Sindrome di Cushing: sapere tutto

La sindrome di Cushing presenta un’insieme di manifestazioni cliniche emerse perché il suo organismo è stato sottoposto ad un eccesso durabile di ormoni ad azione « glucocorticoide ». La manifestazione la più visibile è la comparsa di un’obesità della parte superiore del corpo e un viso gonfio.

/static/themes-v3/default/images/default/info/maladie/intro.jpg?1516194360

Sindrome di Cushing

I sintomi della sindrome di Cushing

I sintomi più indicativi di questa malattia rara possono essere di tipo fisico (obesità della parte superiore del corpo, viso gonfio, fragilità delle ossa, gobba di bufalo, smagliature, ematomi, arrossamenti, ipertensione arteriosa...) o di tipo psicologico (insonnia, irritabilità, disturbi della concentrazione, depressione...).

Delle origini multiple

La sindrome di Cushing, caratterizzata da una ipersecrezione di cortisolo, può essere causata da un trattamento medico (sindrome di Cushing iatrogena) o da disturbi naturali della salute (sindrome di Cushing endogena). Nel primo caso, il paziente è sottoposto ad un trattamento medicato troppo importante in corticosteroidi, ciò che rischia di sviluppare la malattia. Nel secondo caso, il paziente può soffrire di un tumore (adenoma) che provoca una secrezione eccessiva di cortisolo.

La patologia e la sua diagnosi

La diagnosi della sindrome di Cushing è particolarmente difficile da fare. In effetti, la comparsa dei sintomi, essendo particolarmente comuni, non permette di identificare subito la malattia. È necessario di procedere in due fasi. Innanzi tutto, i medici fanno una serie di esami per confermare l’eccesso di secrezione di cortisolo. Poi, se il primo test è positivo, dovranno cercare la causa di questa ipersecrezione di cortisolo con scanner, MRI o ancora prelievi di sangue. È anche essenziale di sottoporre il paziente ad una serie di esami per determinare le conseguenze che la sindrome di Cushing possa avere sul suo organismo (diabete, disfunzioni dei reni, problemi cardiaci...). Inoltre, non esiste oggi nessun modo di diagnosticare la malattia prima che si dichiara.

I trattamenti della sindrome di Cushing

I trattamenti della sindrome di Cushing hanno come obiettivo di eliminare la causa dell’eccesso di cortisolo. Esistono due possibilità: un trattamento chirugico o un trattamento medicato. Il tipo di intervento dipenderà dalla causa della sindrome di Cushing. Il punto migliore consiste nel potere procedere alla rimozione del tumore. Però, l’adenoma può essere imposibile da rimuovere (troppo piccolo, troppo grande...) o può tornare più tardi (recidiva). Alcuni tipi di tumori sono anche aggressivi e richiedono quindi un intervento in una fase precoce della malattia. Quando l’alternativa chirurgica è esclusa o infruttuosa, esistono trattamenti medicinali che possono diminuire o bloccare la secrezione (o gli effetti) del cortisolo.

Ultimo aggiornamento: 29/11/19

avatar Team editoriale di Carenity

Autore: Team editoriale di Carenity, Team editoriale

Il team editoriale di Carenity è composto da redattori esperti e specialisti del settore sanitario, il cui obiettivo è quello di offrire informazioni imparziali e di qualità. I nostri contenuti... >> Per saperne di più

La community Sindrome di Cushing

Ripartizione dei membri su Carenity

Età media dei nostri pazienti

Sindrome di Cushing sul forum

Forum
30/01/20 a 15:31

chiara.zanon8 è intervenuto nella discussione Mysimba

Forum
09/01/20 a 23:18

EUREKA è intervenuto nella discussione Chi ha seguito L’alimentazione dei gruppi sanguigni? Siete dimagriti?

Vedi il forum

News Sindrome di Cushing

Vedi più news