«
»

Top

Diabete: ipoglicemia, iperglicemia e chetoacidosi, sapere tutto!

Pubblicata il 22 apr 2022 • Da Candice Salomé

Nelle persone con diabete, la produzione di insulina è carente o inesistente. Questo porta a variazioni anomale dei livelli di zucchero nel sangue. Quando la quantità di zucchero nel sangue è troppo alta, si parla di iperglicemia. Al contrario, quando la quantità di zucchero nel sangue è troppo bassa, si parla di ipoglicemia. La chetoacidosi è un aumento dell'acidità del sangue dovuto a una dose insufficiente di insulina rispetto ai bisogni del paziente.

Quali sono dunque i sintomi dell'ipoglicemia, dell'iperglicemia e della chetoacidosi? Cosa fare in questi casi? 

Vi diciamo tutto nel nostro articolo!

Diabete: ipoglicemia, iperglicemia e chetoacidosi, sapere tutto!

Cos'è l'ipoglicemia e quali sono i suoi sintomi? 

Le cause

L'ipoglicemia è quando i livelli di zucchero nel sangue (glicemia) sono troppo bassi, cioè sotto 0,7 g/L

L'ipoglicemia si verifica principalmente in persone che sono in trattamento con farmaci come sulfamidici, glinidi e insulina. Questi possono causare un abbassamento dei livelli di zucchero nel sangue. 

Tuttavia, un improvviso calo di zucchero nel sangue può verificarsi in altre circostanze. 

Per esempio, le dosi dei farmaci possono diventare inappropriate con il progredire della malattia. 

In altre situazioni, che sono più legate ai cambiamenti dello stile di vita, può verificarsi l'ipoglicemia. 

Per esempio: 

  • Un cambiamento nelle abitudini alimentari. Infatti, una mancanza di pasti o un pasto consumato più tardi o un pasto più leggero del solito o che non contiene abbastanza amido potrebbe portare all'ipoglicemia, 
  • Anche un'attività fisica aumentata o non pianificata può portare all'ipoglicemia,
  • Prendere un farmaco non diabetico che abbassa i livelli di glucosio nel sangue, 
  • Un cambiamento nel trattamento del diabete,
  • Un errore nel dosaggio dell'insulina o di altri farmaci per controllare il diabete,
  • O bere certi alcolici come il whisky, il gin o la vodka. 

I sintomi

I sintomi dell'ipoglicemia possono includere:

  • Sudorazione, nausea lieve, pallore, fame anormale, 
  • Nervosismo, palpitazioni, irritabilità o tremore, 
  • Formicolio o spilli e aghi concentrati intorno alla bocca, 
  • Mal di testa, visione offuscata, vertigini, 
  • Perdita di equilibrio, sensazione di debolezza, 
  • Sensazione di ansia e aumento della frequenza cardiaca. 

Tutti questi sintomi possono peggiorare e portare a un'incapacità di concentrazione, difficoltà nel parlare, confusione, contrazioni muscolari o disturbi dell'umore. In casi più rari, l'ipoglicemia può portare a convulsioni o perdita di coscienza

Cosa fare?

In caso di ipoglicemia, è necessario: 

  • Prendere lo zucchero rapidamente: questo equivale a prendere 15 grammi o 3 zollette di zucchero bianco. Fate attenzione a non mangiare troppo zucchero troppo in fretta, perché questo può portare all'iperglicemia. Un pasto di zuccheri veloci (come zollette di zucchero o caramelle) può essere seguito da un pasto di zuccheri lenti per ripristinare i livelli di zucchero nel sangue a lungo termine, 
  • Riposare seduti o sdraiati per qualche minuto. 

Se il paziente ha un misuratore di glucosio nel sangue, l'automonitoraggio gli permette di confermare o meno un episodio di ipoglicemia e quindi di poterne seguire l'evoluzione. 

Se non notate alcun miglioramento o se non sapete cosa fare in caso di ipoglicemia, contattate rapidamente il vostro medico. In alcuni casi, il medico può prescrivere un trattamento (glucagone) da utilizzare come iniezione da parte di qualcuno vicino a voi se l'ipoglicemia è resistente al resugaring. 

Se la situazione peggiora, chiamate rapidamente il 118

Inoltre, si raccomanda vivamente di portare sempre con sé una lista dei trattamenti che si stanno prendendo

Cos'è l'iperglicemia e quali sono i suoi sintomi? 

Le cause

Alcune situazioni possono causare un aumento dei livelli di zucchero nel sangue anche quando il diabete è ben controllato. Questi sono chiamati episodi iperglicemici quando lo zucchero (chiamato anche glucosio) nel sangue è maggiore o uguale a 1,10 g/L del sangue a digiuno

L'iperglicemia può verificarsi nelle seguenti occasioni, tra le altre: 

  • Mancanza di un'iniezione di insulina o assunzione irregolare di farmaci
  • Un'infezione
  • Assunzione di farmaci che aumentano la glicemia
  • Grave stress

I sintomi

Se l'iperglicemia è alta, il corpo cercherà di eliminare lo zucchero in eccesso nel corpo. 

