«
»

Top

Quali sono i primi segni del tumore del polmone?

Pubblicata il 12 nov 2020 • Da Doriany Samair

Dal 1° novembre è iniziato il mese della sensibilizzazione per il tumore al polmone! Quali sono i primi segni del tumore del polmone? Come possiamo essere attenti ai primi segnali? Quali sono i miei rischi? Come faccio a fare il test?

Vi raccontiamo tutto nel nostro articolo!

Quali sono i primi segni del tumore del polmone?

Lo sapevi?

Dal 15 al 20% delle persone affette da cancro ai polmoni non ha mai fumato! Più di 2/3 dei tumori polmonari sono diagnosticati in uno stadio metastatico (stadio in cui le cellule tumorali sono già migrate verso altri organi). Il cancro ai polmoni è più devastante degli altri tre tumori più mortali e comuni messi insieme (cancro del colon-retto, del seno e del pancreas). Ecco perché dobbiamo parlarne!

Quali sono i primi segni del tumore del polmone? Quali sono gli indizi?

I primissimi segni di cancro ai polmoni possono non essere molto forti e possono anche passare inosservati. Non dobbiamo trascurare nessun cambiamento insolito e dobbiamo tenere d'occhio la nostra salute. Alcuni sintomi possono anche essere il risultato di condizioni diverse dal cancro ai polmoni, e la loro presenza non indica necessariamente un tumore del polmone.

Quali sono i segni generali dei cancri?

Nel caso di un cancro senza reale distinzione del tumore del polmone, compaiono segni di alterazione delle condizioni generali, tra cui: stanchezza intensa, mal di testa, perdita di peso inspiegabile, significativa e rapida, debolezza generalizzata, perdita di appetito, forti sudorazioni notturne. Il dolore osseo inspiegabile può essere dovuto a metastasi ossee.

Quali sono i segni specifici del tumore del polmone?

In particolare per il tumore del polmone, alcuni sintomi respiratori sono rivelatori: difficoltà respiratorie (possono essere legate alla presenza di acqua tra i due strati della pleura), tosse persistente che si intensifica, respiro corto, respiro affannoso (wheezing), sangue nell'espettorato (emottisi) da segnalare rapidamente al medico, voce roca o rauca (disfonia), dolore toracico permanente più marcato durante la respirazione, difficoltà di deglutizione (disfagia per compressione dell'esofago). Le condizioni polmonari sono più frequenti, bronchite batterica o virale o polmonite possono verificarsi a ripetizione. Inoltre, possono comparire segni della sindrome di Horner, come la debolezza o l'abbassamento di una singola palpebra, meno frequente ma spesso rivelatrice.

Gonfiore o massa anomala?

Allo stato normale, i linfonodi sopra la clavicola e nel collo che sono palpabili indicano spesso un'infezione locale. A volte si tratta di segni di cancro ai polmoni, soprattutto se questi linfonodi sono poco sensibili o poco mobili e sono notevolmente aumentati di dimensione. Non dovreste allarmarvi troppo presto, ma state attenti alle loro dimensioni.

Da sapere!

Ci sono due tipi principali di cancro ai polmoni a seconda dell'origine delle cellule dei bronchi da cui provengono. Il tipo di cancro determina la gestione terapeutica della malattia. Ad esempio, per i tumori bronchiali non a piccole cellule, differenziati in base alle alterazioni genetiche del tumore, le soluzioni terapeutiche vanno dall'escissione chirurgica (il tumore viene rimosso in sala operatoria) alla chemioterapia, alla radioterapia o anche all'immunoterapia (se il tumore è dovuto ad una mutazione genetica identificata). I tumori bronchiali a piccole cellule sono per ⅔ diagnosticati in stato metastatico (tardivo) e sono trattati con chemioterapia e immunoterapia.

editor_meta_bo_img_725b6ac7d411f3305dacc82d531337ca.png

Chi è interessato?

Bisogna sapere che il tumore del polmone colpisce più uomini che donne: il 67% degli uomini contro il 33% delle donne (nel 2005 su 45.000 casi diagnosticati). Ma è una condizione che colpisce le donne prima degli uomini, generalmente 65 anni per le donne e 67 anni in media per gli uomini. La prevalenza del cancro ai polmoni nelle donne è in forte aumento a causa dei cambiamenti dello stile di vita (compreso l'aumento del fumo) nelle donne a partire dal 21° secolo.

Quali sono i miei rischi?

