«
»

Top

Incontrate Ophélie, la nostra rappresentante alla protezione dei dati

25 mar 2019

In quanto social network per pazienti affetti da malattie croniche e i loro parenti, Carenity può accedere a dati che riguardano la salute dei suoi membri. La sicurezza, la riservatezza ed il rispetto di questi dati è una priorità per noi: è il ruolo assicurato da Ophélie, rappresentante alla protezione dei dati da Carenity.  

Incontrate Ophélie, la nostra rappresentante alla protezione dei dati

Buongiorno Ophélie! In concreto, qual’è il ruolo di un rappresentante alla protezione dei dati?

Buongiorno! In concreto, il ruolo di un rappresentante alla protezione dei dati (detto anche DPO, Data Protection Officer in inglese) è un ruolo di informazione e consigli con lo scopo di rispettare le norme istituite dal Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati (RGPD). Sono anche in relazione con la CNIL (Commissione nazionale dell’informatica e delle libertà) se necessario e alla disposizione dei membri per rispondere alle loro domande sulla protezione dei loro dati.

Nel quotidiano, cosa significa? Quali sono le tue missioni?

Nel quotidiano, sono sollecitata nella creazione di nuovi progetti come alcune evoluzioni della piattaforma. Lavoro in collaborazione con il team Carenity (e soprattutto Jeremy, responsabile della sicurezza informatica) per assicurarmi che i dati dei membri siano protetti, che non raccogliamo dati in modo non giustificato, che l’informazione sul trattamento dei dati sia trasparente ed accessibile ad ogni membro... Ad esempio, l’informazione è disponibile qui per quanto riguarda l’uso della piattaforma.

ophelie

Mi assicuro anche che quando una nuova indagine è online, le persone che vogliono risponderci abbiano tutte le informazioni disponibili sugli obbietivi dell’indagine o ancora il modo con cui i risultati verranno usati. Mi occupo anche di rispondere alle domande dei membri quando mi contattano.

Quali sono i dati raccolti durante la registrazione, a che cosa servono?

Durante la registrazione, i membri devono dare una email, la loro data di nascita ed indicare una malattia (in quanto paziente o parente, o ancora come interessato o rappresentante di associazione di pazienti).

L’indirizzo email ci serve per convalidare l’account Carenity e contattare il membro se necessario. La data di nascita ci permette di assicurarci che la persona che desidera registrarsi sia veramente maggiorenne. Di più, come la piattaforma viene organizzata intorno a comunità, informare una malattia permette di proporre contenuto, informazioni e forum più pertinenti ai nostri membri, ciò è la missione di Carenity.

Chi ha accesso ai dati dei membri?

Tutte le persone del team Carenity non hanno accesso a tutti i dati dei membri. Ad esempio, i Community Manager ed io abbiamo accesso ai dati che permettono ai membri di usare la piattaforma per aiutarli se necessario. Invece, il team che si occupa dell’analisi dei risultati di un’indagina avrà accesso soltanto alle risposte delle indagini, eccetera.

Quali dati sono condivisi con terzi? A quali condizioni?

In modo generale, non condividiamo nessun dato a carattere personale dei membri con terzi.

In particolare, quando condividiamo risultati di indagine, si fa in modo aggregato, vuol dire che è impossibile di identificare un membro individualmente. Quando lavoriamo con scienziati o medici su argomenti di ricerca, a volte trasmettiamo le risposte di un membri in modo non aggregato (diverse risposte per le quali sappiamo che sono state fornite da una sola persona). In questo caso, questo punto è sempre esplicitamente specificato sulla pagina di introduzione nella quale presentiamo l’indagine e potete scegliere di non partecipare.

Dove sono conservati i dati dei membri di Carenity?

I dati sono conservati in Francia dal nostro host OVH, per garantire una massima sicurezza alle norme dell’Unione Europea.

Quando sei arrivata da Carenity?

Lavoro da Carenity dal 2016. Assumo anche il ruolo di Data Analyst Senior. Il mio ruolo consiste nel trasmettere il più fedelmente possibile il parere e le difficoltà dei membri ai nostri partner, per migliorare sempre i servizi forniti ai pazienti.

Una parola per finire?

Se avete delle domande, non esitate a contattermi all’indirizzo dpo@carenity.com. Vi risponderò al più presto.

avatar Louise-B

Autore: Louise-B, Content & Community Manager

Community manager di Carenity in Francia, Louise è anche redattore capo della Rivista Salute per proporre articoli, video e testimonianze concentrati sul vissuto dei pazienti e che portano la loro voce. Con una formazione pluridisciplinare orientata sul giornalismo, coordina la redazione dei contenuti delle piattaforme Carenity e facilita l’esperienza dei membri sul sito. 

Commenti

il 16/04/19
Un mio alunno è spastico, è però molto simpatico ed intelligente

Ti piacerà anche

Il sostegno finanziario contro la perdita totale o parziale di reddito

Il sostegno finanziario contro la perdita totale o parziale di reddito

Leggi l’articolo
Vita professionale e malattia cronica: il vissuto e le soluzioni dei membri Carenity

Vita professionale e malattia cronica: il vissuto e le soluzioni dei membri Carenity

Leggi l’articolo
Vita professionale: quali diritti al reinserimento per i pazienti?

Vita professionale: quali diritti al reinserimento per i pazienti?

Leggi l’articolo
Salute: gli italiani senza medici, l’allarme delle associazioni

Salute: gli italiani senza medici, l’allarme delle associazioni

Leggi l’articolo