Sindrome CDKL5: sapere tutto

/static/themes-v3/default/images/default/info/maladie/intro.jpg?1516194360

Sindrome CDKL5: sapere tutto

Cos'è la sindrome CDKL5?

Definizione 

Conosciuta anche come Encefalopatia epilettica legata a CDKL5, questa è una malattia rara caratterizzata da un'epilessia ad esordio precoce e resistente ai trattamenti e da una compromissione del neurosviluppo (ritardo nello sviluppo). Questa malattia è causata da un cambiamento genetico nel gene CDKL5 situato sul cromosoma X. 

Storicamente riconosciuta come una forma speciale della sindrome di Rett, questa malattia è stata riconosciuta nell'ottobre 2020 nella classificazione dell'OMS come “CDKL5 Deficiency Disorder (CDD)”.  

La sindrome può colpire sia le ragazze che i ragazzi. La sua incidenza è stimata tra 1/40.000 e 1/60.000.  

Sintomi della sindrome CDKL5

Il sintomo principale della malattia è l'epilessia, che si manifesta sotto forma di crisi. Queste crisi di solito appaiono in età precoce, in bambini di pochi mesi (entro i primi 8 mesi di vita). Spesso l'epilessia diventa progressivamente resistente ai trattamenti. Le crisi possono assumere diverse forme: spasmi epilettici, crisi miocloniche, crisi toniche o crisi tonico-cloniche. 

Gli spasmi epilettici sono crisi molto brevi caratterizzate da improvvise flessioni e/o estensioni, spesso nelle braccia.  

Le crisi miocloniche sono caratterizzate da uno o più spasmi che possono verificarsi in tutto il corpo o in un braccio o una gamba, il paziente rimane cosciente.  

Le crisi toniche si manifestano con una caduta improvvisa, perdita di coscienza, contrazione tonica sostenuta di tutti i muscoli, apnea e ipersecrezione bronchiale e salivare. A volte la persona colpita può mordere il bordo laterale della lingua. 

Le crisi tonico-cloniche si verificano in due fasi: la fase tonica e la fase clonica. Una perdita di coscienza si verifica durante la fase tonica. Il paziente si irrigidisce e ha contrazioni muscolari generalizzate in tutto il corpo per circa 20 secondi. La crisi può durare alcuni minuti. Alla fine della crisi, il paziente si rilassa e cade nel sonno. 
 
L'alterazione del gene CDKL5 influisce anche sullo sviluppo del cervello. Il ritardo di crescita è di solito osservato nei pazienti con più spesso un ritardo nella deambulazione (assenza totale di deambulazione o difficoltà a camminare) e disturbi del linguaggio e del comportamento con urla, agitazione, pianto, ansia, spasmi. I pazienti possono anche sperimentare disturbi del sonno, disturbi gastrointestinali, anomalie nel funzionamento del sistema nervoso che portano a disturbi in alcuni muscoli (faringe, stomaco, cuore, fegato) o irregolarità respiratorie.  

I pazienti possono mostrare comportamenti caratteristici come guardare di lato o incrociare le gambe.  

In alcuni bambini, un tratto caratteristico del viso può essere presente: una fronte larga, occhi infossati, un philtrum prominente (piega sotto il naso) e un labbro inferiore curvo verso l'esterno. Possono anche soffrire di scoliosi o di problemi alla vista. Anche l'uso delle mani è relativamente limitato. Le mani di solito rimangono in posizione di applauso.  I pazienti possono avere difficoltà a deglutire, rendendo loro difficile idratarsi e mangiare.  

I sintomi non sono uniformi in tutti i pazienti. Ci sono forme più e meno gravi.  

Cause e fattori di rischio della sindrome CDKL5 

La sindrome CDKL5 è causata da cambiamenti genetici nel gene CDKL5 situato sul cromosoma X in posizione 22.  