Chiaramente, il fumo è il fattore di rischio numero uno per lo sviluppo del tumore del polmone. Spesso l'esposizione professionale a determinate sostanze chimiche o fisiche è incriminata: un esempio è l'amianto, la cui esposizione è correlata allo sviluppo del mesotelioma pleurico (cancro della pleura, oggi considerato una malattia professionale e soggetto a compensazione). Attenzione, un fumatore esposto all'amianto ha un rischio 50 volte maggiore di sviluppare un cancro ai polmoni rispetto a un individuo non esposto e non fumatore. Altre sostanze sono state riconosciute come "cancerogene per i polmoni umani" e si trovano spesso a bassi livelli sul posto di lavoro: arsenico, nichel, cromo, gas mostarda, cadmio, etilbenzene e piombo. È importante che ogni paziente a cui è stato diagnosticato un tumore del polmone cerchi e riferisca l'esposizione a un elemento cancerogeno sul posto di lavoro.

Anche l'elevata esposizione all'inquinamento atmosferico o al radon, ad esempio, (un gas radioattivo fortemente presente nei grandi massicci di granito) è stata identificata come sostanza cancerogena sospetta o comprovata. Ecco alcuni agenti cancerogeni "provati" o "sospetti" stabiliti dalla Fondazione AIRC.

Nb: a seconda della fonte, si usa il termine "carcinogeno" o "cancerogeno". I due termini hanno più o meno lo stesso significato, anche se "cancerogeno" appartiene ad un vocabolario più tecnico, è l'espressione usata dalla IARC (l'Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro).

Purtroppo, non c'è una logica per la comparsa di tumori; un fumatore esposto all'amianto non può mai sviluppare un cancro ai polmoni.

Come fare uno screening?

Per fare questo è consigliabile, soprattutto per i soggetti a rischio (fumo, età), rimanere vigili sui segnali di avvertimento suggestivi ma soprattutto effettuare i controlli sanitari consigliati dal proprio medico (screening individuale). Nel caso del cancro, le campagne di screening collettivo si rivolgono a soggetti a rischio e che è consigliabile monitorare da vicino. Ad esempio, si raccomanda di effettuare un test striscio ogni tre anni per tutte le donne di 25 anni per prevenire la comparsa del tumore del collo dell'utero, oppure di effettuare un test di screening per il tumore del colon retto per tutti gli uomini e le donne di età compresa tra i 50 e i 74 anni.

Nel caso del tumore del polmone, si raccomanda un check-up annuale per i fumatori e, a seconda dell'esame clinico, il medico può sottoporre il paziente a ulteriori esami da parte di specialisti (pneumologo o otorinolaringoiatra).

Per quanto riguarda la diagnosi del tumore del polmone, essa si basa su una batteria di esami clinici e radiografici, ma viene fatta definitivamente prima dell'esame anatomo-cito-patologico (biopsia o studio dei tessuti malati).

Tocca a voi!

Per garantire equità nell'accesso a una diagnosi precoce, il Servizio sanitario nazionale effettua tre programmi di screening per la prevenzione dei tumori. Perché solo tre? Purtroppo non per tutti i tipi di tumore esistono esami di screening efficaci, capaci cioè di individuare il tumore in gruppi di persone senza i sintomi della malattia e quindi in grado di selezionare quelle che richiedono ulteriori accertamenti. Parlatene con il vostro medico, fate visite ed esami consigliati. Aderite allo screening, se rientrate nelle fasce di età a rischio.

Questo articolo vi è stato utile?

Condividete la vostra opinione e le vostre domande nei commenti qui di seguito!

Forza a tutte e tutti!


avatar Doriany Samair

Autore: Doriany Samair, Assistente di Marketing Digitale

All'interno del team di Marketing Digitale, Doriany si occupa di scrivere schede malattie e articoli scientifici. Si occupa anche della moderazione e dell'animazione della comunità sul forum, al fine di consentire... >> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche

Giornata mondiale contro il cancro: tutti interessati!

Tumore del polmone

Giornata mondiale contro il cancro: tutti interessati!

Leggi l’articolo
Stanchezza e dolore, problemi persistenti dopo la fine del cancro

Tumore del polmone

Stanchezza e dolore, problemi persistenti dopo la fine del cancro

Leggi l’articolo
La diagnosi del tumore del polmone raccontata dai membri Carenity

Tumore del polmone

La diagnosi del tumore del polmone raccontata dai membri Carenity

Leggi l’articolo
Tumore e alimentazione: i consigli di una dietista (2/2)

Tumore del polmone

Tumore e alimentazione: i consigli di una dietista (2/2)

Leggi l’articolo

Scheda malattia