrice di Salute

Creatrice di contenuti presso Carenity, Candice è specializzata nella scrittura di articoli sulla salute. Ha un interesse particolare nei campi della psicologia, del benessere e dello sport. 

Candice ha... >> Per saperne di più

Chi ha riveduto: Alizé Vives, Farmacista, Data Scientist

Alizé è Dottore in farmacia e laureata del master in strategia e business internazionale della ESSEC Business School. Ha diversi anni di esperienza di lavoro con pazienti e membri, conducendo indagini per le comunità... >> Per saperne di più

2 commenti


milo1979
il 04/04/22

Articolo molto interessante, ma questi studi sulle molecole rimielinizzanti, chi li conduce, che tempi ci sono per arrivare alla somministrazione al paziente?


Paparedda
il 29/04/22

@milo1979

Faccio la stessa domanda di Milo.

Potreste risponderci?

Grazie!

Ti piacerà anche

Sclerosi multipla: scienziati ne scoprono un nuovo tipo, lo conoscete?

Sclerosi Multipla

Sclerosi multipla: scienziati ne scoprono un nuovo tipo, lo conoscete?

Leggi l’articolo
L’effetto della cannabis terapeutica sui sintomi di spasticità nella Sla e altre malattie del motoneurone

Sclerosi Multipla

L’effetto della cannabis terapeutica sui sintomi di spasticità nella Sla e altre malattie del motoneurone

Leggi l’articolo
Salute, Italia sempre più anziana: aumentano ictus e sclerosi multipla

Sclerosi Multipla

Salute, Italia sempre più anziana: aumentano ictus e sclerosi multipla

Leggi l’articolo
Sclerosi multipla, Roche punta alla rimielinizzazione delle fibre nervose per invertire la progressione della malattia

Sclerosi Multipla

Sclerosi multipla, Roche punta alla rimielinizzazione delle fibre nervose per invertire la progressione della malattia

Leggi l’articolo

Discussioni più commentate

Scheda malattia