Le manifestazioni dell'iperglicemia sono le seguenti: 

  • Un aumento del bisogno di urinare
  • Un aumento della quantità di urina che può portare a una significativa perdita di acqua che potrebbe portare alla disidratazione. La disidratazione si tradurrà in una forte sete, bocca secca, a volte anche visione offuscata o grave affaticamento. 

Questi sintomi possono apparire rapidamente o durare per diversi giorni. 

In alcuni casi più gravi, possono verificarsi disturbi della coscienza e talvolta progredire fino allo stadio di coma

Cosa fare? 

In caso di iperglicemia, è necessario bere abbastanza per compensare l'elevata perdita d'acqua. È essenziale bere acqua e non bevande zuccherate

Se il vostro livello di zucchero nel sangue è ancora alto o troppo alto, o se non siete sicuri di cosa fare in caso di un episodio di glicemia alta, contattate il vostro medico. 

Se avete un misuratore di glucosio nel sangue, si raccomanda di eseguire diversi test di autocontrollo. Questo vi permetterà di confermare la glicemia alta e di monitorarne i progressi. 

Se la situazione sembra peggiorare, chiamate rapidamente il 118. 

Quando avete uno o più episodi di iperglicemia, è importante segnalarli al vostro medico. Prendete nota dei sintomi che sperimentate e delle circostanze in cui si manifestano, e di tutte le domande che potreste aver bisogno di fare al vostro medico.  

Cos'è la chetoacidosi e quali sono i suoi sintomi? 

Le cause

Ogni diabetico ha il suo trattamento, adattato alla sua vita quotidiana. 

Nel caso del diabete di tipo 1, la chetoacidosi è il risultato di una dose insufficiente di insulina rispetto alle necessità. Il corpo utilizzerà quindi il grasso per produrre l'energia di cui ha bisogno, producendo corpi chetonici, che sono dannosi per il corpo. 

Nel caso del diabete di tipo 2, la chetoacidosi è meno comune e si verifica quando una malattia, un trattamento o un intervento chirurgico altera l'equilibrio glicemico. 

I sintomi

I sintomi della chetoacidosi appaiono gradualmente: 

  • Sete intensa, 
  • Minzione frequente, 
  • Visione offuscata, 
  • Fatica anomala, 
  • Perdita di appetito, 
  • Problemi digestivi come dolore addominale o nausea, 
  • Alito "fruttato" (odore di mela), 
  • Crampi notturni, 
  • Disagio respiratorio, 

Se non trattata, la condizione del paziente peggiora. Se non trattata, la condizione del paziente peggiora e possono verificarsi difficoltà respiratorie. Successivamente, la chetoacidosi diabetica porta a disturbi della coscienza, che possono progredire fino al coma o addirittura alla morte.

Cosa fare?

L'educazione del paziente diabetico all'autocontrollo è essenziale per identificare l'insorgenza della chetoacidosi diabetica il più presto possibile. Quando i livelli di glucosio nel sangue sono anormalmente alti (cioè superiori a 2,5 g/L di sangue), un paziente diabetico dovrebbe testare abitualmente la presenza di chetoni nelle urine (usando strisce per le urine) o nel sangue

I pazienti con chetoacidosi diabetica sono ricoverati in ospedale

Il trattamento consiste in insulina, soluzione salina con glucosio e potassio. In seguito, il livello di glucosio nel sangue e l'assenza di glucosio e chetoni nelle urine sono monitorati regolarmente. La prevenzione della chetoacidosi diabetica si basa sull'aderenza alla terapia insulinica, senza dosi mancate, per controllare il diabete. 

Vi è piaciuto questo articolo?  

Cliccate su "mi piace" o condividete i vostri sentimenti e le vostre domande con la comunità nei commenti qui sotto! 

Forza a tutte e tutti!

2
avatar Candice Salomé

Autore: Candice Salomé, Redattrice di Salute

Creatrice di contenuti presso Carenity, Candice è specializzata nella scrittura di articoli sulla salute. Ha un interesse particolare nei campi della psicologia, del benessere e dello sport. 

Candice ha... >> Per saperne di più

Chi ha riveduto: Alizé Vives, Farmacista, Data Scientist

Alizé è Dottore in farmacia e laureata del master in strategia e business internazionale della ESSEC Business School. Ha diversi anni di esperienza di lavoro con pazienti e membri, conducendo indagini per le comunità... >> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche

La diagnosi del diabete tipo 2 raccontata dai membri Carenity

Diabete tipo 2

La diagnosi del diabete tipo 2 raccontata dai membri Carenity

Leggi l’articolo
Diabete: sapere leggere le sue analisi del sangue

Diabete tipo 1
Diabete tipo 2

Diabete: sapere leggere le sue analisi del sangue

Leggi l’articolo
Diabete di tipo 2: conoscere meglio la Metformina

Diabete tipo 2

Diabete di tipo 2: conoscere meglio la Metformina

Leggi l’articolo
Vedi la testimonianza

Discussioni più commentate

Schede malattie