I cromosomi sono i portatori dei geni. Un gene è una piccola parte di un cromosoma che codifica per una caratteristica particolare negli esseri umani (colore degli occhi, ecc.). I geni sono costituiti da nucleotidi (il componente principale di tutto il DNA) che formano particolari stringhe. Questi geni sono poi tradotti in stringhe di aminoacidi, le proteine, che interagiscono per formare il nostro corpo 

Nel caso della sindrome CDKL5, la sequenza degli aminoacidi è a volte diversa o mancano alcuni aminoacidi, il che crea i sintomi. Non c'è un singolo cambiamento nel gene CDKL5 che porta a questa sindrome, diversi cambiamenti nel gene possono portarla. 

Questi cambiamenti nel gene CDKL5 possono essere cambiamenti de novo, cioè il cambiamento non proviene dal DNA dei genitori ma è sorto accidentalmente.  

Possono anche essere ereditati da un genitore. I sintomi possono anche essere dovuti al mosaicismo: il cambiamento del gene è presente solo in alcune cellule. 

Diagnosi della sindrome CDKL5 

La diagnosi di solito dovrebbe essere fatta da un neuropediatra. Manifestazioni cliniche caratteristiche possono essere suggestive della malattia. La diagnosi precoce permette di iniziare il trattamento il più presto possibile per ridurre al minimo le complicazioni dell'epilessia e le disabilità multiple.  

Una risonanza magnetica del cervello può essere eseguita per escludere altre cause che potrebbero causare gli stessi sintomi, come una malformazione cerebrale. La risonanza magnetica è solitamente normale nelle persone con la sindrome CDKL5. 

Un work-up metabolico può anche escludere altre malattie, che possono rispondere ai marcatori biologici in modo diverso dalla sindrome CDKL5.  

La diagnosi viene fatta quando l'analisi del gene CDKL5 mostra un cambiamento. Questo viene fatto utilizzando una tecnica di genetica molecolare per sequenziare il gene in questione.  

Trattamento della sindrome CDKL5 

Attualmente, non esiste un trattamento specifico per la malattia. La gestione si basa sul trattamento dei sintomi. Possono essere utilizzati trattamenti anticonvulsivanti, di solito usati nell'epilessia. Una dieta chetogenica, originariamente utilizzata nell'epilessia refrattaria al trattamento, che mira a limitare l'assunzione di carboidrati (soprattutto pasta, riso, pane) a 50 g al giorno, aiuta anche a regolare i sintomi. 

Le terapie non farmacologiche possono essere utili: fisioterapia, terapia psicomotoria, terapia occupazionale (valutazione e riabilitazione della vita quotidiana per le persone con disabilità motorie), ortottica (riabilitazione visiva) e logopedia.  

Convivere con la malattia 

È molto difficile prevedere l'aspettativa di vita di un paziente con la sindrome CDKL5. Attualmente, gli adulti convivono con la sindrome. Tuttavia, a causa delle condizioni invalidanti che si possono sviluppare, l'aspettativa di vita può essere ridotta.  
 
Alcuni pazienti adottano una dieta chetogenica che aiuta a limitare le crisi epilettiche.   
Nella vita quotidiana, alcune pratiche possono aiutare:  
- Bere con una cannuccia in modo che il bambino possa bere autonomamente 
- Per il bagno, pensate a un salvagente per il collo in modo che il bambino possa muoversi nell'acqua in modo indipendente  
- Usare giocattoli che fanno rumore per attirare l'attenzione del bambino, per esempio un bastone della pioggia o un libro con materiali diversi 

avatar Team editoriale di Carenity

Autore: Team editoriale di Carenity, Team editoriale

Il team editoriale di Carenity è composto da redattori esperti e specialisti del settore sanitario, il cui obiettivo è quello di offrire informazioni imparziali e di qualità. I nostri contenuti... >> Per saperne di più

Schede malattie

Sindrome CDKL5 sul forum

Vedi il forum Sindrome CDKL5