«
»

Top

Disturbi bipolari e coronavirus: come affrontare la quarantena?

21 apr 2020

Stéphane, membro di Carenity sulla piattaforma francese con lo pseudonimo di Steph1969, ha deciso di testimoniare su come gestisce il suo disturbo bipolare durante il confinamento imposto. Stato d'animo, abitudini di vita, occupazioni e preoccupazioni: ci racconta tutto della sua vita quotidiana.

Disturbi bipolari e coronavirus: come affrontare la quarantena?

Come si manifesta di solito il tuo disturbo bipolare?

L'80% del tempo, mi sento piuttosto depresso, mi sembra di essere fuori servizio, con l'impressione di stare immobile, di avere pochi desideri, poca motivazione. In questo caso, tutto mi costa e anche per quello che dovrebbe essere un piacere, devo sforzarmi. 

Il resto del tempo mi sento meglio, ma a volte con picchi di nervosismo, eccitazione e l'impressione di un eccesso di elettricità in me.

Durante queste fasi sono più produttivo, ho molte idee, faccio partire alcune di quelle idee, ma sempre con la paura che a un certo punto non riuscirò più a tenere il passo, perché il mio umore cambierà, e allora perderò la motivazione e la mia forza fisica e mentale.

Insomma, ho la sensazione di avere costantemente una forza che mi tira giù. Sto lottando sempre contro di lei. A volte vinco io, a volte vince lei.

I tuoi sintomi sono cambiati a causa del contesto di quarantena e sanitario (coronavirus)? Sei più ansioso?

Paradossalmente, con il mondo muovendo a rallentatore, mi sento più in sintonia con il mio ambiente in questo momento. Quando vado a fare la spesa, per esempio, c'è meno stress perché c'è meno gente e meno fretta.

A volte sento momenti di vuoto, ma non tanta ansia. D'altra parte, visto che le cose stanno andando abbastanza bene al momento, a volte mi sento come un leone in gabbia con un eccesso di energia con il quale non so cosa fare, fino a quando trovo un obiettivo per incanalarla.

Stai ancora visitando il tuo medico o i tuoi medici in questo momento?

Sì, vedo il mio psichiatra in teleconsulto in media ogni due settimane, ciò che mi dà una boccata d'aria fresca. D'altra parte, non vedo più la mia infermiera al CMP (Centro Medico Psicologico).

Sei sotto trattamento? Hai dovuto cambiare questo trattamento a causa del contesto sanitario?

Abbiamo avuto molte difficoltà a trovare un trattamento che funzioni più o meno, quindi al momento non si tratta di cambiarlo. Neanche il contesto sanitario lo ha richiesto.

Rimani in contatto con i tuoi cari? La diminuzione delle interazioni sociali (soprattutto gli incontri fisici) ha un impatto negativo sulla tua vita e sulla tua malattia?

Chiaramente mi manca la mancanza di vere relazioni sociali. Ho mantenuto alcuni contatti attraverso i social network e la messaggistica, ma non è la stessa cosa. L'unico posto dove vedo la gente è al supermercato. Per fortuna non vivo da solo, così posso condividere con le persone che mi circondano.

Come occupi le tue giornate durante questa quarantena? Hai una routine per combattere la malattia?

La mia routine è quella di guardare un'opera ogni sera attraverso le trasmissioni del Metropolitan Opera di New York. È fantastico. Per il resto, ho rilanciato il mio blog e faccio volontariato per diverse associazioni, il che mi tiene occupato e mi fa sentire utile. E sono tornato su Carenity.

Hai qualche consiglio da dare ad altri pazienti bipolari durante questo periodo di confinamento?

Siamo tutti diversi. Penso che non dovremmo cedere all'isolamento, mantenere questo tempo di uscita autorizzata (cosa che non faccio, purtroppo, ma ho la fortuna di avere uno spazio abitativo piuttosto grande con tanta natura intorno), non diventare troppo stupidi davanti agli schermi, leggere, ascoltare musica e approfittarne per sognare. Ma sta a ciascuno di noi trovare l'equilibrio e soprattutto divertirsi. Scambiare su forum come Carenity può essere un buon modo per condividere le proprie esperienze. Penso anche che possiamo imparare da questa esperienza in molti settori a vivere in modo diverso in seguito.

Per finire, qual è la prima cosa che vorresti fare quando la quarantena sarà finita? 

Andare a bere un drink in terrazza con persone e amici.

E voi, qual è il vostro stato d'animo in questo momento? La quarantena vi pesa? I vostri sintomi si sono evoluti o sono cambiati? Continuate a mantenere i contatti con i vostri medici?

avatar Candice Salomé

Autore: Candice Salomé, Community Manager Francia

Candice Salomé è Community Manager Francia di Carenity. Si occupa anche della redazione di articoli per la Rivista Salute. È responsabile del fidanzamento dei membri sulla piattaforma francese di... >> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche