«
»

Top

Tumore del seno dipendente dagli ormoni: dalla diagnosi alla remissione

Pubblicata il 14 lug 2020 • Da Candice Salomé

@Christelleboucquet, membro della comunità di Carenity Francia, ha sofferto di un tumore del seno ormono-dipendente: chemioterapia, mastectomia, radioterapia... è ora in remissione. Anche se ha avuto un periodo difficile, è sempre rimasta forte e ha anche scritto un romanzo pubblicato dalle éditions du Vénasque!

Tumore del seno dipendente dagli ormoni: dalla diagnosi alla remissione

Buongiorno, volevi testimoniare sul tumore del seno dipendente dagli ormoni. Prima di tutto, potresti dirci qualcosa di più su di te?

Ciao, mi chiamo Christelle. Tra qualche giorno avrò 36 anni.
Quando mi è stato diagnosticato il cancro il 28 gennaio 2019, ero un'assistente amministrativa separata, madre di due figli: una bambina, Joyce di 6 anni e un bambino, Jonas di 3 anni e mezzo. Allora ero appassionata di pattinaggio, che praticavo in un club ogni settimana. Mi è piaciuta la sensazione di libertà che questa attività mi dava. Di recente mi sono separata da un altro uomo che avevo conosciuto, che non ha vissuto il calvario del cancro come me.

Puoi spiegarci la differenza tra il tumore del seno e il tumore del seno ormono-dipendente?

Non sono un medico, ma un cancro* ormono-dipendente* come suggerisce il nome e, come mi hanno spiegato i medici, si nutre di ormoni. È quindi necessario fermare la produzione di ormoni prodotti dal corpo femminile per evitare un rischio del 50% di recidive. Questa si chiama terapia ormonale.
Sono quindi "chimicamente in menopausa" e devo prendere un trattamento farmacologico che blocca la produzione di ormoni: sotto forma di compresse, ogni giorno, ma anche sotto forma di iniezioni intramuscolari, una volta al mese, e questo per cinque anni.

*Alcuni tumori del seno hanno la caratteristica di essere sensibili agli ormoni, il che significa che gli ormoni femminili (estrogeni, progesterone), prodotti naturalmente dal corpo, stimolano la loro crescita.

Come hai scoperto di avere un cancro del seno dipendente dagli ormoni?

Non sapevo che tipo di cancro avessi, questo è stato determinato dalle analisi del tumore (biopsia) che sono state fatte. Non ho mai provato alcun disagio o dolore. 

Solo facendo la doccia e insaponandomi, mi sono resa conto di avere un nodulo molto duro sopra il capezzolo.

Ci sono altri tumori in famiglia?

Non ci sono casi di cancro nella mia famiglia e i test hanno rivelato che il mio cancro non era genetico. Quindi non c'è una causa spiegabile per il suo sviluppo. Potrebbe essere nervoso, ambientale, chimico... la scienza non può dare una ragione precisa.

Quanto tempo ci è voluto per la diagnosi del tumore del seno ormono-dipendente? Quanti medici hai consultato?

E' stato molto veloce. Tre settimane al massimo, il tempo necessario per ottenere i risultati di analisi della prima biopsia.

Ho incontrato per la prima volta il mio medico curante, il medico che ha eseguito l'ecografia e la mammografia. È stato anche quello che mi ha fatto la puntura per la biopsia. Poi ho incontrato il chirurgo. Sono tornata a fare altre biopsie perché avevo dei linfonodi sospetti nell'ecografia. Poi ho fatto una TAC e una risonanza magnetica.

Poi ho incontrato l'oncologo, ma anche lo psichiatra, lo psicologo, l'assistente sociale, lo specialista del dolore, il fisioterapista, le infermiere del reparto di chemioterapia, il personale di radioterapia e la radioterapista stessa... e probabilmente altri!

Come ti è stata annunciata la diagnosi? E come hai vissuto l'annuncio?

Il chirurgo mi ha detto con molta calma e con parole semplici. Si è espressa bene e sembrava empatizzare

Da parte mia, ho sorriso stupidamente e ho annuito, ma non riuscivo a sentire o a capire niente di quello che diceva... Ecco perché è molto importante essere accompagnati ad ogni appuntamento.

Sei soddisfatta del tuo percorso di cura e delle informazioni ricevute sulla malattia? L'assistenza è stata fornita velocemente?

Sono stata sostenuta dall'Istituto Curie di Saint Cloud. Sono molto soddisfatta della loro cura e del personale davvero piacevole e premuroso. La cura è stata veloce. Ci è voluta una settimana perché il comitato dei medici si riunisse per decidere del mio trattamento.

Quali trattamenti e cure hai ricevuto?

Il mio trattamento è iniziato con 16 sedute di chemioterapia seguite da una mastectomia (rimozione del seno) ed è terminato con 25 sedute di radioterapia.

Per la mia chemioterapia, ho ricevuto trattamenti anti-emetici e antiaftosi.

Questi trattamenti e la cura per il tuo cancro hanno avuto gravi conseguenze?

Non ho mai avuto effetti collaterali... ma hanno avuto gravi conseguenze sulla mia vita matrimoniale e sull'uomo che mi ha sostenuto in tutti quegli esami.

Ho anche problemi di memoria immediata dopo la chemioterapia.

Come la malattia ha influito sulla tua vita?

In termini di impatti negativi: la sensazione di rifiuto sui mezzi pubblici quando si viene visti con una maschera mentre si indossa questa maschera per proteggersi e non perché si è contagiosi.

La stanchezza causata dai trattamenti mi ha anche portato a superare me stessa fisicamente e a lottare per mantenere il controllo della mia vita e prendermi cura dei miei figli prima di tutto.

La separazione dal mio coniuge è stata, più che il cancro, la prova più difficile. Un'altra sensazione di rifiuto.

In termini di impatti positivi, li descriverei in 3 parole: 

  • Forza
  • Fiducia in se stessi
  • Sviluppo di atti di solidarietà (dono 1,50 euro per ogni romanzo venduto alla Lega contro lil cancro, per la ricerca)

Attualmente sei in remissione? Hai paura di una recidiva?

Sono in remissione ma non sarò dichiarata guarita fino a 4 anni da adesso, se non ci sarà una ricaduta. Certo che ne ho paura, ma sto pensando di vivere la vita al massimo.

Sei sostenuta dai tuoi cari di fronte alla malattia? Capiscono la malattia?

Sì, sono sostenuta al 100% dalla mia famiglia e dai miei amici che hanno già conosciuto un decesso per cancro. Mi capiscono, ma non hanno mai sentito da me alcun cambiamento, prendo le cose con filosofia.

Hai scritto un romanzo intitolato "Il dolore con la condizionale". Di cosa si tratta?

"Il dolore con la condizionale" è un romanzo di 296 pagine, che ripercorre il percorso di due donne che lottano ciascuna a suo modo, sia contro se stesse che contro la malattia.
In questo romanzo, che è un'autofinzione, una bambina racconta la sua storia fin dal primo ricordo e la protagonista racconta la sua storia d'amore, anche il suo percorso medico, senza cadere nel dramma.

È un romanzo pieno di sorprese: giochi di parole, indovinelli... Ma anche molteplici tipi di narrazioni: messa in scena, scambi di SMS, narrazione tipo blog... Non posso dirvi di più senza spoiler...

Come ti è venuta la voglia di scrivere? 

Per ringraziare tutte le persone che mi hanno sostenuto, che erano presenti o che hanno mostrato solidarietà con me. E anche perché durante la chemioterapia soffrivo di insonnia.

Infine, cosa vorresti consigliare ai membri affetti dal tumore del seno?

Vorrei consigliare loro, per quanto possibile, di farsi accompagnare durante tutte le consultazioni, ma anche di non avere paura. La paura non evita il pericolo, e la scienza ha fatto molta strada. Consiglio loro di non isolarsi, di rimanere civettuole e di VIVERE!
E anche di comprare il mio romanzo per divertirvi e pensare fuori dagli schemi!
Mantenete un atteggiamento positivo! Il mondo vi attende a braccia aperte e il futuro è nostro!

Grazie mille a @Christelleboucquet per aver accettato di testimoniare su Carenity.
E voi, qual è il vostro atteggiamento di fronte alla malattia?

Non esitate a parlarne nei commenti, siamo qui per sostenerci!
Forza a tutte e tutti!

 

avatar Candice Salomé

Autore: Candice Salomé, Redattrice di Salute

Creatrice di contenuti presso Carenity, Candice è specializzata nella scrittura di articoli sulla salute. Ha un interesse particolare nei campi della psicologia, del benessere e dello sport. 

Candice ha... >> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche

Violenze ginecologiche: la parola delle donne si libera

Tumore del seno

Violenze ginecologiche: la parola delle donne si libera

Leggi l’articolo
Giornata mondiale contro il cancro: tutti interessati!

Tumore del seno

Giornata mondiale contro il cancro: tutti interessati!

Leggi l’articolo
Stanchezza e dolore, problemi persistenti dopo la fine del cancro

Tumore del seno

Stanchezza e dolore, problemi persistenti dopo la fine del cancro

Leggi l’articolo
Tumore al seno, il test per decidere a chi serve la chemioterapia

Tumore del seno

Tumore al seno, il test per decidere a chi serve la chemioterapia

Leggi l’articolo

Scheda malattia